Language   

Francesco De Gregori: Festival

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: Italian


Related Songs

Pablo
(Francesco De Gregori)
Il panorama di Betlemme
(Francesco De Gregori)
Giornali Femminili
(Luigi Tenco)


[1976]
Parole e musica di Francesco De Gregori
Nell'album “Bufalo Bill”

Bufalo Bill

“Chi ha ucciso quel giovane angelo che girava senza spada?”, forse basterebbe questo verso per fare di questa canzone dedicata a Luigi Tenco una CCG...
Curioso poi che, proprio sulle Canzoni Contro la Guerra, De Gregori sia classificato al numero 20 e Tenco al 21...

Luigi Tenco, 26 gennaio 1967


Non so chi abbia ucciso quel giovane angelo... Certo Luigi Tenco mi è tornato in mente leggendo un bell'articolo intitolato “Cesare Pavese in musica”, quando il suo autore, Flavio Poltronieri, scrive: “Non era un ambizioso, desiderava solamente che il suo talento venisse riconosciuto, esattamente come Nick Drake tanti anni dopo e, curiosamente, beffardamente, entrambi hanno lasciato la loro vita terrena al sonno.”

Ecco. Non so chi abbia ucciso quel piccolo principe, forse mandanti ed esecutori sono stati in tanti, proprio come per Cesare Pavese e per Nick Drake.
Nella la città dei fiori
disse chi lo vide passare
che forse aveva bevuto troppo
ma per lui era normale.

Qualcuno pensò fu problema di donne,
un altro disse, è proprio come Marylin Monroe.
Lo portarono via in duecento,
peccato fosse solo quando se ne andò.

La notte che presero il vino
e ci lavarono la strada.
Chi ha ucciso quel giovane angelo
che girava senza spada?

E l’uomo della televisione disse:
"Nessuna lacrima vada sprecata,
in fin dei conti cosa c’è di più bello della vita,
la primavera è quasi cominciata".

Qualcuno ricordò che aveva dei debiti,
mormorò sottobanco che quello era il motivo.
Era pieno di tranquillanti,
ma non era un ragazzo cattivo.

La notte che presero le sue mani
e le usarono per un applauso più forte.
Chi ha ucciso il piccolo principe
che non credeva nella morte?

E lontano lontano si può dire di tutto,
non che il silenzio non sia stato osservato.
L’inviato della pagina musicale scrisse:
"Tutto è stato pagato".

Si ritrovarono dietro il palco
con gli occhi sudati e le mani in tasca,
tutti dicevano "Io sono stato suo padre!",
purchè lo spettacolo non finisca.

La notte che tutti andarono a cena
e canticchiarono "La vie en rose",
Chi ha ucciso il figlio della portiera
che aveva fretta e che non si fermò?

E così fù la fine del gioco
con gli amici venuti da lontano
a deporre una rosa sulla cronaca nera,
a chiudere un occhio, a stringere una mano.

Alcuni lo ricordano ancora
mentre accende una sigaretta,
altri ne hanno fatto un monumento
per dimenticare un pò più in fretta.

La notte che presero il vino
e ci lavarono la strada.
Chi ha ucciso quel giovane angelo
che girava senza spada?

Contributed by Bernart Bartleby - 2017/9/17 - 11:41



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org