Language   

Il minatore di Frontale

Davide Van De Sfroos
Language: Italian

List of versions

Watch Video


Il minatore di frontale


More videos...


Related Songs

Fendin
(Davide Van De Sfroos)
I Dreamed I Saw Joe Hill Last Night
(Alfred Hayes)
Hoka Hey
(Davide Van De Sfroos)


[2008]
Album:Pica
PICA
Non ho incontrato gente ma solo fari accesi
Non crescon girasoli qui dove il mondo è spento
Son nato su a Frontale, in alta Valtellina
Son sceso da ragazzo, in tasca la montagna
Ed ho imparato i segni e i sogni della roccia
Ci ho mescolato i miei, l’ho frantumata tutta
PICA! PICA!

Ho visto i continenti e gli ho toccato il fondo
E ho quasi perforato l’intero mappamondo
La vita a volte è un ponte o una ferrovia
La mia, se ci ripenso, è stata galleria
Sfidare tutti i giorni la strega silicosi
La foto di una donna tampona le ferite
Ma per la nostalgia non c’è la dinamite
PICA! PICA!

Adesso sto appoggiato al salice piangente
Eppure, lui lo sa, da lui non voglio niente
Non voglio le sue lacrime, non voglio le sue foglie
Son qui per la sua ombra che sposerà la mia
Voglio guardare il sole, me lo son meritato
Prima di ritornare dove son sempre stato
Fin quando tornerò dove son sempre stato
PICA! PICA!

Contributed by adriana - 2008/2/15 - 07:33




Language: French

Version française – LE MINEUR DE FRONTALE – Marco Valdo M.I. – 2011
Chanson italienne – Il minatore di Frontale – Davide Van De Sfroos – 2008

Tu vois, Lucien l'âne mon ami, cette chanson, vue d'ici, est une chanson comment dire, proprement internationaliste, mondiale, sans frontières, comme la misère et les pauvres gens jetés dans les trous de la terre d'un bout à l'autre du monde entier. Et c'est vraiment une très remarquable et très belle chanson. Une chanson dans la langue poétique des mineurs, qui transcende l'aède à la voix de velours et s'impose bien malgré lui, quel que soit l'idiome au travers duquel elle vient au jour. En vérité, je te le dis, car c'est ainsi. Et ce mineur, venu de là, venu d'ici, venu d'ailleurs, sorti de la cuisse des Alpes ou du ventre des Andes, n'en est ni plus ni moins qu'un mineur contraint de s'expatrier et si ce n'était le cas, de toutes façons, toujours contraint de se fondre dans les noirceurs, d'avaler les poussières, de pourrir ses poumons pour le plus grand profit des financiers...

Bref, si je comprends bien, dit Lucien l'âne en levant le front vers la lumière dorée de ce matin de printemps, cette chanson, elle aurait pu être en galicien, en wallon , en flamand, en quichua, en une des nombreuses variantes de chinois ou une des mille langues de l'Inde ou des mines d'Afrique... Elle aurait pu naître partout où il y a des mines et des mineurs.. Que sais-je en Alaska, au Klondike, en Sibérie, au Pérou, au Chili, en Argentine, en Allemagne, en Italie, en Pologne...


En effet... Elle aurait pu venir en Australie, en Angola, au Katanga, en Suède, ou en Turquie... Elle raconte la grande épopée du travail, la Guerre de Cent Mille Ans...


En somme, ce sont des nouvelles du front, de ce front de la Guerre de Cent Mille Ans que les riches – d'où qu'ils soient, quelle que soit la couleur de leur peau, de leur drapeau, de leur chemise, la langue qu'ils parlent ou qu'ils baragouinent, la longueur de leur culotte – fût-elle de cuir, la taille de leurs billets... mènent contre les pauvres, afin de consolider, de renforcer, d'étendre, de démultiplier leurs richesses, leurs pouvoirs, leur domination... afin d'imposer l'incroyable, l'absurde croyance dans les vertus de la concurrence, de l'entreprise et du libéralisme, et celle plus loufoque encore que le travail rend libre (Arbeit macht frei !, qu'ils disaient !). Voilà, dit Lucien l'âne en secouant sa crinière au petit vent qui s'en va changer le monde, mille bonnes raisons de nous atteler, toi, moi, et tous les autres qui voudront nous rejoindre, nous atteler à tisser d'un geste égal et inépuisable le linceul de ce vieux monde asphyxiant, avare, avide, avilissant, abrutissant, absurde et cacochyme.


