Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2006-6-6

Rimuovi tutti i filtri

Sotva se narodíš

Da Proti Válce ("Contro la guerra"), il sito di canzoni contro la guerra di Martin Adámek.

Album: Veselá bída
Sotva se narodíš, už ti koně kovou,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2006 - 23:51
Downloadable! Video!

Muži s padáky

Da Proti Válce ("Contro la guerra"), il sito di canzoni contro la guerra di Martin Adámek.

Album: Pozdrav z fronty, 1997.
Letadlo stoupá nad mraky,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2006 - 23:41
Downloadable! Video!

Ona / Válka

Da Proti Válce ("Contro la guerra"), il sito di canzoni contro la guerra di Martin Adámek.

Album: Valčík, 1993

Il titolo della canzone significa: "Lei/La guerra". Propriamente, come spiegato nella pagina di provenienza, il titolo della canzone sarebbe "Ona", ma è conosciuta anche sotto come "Válka". Da qui il doppio titolo.
Prozraď mi její jméno, je krásná a tajemná.
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2006 - 23:38
Downloadable! Video!

Verbíři

Da Proti Válce ("Contro la guerra"), il sito di canzoni contro la guerra di Martin Adámek.

Album: Konec ("Inizio"), 1999.
Verbíři jdou, na bubny bubnujou, hory doly slibujou, když na vojnu verbujou. Holky hřejou, víno teče a nikdo neuteče. Krásně umí prosit, vyhrožovat i lhát. Když přívětivou tváří na vojnu budou brát.
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2006 - 23:34
Downloadable! Video!

Pozdrav z fronty


Da Proti Válce ("Contro la guerra"), il sito di canzoni contro la guerra di Martin Adámek.

Album: Pozdrav z fronty (1997)
Il titolo della canzone significa: "Saluto dal fronte". Si tratta in realtà di un recitativo su sottofondo musicale.
Je nádhernej večer, tak začínám psát a víno mi dodalo sil. Bůh mi byl svědkem, když měl jsem tě rád - to tenkrát snad ješte byl.
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2006 - 22:55
Downloadable! Video!

Morituri te salutant

[1967]
Testo e musica di Karel Kryl
Lyrics and music by Karel Kryl
Album: Bratříčku, zavírej vrátka [1969]
LP, Panton – Praha, ČSSR


Da Proti Válce ("Contro la guerra"), il sito di canzoni contro la guerra di Martin Adámek.
Cesta je prach
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2006 - 22:49
Downloadable! Video!

Anděl

[1965]
Lyrics and music by Karel Kryl
Testo e musica di Karel Kryl
Album: Batříčku, zavírej vrátka [1969]
LP, Panton – Prague, Czechoslovakia



Da Proti Válce ("Contro la guerra"), il sito di canzoni contro la guerra di Martin Adámek.
Z rozmlácenýho kostela
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2006 - 22:45
Downloadable! Video!

Lilie

Da Proti Válce ("Contro la guerra"), il sito di canzoni contro la guerra di Martin Adámek.

Album: Plaváček, 1995; Dopisy, 1997
Než zavřel bránu, oděl se do oceli a zhasil svíci,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2006 - 22:37
Downloadable! Video!

Each Dollar A Bullet

Da "Flags & Emblems" del 1991.
Oh it must seem so romantic
(continua)
inviata da Alessandro 6/6/2006 - 22:33
Downloadable! Video!

Tin Soldier

Dall'album "Nobody's Heroes" del 1980.
He joined up to get a job and show he wasn't scared
(continua)
inviata da Alessandro 6/6/2006 - 22:28
Downloadable! Video!

Alternative Ulster

Belfast, Ulster, 1979.
Dal primo, splendido album della band, "Inflammable Material":
"Guarda un po' dove vivi/ ci sono i soldati britannici nelle strade/ e quelli della polizia nord-irlandese, cani della repressione, che ti stanno alle calcagna/è questa la vita che dobbiamo vivere?/ciò di cui abbiamo bisogno è un'Ulster diversa..."
Nothin' for us in Belfast
(continua)
inviata da Alessandro 6/6/2006 - 22:21
Video!

