Language   

Ara

Gemma Humet
Language: Catalan

List of versions


Related Songs

Podries
(Gemma Humet)
Titelles de guerra
(Ignot)
Barcelona, març de 1938
(Gemma Humet)


(2020)
Parole di Gemma Humet su una melodia di un canto popolare cantato dagli ebrei deportati nella Seconda Guerra Mondiale
dal nuovo album "Màtria"

Gemma Humet


—‘Ara‘ potser és la cançó més política, deixant de banda el gènere. Expliqueu que utilitza la melodia d’un cant popular que cantaven els jueus deportats als camps d’extermini nazis durant la Segona Guerra Mundial. Però també hi ha frases com ‘Ara / que l’alegria està prohibida / que només els terrats són lliures / de poder parlar de llibertat’, on sembla que parleu del confinament.

—Sí, però durant el confinament el disc era tot gravat. I és molt fort perquè realment si volgués dir ‘mira, la vaig fer durant el confinament’ s’ho creuria tothom. Realment, vaig agafar aquesta melodia popular, vaig fer una base, vaig anar construint i vaig pensar que volia fer-hi una lletra. I arran de tota la violència que vam tenir l’octubre del 2019, quan va sortir la sentència, em va sortir aquesta lletra, que no té res a veure amb el confinament, però en certa manera parla de la llibertat, parla de la memòria, de recuperar una melodia antiga. Al final la memòria és una eina imprescindible per a construir un present millor i això és el que volia que englobés aquesta cançó.

Entrevista a Gemma Humet: 'La cultura queda tocada de mort'


*

—'Ara (Ora) 'è forse la canzone più politica, a parte la questione di genere. Hai spiegato che utilizza la melodia di una canzone popolare che cantavano gli ebrei deportati nei campi di sterminio nazisti durante la seconda guerra mondiale. Ma ci sono anche frasi come "Adesso / che l'allegria è proibita / che solo i terrazzi sono liberi / di poter parlare di libertà", in cui sembri parlare del confinamento per il Covid 19.

—Sì, ma durante il confinamento il disco era già stato tutto registrato. Ed è incredibile perché se volessi dire "guarda, l'ho scritta durante il confinamento" tutti ci crederebbero. In realtà, ho preso quella melodia popolare, ho creato una base, ho iniziato a costruirla e ho pensato di scrivere un testo. E in seguito a tutta la violenza a cui abbiamo assistito nell'ottobre 2019, quando è stata emessa la sentenza nel processo contro gli indipendentisti, mi è venuto fuori questo testo, che non ha nulla a che fare con il lockdown, ma in un certo senso parla di libertà, parla di memoria, del recuperare una melodia antica. Alla fine la memoria è uno strumento essenziale per costruire un presente migliore ed è ciò che volevo esprimere in questa canzone.
És la memòria qui ens abriga,
qui ens ensenya a estimar la vida.
En algun lloc, potser algun dia,
esborrarem el foc del vidre.

És la memòria qui ens abriga,
qui ens ensenya a estimar la vida.
En algun lloc, potser algun dia,
esborrarem el foc del vidre.

Ara
que l’alegria està prohibida
que només els terrats són lliures
de poder parlar de llibertat.
Ara
que l’esperança ens agermana,
que som mil veus forjant el ferro
a les trinxeres del nostre futur.

Són els silencis l’esperança muda del demà.
Són els silencis els que parlen d’allò que vindrà.

Ara
que l’alegria està prohibida
que només els terrats són lliures
de poder parlar de llibertat.
Ara
que l’esperança ens agermana,
que som mil veus forjant el ferro
a les trinxeres del nostre futur.

2020/11/3 - 22:32



Language: Italian

Traduzione italiana di Lorenzo Masetti
ORA

È la memoria che ci protegge
che ci insegna ad amare la vita
in qualche posto, forse un giorno
cancelleremo il fuoco dal vetro.

È la memoria che ci protegge
che ci insegna ad amare la vita
in qualche posto, forse un giorno
cancelleremo il fuoco dal vetro.

Ora
che l'allegria è proibita
che solo i terrazzi sono liberi
di poter parlare di libertà
Ora
che la speranza ci affratella
che siamo mille voci che forgiano il ferro
alle trincee del nostro futuro

Sono i silenzi la speranza muta del domani
Sono i silenzi che parlano di quel che verrà

Ora
che l'allegria è proibita
che solo i terrazzi sono liberi
di poter parlare di libertà
Ora
che la speranza ci affratella
che siamo mille voci che forgiano il ferro
alle trincee del nostro futuro

2020/11/6 - 17:57



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org