Ainsi Parlaient Marco Valdo M.I. et Lucien Lane.
LE MINEUR DE FRONTALE

Je n'ai pas rencontré de gens, mais seulement des lampes allumées
Il ne pousse pas de tournesols ici où le monde est éteint
Je suis né là-haut à Frontale dans la haute Valtellina
Je suis descendu enfant dans la poche de la montagne
Et j'ai appris les signes et les songes de la roche
J'y ai mêlé les miens, je l'ai toute éclatée
PIC ! PIC !

J'ai vu les continents et j'en ai touché le fond
J'ai perforé la mappemonde quasi de part en part
La vie, des fois, est un chemin de fer ou un pont
La mienne quand j'y repense est une galerie
Défier tous les jours Silicose la sorcière
La photo d'une femme tamponne les blessures
Mais pour la nostalgie... Il n'y a pas de dynamite
PIC ! PIC !

Là, je suis appuyé au saule pleureur
Lui, il le sait ; de lui, je ne veux rien.
Je ne veux pas ses larmes, je ne veux pas ses feuilles
Je suis là pour son ombre qui épouse la mienne.
Je veux regarder le soleil et je l'ai mérité
Avant de retourner où j'ai toujours été,
De retourner où j'ai toujours été.
PIC ! PIC !

Contributed by Marco Valdo M.I. - 2011/6/2 - 10:06




Language: Italian

Versione live di DVDS in cui fa un medley del suo Minatore di frontale con il tradizionale "A i dis che i minatori son lingeri"
Non ho incontrato gente ma solo fari accesi
Non crescon girasoli qui dove il mondo è spento
Son nato su a Frontale, in alta Valtellina
Son sceso da ragazzo, in tasca la montagna
Ed ho imparato i segni e i sogni della roccia
Ci ho mescolato i miei, l’ho frantumata tutta
PICA! PICA!

Ho visto i continenti e gli ho toccato il fondo
E ho quasi perforato l’intero mappamondo
La vita a volte è un ponte o una ferrovia
La mia, se ci ripenso, è stata galleria
Sfidare tutti i giorni la strega silicosi
La foto di una donna tampona le ferite
Ma per la nostalgia non c’è la dinamite
PICA! PICA!

Adesso sto appoggiato al salice piangente
Eppure, lui lo sa, da lui non voglio niente
Non voglio le sue lacrime, non voglio le sue foglie
Son qui per la sua ombra che sposerà la mia
Voglio guardare il sole, me lo son meritato
Prima di ritornare dove son sempre stato
Fin quando tornerò dove son sempre stato
PICA! PICA!

A i dis che i minatori son lingeri
portan le braghe larghe e stivaloni
e apéna i g'à furà la galeria
e apéna i g'à furà la galeria
a i dis che i minatori son lingeri
portan le braghe larghe e stivaloni
e apéna i g'à furà la galeria
e i pianta i pinf e punf e poi va via

minator io voi sposar
perché il mond mi fa girar
e invece il contadin
dove nasce ti fa morir

la g'à la bicicleta strèta strèta
el pasa l'urtulà co la carèta
l'ò vista ier di sera e l'òi baciata
l'ò vista ier di sera e l'òi baciata
la g'à la bicicleta strèta strèta
el pasa l'urtulà co la carèta
l'ò vista ier di sera e l'òi baciata
compagnia compagnia dei minator

contadino non voglio sposar
polenta e patate mi toca mangiar
e invece i minator
i mangia e i bevs cume i signor - se i ghe n'à

quando vedo te 'l paradiso mi par di veder
quando vedo là 'n mezo al mare mi par di volar.

Contributed by dq82 - 2015/5/3 - 07:25




Language: Italian

Traduzione di "Dicono che i minatori sono lingeri"

Nella zona di Alessandria e paesi limitrofi, si fa derivare la parola LINGERA – che per deformazione è diventato sinonimo di "persona poco raccomandabile" – da LEGGERA, ossia quella valigia, contenente poca roba, che gli emigranti stagionali del luogo preparavano per andare a fare la raccolta del grano presso le tenute del conte Guazzone di Passalacqua in Argentina. In questo senso, il significato di "precario", cioè colui che ha sempre la valigia pronta, non si discosta molto da quello applicato ai minatori.
Dicono che i minatori sono lingeri

Dicono che i minatori sono lingeri
portano le braghe larghe e stivaloni
e appena hanno bucato la galleria
e appena hanno bucato la galleria
Dicono che i minatori sono lingeri
portano le braghe larghe e stivaloni
e appena hanno bucato la galleria
conficcano i pinf e punf e poi vanno via

minatore io voglio sposare
perché il mondo mi fa girare
e invece il contadino
dove nasce ti fa morire