I Can't Write Left Handed

Dall'album "Live at Carnegie Hall" del 1973.
Ripresa nel 2010 da John Legend & The Roots

Una canzone sulla guerra in Vietnam. Un soldato ferito chiede che qualcuno lo aiuti a scrivere una lettera a casa. Sa di essere spacciato e chiede che si preghi per lui ma soprattutto che il fratello non parta militare, perchè non tocchi anche a lui la stessa sorte.
I can't write left-handed.
(continua)
inviata da Alessandro 5/6/2006 - 23:42
Downloadable! Video!

March to the Witch's Castle

Dall'album "Cosmic Slop" del 1973, una canzone dei P-Funk (Parliament-Funkadelic) sullo strazio subìto dai reduci della guerra nel Vietnam una volta ritornati a casa. Si veda questa pagina di Wikipedia.
February 12th, 1973
(continua)
inviata da Alessandro 5/6/2006 - 22:51
Downloadable! Video!

Solamente per pensare

esta cancion es la qe mas qunde de SKA-P claro en Italiano porqe en español tambien mola pero en Italiano cunde mas

I love SKA-P
una pena qe se desiciera el grupo
lidy_ asturias 5/6/2006 - 18:13
Downloadable!

Support Our Troops OH!

basata sulla traduzione (non completa) contenuta nel libro "Oggi ho salvato il mondo" - canzoni di protesta 1990-2005 di Carlo Bordone e Gianluca Testani. Arcana Editrice, 2006
SOSTENETE LE NOSTRE TRUPPE, OH!
(continua)
5/6/2006 - 17:59
Video!

Lied gegen den Krieg von Bert Brecht

[1939]
Worte: Gedicht von Bertolt Brecht
Musik: Hanns Eisler
Testo di Bertolt Brecht
Musica di Hanns Eisler

Testo ripreso da questa pagina.
Der Prolet wird in den Krieg verladen
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 5/6/2006 - 12:37

Un vrai croyant



ATTENZIONE: Il seguente testo è INCOMPLETO. Aiutaci a ricostruirlo segnalandoci il testo completo o inserendolo direttamente!

WARNING: The following lyrics are INCOMPLETE. Help us by signaling us complete lyrics or by contributing them directly!


[1901]
Paroles de Montéhus
Musique de Chantegrelet et Saint-Cyr

Testo di Montéhus
Musica di Chantegrelet et Saint-Cyr


Di questo raro testo è stato possibile ritrovare soltanto la strofa iniziale alla seguente pagina.
C'est pas ma faut' non capitaine
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 5/6/2006 - 02:06
Downloadable!

Le Père la révolte

[1904]
Paroles de Montéhus
Musique de Chantegrelet

Testo di Montéhus
Musica di Chantegrelet


Il testo di questa rarissima canzone proviene da Paroles retrouvées, pagina di collegamento del forum di Paroles.net (il principale sito di testi in lingua francese). Da tale pagina è possibile scaricare un file .doc contenente testi non accolti nel sito Paroles.net, ma "ritrovati" e comunque messi a disposizione. [RV]
On m'appell' le Pèr'la révolte
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 5/6/2006 - 01:23
Downloadable! Video!

4 maggio 1944 - In memoria

4 juin 2006

Le 4 mai 1944 les hordes nazi-fascistes (plus de deux milles assassins) mirent le siège devant le village de Sant’Angelo di Arcevia, ou Monte Sant’Angelo, dans la province italienne de Ancona. Ce fut un massacre d’innocents: 63 personnes, des partisans comme des civils, furent massacrées brutalement. Parmi les victimes du massacre, une entière famille de paysans, les Mazzarini, qui avaient offert réfuge et protection aux partisans qui opéraient dans les environs.
4 MAI 1944 – IN MEMORIAM
(continua)
4/6/2006 - 21:35

Se si pensa alla spaventosa guerra

[1944]
Canto in ottava rima scritto ed eseguito da Altamante Logli
in Il seme e la speranza dei Gang [2006]


Altamante Logli, 85 anni, di Pistoia, ma da sempre abitante a Scandicci. Una città cresciuta a dismisura nell'hinterland di Firenze, ma che ancora, nella sua zona collinare, mantiene l'impianto rurale.

