Language   

Sólo le pido a Dios

León Gieco
Language: Spanish

List of versions

Watch Video

1. León Gieco, slideshow. Con una bella versione accompagnata dal bandoneón.



More videos...


Related Songs

Sheepfarming in the Falklands
(Crass)
La historia esta
(León Gieco)
El arrepentido
(León Gieco)


basic
leogitag
[1978]
Letra y música: León Gieco
Parole e musica: León Gieco
Lyrics and music: León Gieco
Paroles et musique: León Gieco
Vortoj kaj muziko: León Gieco
Album: Album IV




Si crede generalmente che León Gieco, uno dei più popolari cantautori argentini, abbia scritto la canzone “Sólo le pido a Dios” riguardo alla guerra delle Malvinas-Falkland, l'inutile strage di giovani vite che costò all'Argentina (e alla Gran Bretagna) quella guerra. La guerra è però del 1982, mentre la canzone è di quattro anni prima. Fu però effettivamente con la guerra delle Malvinas-Falkland e con la fine della sanguinaria dittatura militare che la sua popolarità divenne immensa, un vero e proprio inno che segnò quei tragici momenti della storia argentina.

Il brano fu poi reso noto in tutto il mondo da Mercedes Sosa, cantautrice ed interprete anch’essa argentina, definita “la voz de America”, durante l’esilio nei paesi europei impostogli dal regime che governava il suo paese.

La canzone fu scritta pensando al pericolo imminente di una guerra, non quella delle isole Malvine ma quella tra l'Argentina e il Cile per la disputa sulle isole Picton, Lennox e Nueva nel Canale di Beagle.
Papa Wojtyla dovette mediare tra i due dittatori, Videla e Pinochet, per fermare un conflitto armato proprio nel 1978.
I motivi di contrasto tra i due paesi sudamericani per il possesso delle isole cessò solo nel 1984 quando fu firmato il Trattato di pace e amicizia.

"Solo le pido a Dios" fu censurata nel '78 dal governo militare ma poi dichiarata nell'82, sempre dallo stesso governo, "canzone di interesse nazionale per la pace".
Il fatto che i militari avessero tirato fuori la sua canzone quando faceva comodo e si fossero serviti di lui e delle sue parole diede tanto fastidio a León che per alcuni anni, si rifiutò di cantarla. Non voleva avere niente a che fare con quel governo nè tantomeno con dei lupi travestiti di agnelli. Queste sono le sue parole:

"la canción había estado prohibida y después los mismos militares asesinos la declararon de interés nacional por la paz, en 1982. Era algo repugnante. La verdad es que a mí me dió mucha vergüenza y estuve tres años sin cantar. Me ofrecián mucha plata por cantarla en todos los recitales, pero preferí no especular y me retiré de escena hasta el '85, cuando me puse a hacer el trabajo De Ushuaia a La Quiaca."

"La canzone era stata proibita e dopo gli stessi militari assassini la dichiararono di interesse nazionale per la pace, nel 1982. Era qualcosa di ripugnante. La verità è che provai molta vergogna e stetti tre anni senza cantare. Mi offrivano molti soldi per cantarla in tutti i recital, ma ho preferito non speculare e mi ritirai dalla scena fino al 1985, quando mi misi a lavorare all'album 'De Ushuaia a La Quiaca'."


grazie a Marcia Rosati per la seconda parte di questa introduzione


Mercedes Sosa, Víctor Heredia, León Gieco e Teresa Parodi. Esecuzione dal vivo di Sólo le pido a Dios. Buenos Aires, 18 dicembre 1990. Live performing of Sólo le pido a Dios. Buenos Aires, December 18, 1990.
Mercedes Sosa, Víctor Heredia, León Gieco e Teresa Parodi. Esecuzione dal vivo di Sólo le pido a Dios. Buenos Aires, 18 dicembre 1990. Live performing of Sólo le pido a Dios. Buenos Aires, December 18, 1990.