Ha la bicicletta stretta stretta
passa l'ortolano con il carretto
l'ho vista ieri sera e l'ho baciata
l'ho vista ieri sera e l'ho baciata

Ha la bicicletta stretta stretta
passa l'ortolano con il carretto
l'ho vista ieri sera e l'ho baciata
compagnia compagnia dei minatori

Contadino non voglio sposare
polenta e patate mi tocca mangiare
e invece i minatori
mangiano e bevono come signori - se ne hanno

Quando vedo te il paradiso mi sembra di vedere
quando vedo là in mezzo al mare mi sembra di volare.

Contributed by dq82 - 2015/5/3 - 07:26


DAVIDE NON SI E' MAI SCHIERATO E MAI SI SCHIERERA'...
NON SO CHI TI HA DATO IL PERMESSO DI PENSARE CHE QUESTA E' UNA CANZONE CONTRO LA GUERRA...SE ASCOLTI BENE FORSE CAPIRESTI LA VERA NATURA DELLA CANZONE...
PERCHE' METTETE DELLA CAVOLATE SUL WEB...DOPO LA GENTE CI CREDE....!!!
TI PREGO PENSACI BENE PRIMA DI FARE UN'ALTRA CAZZATA...
DESFROSS...FOR EVER
(PINCO PAZZO)

Vedi, caro "Pinco Pazzo" (che fa un'ovvia rima con testa di cazzo, cioè quello che sei), se tu ti fossi premurato, prima di pigliare la tastiera e scrivere idiozie in tutte maiuscole da buon analfabeta che non sa manco scrivere correttamente il nome del suo "beniamino", di guardare in quale "percorso" o categoria è inserita in questa canzone, ti saresti accorto che tale percorso si chiama "L'emigrazione e la guerra del lavoro". Perché è una canzone che parla, toh, di lavoro e di un lavoratore. Perché in questo sito abbiamo inserito canzoni del genere non stiamo nemmeno a spiegartelo, saresti troppo demente per capirlo; ci limitiamo a suggerirti di andare alla lavagnetta e scrivere per 100 volte "VAN DE SFROOS...VAN DE SFROOS...VAN DE SFROOS...", così magari almeno impari a scriverlo, ovviamente in maiuscole. Quanto al "non schierarsi" del buon Bernasconi, è una cosa ben nota. Schierandosi coi suoi numerosissimi amichetti & amiconi leghisti si inimicherebbe chi leghista non è, e schierandosi con chi leghista non è si inimicherebbe i suoi numerosi amichetti & amiconi "patani". Come dire: meglio tenersi buoni tutti quanti, che poi s'ha da campà'... [RV]

2008/5/7 - 18:23


Quello che scrivi è molto giusto, ma la fine è proprio sbagliata, mi spiace.
De Sfroos ha cantato alla festa della Lega ed è stato ospite a Radio Padania, si, ma solo perchè l'hanno invitato.
Ha cantato però anche a Radio Popolare, la radio storica della sinistra milanese, e al meeting di CL per lo stesso identico motivo.
Davide, come ha dichiarato piu volte, non vota ormai da parecchio tempo e si definisce "così anarchico che mi da fastidio anche quest'etichetta".
Adesso, non è che perchè uno canta in dialetto ed è lombardo deve essere per forza leghista. Addirittura la sua prima band è stata una band punk, con cui è rimasto anche parecchio tempo. E non credo che ci sia qualcosa che è piu lontano di così dalla Lega.
Ci sono troppi pregiudizi in giro su De Sfroos.

un Cauboi - 2011/1/1 - 22:16


Dal giornale la Provincia di Como un aggiornamento sul "mistero" del Bernasconi Davide (van de Sfroos) e la politica:

