Language   

Il 24 maggio

Giuseppe Schiera
Language: Sicilian

List of versions


Related Songs

Sing Me to Sleep
(Chloë and Jason Roweth)
La canzone del disertore
(Nuove Tribù Zulu)
Lungo la linea del Don
(I Luf)


Una strofa parodistica della celebre patriottica "Canzone del Piave", composta nel 1918 da E. A. Mario.



Il poeta di strada Peppe Schiera, "anarchico e antifascista senza saperlo", avrebbe voluto declamarla il 10 giugno 1940 durante una festa patronale, con l'intento di sbeffeggiare Mussolini che si dice volesse portare l'Italia in guerra. Ma fu proprio quel giorno che giunse la vociaccia del Dvce che dichiarava guerra a Gran Bretagna e Francia, il famigerato discorso de "L'ora delle decisioni irrevocabili" e del "Vincere! E vinceremo!". Così le autorità disposero che la festa non si sarebbe tenuta e tutte le luminarie rimasero spente. E il povero Peppe Schiera, che sperava di poter tirare su qualche soldo, maledisse le camicie nere, il podestà, il prefetto e Mussolini e se ne tornò a casa.

Peppe e Margherita

Ho tratto testo e racconto dal bel libro "Peppe e Margherita – Storia di un poeta ed artista di strada" di Roberto Ardizzone, scrittore palermitano e cultore della poesia dialettale siciliana.
L’Esercito manciava scorci i favi e tinnirumi (1)
e quannu era ruminica quarumi. (2)
Ma viri quanta fuoru fissa i fanti,
avevanu i irisinni e ghieru avanti...
(1) Le cime e le foglie più tenere della zucchetta da pergola, o succa serpente di Sicilia, cucurbitacea rampicante. I "tenerumi" si fanno in pasta e in minestra.

(2) "Caldume", pietanza calda, un piatto di strada tipico di Palermo a base di trippe di vitello, servite in brodo o asciutte, cotte con verdure nella cosiddetta "quarara", il calderone.

Contributed by Bernart Bartleby - 2018/3/4 - 16:53



Language: Italian

Traduzione italiana di Roberto Ardizzone, dal suo "Peppe e Margherita – Storia di un poeta ed artista di strada", dedicato a Giuseppe Schiera.
IL 24 MAGGIO

L'esercito mangiava bucce di fava e tenerumi
e quando era domenica caldume.
Ma guarda quanto sono stati fessi i fanti,
potevano andarsene e invece sono andati avanti...

Contributed by B.B. - 2018/3/4 - 16:54



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org