Mercedes Sosa stessa ha commentato così questo brano in un'intervista:

Sólo le pido a Dios, de León Gieco, es la canción que nunca pasará de moda; es un tema de siempre y para siempre, y un éxito internacional con una letra que todos debemos tener muy presente, sobre todo cuando dice: sólo le pido a Dios que la guerra no me sea indiferente.
En las guerras todo el mundo pierde. Qué ha ocurrido en la de Las Malvinas, en Vietnam, en Irak? En cualquier conflicto no hay ni vencedores, ni vencidos; todos pierden.


Sólo le pido a Dios, di León Gieco, è la canzone che non passerà mai di moda: è un tema di sempre e per sempre e un successo internazionale con parole che dobbiamo tutti tenere molto presenti, soprattutto quando dicono: solamente chiedo a Dio che la guerra non mi sia indifferente.
Nelle guerre tutti perdono. Cosa è successo nella guerra delle Malvine, in Vietnam, in Iraq? In tutti i conflitti non ci sono vincitori né vinti; tutti perdono


E León Gieco dice:

Creo que Dios está en la gente... a dios lo elaboramos entre todos nosotros... por eso el tema SOLO LE PIDO A DIOS es un solo le pido a la gente... que no nos sea indiferente la guerra, que no nos sea indiferente la gente que tiene que huir de los paises latinoamericanos por las represiones militares... le pido a dios o a la gente que la vida no me sea indiferente... le pido de agradecerle por el canto... de ser yo el nombrado para cantar las cosas que el que cantar no quiere o no puede...

Credo che dio sia nella gente... dio lo inventiamo tra tutti noi... per questo la canzone "Solamente chiedo a Dio" sta a significare solamente chiedo alla gente... che non ci sia indifferente la guerra, che non ci sia indifferente la gente che deve andarsene dai paesi latinoamericani per la repressione militare... chiedo a dio o alla gente che la vita non mi sia indifferente.... chiedo di ringraziarlo per il canto... di essere io quello nominato a cantare le cose che lui non vuole o non può cantare..


Per ulteriori informazioni sulla guerra della Falklands/Malvine, si veda l'introduzione a Sheepfarming in the Falklands.

For further information on Falklands war see the introduction to Sheepfarming in the Falklands.

Spiegazione di alcuni riferimenti
di Marcia Rosati

"desahuciado está el que tiene que marchar, a vivir una cultura diferente" si riferisce all'esilio forzato che ha dovuto affrontare la sua amica Mercedes Sosa durante la dittattura militare

"que el engaño no me sea indiferente/ si un traidor puede más que unos cuantos, que esos cuantos no lo olviden fácilmente" si riferisce alla decisione presa da Perón, appena tornato dalla Spagna, di allearsi con la destra di Lopez Rega.


Tiziano Terzani.
Tiziano Terzani.
L'indifferenza è la più grande malattia del nostro tempo. Questo cinismo con cui siamo abituati a crescere. Ma non è tutta colpa nostra. Ti devi alzare alle 7, prendi il caffè di corsa, alle 8 prendi l'autobus, timbri il cartellino alle 9, poi c'è il lavoro, il figlio da riprendere a scuola, la cena da preparare. Poi ti guardi i tg che parlano di massacri in Ruanda, dei morti a Baghdad. E si diventa indifferenti. Non abbiamo più il coraggio di uscire per strada e urlare: "Senza di me!"

(Tiziano Terzani, intervista a Controradio, 19 aprile 2004)

Ascolta questo frammento (formato Ogg Vorbis, 585K)

Indifference is the most serious disease of our time. This cynicism we are now used to grow with. But it is not all our fault. You have to get up at seven, you drink your coffee in haste, at eight you take your bus, you start working at nine, then a whole working day, you have to take your children home from school and to prepare dinner. Then you watch the TV news reporting mass murders in Rwanda, bomb attacks in Baghdad. And you become indifferent. We have no more courage to get out and cry : « Without me ! »

Tiziano Terzani
Sólo le pido a Dios
que el dolor no me sea indiferente,
que la reseca muerte no me encuentre
vacío y solo sin haber hecho lo suficiente.