Gian Piero Testa - 2011/1/19 - 10:10


L'articolo di cui sopra

Sanremo, Van De Sfroos dichiara:
«Io non portabandiera della Lega»
19 gennaio 2011Società e CostumeCommenti (1)
COMO - Van De Sfroos: "Non sono leghista" (Foto by Archive)COMO «La Lega prima mi applaude poi mi attacca perché canterò «Viva l'Italia»? Non è un inno, ma una canzone non del tutto rassicurante, con un testo complicato, a doppio taglio: sono fiero di cantarla e non mi vergogno di sentirmi italiano». Così Davide Van De Sfroos (all'anagrafe Bernasconi), nel cast dei Big del Festival di Sanremo, risponde alle critiche arrivate dal quotidiano della Lega Nord «La Padania», che lo ha attaccato perchè canterà la celebre canzone «Viva l'Italia» di Francesco De Gregori.
Nell'intervista sulle pagine del settimanale «Diva e Donna» in edicola domani, il cantautore comasco, che da sempre riscuote le simpatie del Carroccio, precisa poi: «Non vado a Sanremo come portabandiera di qualcuno, ma solo nel nome della mia musica e delle storie che racconta: suono per tutti e dico no al fanatismo. In Italia vedo cose che mi fanno paura come giochi di poteri e abusi edilizi, ma altre che mi fanno essere fiero di non avere mai pensato di andarmene: l'urgenza oggi si chiama koiné, unione. Basta interessi personali».

DonQuijote82 - 2011/1/19 - 17:55


DonQuijote82 - 2011/1/20 - 17:31


Mi spiace di trovare anche su questo bel sito i soliti luoghi comuni sulla Lombardia e sul nord Italia. Ma chi sarebbero questi "amici e amiconi" leghisti di Van De Sfroos? E riuscireste a dirmi una sua canzone anche solo vagamente pro-leghista?
Ha cantato alle feste leghiste perchè invitato e pagato,così come in tanti altri luoghi (comprese radio di sinistra,come già ricordava qualcuno).
E con ciò? Se un muratore esegue lavori in una sede leghista diventa automaticamente leghista? Perchè la sostanza è quella,fare musica è un'arte ma anche un lavoro con cui uno ci deve campare.
Anche Gigi d'Alessio cantava ai matrimoni dei boss della camorra: è un fatto che si può certamente deplorare,disapprovare,ma che comunque non fà di lui un camorrista.
La verità è una secondo me: la Lega si è interessata a DvdS solo perchè canta in dialetto e scalda il cuore di chi vorrebbe il "lumbàrd" (lingua che esiste solo nella testa di Bossi,visto che in Lombardia esistono almeno 2 parlate completamente diverse e almeno 4-5 dialetti differenti,per la cronaca) insegnato nelle scuole. E siccome per il resto dell'Italia lumbard=lega,il gioco è fatto.Il solito luogo comune appunto.
Saluti
P.F.

Paolo - 2011/2/18 - 01:23


...d'altra parte non è difficile intuire che se è stato cambiato il regolamento di Sanremo (credo nel 2010), lo si è fatto per dare spazio più che ai vernacoli in generale, alle esigenze di visibilità della Lega, trasformando dopo 60 anni, il Festival della Canzone "Italiana", in festival della canzone "Folk"(padana). Chi sa perchè, in passato non si è dato spazio,ad esempio, alla canzone napoletana. La solita zuppa delle regole piegate ai voleri del potere imperante.
Con tutto il rispetto per la canzone dialettale e per i contenuti e i fans di Van De Sfroos.

Raf - 2011/2/20 - 20:29


Mi permetto di corregerti Raf: Nino d'Angelo ha cantato più volte canzoni napoletane a Sanremo (5 volte in totale,4 volte con canzoni quasi completamente in dialetto),prima ancora che il regolamento ufficiale lo permettesse. Anche i veneziani Pitura Freska cantarono una canzone con alcune parole in dialetto veneto,anni fa.

Paolo - 2011/2/20 - 22:23


Si, Paolo, è vero.
Comunque, al di la dell'esempio che ho infelicemente riportato, la sostanza della mia osservazione non cambia. Credo che i casi da te citati, in qualche maniera, siano stati delle eccezioni che confermano la regola.
Tant'è che siamo qua a difendere l'integrità di un Sanremo, del quale, sinceramente, non penso ci interessi poi così tanto.
Tutto sembrerebbe perfetto, se non fosse per quella sottile puzza di "marcio" che si avverte inequivocabilmente, aldilà di quello che vorrebbero far apparire.
La stessa sensazione di nausea l'ho provata con la performance di Benigni, sia chiaro.
Ma forse oggi sono troppo polemico, non so!
Un saluto a tutti

Raf - 2011/2/21 - 01:13


Ma si Raf,in effetti potrebbe anche non essere un caso il cambio di regolamento in senso "federalista" di questi ultimi due anni. A me da semplicemente fastidio che ogni volta che si parla di Davide VdS salti fuori la Lega.
E ripeto,per me i leghisti lo invitavano alle loro feste solo per via del dialetto,se avessero ascoltato davvero certe sue canzoni se ne sarebbero guardati bene!
Soprattutto questa che parla di emigrazione,povertà estrema e sfruttamento.

