Language   

La canzone dell'Amuchina

Cane Corso
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Bella Ciao
(Anonymous)
L'anno che verrà (virus edition)
(Luca Bottura)


[2020]
Musica / Music / Musique / Sävel: Bella Ciao

Video circolante su YouTube segnalato da Mèsciabol Italia.
Un'Amuchina mi son comprato,
o virus ciao, virus ciao, virus ciao, ciao ciao,
Con l'Amuchina so' indebitato,
costa quanto un iPhone!

Contributed by L'Anonimo Toscano del XXI secolo - 2020/3/3 - 11:19


ragazzi non è che questo corona virus ci sta sfuggendo un po' di mano? vorrei ricordare che questo è un sito di canzoni CONTRO LA GUERRA :)

Lorenzo - 2020/3/3 - 11:21


E' proprio perché è un sito di canzoni contro la guerra che ci sono queste canzoni, credimi. Saluti!

Riccardo Venturi - 2020/3/3 - 12:28


Sono d'accordo con Riccardo, anche se mi pare che non bastino le amene canzonette... ci vorrebbe anche qualche canzone che racconti perchè si parla solo di COVID19 e non più di quello che accade in Siria, in Grecia (a Lesbo, in particolare), in Libia, in Afghanistan, ecc...

B.B. - 2020/3/3 - 15:12


BB caro, di quel che accade in Siria, in Grecia, in Libia, in Afghanistan, a Monte San Savino e a Vercelli questo sito è pieno, e non da ora. Ad esempio, avrai visto come mi sono gettato addosso alle canzoni e alle poesie di Gaston Couté; beh, parlano dei tempi d'oggi, disgraziatamente, e pure della Siria, dei bambini di Lesbo e pure dei virus. Forse dovremmo una buona volta abituarci al fatto che "tout se tient", e che niente è slegato da niente. Neppure la strofetta sull'Amuchina sull'aria di "Bella Ciao" dalle più serie (o seriose) parole in musica sui bambini profughi, magari scritte e cantate da un qualche rappresentante dello star system. Qui si tratta di registrare e di offrire tutto quel che viene detto, scritto, cantato, musicato eccetera a proposito della guerra globale. Della quale fanno parte il virus vagante ad arte e uccisore di economie "ad hoc" così come Erdogan, i bambini siriani così come le guerre delle fazioni libiche o irachene, il clima di Bolsonaro e dell'Antartide a 20° così come Trump e i talebani. La volevate la guerra globale? Eccovela. Noialtri, che non faremo mai finire le guerre con le canzoni -e figuriamoci la guerra planetaria!-, possiamo però registrare tutto questo, in un atto che alla fin dei conti ha un che di disperato. Ma ancor più disperato, a questo punto, sarebbe voltarsi dall'altra parte e attenersi a "temi" che non hanno più ragione di esistere. La guerra presente e prossima ventura somiglia molto poco alle battaglie, ai soldatini della I guerra mondiale e al peace & love. Somiglia invece, e molto da vicino, a un virus. Saluti cari.

Riccardo Venturi - 2020/3/3 - 15:33


Riccardo, ho scritto che sono d'accordo con te.
Volevo solo rimarcare che - almeno per il momento - il giusto "Canzoniere del Coronavirus - si limita ad amene canzonette.
Auspico di trovarci anche qualcosa di più sostanzioso sulla cortina sanitaria stesa su ogni altra informazioni, anche quelle gravissime di queste ultimi giorni e ore.

Saluzzi e virusuzzi

PS Te tu stai al riparo, che non se più un fanciullo in fiore...

B.B. - 2020/3/3 - 16:02


Si limita ad amene canzonette perché siamo ancora nella fase apotropaica, quella del riderne (o sorriderne) per non pensarci troppo e per scacciare sia i cattivi pensieri, sia le evidenti malefatte. E' ancora troppo presto perché venga elaborato un discorso serio ed ampio, anche in parole e in musica, su quel che sta succedendo a livello di strutture profonde della società attuale. La quale, comunque, riproduce molto bene quel che è avvenuto in passati anche lontani. Cambiate le mutande (mutatis mutandis), successe pure verso il 1348, e con ben altri bachi in giro, quando sette giovanotti e tre fanciulle si ritrovarono ne' dintorni di Firenze per raccontarsi storie, amene e tragiche, divertenti e cupe, mentre infuriava lo morbo pestilenziale. [*]. E, anche se il Boccaccio non lo dice espressamente, per trombare come OPOSSVM. Bene fecero. Quanto al sottoscritto, non solo non sono più un fanciullo in fiore, ma frequento pure luoghi a brevissima distanza da Codogno. Ad ogni modo, tieni presente che il povero coronavirus, nel tentare di penetrare il sottoscritto, dovrebbe superare una barriera di catrame, alcool cristallizzato, metoprololi, cocktail di insuline varie e minestrine pestilenziali e quant'altro. Non lo invidio, povero virus! Saluti!

[*] Principiava cosí il Decameron: "È umana cosa avere compassione di chi soffre".

Riccardo Venturi - 2020/3/3 - 16:24



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org