Language   

Language: Instrumental


Related Songs

Workin' In A Coal Mine
(Lee Dorsey)
Una poltrona, un bicchiere di cognac, un televisore, 35 morti al confine tra Israele e Giordania
(Lucio Battisti)
Ταξίδι στα Κύθηρα
(Eleni Karaindrou / Ελένη Καραΐνδρου)


[1991]
Musica della compositrice greca Eleni Karaindrou / Ελένη Καραΐνδρου (1941-)
Nella colonna sonora del film di Theodoros "Theo" Angelopoulos / Θεόδωρος Αγγελόπουλος (1935-2012) intitolato "Il passo sospeso della cicogna" / "Το μετέωρο βήμα του πελαργού"

Το Μετέωρο Βήμα Του Πελαργού

[...] E’ Natale in una squallida città del nord della Grecia, al confine con l’Albania.

Profughi di vari paesi che il governo greco ha riunito in un limbo, forse più un ghetto, in attesa di un ipotetico trasferimento verso altri confini, vivono in un tempo sospeso, mitico, una vita impoverita vendendo patate coltivate sotto la neve, ubriacandosi nella bettola fumosa, piangendo con lunghi lamenti i cadaveri che di tanto in tanto una rivolta abortita sul nascere o un maldestro tentativo di superare il confine dissemina sui campi gelati o appende al braccio di una gru.

Cultura dell’esclusione, un confine artificiale segnato sul terreno, un villaggio globale senza connessione, il passo sospeso sulla linea blu:

"Se continuo o mi ritrovo all’estero o mi ritrovo morto".


Το μετέωρο βήμα του πελαργού


Linea blu, territorio greco – linea bianca: terra di nessuno – linea rossa: territorio turco.

Il tempo della storia finisce in una linea colorata, difesa da uomini in divisa, stivali di cuoio e camionette rumorose. Uomini, donne e bambini come pedine di una scacchiera mosse da mani invisibili, ma c’è chi si rifiuta di esserlo:

“Ti auguro salute e felicità ma non posso prendere parte al tuo viaggio. Sono solo un visitatore. Tutto ciò che tocco mi ferisce profondamente. E poi non mi appartiene. C’è sempre qualcuno a dire: “Quello è mio!” Non ho niente di mio … ho detto arrogante un giorno. Ora ho imparato che niente … non è niente. Che non abbiamo nemmeno un nome. E che ogni volta abbiamo bisogno di prenderne in prestito uno. Dammi un posto dove guardare. Dimenticami nel mare. Ti auguro salute e felicità.”


L’uomo politico, speranza di rinnovamento nel Paese, promessa di un futuro migliore dopo tanto lottare, aveva lasciato questo messaggio nella segreteria telefonica della moglie, e al Parlamento riunito in attesa di un suo gran discorso aveva detto:

"Qualche volta è meglio tacere per ascoltare la musica che c’è dietro il rumore della pioggia".


E poi via, sparito, [...] andato via per sempre.

Το μετέωρο βήμα του πελαργού


Theo Angelopoulos, Tonino Guerra, Petros Markaris e Thanassis Voltinos scrivono il film, Angelopoulos lo dirige, Eleni Karaindrou lo intride di una musica che fonde le sonorità balcaniche con i ritmi del rebetiko, la musica greca nata “dalla disperazione di un’antica crisi, una delle musiche che hanno costruito l’identità moderna della Grecia, trasportando con sé il dolore dell’esilio e la ribellione alle violenze della storia. È una musica contro il potere, non autorizzata, indebita.” (V. Capossela).

Il passo sospeso della cicogna, girato trent’anni fa, si apre con una scena di mare, elicotteri che rastrellano a pelo d’onda, pilotina della guardia costiera e gommone che setacciano in cerca di corpi.

La voce esterna:
“Viaggiando per un incarico alla frontiera, ho continuato a pensare all’incidente al Pireo. Corpi di rifugiati asiatici in mare, dopo che le autorità greche si erano rifiutate di concedere loro asilo politico. La loro determinazione a saltare fino alla morte, da una nave greca, in mare aperto dopo che erano stati scoperti, mentre attraversavano il mare … Come si parte? Perché? Dove? È come in quel vecchio poema? “E non dimenticare che è arrivato il momento di andarsene, il vento porterà i tuoi occhi lontano.”


E’ la voce di Alexandre, l’uomo che ancora si pone domande, spulcia archivi, intesse inchieste e arriva al confine. Ma lì il suo passo resta sospeso.

Το μετέωρο βήμα του πελαργού


Un giorno mio marito attraverserà il fiume e verrà a prendermi… ha detto al giornalista la giovane donna che indossa ancora l’abito bianco del matrimonio.

Il bambino sulla riva racconta al regista dell’uomo di mezza età ormai sparito davvero per sempre, quello che gli raccontava la favola dell’aquilone. L’ha visto camminare sull’acqua con una valigia in mano e poi sparire lontano nella foschia.

“Ma non mi ha raccontato come finisce la favola”, aggiunge col broncio dei bambini che vogliono sapere come finiscono le favole.

“Quando la terra comincerà a bruciare per essersi avvicinata al sole la gente del nostro pianeta dovrà andare via. Avverrà allora quello che la storia ricorderà come “La grande migrazione”. E così partiranno da dovunque si trovino con quello che avranno a disposizione e si riuniranno tutti nel deserto del Sahara. Lì un bambino avrà lanciato in aria un aquilone, alto nel cielo.Grandi e piccini stringeranno allora quello spago e si alzeranno con l’aquilone nello spazio in cerca di un altro pianeta. Ognuno porterà con sé chi una piccola pianta, chi un ramo di rose, qualcuno avrà un piccolo animale e qualcun altro tutte le poesie che l’uomo abbia mai scritto. Sarà un viaggio lungo, un lungo viaggio…”

“Ma come finisce la favola?”


Tempo immobile, le favole non hanno un finale, la scena si sposta sul piazzale del sobborgo e il colonnello beffardo che accompagna Alexandre sghignazza parlando dei profughi sotto la sua giurisdizione:

“Qui nel quartiere ognuno ha il nome che ha dichiarato, quasi nessuno ha documenti, non può dimostrare chi è chi … Quassù, in questo estremo angolo del Paese, tutto acquista una dimensione diversa. Solitudine, incertezza, un senso di minaccia continua. Impazziscono gli uomini”.


Film “sulla comunicazione, sulle frontiere che la impediscono“, sulle “frontiere linguistiche, culturali, le barriere frapposte dalle religioni e dall’intolleranza”, sarebbe fin troppo facile esercizio definirlo attuale, profetico, necessario e tutte le belle parole che scorrono sempre a fiumi e non cambiano niente. [...]
(Paola Di Giuseppe, "Il passo sospeso della cicogna" di T. Angelopoulos")
[strumentale]

Contributed by Bernart Bartleby - 2020/3/22 - 16:08



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org