Altamante Logli è uno dei principali maestri dell'ottava rima. Si dice che abbia insegnato l'arte a Roberto Benigni e, forse, anche a Francesco Guccini. In coda (e sulla stessa traccia di registrazione) della canzone capolavoro dell'ultimo album dei Gang, 4 maggio 1944 - In memoria, dedicata all'eccidio nazifascista di Monte Sant'Angelo, i Gang hanno inserito una sua composizione tra "Le voci della terra". Le altre voci sono quelle di Maria Cervi e di Gastone Pietrucci. Una composizione che non è riportata nel libretto dell'album, e che trascriviamo qui all'ascolto per la prima... (continua)
[Introduzione di Altamante Logli]
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/6/2006 - 13:22
Downloadable! Video!

Blowin' in the Wind

TEDESCO / GERMAN [2 - Mariannes Lieder]


Ulteriore versione tedesca da Mariannes Lieder

Alternative German version from Mariannes Lieder.
DIE ANTWORT WEIß DER WIND
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/6/2006 - 12:30

Mein Vater wird gesucht

Hans Drach
Incisioni:
- Canti della Resistenza europea 1933-1963 (1) (Gisela May)

Fonti:
- Libretto all. al cofanetto "Canti della Resistenza europea 1933-1963"
CHIEDONO DI MIO PADRE
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/6/2006 - 11:45
Downloadable! Video!

The Pledge of Resistance

basata solo in parte sulla traduzione (parziale) pubblicata nel libro "Oggi ho salvato il mondo" - canzoni di protesta 1990-2005 di Carlo Bordone e Gianluca Testani. Arcana Editrice, 2006
L'IMPEGNO ALLA RESISTENZA
(continua)
4/6/2006 - 11:33
Downloadable! Video!

After The War

Lyrics available at This page
Testo ripreso da Questa pagina
For those that are able
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/6/2006 - 23:41
Downloadable! Video!

After The Holocaust

[1986]
Album: Game Over

Testo ripreso da Questa pagina
Lyrics available at This page

“Game over” segna il debutto della metal band newyorkese, formata da Danny Lilker (ex Anthrax). Presenti al “No mercy festival 2003”, i Nuclear Assault in principio erano composti da Connely, vocals e chitarra, Bramante, chitarra, Evans, drums e dall’ ex bassista degli Antharx.

Uscito nel 1986, l’album segue le influenze hardcore, mischiandole con un metal indubbiamente thrash. Il sound del disco è vorticosamente grezzo! Adrenalina pura viene emessa in tutte le song, dedite a far pogare chiunque! La carica ricorda quella di “Kill’em all”, con una produzione abbastanza simile al potente debutto di Hetfield e co.

Proprio la produzione guasta un po’ questo grande disco thrash metal, ma ad un disco di 17 anni fa non si può chiedere di più. I Nuclear assault suonano in modo impeccabile, rendendo l’ascolto... (continua)
Fires burning cities down
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/6/2006 - 23:32
Downloadable! Video!

Beneath The Remains

[1989]
Dall'album "Beneath The Remains"
Max Cavalera - Rhythm Guitars, Vocals
Igor Cavalera - Drums
Andreas Kisser - Lead Guitars
Paulo Jr. - Bass

Testo ripreso da HeadBang's Lyrics.
In the middle of a war that was not
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/6/2006 - 23:18
Downloadable!

Jean Misère

3 giugno 2006
GIAN MISERIA
(continua)
3/6/2006 - 21:52
Downloadable!

Diserzione

DISERZIONE
(continua)
3/6/2006 - 21:33
Il nuovo percorso sulla Comune di Parigi.
Riccardo Venturi 3/6/2006 - 21:10
Downloadable! Video!

