Language   

La Carmagnole des cheminots

Gaston Couté
Language: French

List of versions


Related Songs

Il avait un tire-bouchon !
(Gaston Couté)
Death Train Blues
(Anonymous)
I treni per Lione (Val di Susa 2050)
(Lello Vitello)


[1910]
Versi di Gaston Couté, pubblicati sul settimanale socialista ed antimilitarista “La Guerre Sociale” (numero dal 5 all’11 ottobre 1910), poi nel quarto volume de “L’Intégrale du Vent du Ch’min”, pubblicazione integrale in cinque volumi delle opere di Couté realizzata dalle edizioni “Le vent du ch'min” tra il 1976 ed il 1977 e riedita nel ‎‎2013 dalle edizioni “La Matière Noire”.
Presuntamente sull’aria de La Carmagnole, canzone rivoluzionaria del 1792.

Copertina del quarto volume de L’Intégrale du Vent du Ch’min

Gli “cheminots” sono i lavoratori dei “chemins de fer”, tutte le varie figure professionali inpiegate nelle ferrovie.

Les cheminots


All’inizio del secolo scorso in Francia il fatturato delle ferrovie aumentava considerevolmente di anno in anno, e parimenti i profitti delle compagnie concessionarie (per esempio quella dei banchieri Rothschild). Non altrettanto aumentavano i salari dei lavoratori delle ferrovie, che oltretutto erano inquadrati quasi militarmente e, come sotto le armi, pesantemente sanzionanti per ogni piccola mancanza. Proprio la sanzione comminata ad alcuni cheminots di Tergnier dans l’Aisne, per via di un ritardo di entità assolutamente trascurabile, fece esplodere la rabbia dei lavoratori, che scesero in sciopero. La protesta dilagò subito in tutto il nord del paese, Île-de-France compresa.



Il governo di Aristide Briand mandò, come al solito, corazzieri e dragoni ad intimidire la gente e poi ordinò loro di procedere manu militari alla precettazione dei grévisti. Lo sciopero fallì e le compagnie coinvolte procedettero immediatamente alla vendetta, licenziando e/o facendo arrestare per interruzione di pubblico servizio almeno tre migliaia di lavoratori.
Dans toute la société
Dans toute la société
Parmi les métiers exploités
Parmi les métiers exploités
S'il existe un boulot
Qui n'est pas rigolo
Hélas ! c'est bien le nôtre :
Les cheminots
Les cheminots
Hélas ! c'est bien le nôtre :
Les malheureux cheminots !

En avant ! viv’ la Grève !
Des cheminots !
Des cheminots !
En avant ! viv’ la Grève !
Des malheureux cheminots !

Au long des lign's entre les rails
Au long des lign's entre les rails
S'il est dur notr' sacré travail
S'il est dur notr' sacré travail
En revanch' nous gagnons
Des masses de pognon
Pour tous les actionnaires
O cheminots
O cheminots
Pour tous les actionnaires
O ! malheureux cheminots !

En avant ! viv’ la Grève !
Des cheminots !
Des cheminots !
En avant ! viv’ la Grève !
Des malheureux cheminots !

Si ces messieurs par nos efforts
Emplissent leur grand coffre-fort
Nos gosses en ce jour
Peuv'nt battre du tambour
Sur leur 'tit ventre vide
O cheminots
O cheminots
Sur leur 'tit ventre vide
O ! malheureux cheminots !

En avant ! viv’ la Grève !
Des cheminots !
Des cheminots !
En avant ! viv’ la Grève !
Des malheureux cheminots !

On n'veut plus crever su' l'turbin
On n'veut plus crever su' l'turbin
Pour nos bambins, nos bambins
Pour nos bambins, nos bambins
Crever de faim pendant
Qu'un' poigné' de feignants
Entassent des fortunes
O cheminots
O cheminots
Entassent des fortunes
O ! malheureux cheminots !

En avant ! viv’ la Grève !
Des cheminots !
Des cheminots !
En avant ! viv’ la Grève !
Des malheureux cheminots !

Que demand’nt tous les cheminots ?
Chaq’ semaine un jour de repos
Et pour les moins payés
Qui soi’nt dans le métier
Ils veul’nt la thune ronde
Les cheminots
Les cheminots
Ils veul’nt la thune ronde
Les malheureux cheminots

En avant ! viv’ la Grève !
Des cheminots !
Des cheminots !
En avant ! viv’ la Grève !
Des malheureux cheminots !

