Language   

U' brigante (Antonio Franco)

Gruppo Suoni
Language: Italian (Lucano)


Related Songs

Non è tempo...
(Quarto Stato)
La ninna du briganteju
(LiraBattente)
U metetore
(Rocco Scotellaro)


Tirandò
tirandò

Antonio Franco, da alcuni chiamato Antonio Di Franco (Francavilla in Sinni, 8 ottobre 1832 – Potenza, 30 dicembre 1865), è stato un brigante italiano. Soprannominato Lupo del Pollino, è stato, assieme a Carmine Crocco, il più grande capobrigante lucano durante il Risorgimento. Agendo dalle zone del Pollino fino a Sapri (SA), la sua banda era anche molto attiva nelle zone di Cosenza. Affiancato dalla sua compagna (nonché brigantessa) Serafina Ciminelli, era molto temuto nei suoi territori e non esitava a derubare e sequestrare ricchi signori, spesso con espedienti molto aggressivi. Sebbene i suoi metodi fossero poco ortodossi, da alcuni era considerato un eroe, che depredava i nobili per aiutare economicamente i poveri contadini della zona.
Cari signuri mo vi racconto la vera storia di nu brigante
Antonio Franco iera lu nome, iera pi tutti nu brav uaglione


Cari signuri mo vi racconto la storia vera di nu brigante,
Antonio Franco iera lu nome iera pi tutti nu brav uaglione
fino a quanno non a iut suldat ier n’uommino come a nat
la nott sugnav l’amore e a la gent dunav lu core.

E mentre che stav suldat ha fatt nu poc di scola,
a legg e scriv savia imparat e la cap l’avia cangiata.
Quann è turnat nda Basilicata alli signuri si è ribbellat.
Se ribbellat contr i putent che trattavin male la gente.

Ma lu Sinnic di lu paisi ,
che lu cridia gnorant
carcirat lu vulia mannà,
accussi su cacciav pi nnand.

Nu iurn ha truvat na scus, na letter in man na mis,
e na chiest cu tand bundà, a lu Prefett tu laia purtà.

Tand ruguardi l’ha mis in suspett,
pi la via a pigliat e la lett,
ha capit che c’er l’ingann
la vita suia la stava pirdenn,

cu rabbia e cu sangue a l’uocchi è turnat nda lu pais,
ha pigliat u Sinnic nda lu suonn e la spidit du paravis.

E’ stat da quill mument che la vita suia è cangiata,
è diventat u cap brigant che si difend da mala gent.
Notte e iurn pi li muntagn, a du passav lasciav lu segn,
a li ricc facìa pagure, i poviriell trattav cu cor.

Una guardia na via prummis, che in America u facia migrà,
se du brigant lassav a divis puri i cumpagn putia purtà,
come nu fess ciavia cridut alla parol di l’uom di legge,
a Putenz l’hann purtato, a Monte Reale fu fucilato.

E cosi finisce la storia, del brigante ci resta a memoria
Cari signuri l’avete capito, delinquente nisciun c’è nato.

Contributed by Dq82 - 2021/3/1 - 20:29



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org