Language   

La ballada del pover Tofin

Niny Comolli
Language: Italian (Milanese)

List of versions


Related Songs

La canzon del Navili
(Ivan Della Mea)
La ballata del pitor
(I Gufi)
Ivan Della Mea: Ho male all'orologio
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


[Secondo dopoguerra?]
Parole di Evelina Sironi, milanese, conduttrice radiofonica ed interprete teatrale e televisiva
Musica di Niny Comolli, milanese, pianista, prima donna a far parte dell'orchestra della RAI
Testo trovato su Milanesìabella

Niny Comolli


Anche in piemontese il cane meticcio, il bastardo, si dice "can da pajé"...

La ballada del pover Tofin
mi ve canti perché
l'era on can bastardin che a Milan
tutti ciamen "pajee".

Ai manover su strad de campagna
'sto cagnoeu l'ha trovaa la cuccagna.
On Dragon l'ha guardaa poeu l'ha dii:
"Quest l'el tegni per mì!"

Col padron in caserma content
el passava i sò dì.
El marciava Tofin per Milan
coi "Dragoni a cavall".

Poeu quel dì ch'el padron l'è partii
el Tofin guarda on poo l'è finii
con la guardia al Palazzo del Re
fermaa lì drizz in pee!

E de ronda lì in piazza del Dòmm
gh'era on can e on soldaa
on cagnoeu che coi oeugg al padron
el pareva incollaa

E quand lù l'è partii per la guerra
anca el can l'ha lassaa la sua terra
Fin in Russia el destin l'ha portaa
con centmila soldaa...

El cannon, la tormenta, la nev...
on fior ross... on foppon...
... on cagnoeu deperlù disperaa
ch'el rifà la soa strada...

La garitta de piazza del Dòmm...
on soldaa ch'el gh'ha minga el sò nomm...
... e tì lì che te spettet fident fra el viavai de la gent!
Ma lù el torna nò indree... Sara i oeugg can pajee!

L'era on can bastardin che a Milan tutti ciamen "pajee".

Contributed by Bernart Bartleby - 2019/6/6 - 21:31



Language: Italian

Traduzione italiana, sempre da Milanesìabella
LA BALLATA DEL POVERO TOFIN

La ballata del povero Tofin
ve la canto perché
era un bastardin che a Milano
tutti chiamano "pajee".

Alle manovre su strade di campagna
questo cagnetto ha trovato la cuccagna.
Un Dragone l'ha guardato... poi ha detto:
"Questo lo tengo per me!"

Col padrone in caserma contento
trascorreva i suoi giorni.
Tofin marciava per Milano
coi "Dragoni a cavallo".

Poi il giorno che il padrone è partito
Tofin - guarda un po' - è finito
con la guardia al Palazzo del Re
fermo lì dritto in piedi!

E di ronda lì in piazza del Duomo
c'erano un cane e un soldato
un cagnetto i cui occhi parevano
incollati sul padrone.

E quando lui è partito per la guerra
anche il cane ha lasciato la sua terra
Fino in Russia il destino l'ha portato
con centomila soldati...

Il cannone, la tormenta, la neve...
un fiore rosso... un cimitero...
... un cagnolino solo disperato
che ripercorre la sua strada...

La garitta di piazza del Duomo...
un soldato che non porta il suo nome...
... e tu lì che aspetti fiducioso fra il viavai della gente!
Ma lui non ritorna... Chiudi gli occhi bastardino!

Era un cane bastardino che a Milano tutti chiamano "pajee"

Contributed by B.B. - 2019/6/6 - 21:32


Canzone stupenda piena di ricordi

2019/11/30 - 20:25



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org