Language   

Fratello nero

Marco Chiavistrelli
Language: Italian


Related Songs

Canzone per un ergastolano
(Carmelo Musumeci)
Canzone di marzo (I giorni del Coronavirus)
(Marco Chiavistrelli)
Con Alì io ballo il tango
(Marco Chiavistrelli)


Fratello nero che cammini sulla spiaggia
col tuo carico di morte e di dolore sulla faccia,
col tuo peso di animale tatuato sopra il corpo,
tra i sorrisi o la vergogna di chi ti vorrebbe schiavo o morto.
Ma dimmi dove vai,ma dimmi tu chi sei,
ma dimmi come fai a non gridare mai.

Eri lì nella tua terra e correvi nel tuo vento,
loro guardarono oltre gli occhi per ucciderti fino a dentro,
e poi vennero i velieri e poi vennero uomini strani,
con gli sguardi leggeri e ferro pesante nelle mani,
con le mani sporche di sangue,con le mani lorde di oro
e sfruttarono la tua potenza e sfruttarono il tuo lavoro
e sfruttarono la tua donna e sfruttarono le tue gambe,
ti separarono da tuo figlio e ti frustarono fino a sangue.
Ma dimmi dove vai,ma dimmi tu chi sei,
ma dimmi come fai a non gridare mai.

E ti chiusero nelle gabbie e ti chiusero nella ragione,
ti gettarono agli squali e benedirono con la religione,
ti fecero correre dentro il circo,
ti fecero correre lungo la strada,
perchè eri preda e preda rimani e preda sarai ovunque tu vada.
Ma dimmi dove vai ma dimmi come fai ad esser come sei e a non gridare mai.

E poi vennero i mercanti e poi vennero i proprietari
e spacciarono per palazzi i loro bianchi fetenti sudari
e raziarono ogni ricchezza e raziarono ogni materia,
ti lasciarono nell'inferno a coltivare la tua miseria.
E poi vennero le colonie e poi vennero i coloniali e le feste dei ricchi stronzi con annessi i loro rosari
e nei ghetti bollenti di fame ti lasciarono a procreare
quei bambini malati di morte che adesso vedi sfiorire nel male.
E poi infine globalizzarono i centri perversi della loro unione,
analizzando ogni mercato come fine ultimo della creazione,
e nell'orrendo pascolo eterno che si avvidero di aver creato
tu eri solo la comparsa del niente,il figlio minore del loro operato.
Ma dimmi come fai a non gridare mai..

Fratello nero fermo sotto l'ombrellone, a perorare la tua causa mentre ride il tuo padrone,
a sognare oltre il mare terre dolci e profumate
e a sopportare le sue risate, a sopportare le sue risate.

Fratello nero che cammini sulla sabbia
col tuo sorriso eterno stampato sulle labbra,
fa che quel tuo sorriso ti resti bello sempre
e ho voglia di abbracciarti,fratello mio
fratello di tutta la gente.
Ma dimmi dove vai,fratello mio,
ma dimmi tu chi sei,fratello mio,
ma dimmi come fai,fratello mio,
a non gridare gridare gridare mai,
fratello mio, fratello mio.

Contributed by marco chiavistrelli - 2006/9/11 - 10:25



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org