Paolo - 2011/2/21 - 11:33


Io non so chi ha risposto a Pinco Pazzo ma credo ci sia una precisazione da fare...

Davide, effettivamente non si è mai schierato (nel senso proprio del termine, ovvero, mettersi dalla parte di uno "schieramento") ma un'affermazione pubblica l'ha fatta (riportata dai nostri giornali Valtellinesi e quindi chi ha risposto a Pinco Pazzo, se non di qua, non poteva saperlo) dicendo di Non essere leghista.

Dire di non essere leghisti nelle Provincie di Como-Lecco e soprattutto Sondrio, è vero che non vuol dire schierarsi, ma solo "chiamandosi" fuori dallo schieramento che raggiunge il massimo consenso da noi ha dato prova comunque di menefreghismo verso il pensiero comune... con la lega che viaggia verso il 70% qui, gli sarebbe quasi convenuto schierarsi apertamente.

Per il resto beh... pensando ai racconti dei nonni miei e degli anziani qui in Valmasino devo dire che non potevate azzeccare meglio la sezione inserendola in "minatori
La guerra del lavoro: emigrazione, immigrazione, sfruttamento, schiavitù
"

Ricordo solo le sofferenze dovute alla "puciaca" (mmm, in italiano credo sia la fibrosi polmonare o qualcosa del genere, dovuto comunque alle fibre di carbone inalate) che davano tanta sofferenza nella vecchiaia a persone che già avevano avuto una vita, come dire, non proprio leggera (giusto per non usare parolacce che iniziano con la "m" per descrivere una vita del genere...).

La prima volta che l'ho sentita comunque questa canzone mi ha fatto piangere, sarà stato il riferimento direttissimo alla mia valtellina e quindi a tutti quelli che qui l'hanno vissuta... sarà il pensare alle tante persone che nel 2012 in un mondo che qualcuno considera civile ("Gli antropologi si affannano a cercare l'anello di congiunzione tra la scimmia e l'uomo civilizzato... non hanno ancora capito che siamo NOI") devono morire miseramente travolti da frane nelle miniere o di malattie contratte sul lavoro...

Vabbè, non vi annoio più.

Grazie di averla inserita, un saluto!

Luca Z. - 2012/5/16 - 11:57


Buonasera se è sera buongiorno se è giorno;
cercando degli approfondimenti sulla bellissima canzone "Il minatore di Frontale" di Davide mi viene in mente di consultare anche questo sito (che frequento saltuariamente e che ritengo abbastanza interessante) e dopo aver letto tutte le parti relative al testo della stessa canzone mi imbatto nel forum con i commenti di tutti e, come prima cosa, leggo le parole scritte da PINCO PAZZO datate 02-06-2011 e relativa risposta, cioè questa:

Vedi, caro "Pinco Pazzo" (che fa un'ovvia rima con testa di cazzo, cioè quello che sei), se tu ti fossi premurato, prima di pigliare la tastiera e scrivere idiozie in tutte maiuscole da buon analfabeta che non sa manco scrivere correttamente il nome del suo "beniamino", di guardare in quale "percorso" o categoria è inserita in questa canzone, ti saresti accorto che tale percorso si chiama "L'emigrazione e la guerra del lavoro". Perché è una canzone che parla, toh, di lavoro e di un lavoratore. Perché in questo sito abbiamo inserito canzoni del genere non stiamo nemmeno a spiegartelo, saresti troppo demente per capirlo; ci limitiamo a suggerirti di andare alla lavagnetta e scrivere per 100 volte "VAN DE SFROOS...VAN DE SFROOS...VAN DE SFROOS...", così magari almeno impari a scriverlo, ovviamente in maiuscole. Quanto al "non schierarsi" del buon Bernasconi, è una cosa ben nota. Schierandosi coi suoi numerosissimi amichetti & amiconi leghisti si inimicherebbe chi leghista non è, e schierandosi con chi leghista non è si inimicherebbe i suoi numerosi amichetti & amiconi "patani". Come dire: meglio tenersi buoni tutti quanti, che poi s'ha da campà'... [RV]

