Language   

Agata

Davide Van De Sfroos
Language: Italian (Lombardo "Laghèe")

List of versions


Related Songs

Davide Van De Sfroos: La balàda del Genesio
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Anna
(Davide Van De Sfroos)


2021
Maader Folk
maader Folk

Agata, quasi un pezzo alla De Gregori, pianistico, toccante e piena di sentimento, dedicato alle donne della Grande guerra, ma anche alle donne di tutti i tempi che hanno sopportato su di sé il peso del mondo.
“Ed erano donne prima del tempo, erano figlie ed erano mamme con un mattone fatto di sapone da sfregare forte per lavare i panni E hanno portato sulle spalle il fieno e poi i figli e le fascine di legno e hanno portato sotto il grembiule quello che sulle spalle non ci stava più e hanno taciuto e hanno aspettato che qualcuno tornasse indietro con la divisa o una valigia o anche senza più niente con sé
I eren donn prema del temp
I eren tusane, i eren mamm
Cun scià un matun faa de saun
De sfrega' fort per lava' i pagn
E i han purtaa sui spal el fe'
E pœ i fiœ', i fassen de legn
E i han purtaa suta i scusaa
Quel che sœi spall ghe stava piœ
E i han tasü e i han specciaa
Che quaivedœn turnass endré
Cun la divisa o una valisa
O anca cun piœ scià nagott
E i han pregaa fin a strepa'
Fœ tücc i ciò de la Sua cruus
"Fa che quel omm che turna a ca'
Sia amò quel omm che un dé l'è naa"

Ti scrivo da un posto che forse non c'è
E piango guardando le mille persone che non sono te
Talmente lontano che sbiadirà l'inchiostro
E anche 'sta foto con sopra una faccia che non sa chi è
La solita faccia, la solita bocca
Che si chiede perché non è lì con te
Non piangere Agata e guarda la valle
Vedrai che ritorno con questa distanza dietro le spalle
Aspettami Agata, la lettera è l'ultima
Il prossimo bacio che io scriverò sarà su di te

E basta bastiment
Che taien de mezz tütt el mund
E senti el sentiment
Che supresserà tücc i uncc
E pœ farò un falò
Brüserò questi letter de lacrim
E pœ dennanz al fœgh
I to œcc sügherann in un attim

E i eren donn, cüsiven el temp
I eren tusane, i eren mamm
E i eren stracch, e i eren stüff
De tegni' 'l cœr sœi tacapagn
E i eren lé tücc ne la vall
Implutunaa cume suldaa
Prunt a spara' i so œcc luntan
Per na' cerca' chi eren specciaa
E i han tasü e i han vedü
Che quaivedœn turnava endré
Cun la divisa o una valisa
O anca cun piœ scià nagott
Cun la divisa o una valisa
O anca cun piœ scià nagott

Contributed by Dq82 - 2021/9/29 - 17:07



Language: Italian

Traduzione in italiano da genius.com
Erano donne prima del tempo
Erano ragazze, erano mamme
Con un mattone fatto di sapone
Da sfregare forte per lavare i panni
E hanno portato sulle spalle il fieno
E poi i figli, e le fascine di legna
E hanno portato sotto i grembiuli
Quello che sulle spalle non ci stava più
E hanno taciuto e hanno aspettato
Che qualcheduno tornasse indietro
Con la divisa o una valigia
O anche senza più nulla appresso
E hanno pregato fino a strappare
Fuori tutti i chiodi dalla Sua croce
“Fa' che quell'uomo che torna a casa
Sia ancora quello che un giorno è andato”

Ti scrivo da un posto che forse non c'è
E piango guardando le mille persone che non sono te
Talmente lontano che sbiadirà l'inchiostro
E anche 'sta foto con sopra una faccia che non sa chi è
La solita faccia, la solita bocca
Che si chiede perché non è lì con te
Non piangere Agata e guarda la valle
Vedrai che ritorno con questa distanza dietro le spalle
Aspettami Agata, la lettera è l'ultima
Il prossimo bacio che io scriverò sarà su di te

E basta bastimenti
che tagliano a metà tutto il mondo
e senti il sentimento
che ...
e poi farò un falò
brucerò queste lettere di lacrime
e poi davanti al fuoco
i tuoi occhi si asciugheranno in un attimo

Ed erano donne, cucivano il tempo
Erano ragazze, erano mamme
Ed erano stanche, erano stufe
Di tenere il cuore sull'attaccapanni
Ed erano lì tutte nella valle
Implotonate come soldati
Pronte a sparare i loro occhi lontano
Per andare a cercare chi avevano aspettato
E hanno taciuto e hanno visto
Che qualcheduno tornava indietro
Con la divisa o una valigia
O anche senza più nulla appresso
Con la divisa o una valigia
O anche senza più nulla appresso

Contributed by Dq82 - 2021/12/11 - 12:48



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org