Language   

Hijos del pueblo

Rafael Carratalá Ramos
Language: Spanish

List of versions

Watch Video


Hijos del Pueblo. Regrabación 2010.


More videos...


Related Songs

Canto libertario
(Anonymous)
En el país de Nomeacuerdo
(María Elena Walsh)
Dante Di Nanni
(Stormy Six)


‎[1885 / 1889?]‎
Letra y música de R.C.R. (Rafael Carratalá Ramos)
Testo e musica di R.C.R. (Rafael Carratalá Ramos)

hijpueb




"Hijos del pueblo" es una canción popular relacionada con el movimiento obrero, especialmente el de inspiración anarcosindicalista. Parece ser que este himno es obra de un director de banda militar establecido en Barcelona. Se presentó en 1885 a la Sección de Música revolucionaria del primer certamen socialista organizado por el Centro de Amigos de Reus, perteneciente a la Primera Internacional." - es.wikipedia


"Hijos del pueblo": Historia de su composición y grabación
CNT-AIT Confederación Nacional del Trabajo

aitcnt


Si hablamos de la historia del anarcosindicalismo ibérico no podemos dejar de poner en valor los símbolos que lo han representado durante estos cien años que ahora cumple la CNT. La bandera rojinegra, Heracles con el león de Nemea, las propias siglas CNT, son indiscutiblemente las principales representaciones gráficas del anarcosindicalismo ibérico, aunque este sea bastante más antiguo que la propia CNT. Pero si hablamos de música, son dos las canciones que han destacado siempre entre todas las demás que han acompañado nuestra historia y que han alcanzado la categoría de himnos; “Hijos del pueblo” y “¡A las barricadas!”.

“Hijos del pueblo” parece ser que data de 1885 y la compuso el tipógrafo Rafael Carratalá Ramos. Lo cierto es que tuvo un tremendo éxito en los círculos obreros de la primera Internacional y pasó a convertirse (junto a “la Internacional”) en canción de referencia para los socialistas antiautoritarios.

“¡A las barricadas!”, por su parte, es una versión de la “Warszawianka” ó “Varsoviana”, canción compuesta en prisión por el poeta polaco Wacław Święcicki en 1883. Diferentes versiones de “La Varsoviana” se popularizaron por toda Europa en solidaridad con el movimiento obrero polaco, que luchaba duramente por los derechos de los trabajadores y contra la ocupación rusa. En noviembre de 1933 se publicó la partitura en el periódico “Tierra y Libertad” de Barcelona, con letra de Valeriano Orobón Fernández y arreglos musicales para coro de Ángel Miret. Aquella versión se tituló “Marcha triunfal. ¡A las barricadas!” y en poco tiempo ganó en popularidad a la tradicional “Hijos del pueblo”.

Ambas canciones fueron grabadas en 1936 por el Orfeó Català de Barcelona bajo la dirección de Francesc Pujol. En el caso de “Hijos del pueblo”, con una letra diferente a la original de 1885, más corta y orientada a la confrontación bélica. Las grabaciones de las dos canciones que han llegado a nuestros días tienen gran valor histórico, pero lamentablemente, muy baja calidad sonora. A pesar de lo cual, se siguen usando por no existir ninguna versión “restaurada”.

hijpuebrecCon motivo de la conmemoración del centenario de la CNT, se puso encima de la mesa una vieja idea: La regrabación de “Hijos del Pueblo” y “¡A las barricadas!”. El primer paso fue el de tratar de localizar las partituras, para lo cual nos dirigimos a la Fundación Anselmo Lorenzo, con la esperanza de que estuvieran depositadas en sus archivos. Desgraciadamente, nos informaron de que si aún existían, estaban desaparecidas, probablemente extraviadas ó destruidas al finalizar la guerra. Nos pusimos después en contacto con el periódico “Tierra y Libertad” que nos dio una tremenda alegría: ¡tenían las partituras! Nos hicieron llegar la partitura de “Marcha triunfal.¡A las barricadas!” de 1933 y dos de “Hijos del pueblo”; la original y la versión de 1936. Comprobamos que sólo existía una partitura para voz y piano, faltaba toda la orquestación. Esto significaba que había que volver a reconstruir la partitura general, es decir las voces de cada instrumento y del coro. Mantuvimos una reunión con los compañeros Carmen Gutiérrez Aira, profesora de conservatorio de Bilbao y Kepa Bermejo, miembro de la Coral del Ensanche, donde les aportamos las partituras y grabaciones y les expusimos el proyecto.

Por mediación de Carmen Gutiérrez Aira, a primeros de Abril, el compositor Juan Manuel Yanke empezó a trabajar con los limitados materiales que le facilitamos. La labor de Juan Manuel Yanke ha sido sin duda la más importante en la consecución de este proyecto. Son incontables las horas de esfuerzo personal que ha aportado de manera totalmente desinteresada para poner voz a cada uno de los instrumentos. En el caso de “Hijos del pueblo”, se ha inspirado en la grabación de 1936, con una larga introducción musical a la que ha añadido su sello sinfónico personal antes de la contundente entrada del coro, entonando la letra original de 1889.Su versión de “¡A las barricadas!” sorprenderá sin duda por sus diferencias con respecto a la grabación de 1936. Juan Manuel Yanke hace en la introducción sendos guiños a las versiones alemana y rusa de “La varsoviana”, con entrada del coro suave y escalonada. Tras una pausa, todas las voces se incorporan con toda su fuerza. Hay algunos giros melódicos y rítmicos diferentes a la versión grabada en 1936 y tiene su explicación: la partitura en la que se ha inspirado es anterior a la que utilizó el Orfeó Català, por lo que podemos considerar que se ha recuperado la versión original.

