Language   

Sciuur capitan

Davide Van De Sfroos
Language: Italian (Lombardo "Laghèe")

List of versions

Watch Video


Davide Van De Sfroos interpreta "laiv" la canzone preceduta da e "medleyata" con Knockin' On Heaven's Door


More videos...


Related Songs

Davide Van De Sfroos: La balàda del Genesio
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Desaparecido
(Daniele Silvestri)


[2003]
Testo e musica di Davide Bernasconi
Dal "CD Laiv", CD 1

live


Narra la leggenda che un giorno, nella sala d'attesa di un dentista, Davide abbia incontrato questo signore. Finendo a parlare di come, puntualmente, nei "racconti di guerra" dei nostri vecchi nessuno ammetta mai di aver ammazzato un nemico, il suo interlocutore gli ha raccontato che sì, lui aveva ucciso qualcuno in guerra. E l'episodio ha segnato la fine della sua permanenza sul campo di battaglia.
Sciuur capitan, varda scià la mia mann
ho cupaa un'umbria la nocc de capudann.
L'è sta pussè facil che stapà una buteglia,
ma de un culp de s'ciopp in crapa
gh'è nissoen che se sveglia.

Sciuur capitan, ho cupaa una persona
so mea se l'era grama, so mea se l'era bona.
M'han daa mila reson, en trovi ne'anca voena.
So che me manca el mè fiò,
so che me manca la mia dona.

Sciuur capitan, questa che l'è la verità,
adess ghe n'ho piee i ball, Giovanni el turn a cà.
Sun sempru staa ai tuoi urdini,
e t'ho mai tradì,
però questa sira questa guera m'ha stufì.

Sciuur capitan, questa che l'è la verità:
adess ghe n'è pien i ball,
Giovanni turna a cà.
Se te voret scriv, te regali la mia pena,
se te voret sparam, questa che l'è la mia schiena.

Sciuur capitan, verda te che irunia:
la giacchetta insaguinada pudeva vess la mia,
bastava che incuntravi un bastardo come me,
invece che incuntrà quel poor ciful là de lè.

Sciuur capitan, me paar de vecch frèc,
la guera la finiss mai,
me par de vegnì vecc.
Crepum in divisa, vemm a cà in una bandiera,
e lassum che la moort la vaga in gir in canutiera.

Sciuur capitan, varda questi mè occh,
e sto paees draa là giò in ginocch.
Semm che a curaa el cunfine
e pensum de vess fort
ma el sèmm che per crepaa
ghe voer mea el pasaport.

Sciuur capitan, questa che l'è la verità,
adess ghe n'ho pien i ball,
Giovanni turna a cà.
Sun sempru staa ai tuoi urdini
e t'ho mai tradì,
però questa sira questa guera m'ha stufì.

Sciuur capitan, questa che l'è la verità,
adess ghe n'ho pien i ball, stasira turni a cà.
Se te voret scriv, te regali la mia pena,
se voret sparam, questa che l'è la mia schena.



Language: Italian

Versione italiana di Massimiliano Cazzaniga, più noto come "Max Van Loon"
SIGNOR CAPITANO

Signor capitano, guarda la mia mano
ho ucciso un'ombra la notte di capodanno.
È stato più facile che stappare una bottiglia,
ma da un colpo di fucile in testa
non c'è nessuno che si svegli.

Signor capitano, ho ucciso una persona,
non so se era cattiva o se era buona.
Mi hanno dato mille motivi, ma non ne trovo nessuno.
So che mi manca mio figlio,
so che mi manca la mia donna.

Signor capitano, questa è la verità,
adesso ne ho piene le scatole, Giovanni torna a casa.
Sono sempre stato ai tuoi ordini,
e non ti ho mai tradito,
però stasera questa guerra mi ha stufato.

Signor capitano, questa è la verità:
adesso ne ho piene le scatole,
Giovanni torna a casa.
Se vuoi scrivere, ti regalo la mia penna,
se vuoi spararmi, questa è la mia schiena.