Sólo le pido a Dios
que lo injusto no me sea indiferente,
que no me abofeteen la otra mejilla
después que una garra me arañó esta suerte.

Sólo le pido a Dios
que la guerra no me sea indiferente,
es un monstruo grande y pisa fuerte
toda la pobre inocencia de la gente.

Sólo le pido a Dios
que el engaño no me sea indiferente
si un traidor puede más que unos cuantos,
que esos cuantos no lo olviden fácilmente.

Sólo le pido a Dios
que el futuro no me sea indiferente,
desahuciado está el que tiene que marchar
a vivir una cultura diferente.

Sólo le pido a Dios,
que la guerra no me sea indiferente
es un monstruo grande y pisa fuerte
toda la pobre inocencia de la gente.

Contributed by Davide


Nota: nelle versioni interpretate da Mercedes Sosa, gli aggettivi sono riportati al femminile. Ad esempio "vacía y sola" al posto di "vacío y solo".

Riccardo Venturi - 2006/1/12 - 15:38




Language: Italian

ITALIANO/ITALIAN/ITALIANO [1]


Versione italiana di Claudio Cormio.
Roma, aprile 1995.
Inviata personalmente dall'autore, che ringraziamo nel modo che potrà facilmente immaginare...

Italian version by Claudio Cormio.
Rome, April 1995.
This version was personally sent by the author. We thank him in a way he can easily imagine...

Versión italiana de Claudio Cormio.
Roma, abril 1995.
Esta versión fue enviada personalmente por el autor, a quien queremos decirle gracias en una manera que puede facilmente imaginar...
SOLO IO CHIEDERO'

Solo io chiederò
che la guerra non mi lasci indifferente
è un mostro grande e si divora
la povera innocenza della gente

Solo io chiederò
che il dolore non mi lasci indifferente
e che la Porca Morte non m'incontri
prima che queste parole siano spente

Solo io chiederò
l'ingiustizia non mi lasci indifferente
non voglio mai più porger l'altra guancia
ed il cielo non ci ha mai donato niente

Solo io chiederò
che la rabbia non mi esca dalla mente
che chi è poi un bastardo non m'incanti
col sorriso che nasconde il niente

Solo io chiederò
che il passato non sia mai dimenticato
e non si cancelli la memoria
dell'arroganza che ci ha sempre calpestato

E ancora chiederò
che il futuro non mi trovi diffidente
c'è ancora tanto da inventare
per costruire una cultura differente

c'è ancora tanto da inventare
per costruire una cultura differente

Contributed by Riccardo Venturi - 2006/5/17 - 00:15




Language: Italian

ITALIANO / ITALIAN / ITALIANO [2]

Versione italiana (letterale) di Lorenzo Masetti.
A word-for-word Italian translation by Lorenzo Masetti.
Versión italiana literal por Lorenzo Masetti.
SOLAMENTE CHIEDO A DIO

Solamente chiedo a Dio
che il dolore non mi sia indifferente
che la morte secca non mi trovi
vuoto e solo, senza aver fatto abbastanza.

Solamente chiedo a Dio,
che l'ingiustizia non mi sia indifferente
che non mi schiaffeggino l'altra guancia
dopo che un artiglio graffiò il mio destino

Solamente chiedo a Dio
che la guerra non mi sia indifferente
è un mostro grande e calpesta ferocemente
tutta la povera innocenza della gente

Solamente chiedo a Dio
che l'inganno non mi sia indifferente
Se un traditore può più che alcuni,
che questi non lo dimentichino facilmente.

Solamente chiedo a Dio
che il futuro non mi sia indifferente
Sfortunato è colui che deve andarsene
a vivere una cultura diversa.

