Language   

Tristan Zarra

Cosmo
Language: Italian


Related Songs

Soldati
(Paola e Chiara)
Greta Thunberg - Lo stomaco
(Marracash)


dall'album Cosmotronic (2018)
Testo tratto da Genius
Cosmotronic

Il titolo della canzone è un gioco di parole sul nome del poeta dadaista Tristan Tzara.

Questa canzone è la più sperimentale e audace che abbia mai scritto e ho voluto prendermi tutte le libertà del caso nascondendo la sperimentazione dietro ad un brano all’apparenza pop e demenziale. In realtà è un pezzo politico, anarchico, dadaista. La struttura e ciò che accade musicalmente sono uno schiaffo dopo l’altro è uno schiaffo alle regole della canzone italiana. La voce femminile che cerca di infondere un inquietante ottimismo è di una doppiatrice professionista, Beatrice Caggiula e inizialmente avevo pensato di farla fare a Maria De Filippi, che però non ha accettato. Dentro ci sono anche interventi urla e risate di mia moglie, mia cognata, mio cognato, i miei bimbi, la nostra babysitter, Francesca Michielin, Calcutta e il mio amico artista Giacomo Laser, che si esibisce nel commovente assolo di batteria finale.
– Cosmo, Radio Deejay

Il pezzo è uscito fuori un po’ dada, non si comprende bene di cosa parli, ma è voluto così. Anzi è il pezzo più politico del disco.
Nel momento in cui oggi il senso di ogni discorso è azzerato e non si fa che parlare di post-verità (o almeno il potere si esprime in quei termini) allora ho pensato che la critica si può fare solo in questo modo, in maniera anarchica, non-sense. Qui descrivo lo strano limbo in cui siamo, un presente in cui il potere esiste, è duro, ma non si fa vedere. Non posso spiegare tutto ora altrimenti salta il mio discorso dada.
– Cosmo, Il Mucchio Selvaggio


Per l'idea di festival di “Tristan Zarra” avevo iniziato a canticchiarmi la canzone di Paola e Chiara: “Festival…”. Poi ho detto “aspetta, non posso usarla così, userò solo la frase, cambierò tutta la melodia” e infatti l'ho cambiata. Per togliermi lo sfizio ho messo comunque il campione di Paola e Chiara, ma nascosto sotto, che non si sente, quindi so io che c'è.
Pronto, pronto

Polizia polizia, ti prende e ti porta via
Grazie a Dio non sono io, di me si fidano
E potrei usare parole pesanti per insultarti
Condannarti, sputtanarti
È questo il modo migliore per non finire in galera
Perché è solo colpa tua se sei sporco, se sei negato
Se sei una zecca, sei un mostro, un barbone, un negro di merda

Non lo so, però marcare qualcosa, non sono, mi faccio un viaggio, un viaggio totale

Festival, polizia, polizia
Festival, grazie a Dio, grazie a Dio
Festival, polizia, polizia
Festival, pizzeria, pizzeria

Non capisci perché?
Seguimi un secondo
Vorrei tanto toccare il fondo
Stare lì sullo sfondo del mondo
Con gli occhiali da sole e dire
Basta con sta festa
Con quello che costa
Un uragano, che faccio mi sposto
La tua opinione chi te l'ha chiesta
Vai vai che è li il tuo boy
Oppure fai la guerra con chi vuoi
Oppure fatti solo i cazzi tuoi
Perché la morale è che la morale
È la prima a saltare, quando ti tocca lottare
Quando ti devi salvare
Quando sbocchi dentro a un bar
Quando ti indebiti
Quando non dividi per metà
Quando bruci la città
Quando lasci perdere solo perché lo dice papà

Festival
Festival
Festival
Festival
Festival, polizia, polizia
Festival, grazie a Dio, grazie a Dio
Festival, polizia, polizia
Festival, pizzeria, pizzeria

"Guardare il cielo e poi [?]. Fare un bagno nel mare e poi [...] tornare a casa e poi [...] di nuovo dalla finestra e e e e poi ti mangiano gli squali"

"Ciao Milano"

"L'hai già notato?
La superficie delle cose è liscia
Lucida, perfetta
Senza irregolarità
È già la promessa di un futuro grandioso
Adesso accomodati e rilassati
Rilassati, rilassati
Rilassati, rilassati
Rilassati"

Festival, polizia, polizia
Festival, grazie a Dio, grazie a Dio
Festival, polizia, polizia
Festival, pizzeria, pizzeria
Festival, polizia, polizia
Festival, grazie a Dio, grazie a Dio
Festival, polizia, polizia
Festival, pizze-

2019/12/21 - 23:02



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org