In riferimento a questa risposta dirò due paroline:
per quanto concordo sul fatto che PINCO PAZZO abbia fatto delle affermazioni erronee, redatte in maniera avventata e poco brillante, voglio enunciare tutta la mia indignazione all'autore del testo della risposta che è stata data a P. PAZZO.
Per quanto le affermazioni da lui pubblicate siano imprecise non esiste motivo alcuno che giustifichi l'aggressività, gli insulti e l'umiliazione di cui P.PAZZO è stato vittima.
L'aridità culturale, la prepotenza e la presunzione proprie della persona che ha scritto la risposta sono aberranti!!
Se sapessi che sei una persona che si può permettere il lusso di provare vergogna ti direi di vergognarti, ma credo sia un sentimento al quale, momentaneamente, puoi solo ambire!
Le persone scrivono le proprie idee e le proprie impressioni anche per cercare di crescere ed arricchirsi, allargando le proprie conoscenze ed i propri orizzonti; ed anche nel caso in cui non scrivano con questo intento non è corretto maltrattarle in questo modo.
Persone "del tuo rango" rovinano la crescita perchè tendono a vessare ed escludere chi ritengono "inferiore" (è solo l'idea che una persona si possa ritenere migliore di un altra la dice lunga in merito alla sua bassezza etica e morale).
Ti consiglio di ascoltarne un ricco archivio di canzoni "antiwars" perchè attualmente hai in te tutte le peculiarità tipiche di un dittatore, di agente SS, di un boia...
Se ritieni che una persona abbia sbagliato è bene che sia corretta ed eventualmente aiutata, non vessata!
Se ritieni di avere una cultura superiore rispetto alla sua ti faccio preghiera di capire che non tutti hanno le stesse possibilità, purtroppo! Magari tu hai avuto la fortuna di poter studiare molto e l'altro magari ha sempre avuto il problema di trovare dei pochi soldi per mangiare...e bada bene....non sto dicendo che la situazione sia questa, sto solo facendo un esempio che possa farti recepire l'ideologia!
Comunque, visto che offendi P.PAZZO dicendogli che:
- è una testa di cazzo
- scrive idiozie
- è analfabeta
- è demente
- dovrebbe scrivere alla lavagnetta 100 volte IN MAIUSCOLO il nome "del buon Bernasconi" per impararlo

e visto che ti ritieni evidentemente ed indiscutibilmente più erudito di lui, tengo a farti notare qualche "leggero" errore che hai commesso nel trascrivere i tuoi pensieri:

1- "se tu ti fossi premurato": tu ti è un espressione errata, infatti è una ridondante ripetizione; avresti dovuto scrivere qualcosa come "se ti fossi premurato"
2- "in tutte maiuscole": è un espressione errata, ti esorto, per le tue prossime scritture ad usare espressioni come "tutte in maiuscolo" (o posso suggerirne altre se questa non ti aggrada)
3- "in quale percorso o categoria è inserita in questa canzone" è un espressione errata, quello che volevi far recepire al buon P.PAZZO era: in quale percorso o categoria è inserita questa canzone.
4- "ovviamente in maiuscole" è un espressione errata, avresti dovuto scrivere "ovviamente in maiuscolo".
5- i numeri nei testi scritti si scrivono in parola non in numero come hai fatto tu quando hai suggerito le "100 volte VAN DE SFROOS"

......probabilmente, quando la maestra spiegava alcuni argomenti, tu non eri in classe!
Comunque non voglio offenderti come hai fatto tu con P.PAZZO, anzi, se hai bisogno aiuto posso consigliarti dei bravi insegnanti....fammi sapere!
Attendo con fervore una tua risposta e consiglio l'ascolto di questa canzone:
http://www.youtube.com/watch?v=nrMrngMxeBU

Alla prossima.

Simone

85_Simo_85 - 2014/3/22 - 02:42


Come potrà osservare "85_simo_85", il suo commento è stato approvato da me stesso "pirsonalmente di persona", come dice Catarella. Sarò un boia e un SS, ma non sono abituato a censurare nulla, neppure ciò che mi riguarda. Per il resto, però, "85_Simo_85" avrà da aspettare un bel po' per la "mia risposta", e può tranquillamente riporre il suo fervore o utilizzarlo altrove, dato che risposte da me non ne avrà ma solo una sovrana e ostentata indifferenza. Poi, se vorrà, la potrà interpretare come più gli aggrada; padronissimo. Ma mi sono totalmente staccato dal meccanismo delle "flames" e delle diatribe internettare. Potrà anche giudicare (meccanismo assai diffuso) che "non ho risposte" o "argomentazioni"; va bene. Si vede che in un dato frangente, il 7 maggio 2008, ho ritenuto di rispondere in un dato modo; chissà, forse l'8 maggio 2008 avrei risposto in un altro e il 9 maggio in un altro ancora. Il 22 marzo 2014 mi va invece di rispondere così, anzi di non rispondere. Mi scuso adesso, che ho da prepararmi per l'esecuzione a fil di scure di quattro fan di Van De Sfroos (ai quali offrirò una presa di tabacco, come faceva il mio idolo Mastro Titta), e poi mi aspetta il Führer alla Tana del Lupo per conferire. Saluti soavissimi.