Le soldat de Marsala

L'incontro -scontro tra due soldati di eserciti contrapposti è un tema ricorrente: in "Servitù e grandezza della vita militare" Alfred de Vigny, nel racconto "La spada di giunco", racconta di un ufficiale francese che durante la spedizione di Russia uccide un giovanissimo alfiere russo, e da allora non porta più con sé la spada d'ordinanza ma un giunco..
questo passo forse poteva essere presente all'autore del soldato di Marsala
e che dire del libro X dell'Eneide dove Enea uccide suo malgrado il giovanissimo Lauso?
comunque grazie per le delucidazioni presenti sul sito

cordiali saluti
Alessandro De Cristofano
Pisa
3/6/2006 - 19:44
Video!

Storia di un cane

[1991]
Da "Sudadio Giudabestia"
Cantano e suonano:
Isabella Cagnardi, Paolo Ciarchi, Claudio Cormio, Ivan Della Mea, Paolo De Vecchi, Pepé Gagliardi, Fabio Rizzato, Attilio Zanchi.
Elaborazione collettiva su testi e musiche di Ivan Della Mea.



Brescia, 28 maggio 2006.
Ad un banchetto in piazza della Loggia stanno seduti Ivan Della Mea e Claudio Cormio, in mezzo a tante altre persone. Tra di esse, la signorina Manuela da Lugano. Si sta un po' discutendo proprio di questo sito, di "Canzoni contro la guerra". Della Mea e Cormio sono impegnatissimi a trovare canzoni che ancora non ci sono (e ce ne sono, diàmine se ce ne sono). Discutèn' discutendo, la signorina Manuela esprime il parere che ci dovrebbe star dentro pure questa "Storia di un cane"; una canzone "contro la guerra a un animale", dice. L'autore del "Me gatt" si dichiara immediatamente d'accordo. E a ragione, viste soprattutto... (continua)
Io l'ho visto a mezzogiorno
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/6/2006 - 19:10
Downloadable! Video!

La Commune

[1971]
Paroles de Georges Coulonges
Musique de Jean Ferrat

Testo di Georges Coulonges
Musica di Jean Ferrat

Da: Jean Ferrat, Vol. 1 [1999]

Canzone scritta da Georges Coulonges e Jean Ferrat per il centenario della Comune di Parigi. .
Il y a cent ans commun commune
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/6/2006 - 14:58

La guerre

[26 avril 1988]
Copyright © Minga 1988
Copyleft : cette oeuvre est libre, vous pouvez la redistribuer et/ou la modifier selon les termes de la licence Art libre.
Révoltes.free.fr
Elle est née il y a bien longtemps
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/6/2006 - 14:44

Et après

Testo ripreso da Marx est mort
D'après Marx est mort
Nous avions nos rêves à portée de main
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/6/2006 - 14:20
Downloadable!

Справедливой войны не бывает

Музыка В.Голубева, слова В.Калетина
Musica di V. Golubev, testo di V. Kaletin

Альбом "На земле седой"
Dall'album "Na zemle sedoj"

Testo ripreso da questa pagina

Canzone sempre ispirata alla guerra sovietica in Afghanistan. Il titolo significa "Non esiste guerra giustificabile".
Справедливой войны не бывает,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/6/2006 - 12:21

Возвращение

Музыка и слова В.Пустовитова
Testo e musica di V. Pustovitov

Testo ripreso da questa pagina

Si tratta di una canzone contro l'invasione sovietica dell'Afghanistan (1979), l'episodio che segnò una vera e propria pietra tombale per l'ex URSS e che è considerato come il vero e proprio "Vietnam sovietico".
От снарядов устала земля,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 3/6/2006 - 12:07
Downloadable! Video!

I treni per Reggio Calabria

[1973]
Testo e musica di Giovanna Marini
Dall'album omonimo
Si veda anche Reggio la rabbia esplode

Tra la fine degli anni sessanta e l'inizio dei settanta, la strategia della tensione e delle bombe, volta ad annegare nel sangue e nel terrore i movimenti di rivendicazione sociale, esplose anche al Sud, dove nelle lotte contro le gabbie salariali era emerso un elevato livello di protesta da parte della classe operaia. Contro le rivendicazioni dei lavoratori, sangue fu sparso ad Avola (dicembre '68) durante le lotte dei braccianti per ottenere miglioramenti contrattuali e a Battipaglia nelle manifestazioni contro la chiusura di alcuni tabacchifici.

