Language   

Lu carcere è galera

Bruno Petrachi
Language: Italian (Salentino)


Related Songs

A Tricase nu se canta cchiui
(Aramirè)
על נהרות בבל [Psalm 137]
(Salomone Rossi)
Fiche cu le mendule
(Mino De Santis)


Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel:
Bruno Petrachi





Nel Salento sono, o forse sarebbe meglio dire erano, diffuse delle composizioni popolari denominate stornelli, con una struttura diversa dagli omonimi dell’Italia centrale. Il Canzoniere Grecanico Salentino vanta una serie di canti oggetto di studio degli etnomusicologi, tuttora eseguiti come Aremu rindineddha,Kalinifta, di pregevole ascolto.
La canzone qui proposta è in qualche modo nel solco di tale tradizione anche se in forme meno elaborate. Bruno Petrachi si fece interprete negli anni ’80 del secolo scorso di vari temi dell’animo popolare. In modo semplice ma efficace ci restituisce passioni , dolori e attese del recluso in tempi in cui qualcuno citava ancora Cesare Beccaria. Sempre in quei tempi Modena e S.Maria di Capua Vetere erano fantasmi dei malati di immaginazione.
[Riccardo Gullotta]

Ci dice ca lu carcere è galera,
A mie me pare nna villeggiatura
Ci dice ca li fierri su catine
A mie me pare nu bracciali d'oru.

De Lecce me purtar’a Fossombrone
E segregato sono come un cane
La zuppa non mi va, nemmeno il pane
Sara' il destino a far la mia fortuna.

Amici amici ca a Lecce sta sciati
Me salutati li parenti e amici
Me salutati li parenti e amici
E puru quacche t'unu de li nemici.

Te cce la ursa mia perse lu sonu [1]
Tutti li amici mei me bbandunara
Tutti li amici mei me bbandunara
E ma rimasta sulu la mamma cara.

La mamma pe lu figghiu delinguente
All'ecchi soi gli pare sempre innocente
E nun ci dite ca è nna cosa vera
Mancu quannu lu portanu ngalera.

La mamma pe lu figghiu nun regetta
La notte rretu la porta lu spetta
Lu spetta sempre cu lu core ncanna
Lu core de la mamma nun te nganna.

La gioventu' te dae l'allegria
lu mieru [2] te rrecchisce de uapparia
La fimmena malvagia è troppu bella
Te manda chianu chianu intu na cella

Quant'e' sincera e bella la cumparanza
Ca se consacra quannu sta in casanza
Sinti cumpare pe tutta la vita
Quistu è lu codice de la malavita.

Tie giudice ca puerti la pinna mmanu
Nun la tracciare longa la mia condanna
Nun la tracciare longa la mia condanna
Se no farai morire la mia mamma.
[1] Da quando la mia borsa perse il suono [delle monete]

[2] Vino, deriva dal latino merum, detto del vino puro, schietto, intenso

Contributed by Riccardo Gullotta - 2021/7/4 - 11:02



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org