PS. Per quel che mi riguarda vorrei ribadire che ho detto tutto ciò che avevo da dire, e che contro i fervori consiglio una efficace compressa di Maalox.

Riccardo Sanson Himmler Venturi - 2014/3/22 - 18:24


Accidenti, sono meravigliato di vedere che le mie parole sono state pubblicate!!.....non me lo aspettavo proprio, magnifico!

Quanto alla Sua risposta....Le faccio una carezza di compassione.
Buona giornata Riccardo Sanson Himmler Venturi.


Simone Cesari

Simone Cesari - 2014/3/24 - 12:03


Penso che il signor Simone Cesari abbia molto tempo da perdere.
Penso che il signor RV - cofondatore e anche fin troppo paziente e corretto amministratore di questo bel sito - avesse, nel caso specifico, semplicemente risposto per le rime ad uno qualunque di passaggio che urlava e strepitava alludendo a presunte imperdonabili cazzate commesse...
Purtroppo il WEB ed il mondo sono pieni di Pinchi Pazzi e di Simoni Cesari che ritengono di irrompere improvvisamente in casa d'altri urlando ovvero atteggiandosi a seminaristi o maestrine e poi si stupiscono se ricevono schiaffoni o, nella migliore delle ipotesi, ostentata indifferenza...
Chissà quanti e quali importanti contributi a questo sito hanno apportato finora Pinco Pazzo e Simone Cesari!?!
Io credo, nemmeno uno, a parte la gratuita, inutile e fastidiosa cacca sul marciapiede che hanno lasciato...
Altrimenti il signor Simone Cesari si sarebbe almeno accorto che Radici della violenza, il brano del Sud Sound System da lui citato, è presente sulla CCG dal 2010.

Bernart Bartleby - 2014/3/24 - 13:16


Direi che il sig. Cesari Simone sia decisamente qualcosa di più di un semplice seminarista: distribuisce carezze, come Papa Giovanni. Stasera, quando tornerò a casa, darò una carezza a mio figlio e gli diro: Questa è una carezza di papa Simone. Ah, mannaggia, non ho figli, dimenticavo. Con questo concludo, da neutrale osservatore.

Riccardo Venturi l'Accarezzato - 2014/3/24 - 14:56


Se tra i nostri collaboratori ci fosse un bravo e volonteroso psicanalista, si potrebbero affidare a lui i commenti di quei visitatori che, data un'occhiata passeggera, subito danno in escandescenze e perdono le bave. Il bravo strizzacervelli potrebbe dedurre dai loro scritti qualche ipotesi sui principali nodi dei loro subconsci e aiutarli a prendere coscienza dei disturbi delle loro personalità. Oltre agli incontestabili meriti culturali già accumulati, CCG si potrebbe fregiare anche di quello della solidarietà umana fatta di buone azioni utili e concrete e non solo di canzonette tanto spesso spietate e sanguinarie; e i suoi amministratori risalirebbero qualche gradino della scala che - spiace dirlo - inesorabilmente li sta conducendo giù giù nell'inferno.

Gian Piero Testa - 2014/3/24 - 15:48


Davvero eloquente la constatazione della risposta da colui che diceva: ".....risposte da me non ne avrà ma solo una sovrana e ostentata indifferenza" ......" mi sono totalmente staccato dal meccanismo delle "flames" e delle diatribe internettare."

Inoltre è mio desiderio puntualizzare che il brano "Radici della violenza" dei Sud Sound System so benissimo esser presente nel Vs. archivio (in quanto l'ho verificato prima di inserirne il link nel testo); pubblicare il testo di una canzone non equivale ad averne compreso e fatto proprio il suo contenuto, pertanto....ascoltatela.

Saluto caramente anche gli amici e/o altri amministratori di questo sito che, da veri compagni, hanno avuto la repentina iniziativa di prendere le difese del "fin troppo paziente" Riccardo Venturi (o magari mi sbaglio, nel senso che è il signor Venturi stesso che risponde sotto falso nome...mha?!).....ovviamente mi riferisco ai Sigg.ri Bernart Bartleby e Gian Piero Testa.
Dopo quasi un anno di inattività di questo forum è strano tanto interessamento proprio ora....che coincidenze...