A Reggio Calabria nel periodo luglio-settembre 1970 si susseguirono scioperi generali, occupazioni della stazione, dell'aeroporto, delle poste, per protestare contro il trasferimento del capoluogo regionale a Catanzaro. Le organizzazioni di... (continua)
Andavano col treno giù nel Meridione
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/6/2006 - 19:07
Downloadable!

Il blues della squallida città

[1969]
Testo e musica di Joe Fallisi

Nel 1970 Joe Fallisi pubblicò e registrò, in forma anonima, un disco a 45 giri che conteneva La ballata del Pinelli e Il blues della squallida città. Su entrambi i lati compariva la seguente scritta: "Questa canzone può essere eseguita, riprodotta o adattata da tutti coloro che non sono recuperatori, 'progressisti' e falsi nemici del Sistema" e, come indicazione d'autore: "Parole e musica del Proletariato". In copertina un'opera di Paolo Baratella, sul retro un disegno di Georg Grosz. Nel dicembre del 2002 il disco è stato stampato come CD e riprodotto integralmente, mantenendo anche la grafica dell'originale, da Ancora/Mai più, con il concorso di Zero in condotta, Umanità Nova e Collegamenti-Wobbly (cfr. Ancora/Mai più).
Ehi Joe, cammina per le strade
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/6/2006 - 15:08
"Evviva evviva la parata della repubblica democratica / evviva evviva la sfilata della morte a buon mercato", così scriveva il nostro Riccardo Venturi quattro anni fa in una canzone nella sua lingua personale, poi messa in musica (in italiano) dai Paz.
Per l'ennesima volta dobbiamo assistere per il 2 giugno ad un "inutlie carnevale" in cui la repubblica che "ripudia la guerra" ma solo in teoria si celebra gonfiandosi di retorica e di militarismo.
E allora grazie a Riccardo per questa canzone e soprattutto per tutto quello che ha fatto per questo sito e per noi.

Adriana e Lorenzo.
Lorenzo Masetti 2/6/2006 - 09:12

Eve of War

Questa canzone fa parte dell'album Telepathy, uscito in Italia nel 2004 sotto il nome Stellar Ray e ngli Stati Uniti nel 2005 sotto il nome Davey Ray Moor. E' cantata non dal suo autore, ma dal cantante australiano Darion Marshall.
Una cover di questa canzone è presente nell'album 1(OneUno) di Lubjan, cantata dalla stessa Lubjan in coppia con Cristina Donà.
"Eve of War" è stata composta tra il 2002/2003 circa, nel periodo in cui era imminente la guerra in Iraq e, come riferito in un'intervista, l'ispirazione è venuta al suo autore mentre questi al piano teneva in braccio la figlia di pochi mesi e rifletteva sull'orrore e sull'assurdità della guerra.

Questa commovente canzone racconta di due amanti che alla vigilia di una guerra abbracciati aspettano...
Oh my love lies, candelight dies,
(continua)
inviata da Sibilla 2/6/2006 - 02:05
Downloadable! Video!

Il lavoro per il pane

[2006]
Da Il seme e la speranza
Testo e musica di Marino e Sandro Severini
Eugenio Merico chitarra ritmica
Andrea Cavalieri contrabbasso elettrico
Paolo Enrico Archetti Maestri chitarra elettrica
Fabio Martino piano Rhodes

Questa visione proviene da Mohandas K[aramchand] Gandhi. La sua fu la più grande delle rivoluzioni, ancora oggi viva e in atto. Una rivoluzione non solo contro l'imperialismo inglese ma contro la cosiddetta 'civiltà' dell'occidente.
Ancora oggi le sue critiche all'orrore provocato dal predominio della tecnologia sull'essere umano e su tutto il pianeta, le sue parole sono dirompenti e suonano vere come nessun'altra.
La civiltà occidentale basata sulla supremazia tecnologica ha ridotto e riduce in schiavitù milioni e milioni di uomini e donne. Per combattere Gandhi invoca il senso del divino e ciò che è sacro e che rende gli uomini uguali, fratelli: la religione.
"Tutte... (continua)
Il popolo mio è qui
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 1/6/2006 - 23:39
Downloadable!