Signor capitano, guarda che ironia:
la giacca insanguinata poteva essere la mia,
bastava che incontrassi un bastardo come me,
invece che incontrare quel poveretto lì giù.

Signor capitano, mi pare di sentire freddo,
la guerra non finisce mai,
mi sembra di diventare vecchio.
Moriamo in divisa, torniamo a casa in una bandiera,
e lasciamo che la morte vada in giro in canottiera.

Signor capitano, guarda questi miei occhi,
e questo paese in ginocchio.

Siamo qui a curare il confine,
e pensiamo di essere forti,
ma sappiamo che per morire
non serve certo il passaporto.

Signor capitano, questa è la verità,
adesso ne ho piene le scatole,
Giovanni torna a casa.
Son sempre stato ai tuoi ordini,
e non ti ho mai tradito,
però stasera questa guerra mi ha stufato.

Signor capitano, questa è la verità,
adesso ne ho piene le scatole, stasera torno a casa.
Se vuoi scrivere, ti regalo la mia penna,
se vuoi spararmi, questa è le mia schiena.



Language: French

Version française – MON CAPITAINE – Marco Valdo M.I. – 2011
Chanson italienne (Comasque) – Sciuur capitan – Davide Van De Sfroos – 2003
Texte et musique de Davide Bernasconi


La légende raconte qu'un jour, dans la salle d'attente d'un dentiste, Davide avait rencontré cet homme. En parlant du fait que, régulièrement, dans les « récits de guerre »de nos anciens, personne n'admet jamais d'avoir tué un ennemi, son interlocuteur lui a raconté que, oui, lui avait tué quelqu'un à la guerre. C'est l'épisode qui marqua la fin de sa présence sur le champ de bataille.
MON CAPITAINE

Mon Capitaine, regardez ma main
J'ai tué une ombre la nuit de l'an prochain
C'était plus facile que déboucher une bouteille
D'un coup de fusil dans la tête, nul ne se réveille.

Mon Capitaine, j'ai tué une personne
Je ne sais si elle était mauvaise, je ne sais si elle était bonne
On m'a donné mille motifs, et je n'en trouve aucun
Je sais que me manque mon fils, je sais que ma femme me manque.

Mon Capitaine, c'est cela la vérité
J'en ai plein les couilles, Giovanni rentre chez lui.
J'ai touijours été à vos ordres et je ne vous ai jamais trahi
Mais ce soir, cette guerre m'a excédé.

Mon Capitaine, regardez quelle ironie
Elle pourrait être à moi, cette veste ennemie
Il suffisait que je rencontre un bâtard comme moi
Au lieu de rencontrer le pauvre qui gît là.

Mon Capitaine, je sens venir le froid
Je me sens devenir vieux et cette guerre n'en finit pas.
Nous mourons en tenue, nous rentrons dans un drapeau,
Et nous acceptons que la mort se promène en pareo.

Mon Capitaine, regardez mes yeux,
Et ce pays là à genoux
Nous sommes là à garder la frontière et nous pensons être forts
Mais pour crever, il ne faut jamais de passeport.

Mon Capitaine, c'est cela la vérité
J'en ai plein les couilles, Giovanni rentre chez lui.
J'ai toujours été à vos ordres et je ne vous ai jamais trahi
Mais ce soir, cette guerre m'a excédé.

Mon Capitaine, c'est cela la vérité
J'en ai plein les couilles, ce soir je vais rentrer.
Si vous voulez écrire, je vous donne mon stylo
Si vous voulez tirer, voici mon dos.

Contributed by Marco Valdo M.I. - 2011/11/18 - 17:31




Language: Italian

Traducanzone di Andrea Buriani

SIGNOR CAPITANO

Signor Capitano guarda qua la mia mano
Ho ucciso un’ombra la notte di capodanno.
È stato sai più facile che stappare una bottiglia,
ma da un colpo di fucile più nessuno mai si sveglia.

