Language   

Al Sud

Giuseppe Povia
Language: Italian


Related Songs

Malaunità
(Eddy Napoli)
Un girotondo di amici
(Giosy Cento)
Tira, nimicu miu
(Mimmo Strafaci detto Palma)


2016
Nuovo contrordine Mondiale



La canzone contiene tutta una serie di imprecisioni, il brano è scritto con l'aiuto/appoggio dei neoborbonici. Che la Questione Meridionale nasca dall'unità d'Italia è indiscutibile, che la monarchia Borbonica fosse il governo ideale, che "la gente si amasse", che "non ci fosse emigrazione", c'era, indubbiamente è aumentata dopo l'unità d'Italia, insomma se pretende di "raccontarvi le cose che gli altri non vi dicono" (formula utilizzata da tutti i complottisti del mondo), beh di cavolate ne spara un bel po'.
C'era una volta il Regno delle Due Sicilie,
Che era tutto il Sud Italia, dall'Abruzzo e dal basso Lazio in giù,
Compresa la Sicilia, potenza industriale e militare, il sud era ricco,
Ma poi venne Garibaldi,
Fece l'Unità d'Italia e il sud divenne povero e cadde a picco.


C'era una volta una nazione, che si chiamava meridione
Il suo re era Ferdinando II di Borbone
Non esisteva emigrazione, non c'era disoccupazione
Con i suoi pregi e i suoi difetti
C'era una volta il meridione.

C'era una volta
Ma poi venne Garibaldi
C'era una volta
A rubare oro e soldi
C'era una volta
Ma la vera storia è che prima, prima
Dell'Unità d'Italia
Al sud, nessuno emigrava
Al sud, la gente si amava
Al sud, si lavorava
Prima, questo prima
Dell'Unità d'Italia.

Ferdinando morì e lasciò il trono al figlio Francesco
Che sposò Maria Sofia, una ragazza di Baviera
Sempre uniti nelle battaglie
Dal Volturno a Gaeta
Aiutavano i soldati feriti
Compresi i nemici
Ma quei giorni segnarono la fine del regno
E di un patrimonio lasciato al mondo.

La prima ferrovia
La prima cattedra in economia
Le miniere di zolfo
La prima flotta mercantile e militare
Federico II
Lingua italiana, scuola siciliana
La scienza, la filosofia
Le tasse più basse, le industrie
Mongiana, Pietrarsa, Castellammare
Eccetera, eccetera, eccetera.

C'era una volta
Ma poi venne Garibaldi
C'era una volta
E rubò soldati e soldi
C'era una volta
Ma la vera storia è che prima, prima
Dell'Unità d'Italia
Al sud, nessuno emigrava
Al sud, la gente si amava
Al sud, si lavorava

Prima, questo prima
Dell'Unità d'Italia.
A tutti gli emigranti del mondo
Che hanno lasciato nel sud
L'anima, la terra e tutto il cuore
Molti non sanno che il sud era ricco e very good
Sull'Italia apparse il War Sehr Gut
Prima, si ma prima, si ma prima
Dell'Unità d'Italia.

Al sud, nessuno emigrava
Al sud, la gente si amava
Al sud, si lavorava
Prima, questo prima
Dell'Unità d'Italia.

Al sud, c'è sempre una festa
Al sud, l'aria è diversa
Al sud, nel bene e nel male
Solo, sole, sole, sole
è tutto un altro sole.

Dall'Unità d'Italia, milioni di emigranti nel mondo,
Che dalle navi in partenza,
Lanciavano un gomitolo di lana ai loro cari rimasti a terra.
La nave si allontanava, il gomitolo si srotovava, finché si spezzava.
E noi dobbiamo riunire il mondo al sud
Al sud, nel bene e nel male
Solo, sole, sole, sole
è tutto un altro sole.

Contributed by Dq82 - 2021/4/16 - 18:20



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org