Language   

La scuola di Gaza

Mireille Safa
Language: Italian


Related Songs

Rachel Corrie
(Peter Molloy)
Mia madre
(Chloé Maxwell)
I nostri nomi
(Chloé Maxwell)



[2020]
Nuovo Cantacronache 6. Esilio, Esodo, Eccidio, Erranza…
Testi/ lyrics: Beppe Chierici
Musica / Music / Musique / Sävel: Giuseppe Mereu (Doc Pippus)

6




Questo disco richiede un esercizio di immaginazione. Proiettatevi in una qualunque cittadina mediterranea, meglio se lambita da questo mare, che a guardarlo da est sembra poi più un golfo che un mare. Ci siete? Bene. Ora date aria alle vostre gambe, vagabondate in qualche vicolo fuori dalle rotte turistiche. Vi chiedo di prediligere, potendo scegliere, quelli in cui scorgete panni stesi ad asciugare, tra muro e muro, casa e casa, famiglia e famiglia. Panni che sono già un trattato non scritto, ma ben più saldo, di amicizia. Ecco, ora fermatevi un attimo: vi siete accorti che da una delle finestre esce una voce di donna, una voce fuori dal tempo, una voce che fluisce con naturale noncuranza, così come di chi canti facendo altro. Non potete che restare ancora un poco e tendere voi stessi, non dico l’orecchio, dico proprio voi stessi, tutto quello che siete, verso quella finestra. Quelle canzoni, quelle note, quelle parole sono lì per voi. Sono melodie che vi sembra di aver sempre sentito, eppure ve le siete scordate, persi in altri traffici, in altre frettolose incombenze, tutte le volte che avete cercato disperatamente di sentirvi contemporanei. Per questo siete ancora lì, a seguire con il pensiero queste canzoni che invece non hanno né fretta di finire presto nei 3 minuti a cui vi hanno abituato le vostre radio, né paura di non essere alla moda. Talvolta riconoscete un’altra voce, vi sembra che abbia una certa aria di familiarità con la prima, potrebbe essere la figlia, azzardate. Intanto le parole vi stanno raccontando storie antiche, ma che a voi sembrano così nitidamente chiare, vive. Vi dicono di Gerusalemme e del suo strazio, di lampioni in lutto per una città che va in fiamme, di un mondo che rotola giù verso il suo oscuro precipizio, ma anche di padri e di madri, di amori difficili, di religioni in guerra che, prima ancora degli altri, uccidono sé stesse. Soprattutto vi parlano di esilio, quello che da secoli, ovunque, i vincitori impongono ai perdenti, quello che diventa un destino da trascinarsi dietro, sempre, ovunque. Voi non siete esiliati, i vostri bimbi a scuola devono temere solo brutti voti, non una bomba che in un attimo spazzi via tutto, eppure quelle canzoni, lo sentite bene, vi stanno dicendo qualcosa di voi, di chi eravate, e di chi siete. Forse, chissà, anche di chi sarete. Perché quelle di Mireille Safa e di sua figlia Chloé sono voci di rabdomanti: attraverso l’intensa poesia di Mahmoud Darwish, poeta palestinese amorevolmente volto in italiano dal grande vecchio Beppe Chierici, esse sembrano risvegliare qualcosa in voi, sono venute a cercarvi. Lasciatevi trovare.
cenacolodiares

Come un vascello già mezzo affondato
Il sole nel mare lento tramonta
Vieni amico, guarda ciò che è stato
e la verità scrivila e racconta.

È l’imbrunire e il giorno ardente
spegne la sua chioma infuocata,
la sera si china, madre dolente,
sulla città sfinita e assediata.

Stamani ancora, c’era una scuola
dove ai bambini s’insegna il domani...
È stata sepolta con una gragnuola
di ordigni scagliati dagli aeroplani.

“Dov’è l’uscita signora maestra?
Dov’è la porta? Dov’è la finestra?
Dov’è il viottolo? Dov’è la strada
di casa nostra e della contrada?

Questo gioco, maestra, non ci piace
né questo odore di gas e di brace.
Dov’è finita la luce del giorno?
Perché c’è questo fumo tutt’intorno?”

La loro voce giace ormai spenta,
nel cimitero infinito del cielo,
mentre ogni madre impreca sgomenta
contro la Bibbia, Corano e Vangelo.

“Perché tutto questo?” - La donna si chiede.
“Perché tanta morte e tanto furore?
Che Dio lo esige? Che Dio presiede
a tanta ignominia, a simile orrore?

Che dèmoni si sono sostituiti
al Dio degli uni, al Dio degli altri?
Che uomini scaltri si son travestiti
da Dio degli uni, da Dio degli altri?”

Nessuna risposta, il silenzio e basta!
Nessuna voce, nessuna parola,
né una bestemmia iconoclasta
fra le macerie di quella scuola.

Terra ormai muta, terra ormai sorda ...
Che l’uomo esiste, che vive e muore
qualche lacrima soltanto lo ricorda
e un battito straziato dentro un cuore.

Cade per sempre la saracinesca
sopra un mondo che muore e scompare
come i bambini d’una scolaresca
che un giorno hanno smesso di cantare.

“Dov’è l’uscita signora maestra?
Dov’è la porta? Dov’è la finestra?
Dov’è il viottolo, dov’è la strada
di casa nostra, della contrada?”

Contributed by Dq82 - 2020/12/1 - 17:18



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org