Concludo facendo tre considerazioni:
1- il signor Venturi ha ritenuto la soluzione dell' "ostentata indifferenza" essere la migliore risposta; se invece volesse ascoltare gli spunti del signor Bartleby sappia che non vedo l'ora di ricevere gli schiaffoni di cui parla (se non Vi fosse chiaro il significato di questa risposta: vuol dire che sono pronto ad ascoltare le parole che il Sig. Venturi ha da riservarmi, le stesse che costituirebbero lo schiaffone).

2- è proprio comico che paragoniate un sito internet ed un forum ad uno spazio privato. (si veda il commento del signor Bartleby del 24-03-2014 delle h 13:16). :-)

3- prendo spunto da una delle Vs. affermazioni per invitarVi ad organizzare un reale seminario in cui, oltre alle discussioni cui probabilmente siete soliti, si potrà dar spazio anche al dibattito relativo a questa vicissitudine. Se di Vs. gradimento mi impegno sin d'ora a partecipare ed esprimere i miei punti di vista in prima persona (sia a Voi che ad un eventuale pubblico)....da vero seminarista.

Simone Cesari - 2014/3/24 - 20:31


Scusami Riccardo, non sono ancora esperto come te di "troll" vari e perditempo. Avrei anch'io dovuto soavamente astenermi anzichè farmi i cazzi tuoi e così alimentare l'aria fritta dell'inutile sig. Simone Cesari.
Abbiamo altro da fare, dico bene?
Sbagliando, s'impara. Sorry.
Saluti

Bernart Bartleby - 2014/3/24 - 21:32


Cazzo, ci ha scoperti! Siamo le tre epifanie di re Riccardo V e pensavamo che nessuno lo capisse. D'ora in poi dobbiamo farci chiamare Trinità. O Trimurti, a piacere.

Gian Piero Testa - 2014/3/24 - 22:04


Tranquillo, Bartleby, non è davvero un problema. Anzi, ora che sono diventato addirittura uno e trino (resta solo da decidere chi fra me, te e Giampiero deve fare Dio, chi Gesù e chi lo Spirito Santo), dovrò occuparmi di cose più consone, come ad esempio pensare a me stesso pensante. PS Vi chiederei comunque di non farmi fare lo Spirito Santo, quel ragazzo mi sembra un po' sfigato e inoltre, come dice la famosa barzelletta, assomiglia a un salamino (se non la sapete ve la racconto)...

Riccardo Testa Bartleby Venturi - 2014/3/24 - 22:08


La (pseudo)conversazione continua nel modo in cui è iniziata:
io parlo di cose concrete e mi si risponde con affermazioni che non hanno coerenza (l'aria fritta che cita il sig. B.Bartleby) rispetto agli argomenti da me trattati; cose inventate, tentativi di fare ironia.

All'inutile signor Bartleby: dice di avere altro da fare ma non ho fatto in tempo ad inviare il commento delle 20:31 ed alle 22:08 avevo già le Vs. tre (non)considerazioni.
Dice a me "troll"....le cause possono essere due: non conosce il significato di questo termine oppure ha una gran faccia tosta.

Al signor Riccardo Venturi (fedele al Suo proposito di "ostentata indifferenza"):
- aspetto ancora la risposta al mio intervento del 22/03/2014
- aspetto ancora la risposta alla proposta di organizzare un seminario in cui discutere questo argomento con la presenza di un pubblico.

Simone Cesari - 2014/3/24 - 23:05


Riccardo, questa te la sussurro sedendo alla tua destra. Perché pensi che sia un ragazzo? io credo che sia l'immortale prof. Aristogitone, quello di Alto Gradimento di Arbore e Buoncopagni, che smascherava i suoi studenti, tutti delinquenti, di cui conosceva i trucchi e gl'inganni: amico caro..., amico caro...quarant'anni tra queste mura...Tu hai fatto in tempo ad ascoltarlo? Sono passati tanti anni, ma eccolo ancora qui, con il lapis rosso e blu. Domani t'interroga.

Gian Piero Testa - 2014/3/25 - 09:05


Questa sarebbe l’oppignone mia: De dije a sto simpaticone: Pussa Via!

krzyś - 2014/3/25 - 17:02


Salve,

ecco il testo con la corretta punteggiatura e qualche correzione. In particolare, a mio avviso, non è "in tasca alla montagna", ma "in tasca la montagna", altrimenti non avrebbe senso. (Benché ci sia un rafforzamento fonosintattico dettato dalla musica che può ingannare (in tascallamontagna), non è "alla", ma "la".

(correzione accolta nel testo)

Davide - 2014/12/23 - 01:26



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org