Signor Capitano ho ucciso una persona,
non so se era cattiva, non so se era buona.
Ne ho cercato una ragione e non ho trovato niente.
So che mi manca la mia donna, e il mio figliolo immensamente.

Signor Capitano voglio dir la verità
Ne ho le palle piene e il Giovanni torna a cà.
Son sempre stato agli ordini e non t’ho mai tradito
Però questa sera con sta guerra ho finito.

Signor Capitano oggi ho più freddo ancora,
mi par d’essere più vecchio e questa guerra mi divora.
Crepiamo in divisa, e si va cà in una bandiera
e lasciamo che la morte vada in giro in canottiera.

Signor Capitano guarda te che ironia
la giacchetta insanguinata poteva esser la mia.
Bastava che incontrassi un bastardo come me
Invece di quel disgrazià, che più grandi non ce n’ è.

Signor Capitano .... guarda nei miei occhi
martoriata è questa terra, questa terra sui ginocchi.
Lottiamo qui al confine, ogni dì col fiato corto
e sappiam che per crepar non ci vuole il passaporto.

Signor Capitano questa è la verità .
Son proprio stanco e stasera torno a cà
Se vorrai scrivermi ti regalo la mia penna
Se mi vorrai sparare questa qui è la mia schiena.

Contributed by Dq82 - 2016/12/23 - 15:22


Che destino quello del Davide van de Sfroos. Siccome canta in dialetto del lago di Como, i leghisti gli sbavano dietro, per la loro consueta difficoltà a capire le parole delle canzoni, Inno di Mameli compreso. E oggi il Maroni ha fatto del suo "Pica !" l'inno della Polizia. O madonasignur che rasa de gent...

Gian Piero Testa - 2010/7/7 - 23:36


Mah oddio! Io direi però che il Bernasconi è stato sempre piuttosto ambiguo al riguardo. In fondo sarebbe semplice: basterebbe prendere le distanze in maniera decisa dalla Lega. Ma così perderebbe, e lui lo sa benissimo, anche una parte non indifferente del "suo pubblico". Intendiamoci: a mio parere il Bernasconi non è un razzista, è uno che scrive canzoni a volte anche belle, e a volte anche un po' troppo pauperiste per essere attualmente credibili in una zona che è una delle più ricche d'Italia. Però l'ambiguità di fondo rimane. Altrimenti sarebbe bene che si domandasse anche come mai una sua canzone viene presa dal più o meno conterraneo e più o meno "musicista" Maroni (che Iddio lo levi dai...!) come "inno della polizia". Saluti!

Riccardo Venturi - 2010/7/8 - 12:16


D'accordo su quanto dici del pubblico del Bernasconi. Quanto al Maroni (che Dio ce lo levi dai medesimi) sono io che gli ho scherzosamente attribuito l'adozione di "Pica!" (traduzione: "Picchia !") come inno della PS. Siccome ieri la sua Grande Ronda si è sfogata mica male con i poveri aquilani, mi è venuto in mente che il titolo della canzone del Davide fosse stato introdotto come motto o inno delle forze agli ordini del ministro varesotto. Il "Pica" della canzone si riferisce al lavoro di spaccapietre che ha dato da mangiare a generazioni di montanari delle valli lariane e della Valtellina, ed anche qualche lustro culturale a quelle plaghe, se si pensa ai Magistri Cumacini, Campionesi e Intelvesi.
Non d'accordo invece sul giudizio di eccessivo pauperismo di certe canzoni. A Nord di Como la vita non è mai stata facile per i più. Agricoltura povera, emigrazione, contrabbando, ferriera sono state a lungo le cornici di vita di molte generazioni. Ma tutto il consumismo che ne è poi venuto, con le panda i motorola le MS blu e gli sballi a Lugano dei giovani cauboi sono abbondante materiale delle canzoni di van de Sfroos.

Gian Piero Testa - 2010/7/8 - 21:55



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org