Allons-y, marchons tous en chœur
Allons-y, marchons tous en chœur
Et si quéqu’joyeux saboteur
Et si quéqu’joyeux saboteur
Pour fair’ marcher un brin
La Grève, arrêt’ les trains
Ils auront le sourire
Les cheminots
Ils auront le sourire
Les malheureux cheminots

En avant ! viv’ la Grève !
Des cheminots !
Des cheminots !
En avant ! viv’ la Grève !
Des malheureux cheminots !

Contributed by Bernart Bartleby - 2015/6/11 - 13:58



Language: Italian

Traduzione italiana / Traduction italienne / Italian translation / Italiankielinen käännös:
Riccardo Venturi, 29-02-2020 09:22

morettishit


Mi sarà perdonato se, a corredo di questa traduzione, il qui presente, nipote di un ferroviere deportato, non mette un'immagine di Gaston Couté, bensì dell'ex AD delle ferrovie privatizzate italiane, il “compagno” Moretti. E se la traduzione è dedicata a tutte le vittime e ai familiari della strage di Viareggio del 29 giugno 2009, a Riccardo Antonini e, ultimi in ordine di tempo, alla memoria dei due macchinisti morti nel deragliamento di Lodi. [RV]
LA CARMAGNOLA DEI FERROVIERI

Nella società intera
nella società intera
fra i mestieri sfruttati
fra i mestieri sfruttati
se esiste un lavoro
che non è divertente,
ahimè! È proprio il nostro:
i ferrovieri
i ferrovieri
ahimè! È proprio il nostro:
gli infelici ferrovieri !

Avanti! Evviva lo Sciopero
dei ferrovieri !
Dei ferrovieri !
Avanti! Evviva lo Sciopero
degli infelici ferrovieri !

Lungo le linee tra i binari
lungo le linee tra i binari
se è duro, il nostro maledetto lavoro
se è duro, il nostro maledetto lavoro
in compenso guadagniamo
carrettate di quattrini
per tutti i soci della SpA,
o ferrovieri,
o ferrovieri,
per tutti i soci della Spa,
o infelici ferrovieri !

Avanti! Evviva lo Sciopero
dei ferrovieri !
Dei ferrovieri !
Avanti! Evviva lo Sciopero
degli infelici ferrovieri !

Se questi signori, grazie alle nostre fatiche
si riempiono le loro gran casseforti,
i nostri figli oggigiorno
possono pure tamburellare
sul loro pancino vuoto
o ferrovieri,
o ferrovieri,
sul loro pancino vuoto,
o infelici ferrovieri !

Avanti! Evviva lo Sciopero
dei ferrovieri !
Dei ferrovieri !
Avanti! Evviva lo Sciopero
degli infelici ferrovieri !

Non si vuol più crepare sul lavoro
non si vuol più crepare sul lavoro
per i nostri bambini, i nostri bambini,
per i nostri bambini, i nostri bambini
crepare di fame, mentre
un pugno di fannulloni
accumulano fortune,
o ferrovieri,
o ferrovieri,
accumulano fortune,
o infelici ferrovieri !

Avanti! Evviva lo Sciopero
dei ferrovieri !
Dei ferrovieri !
Avanti! Evviva lo Sciopero
degli infelici ferrovieri !

Che cosa chiedono tutti i ferrovieri?
Un giorno di riposo alla settimana
e, per i precari
di essere assunti, [1]
vogliono soldi tondi
i ferrovieri,
i ferrovieri,
vogliono soldi tondi
gli infelici ferrovieri

Avanti! Evviva lo Sciopero
dei ferrovieri !
Dei ferrovieri !
Avanti! Evviva lo Sciopero
degli infelici ferrovieri !

Andiamo, marciamo tutti in corteo,
andiamo, marciamo tutti in corteo,
e se qualche allegro sabotatore
e se qualche allegro sabotatore,
per far avanzare un po'
lo Sciopero, ferma i treni,
sorrideranno,
sorrideranno
i ferrovieri,
sorrideranno
gli infelici ferrovieri !

Avanti! Evviva lo Sciopero
dei ferrovieri !
Dei ferrovieri !
Avanti! Evviva lo Sciopero
degli infelici ferrovieri !
[1] La traduzione qui potrà apparire un po' troppo "moderna"; ma non lo è affatto.

2020/2/29 - 09:23



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org