X-Ray Sun

dall'album "La musica nelle strade (2005)

Testo di Marco Rovelli
Musica di Marco Rovelli, Massimo Guerrieri e Nicola Toscano

Come lo stato di eccezione, oggi, tenda ad essere il paradigma della politica contemporanea, emerge con chiarezza dal caso di Guantanamo – dei non-cittadini americani sospetti di implicazione in attività terroristiche. I combattenti catturati in Afghanistan non godono della protezione della convenzione di Ginevra sui prigionieri di guerra, né dello statuto di imputato di un delitto secondo le leggi americane. A Guantanamo non vi sono né prigionieri né accusati, ma solo detenuti (detainees): essi sono oggetti di una ‘pura signoria di fatto’, sottratti a ogni legge e controllo giudiziario. I detenuti di Guantanamo sono nuda vita nella sua massima indeterminazione.
“Bush – scriveva Agamben – sta cercando di produrre una situazione in cui l’emergenza diventa la regola... (continua)
Handcuffed, shackled, blindofolded, shaved
(continua)
inviata da Marco Rovelli 1/6/2006 - 18:34
Downloadable! Video!

Il maggio di Belgrado

dall'album "La musica nelle strade" (2005)

Testo di Erri De Luca e Marco Rovelli
Musica di Marco Rovelli, Massimo Guerrieri, Nicola Toscano e Mirko Sabatini

Ringrazio di cuore Marco Rovelli che mi ha spedito il testo di questa bellissima canzone e l'introduzione [LM].
"Qui devo parlare in prima persona. Ho conosciuto Erri anni fa, presentandomi a lui alla fine di un dibattito in una piccola libreria di Roma. Avevo letto i suoi libri, e mi avevano folgorato. In specie 'Aceto, arcobaleno': Dev'essere stato il fulmine a svegliarmi' Mi invitò a casa sua, ed io, che uscivo da una troppo lunga adolescenza, andai nella sua campagna romana.
Nel corso degli anni ho mantenuto i contatti con Erri soprattutto per lettera, con le mie 'invasioni di campo' (per rubargli un'espressione) in cerca di critiche ai miei scritti. Poi sono venuti Les Anarchistes, e ho pensato che sarebbe stato bello avere... (continua)
Nel mese di maggio del '99
(continua)
inviata da Marco Rovelli 1/6/2006 - 18:31

Pacem in Terris

Testo di Sabrina Lavecchia

Il brano è ispirato all'Enciclica sulla pace scritta da Papa Giovanni XXIII.

Sabrina Lavecchia è autrice di testi e compositrice per differenti generi musicali, finalista al Premio Lunezia 2004, vincitrice del premio al miglior testo Malgratefestival 2003, finalista Castrocaro, finalista Premiounavventura.
Collabora con noti arrangiatori e riceve numerosi consensi positivi da parte del pubblico, della critica e da noti musicisti. Attualmente sta per ultimare il cd di 12 brani dal titolo "Nuova luce" destinato all'interpretazione vocale di Irenne Coronado (vincitrice di 2 Premi Award nel mondo come miglior artista e miglior album Musica Cristiana).

Testo e note da Blue Community
Dentro al cuore di ogni uomo
(continua)
1/6/2006 - 16:20

El meu avi

Joan Ortega Monasterio
È una canzone catalana riferita alla guerra Ispano Americana del 1898 (per Cuba e le Filippine)
Controllate che l'autore sia quello giusto (io conoscevo la canzone solo nell'interpretazione de Los Manolos nei primi anni '90).
Non ho idea dell'anno in cui è stata scritta, penso sia piuttosto vecchia e che faccia parte del folklore catalano.
Il contenuto mi sembra indiscutibilmente pacifista.
Se avete bisogno che ve la traduca posso provarci dopo Natale (*). Il titolo significa Mio Nonno.

