Language   

Canzón dei coscrìti

Anonymous
Language: Italian (Veneto. Valsuganotto)



[fine 800/inizio 900]
Una canzone popolare precedente alla Grande Guerra. Infatti si riferisce di una ferma di tre anni, quella in vigore tra il 1875 (la riforma Ricotti, prima la durata del servizio militare obbligatorio era di quattro o addirittura cinque anni...) ed il 1910, quando la "naja" scese a due anni.
Trovo la maggior parte delle strofe su “Paròle e diti che se pèrde par strada”, una ricerca sulla parlata del paese di Bieno, il "balconcino della Valsugana", in Trentino Alto Adige. Quelle tra parentesi quadre le ho inserite traendole da questo canzoniere popolare.

Apriteci le pòrte
che pasano i coscrìti
medi stòrti e medi driti
pensieri no i ghe n’à

Pensiéri i ghe n’à uno
l’è quél de la morósa
che i scarti i se la spósa
e mi farò ‘l soldà

E ti morósa rangete
che mi me son rangiàto
tre ani de soldàto
me tocarà da far

[E chi sarà che piande?
sarà la mama mia
a vederme anadar via
tre ani a far soldà.

Piandè, piandè, putele
se quatro scarti resta
ciapèli par la testa
buteli te'n canal.]

Maledéto sia quél mèdico
l’è stà la me rovìna
ale oto de matìna
‘l mà ciamà soldà.

Soldàto no l’è gnente
par chi che rèsta a casa
ma mi bisón che vaga
a compìr ‘l batalión.

‘l batalión compiùto
la guèra è cominciàta
la prima canonàta
la sarà par mi.

Soldà te la marìna
soldà tei caciatóri
ritornerò coi fióri
coi fióri sul capèl

E i piumèri
coi fiori sul capèlo
davanti al colonèlo
i ma palpà l’usèlo.

‘l nostro Re l’è picolo
l’è ‘n mètro e quarantòto
lo dugarémo al lòto
farón ‘n tèrno seco.

Contributed by Bernart Bartleby - 2018/11/17 - 13:23



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org