Language   

Nexşe Mîrzo

Koma Amed
Language: Kurdish

List of versions


Related Songs

Το τραγούδι του στρατιώτη [H μπαλάντα του στρατιώτη
(Manos Hatzidakis / Μάνος Χατζιδάκις)
Infermiera
(Davide Van De Sfroos)
בײַ מיר ביסטו שיין
(Shloyme Sekunda [Sholom Secunda] / שלום סעקונדאַ)


[1997]
Nell'album intitolato “Dergüş”
Poi nella colonna sonora del documentario “La espalda del mundo”, diretto nel 2000 dal regista peruviano Javier Corcuera Andrino. Uno dei tre episodi del film è dedicato a Leyla Zana, scrittrice e parlamentare turca di etnia curda, più volte incarcerata dal governo di Ankara.

Dergüş
Leyla Zana nel 1991, durante il suo discorso in Parlamento, pronunciato anche in curdo, che le valse l'arresto e una lunga detenzione. Fu liberata solo nel 2004. Da notare nella foto il cerchietto che  Leyla Zana ha tra i capelli, con i colori del Kurdistan.
Leyla Zana nel 1991, durante il suo discorso in Parlamento, pronunciato anche in curdo, che le valse l'arresto e una lunga detenzione. Fu liberata solo nel 2004. Da notare nella foto il cerchietto che Leyla Zana ha tra i capelli, con i colori del Kurdistan.
Kanya jorê cot kanî ne
Her gulim gulim gulîzer
Kanya jorê cot kanî ne
Her gulim gulim gulîzer
Çing çing çê dikim nexşê Mîrzo
Dinya yek e dergeh hezar
Çing çing çê dikim nexşê Mîrzo
Dinya yek e dergeh hezar

Vî erezî guj e guj e
Her gulim gulim gulîzer
Li ber te ye qal û qirş e
Çing çing çê dikim nexşê Mîrzo
Li ber te ye qal û qirş e
Çing çing çê dikim nexşê Mîrzo

Vî erezî berda gezo
Her gulim gulim gulîzer
Ev heft sal e poşman ezo
Çing çing çê dikim nexşê Mîrzo
Ev heft sal e poşman ezo
Çing çing çê dikim nexşê Mîrzo

Kanya jorê cot kanî ne
Her gulim gulim gulîzer
Kanya jorê cot kanî ne
Her gulim gulim gulîzer
Çing çing çê dikim nexşê Mîrzo
Dinya yek e dergeh hezar
Çing çing çê dikim nexşê Mîrzo
Dinya yek e dergeh hezar

Kanya jorê cot kanî ne
Her gulim gulim gulîzer...

Contributed by Bernart Bartleby - 2017/3/4 - 23:23



Language: Italian

La cantante e attrice sarda Gisella Vacca l'ha interpretata sia in curdo che catalano.
Qui la traduzione italiana ripresa da un suo video su YouTube

“Un canto kurdo appreso dagli amici del Koma Amed. Una donna piange il suo uomo, andato a fare il partigiano sulle montagne...”
RICAMANDO UN MOTIVO PER MIRZO

Lungo la strada delle due fontane
ti ho salutato per l'ultima volta
Tu mi portasti una rosa
e io ti aspetto amore
mentre la ricamo per te...

Sono sette anni che aspetto e ricamo
Cing cing piange l'ago sul telaio
e le mie lacrime e le sue
si uniscono come l'acqua delle due fontane
Cing cing piange l'ago sul telaio
mentre ricamo un motivo per Mirzo...

Il mondo è grande, le montagne sono tante
dove combatti, amore?
Cing cing piange l'ago sul telaio
e le mie lacrime e le sue
si uniscono come l'acqua delle due fontane...

Le fontane sono coperte di cespugli
e la mia rosa è diventata gialla
Cing cing piange l'ago sul telaio
e io ricamo una rosa
una rosa per Mirzo, che non tornerà...

Contributed by Bernart Bartleby - 2017/3/4 - 23:24


KOMA WETAN: UNA BAND CURDA NELL’UNIONE SOVIETICA

Gianni Sartori

Più passa il tempo - e fermo restando che sulla Rivolta di Kronstadt (Кронштадтское восстание) e sulla Machnovščina (махновщина) non cambierò MAI opinione - devo ammettere che in fondo in fondo (ma proprio in fondo eh !) la vecchia URSS non era poi così malaccio. Quasi quasi sottoscrivo quanto dichiarato da quella vecchia Volpe (o era il Gatto?) di Putin quando, parlando del Comunismo sovietico, disse che “chi non ne prova un pò di nostalgia non ha cuore, ma chi lo rimpiange non ha testa” (vado a memoria)
Tra l’altro mi sembra una parafrasi di quanto diceva Clemenceau dell’anarchismo: “Chi non è non è stato anarchico a vent’anni non ha cuore, chi lo è ancora a quaranta non ha testa” (sottoscrivo sostanzialmente).
Per esempio, tornando all’URSS, garantì non solo la sopravvivenza fisica del popolo armeno, ma anche delle sue tradizioni e identità. Mentre in Turchia vennero sistematicamente rase al suolo, qui le chiese armene rimasero in piedi a perenne testimonianza.
Fatte le debite proporzioni, vale anche per i curdi.
Un esempio?
A Tbilisi (nell’allora Repubblica Socialista Sovietica Georgiana), dove vivevano piccole comunità curde, ancora nel lontano 1973 si costituì una rock band curda, i KOMA WETAN, costituita da tre yazidi e un armeno.
Assolutamente impensabile una cosa del genere - all’epoca, ma non solo - nel Kurdistan sottoposto alla Turchia (il Bakur).

Kerem Gerdenzeri, il solista e basso-chitarra della band, era nato a Tbilisi da una famiglia originaria dalle province curde di Kars e Van in territorio amministrativamente turco. Curdi anche Rafael Shamil Dasini (batteria) e Omer Sebri Recevi (chitarra solista, voce) mentre avrebbe avuto ascendenze armene Levon Grigori Shahbazyan (tastiere).
Come appunto ricordavano in una loro canzone (Welate me, La nostra patria): “Il Kurdistan è la terra dei nostri padri e nonni, la patria del nostro popolo”.
Questo mentre in Turchia, la filo-occidentale Turchia, ci si avviava decisamente verso la criminalizzazione, l’interdizione della stessa lingua curda.
Invece i KOMA WETAN ottennero anche contributi statali per i loro concerti. Un primo album venne registrato nel 1979, ma (colpa della burocrazia?) riuscirono a pubblicarlo soltanto dopo dieci anni. Un ottimo lavoro comunque dove le sonorità rock (con risvolti psichedelici) si intrecciavano alla poesia tradizionale curda.
Purtroppo la rovinosa caduta dell’Unione Sovietica (e di conseguenza la fine dei contributi statali ) costrinse i musicisti a emigrare. Tuttavia la loro esperienza non rimase sterile avendo rappresentato una fondamentale fonte di ispirazione per altri musicisti curdi, anche in Turchia (per esempio i Koma Amed fondati nel 1988 ad Ankara).
Tanto che negli anni novanta i Koma Wetan vennero invitati a Istanbul per un concerto commemorativo della loro attività.
Più recentemente, nel 2011, i registi Halil Firat Yazar e Mehmet Hadi Sümer hanno girato un documentario sulla storia della bandcurda: Bê Wetan (Apolidi).
Gianni Sartori

Gianni Sartori - 2022/1/9 - 10:48



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org