Solamente chiedo a Dio
che la guerra non mi sia indifferente
è un mostro grande e calpesta ferocemente
tutta la povera innocenza della gente

2005/1/8 - 15:20




Language: Italian

ITALIANO / ITALIAN / ITALIANO [3]

Versione italiana cantabile e in rima di Riccardo Venturi
12 gennaio 2006
Italian (singable) version by Riccardo Venturi
January 12, 2006
Versión italiana (cantable y en rima) por Riccardo Venturi
12 enero 2006


In previsione dell'inserimento di questa straordinaria canzone tra quelle fondamentali, cosa che senz'altro merita, ho preparato la seguente versione cantabile e in rima che, nello spirito di questo sito, potrà essere utilizzata liberamente da chiunque, per una versione italiana in musica. Il testo è stato ovviamente adattato in alcuni punti, mantenendo però i punti focali dell'originale.
La traduzione è dedicata a Mercedes Sosa, e lascio per questo gli aggettivi al femminile.
SOLO DOMANDO A DIO

Solo domando a Dio
che il dolore non mi dia indifferenza,
e che la Carogna non m’incontri
svuotata e sola, senza aver fatto a sufficienza

Solo domando a Dio
che l'ingiustizia non mi dia indifferenza,
e certo io non porgo l’altra guancia
quando un artiglio mi ha lacerato l’esistenza

Solo domando a Dio
che la guerra non mi dia indifferenza,
è un mostro feroce che calpesta
tutta la gente e la sua povera innocenza

Solo domando a Dio
che l'inganno non mi dia indifferenza,
se un traditore può più di tanti e tanti
che questi tanti ne abbiano sempre coscienza

Solo domando a Dio
che il futuro non mi dia indifferenza,
sventurato è chi deve esiliarsi
patendo altrove gli effetti della differenza

Solo domando a Dio
che la guerra non mi dia indifferenza,
è un mostro feroce che calpesta
tutta la gente e la sua povera innocenza.

2006/1/12 - 12:00




Language: Italian

ITALIANO / ITALIAN / ITALIANO [4]

Versione cantabile in italiano di Andrea Buriani

SOLO A DIO CHIEDERO'

Solo a Dio chiederò
che il dolore non mi sia indifferente,
che un'improvvisa morte non mi incontri
con il bilancio della mia vita insufficiente.

Solo a Dio chiederò
che l'ingiusto non mi sia indifferente,
ch'io non porga ancor l'altra mia guancia
dacchè la vita mi fu artigliata ingiustamente.

Solo a Dio chiederò
che la guerra non mi sia indifferente,
lei è un mostro grande e cresce forte
sulla povera innocenza della gente.
Lei è un mostro grande e cresce forte
sulla povera innocenza della gente.

Solo a Dio chiederò
che l'inganno non mi sia indifferente,
se chi tradisce ha poter più della gente
che la gente non lo dimentichi facilmente.

Solo a Dio chiederò
che il futuro non mi sia indifferente,
sventurato è chi non può che emigrare
per trovare una cultura differente.

Solo a Dio chiederò
che la guerra non mi sia indifferente,
lei è un mostro grande e cresce forte
sulla povera innocenza della gente.
Lei è un mostro grande e cresce forte
sulla povera innocenza della gente.

Contributed by Andrea BURIANI - 2009/12/8 - 11:26




Language: Italian

ITALIANO / ITALIAN / ITALIANO [5]

Versione italiana (solo di una strofa) cantata da Ginevra Di Marco

La rubia canta la negra


Ginevra Di Marco, Francesco Magnelli e Andrea Salvadori stanno preparando il disco "La rubia canta la negra" (finanziato in crowdfunding) interamente dedicato a canzoni di Mercedes Sosa. Nel disco la canzone viene interpretata in spagnolo ma si chiude con la traduzione italiana di questa strofa.
Sólo le pido a Dios
che la guerra non mi sia indifferente
è un mostro grande e picchia forte
sulla povera innocenza della gente

2017/1/9 - 22:34




Language: English

INGLESE / ENGLISH / INGLÉS

English version by Luis Prada
Versione inglese di Luis Prada
Versión inglés por Luis Prada
I ONLY ASK GOD

I only ask God
may I not be indifferent to suffering,
may the skinny death not find me
empty and lonely w