Language   

Messaggio

Bakis Beks
Language: Italian


Related Songs

Ni Felipe VI
(Pablo Hasél)
Atado y bien atado
(Pablo Hasél)
Gritan ¡No Pasarán!
(Pablo Hasél)


2019

Annibale

Il cantate del gruppo Bakis Beks non poteva certo immaginare che “Messaggio”, la canzone di protesta che riporta le storiche rivendicazioni contro la presenza dei poligoni militari in Sardegna, potesse finire sulla scrivania dei magistrati del tribunale di Nuoro.

[...]

Una serata di fine estate che né i Bakis Beks, né due suoi ammiratori, in particolare, dimenticheranno più. Anche perché ad essere incriminati, oltre ai versi della canzone dal ritmo serrato e coinvolgente, è anche la coreografia che accompagnava il testo musicale: il linguaggio proibito del corpo, il dito medio alzato in segno di protesta contro il sistema, comune espressione di denuncia degli artisti rap. “Messaggio”, invece, che è stato interpretato come un insulto rivolto ad alcuni poliziotti presenti durante l’esibizione musicale. È da lì che sono iniziati i guai per il musicista e due fan, raggiunti poi da un decreto penale per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale, emesso dal giudice per le indagini preliminari, Teresa Castagna su richiesta del pubblico ministero Andrea Ghironi.

Il rapper Bakis Beks a processo a Nuoro per oltraggio - La Nuova Sardegna

L'arte non si reprime


Le sbarre che chiudono Pablo Hasél ci sono più vicine di quanto spesso pensiamo.

Nella nostra Sardegna è infatti in corso il processo al rapper nuorese Bakis Beks, e l’oggetto del contendere sono proprio i suoi testi che criticano duramente il militarismo e l’occupazione armata dell’isola con basi ed esercitazioni terrestri e marittime, un’opposizione peraltro condivisa da buona parte della popolazione locale. Per quanto Bakis rifiuti con umiltà il paragone con Pablo Hasél, che ha costruito tutta la sua espressione sulla disobbedienza e lo scontro, è difficile non tracciare un paragone tra le due storie. E, di sicuro, anche ciò che sta succedendo a Nuoro merita attenzione e solidarietà, anche perché – incredibile ma vero – ad essere denunciato non è stato solo l’artista ma anche una parte del pubblico presente ad un suo concerto, “colpevole” di aver fatto il coro delle liriche incriminate. Quindi, se andate al concerto di un rapper controverso, state attenti anche a come muovete le labbra!

Spagna, le sbarre che chiudono Pablo Hasél ci sono più vicine di quanto pensiamo - Kento
C'è una terra invasa da stranieri non comunitari
Non li puoi distinguere sembrano tutti uguali
Si spostano in branco sembrano animali

In questa terra invasa da polizia carabinieri e militari
Abusi di potere quotidiani Divise scudi caschi italiani
Non ci sono eroi tra i mercenari
Ma servi che lo stato paga trenta danari

C'è una terra invasa da stranieri non comunitari
Che l'affittano alla NATO ed alle multinazionali
Che ci testano le bombe con cui gli occidentali
Esporteranno la democrazia nei paesi orientali
Hanno occupato luoghi millenari
Avvelenato umani ed animali
Lasciandoli in balia degli effetti collaterali
Delle loro armi sperimentali

C'è una terra invasa da stranieri non comunitari
Non chiedono l'elemosina non vivono in hotel
Esseri parassitari che lo stato paga
prendendo soldi dalle tasche della gente come te
Non erano africani o musulmani
Quelli che hanno occupato terre e avvelenato i mari
Quelli che hanno portato morte da luoghi lontani
Come la sindrome dei Balcani

Non c'è tempo per spiegazioni
indennizzi conciliazioni
questo è un messaggio ai coloni
basta fuori dai coglioni

C'è una terra invasa da stranieri non comunitari
Hanno attraversato il mare per venire a fare affari
Hanno imposto la loro lingua con le scuole statali H
anno imposto la loro legge con galere e tribunali
Non sono mai esistiti coloni buoni
Se non nei libri di storia scritti dai vincitori
Non servono trattati o paroloni
BASTA FUORI DAI COGLIONI

Non c'è tempo per spiegazioni
indennizzi conciliazioni
questo è un messaggio ai coloni
basta fuori dai coglioni

2021/2/18 - 23:54



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org