Language   

La Bergoglieide

Giovanni Bartolomei
Language: Italian (Toscano)


Related Songs

Julio Lopez que aparezca con vida
(Anonymous)
Cambalache
(Enrique Santos Discépolo)
Ni Dieu ni Maître
(Léo Ferré)


(2013)
Parodia di Giovanni Bartolomei da Prato
da cantarsi sull’aria de “La Badoglieide” di Nuto Revelli

Andrea Fantacci alla chitarra
Jamie Marie Lazzara al violino



Scritta all'indomani della fumata bianca in Vaticano,
registrata al volo e messa in rete alla vigilia dell'arrivo del papa a Prato.
O Bergoglio, o papa Bergoglio,
successore d’i’ papa tedesco
tu ‘n’ha’ voglia a chiamatti Francesco
anche te ha’ bell’e rotto e’ coglion.

Te t’ha’ a di’ “Farei”,
t’ha’ a ridi’ “Farei”,
te t’ha’ a di’, t’ha’ a ridi’,
ribadi’ “Farei”.
Tu l’ha’ detto. Si, si!
Che l’ha’ fatto? No, no!
I quattrini enno ancora allo IOR.

Ti rammenti a Massera pidduista
e a Videla stringevi la mano?
Ma co’ la “Pasta del Vaticano”
ti fan bianco, più bianco ‘un si po’.

Ti rammenti n’i’ ‘79
tu chiaristi la tua opinione:
“Teologia della Liberazione?
Ma vo’ mette’ co’ la tradizion”.

Ti rammenti i desaparecidos
e le nonne di Plaza de Mayo?
Te dovei denuncia’ qui’ porcaio
ma indo’ t’eri nessuno lo sa.

Ti rammenti Horacio Verbitsky
e la storia de’ preti rapiti?
Come te gli eran du’ gesuiti,
lui t’accusa della delazion.

E se a casa tu vai ‘n autobùsse
e ti friggi da te i sofficini,
quella che ti fa schifo e’ quattrini
si rammenta alla prima occasion.

L’occasione alla fin l’è arrivata.
L’è arrivata qui’ dì di febbraio.
Benedetto rinuncia. Che guaio!
Anche i’ papa ora fa i’ disertor.

I cardinali son stati serrati
n’i’ conclave, no mia ‘n galera,
e lo Spirito Santo, se c’era,
lui dormiva in barba a i’ padron.

Se di porpora son tutti rossi
sotto portan vestiti borghesi.
‘Un potéan mia sta’ lì pe’ du’ mesi.
Qualchedun si poteva ammazza’.

Pe’ vede’ di sorti’ dagli impacci
a tressette si gioconno i’ trono
ma Bergoglio gli avea gioco bòno:
una napoletana a baston.

I credenti tu gli hai buggerati,
chi volea novità gli sta fresco.
Ti se’ fatto chiamare Francesco
Ma spogliassi? “Ora vedo. Più ‘n qua”.

Ti ricordi la fuga ingloriosa
di Razinga co’ i’ su fidanzato.
Andreotti dicea gli è peccato
pensà male, ma poi ci si dà.

Su i’ crepare i preti in Italia
e i’ trombare ‘un ci lascian tranquilli
perché trovano tanti imbecilli
che gli seguano senza fiata’.

Degli averi i’ re ‘un s’è spogliato.
Populista di destra e ruffiano.
Caro papa, se’ un gran ciarlatano
che Francesco vol di’ povertà.

Se Razinga avea rotto le palle
te Bergoglio hai già rotto i coglioni.
Lascia perde’ gli aborti e gli embrioni
che l’Italia ci pensa da sé.

Te t’ha’ a di’ “Farei”,
t’ha’ a ridi’ “Farei”,
te t’ha’ a di’, t’ha’ a ridi’,
ribadi’ “Farei”.
Tu l’ha’ detto. Si, si!
Che l’ha’ fatto? No, no!
I quattrini enno ancora allo IOR.

2021/11/23 - 23:47



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org