Un caro saluto e complimenti

Alessandro

(*) Evidentemente questa segnalazione era arrivata tempo fa. Alessandro aveva sbagliato qualcosa nella procedura di inserimento e aveva inserito tutte le informazioni all'interno della biografia. Cogliamo l'occasione per ringraziare (seppur in ritardo) Alessandro e per ricordare ai nostri visitatori che per inserire una canzone di un autore non ancora presente... (continua)
El meu avi va anar a Cuba
(continua)
inviata da Alessandro 1/6/2006 - 14:20
Video!

Corri Topolino

(1989)
Canzone vincitrice del trentaduesimo Zecchino D'Oro, interpretata da Nikolas Torselli.

A me sembra degna di rientrare nell'elenco delle canzoni contro la guerra, vista dalla parte dei bambini.
Storia di un topolino, o di un bambino...
(continua)
1/6/2006 - 13:50
Downloadable!

Tarantella di via Tibaldi

Sui fatti di via Tibaldi si veda Da via Tibaldi e La Ballata di via Tibaldi.
A Milano, a Milano;
(continua)
inviata da adriana 1/6/2006 - 12:42
Video!

L'Uno

[Aprile 1991]
Testo e musica di Ivan Della Mea

Si tratta di una canzone totalmente inedita (e non depositata) di Ivan Della Mea, il cui testo è stato da lui personalmente recato a Brescia il 28 maggio scorso in occasione della commemorazione del 32° anniversario della strage di Piazza della Loggia (durante la quale Ivan Della Mea si è esibito assieme a Claudio Cormio). La pubblicazione di questa canzone è stata autorizzata da Ivan Della Mea appositamente per "Canzoni Contro la Guerra".
Un tipo detto l'Uno venne quando
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 31/5/2006 - 19:56
Downloadable!

America

Autrice a fautrice di civiltà reali su cui fondare radici di convivenza comune e con-dividere beni e ricchezze, l'America si perde negli ideali fantomatici di un connubio impossibile tra politiche sociali ed economiche "diverse", al punto da suscitare scalpori mondiali e conflitti di interesse che la gente comune non capisce, non intuisce, non condivide.
L'america, però, resta l'insostituibile continente il cui potenziale, se messo a frutto, realmente potrebbe contribuire a mutare le sorti del pianeta TERRA, ricreando, in accordo con la stragrande maggioranza dei popoli, le basi per una convivenza civile nel rispetto della cultura altrui.
Questa canzone fotografa l'America dalla sua origine ad oggi e augura che il petrolio cessi di sgorgare, se esso deve essere la causa dei conflitti e delle guerre.
America, America.
(continua)
inviata da Giovanni Nachira 31/5/2006 - 12:38
Downloadable!

Guerra

Le guerre di quest'ultimo decennio sono soltanto un assaggio, rispetto ai conflitti che potrebbero seguire negli anni a venire. Abbiamo visto i bambini morire sui campi di battaglia: Bambini che gli adulti hanno addestrato per il massacro. Denuncio questo con la mia canzone ed invito i padroni della guerra a divenire padri di una cultura di pace.
È notte. Son chiusi tutti i bar,
(continua)
inviata da Giovanni Nachira 31/5/2006 - 12:02
Downloadable! Video!

Ma che bel mondo è

È la riscrittura ironica in italiano di What A Wonderful World, che per l'arrangiamento si rifà chiaramente alla versione di Joey Ramone.

Questo adattamento non è piaciuto ai discografici americani che detengono i diritti della canzone di Armstrong che, con una "minaccia preventiva", hanno impedito di pubblicarla nel disco "Quello che sei" del 2005.

Per fortuna un anonimo ha aperto un sito dove è possibile scaricare la canzone. Ci uniamo al suo grido: "Fuck copyright!".
Verdi alberi
(continua)
inviata da Lorenzo Masetti 31/5/2006 - 10:27




hosted by inventati.org