Language   

Ballade VII: Je mercy Dieu de ses biens de sa grace

Eustache Deschamps

List of versions



[XIV° secolo]
Una ballata composta da Eustache Deschamps, o Eustache Morel [1345-1405]
Testo trovato su Diachronie, sito belga dedicato alla poesia medievale.



Eustache Deschamps, poeta e uomo d'armi, conobbe da vicino il potere e le sue lusinghe ma ebbe pure il destino di nascere alla vigilia dello scoppio della “Guerra dei 100 anni” e vide per tutta la vita anche le devastazioni, i saccheggi, la miseria, la morte. Da questa esperienza deriva il suo ripudio verso la guerra e, in questa ballata in particolare (alla fine del secondo decasillabo), forse addirittura una certa riserva rispetto alle crociate contro i musulmani, conclusesi soltanto nel secolo precedente (almeno così sostiene Tania Van Hemelryck nella sua ricerca Christine de Pizan et la paix : la rhétorique et les mots pour le dire)

“Jamais ne quier suir guerre ne ost” potrebbe tradursi – ma meglio saprà dirci Riccardo – come “Non ho mai voluto seguire guerra né eserciti”, dove “ost” sta per “armée” in francese medievale.
Je mercy Dieu de ses biens, de sa grace,
Qui m'a fourmé et fait a sa semblance,
Et des cinq sens qu'il m'assist en la face,
Par lesquelz j'ay parfaitte congnoissance
De bien, de mal, d'onneur et de vaillance,
Et des ars mondainement,
Par lesquelz tout a son gouvernement
Ce monde ci, ou l'en fine si tost.
Et puis qu'on y muert si soubdainement,
Jamais ne quier suir guerre ne ost.

Car Convoitier fait la guerre et amasse.
Vaine Gloire tient l'escu et la lance,
En assaillant tue, omicide et chace,
Contre raison son pechié a mort lance.
En deffendant a autre differance :
L'en seufre paine et tourment
De faim, de froit. L'en muert en un moment :
L'ame se part quant chascun pille et tost.
Mais, se ce n'est sur Sarrazine gent,
Jamais ne quier suir guerre ne ost.

Dieux commande que le labour se face,
Que nous l'amons, chascuns ait soufisance
En son estat, et que Justice efface
Les malfaitteurs qui font perseverance
En leurs meffaiz, et que nulz ne s'avance
D'acquerre mauvaisement
Terre d'autrui. Mais l'en fait autrement.
Si vueil des or vivre en un lieu devost,
Et pour plus tost faire mon sauvement,
Jamais ne quier suir guerre ne ost.

L'envoy

Princes, temps m'est de querir lieu et place
De Dieu servir : j'ay trop suy le rost.
Compter me fault, se temps ay et espace :
Jamais ne quier suir guerre ne ost.

Contributed by Bernart Bartleby - 2017/6/28 - 16:33



Language: Italian

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
29-6-2017 12:32

Due parole del traduttore. Stavolta ho cercato di seguire (vagamente) il ritmo e qualche rima, indi per cui la traduzione è in alcuni punti discretamente libera.
BALLATA VII
SIEN LAUDI A DIO PE' LI SUA BEN ET LA GRATIA

Sien Laudi a Dio pe' li sua ben et la Gratia
Et per la Forma ch'Ei mi die' a sua Simiglianza,
Pe' cinque Sensi ch'Ei mi die' nella Sembianza
E a' qual i' debbo mia perfetta Cognoscenza
De l'Honore e 'l Valore, de 'l Male et de 'l Bene
Et de le Arti et de le Industrie terrene
Che 'l Mondo reggon iudizïosamente,
Il Mondo ove la Fine mai è tardata.
Poi che si muor così, lesto et repente,
Giammai volli seguir Guerra e né Armata.

Ché Cupidigia move la Guerra e occide.
Vanagloria regge lo Scudo et la Lanza,
Assaltando caccia con Furie omicide
E suo mortal Peccato, e folle, avanza.
E diffendendo, v'è altra Differenza :
L'un soffre pena acuta e gran Tormento
Di Fame e Gelo; l'un muore in un Momento:
Ogni un saccheggia e l'Alma va involata.
Ma tranne i Saracini e la Crociata,
Giammai volli seguir Guerra né Armata.

D'Iddio che si lavor gli è l'Ordinanza,
Che lo adoriam, e ogni un habbia a bastanza
Di ciò ch'è suo; e che Iustitia annienti
I Malfattor che fan Perseveranza
Ne' lor Misfatti; e che niun più s'intenti
La Terra a tôrre altrui malvagiamente.
Ma in ve' si faccia sì ben altrimente,
Se già d'or vuolsi campar in Divozione,
Et per haver più tosto Salvazione
Giammai volli seguir Guerra né Armata.

Congedo

Prence, or debbo già cercare un Loco
Ove servire Iddio; troppo ho seguito 'l Foco.
Contar mi tocca quanta Vita m'è data :
Giammai volli seguir Guerra né Armata.

2017/6/29 - 12:33


Non è che Riccardo ci avrebbe molto da dire al riguardo, dato che quel verso significa proprio quello. Si potrebbe casomai dire che ost deriva in ultima analisi dal latino hostis, dal significato sia di "ospite" che di "nemico, rivale, avversario" (v. "ostile"). Probabilmente per francesismo, "oste" (di genere femminile, come in francese antico) ha il significato di "armata, esercito" anche in italiano arcaico.

Riccardo Venturi - 2017/6/29 - 01:33



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org