Hay que agradecer el enorme trabajo de los compañeros José Martín Álvarez, editando la partitura y particellas, haciendo correcciones y participando como músico en la orquesta. Carmen Gutiérrez, concertino al frente de la orquesta, coordinadora y productora musical. Luís Gamarra, dirigiendo el coro y la orquesta desde los primeros ensayos. Mario Clavell Larrinaga, que además de tocar la flauta, ha ayudado en todo lo relativo a las necesidades de la grabación. Y todo el coro, que ha actuado literalmente “por amor al arte”. Además, Juan Manuel Yanke ha tenido la generosidad de ceder desinteresadamente a la CNT los derechos sobre las composiciones. Tras varios meses de arduo trabajo componiendo, escribiendo, arreglando, juntando músicos y cantantes de diferentes masas corales… tras largas horas de ensayos y correcciones, el 14 de Noviembre de 2009 tuvo lugar la grabación definitiva en el conservatorio “Juan Crisóstomo de Arriaga” de Bilbao. Dos versiones de cada canción; coral e instrumental. 23 músicos, coro mixto de 35 personas, director y equipo de grabación. El resultado será editado en breve en CD, con una pista de video con el “Making of” realizado por el compañero Víctor González Rubio, director de cine.

Como conclusión hay que hacer constar que en el caso de “¡A las barricadas!” es la primera vez que se graba con orquesta y coro desde 1936. La recuperación de “Hijos del pueblo” es aún más emocionante, ya que nunca se había grabado en estas condiciones con su letra original.





La storia di Hijos del Pueblo e la sua derivazione
di Riccardo Venturi.


Prima dell'avvento di ¡A las barricadas!, Hijos del pueblo è stato l'inno riconosciuto dell'anarchismo spagnolo, e in alcune sue versioni anche dell'anarcosindacalismo non solo spagnolo. Da dire comunque che la sua esecuzione non è mai stata abbandonata del tutto, neanche adesso, dalla CNT-AIT.

1° maggio 1887: la bomba di Haymarket Square.
1° maggio 1887: la bomba di Haymarket Square.
Le sue origini sono complesse, e la stessa CNT-AIT attuale mostra di non conoscerle appieno (vedi la sezione precedente in lingua spagnola). Per la ricostruzione della storia del canto è necessario invece basarsi su studi storici approfonditi, come ad esempio l'importante saggio di Anna Ribera e Alejandro de la Torre, intitolato Memoria libertaria. Usos del calendario militante del anarquismo hispanoamericano qui in documento PDF. Sebbene l'origine del canto venga generalmente fatta risalire al 1885, la Ribera e de la Torre la spostano di qualche anno, esattamente al 1889, e in riferimento ad un fatto preciso che segnò la storia dell'anarchismo internazionale: l'esecuzione capitale dei “Martiri di Chicago” dopo i fatti di Haymarket. Ricordiamo brevemente i fatti: il 1° maggio 1887 a Chicago si teneva in Haymarket Square una manifestazione operaia per la giornata lavorativa di otto ore. All'improvviso uno scoppio: uno sconosciuto aveva gettato una bomba carta (che non fece vittime), in seguito alla quale la polizia sparò sulla folla che reagì dando inizio ad una rivolta dove sette agenti di polizia rimasero uccisi. Cinque sindacalisti anarchici, quasi tutti di origine tedesca, furono arrestati senza nessuna prova contro di essi: uno di essi, il falegname ventiduenne Louis Lingg, si suicidò in carcere mentre gli altri quattro (il tipografo Georg Engel, i giornalisti Adolf Fischer e August Spies e il giornalista statunitense Albert Parsons) finirono alla forca l'11 novembre 1887. Per la data dei fatti, il Congresso Internazionale Sindacale di Parigi del 1889 decise di istituire il 1° maggio come festa internazionale dei lavoratori; ma per i militanti anarchici, l'esecuzione dei “martiri di Chicago” rappresentò un colpo durissimo e, in pratica, la repressione feroce dell'anarchismo negli Stati Uniti, paragonabile a quella delle monarchie europee; il significato storico palese è che anche una “democrazia” moderna come quella USA si comportava nei confronti dell'anarchismo esattamente allo stesso modo dei regimi della vecchia Europa, ai quali molti anarchici erano sfuggiti rifugiandosi proprio negli Stati Uniti. Al pari del 1° maggio, l'11 novembre lasciò una traccia profonda nella memoria libertaria, dato che non solo recava con sé il ricordo luttuoso dei Martiri di Chicago, ma ebbe a significare (dato all'agitazione sviluppatasi in seguito al processo) la conversione all'anarchismo di importantissime figure, come ad esempio Emma Goldman.

I Martiri di Chicago.
I Martiri di Chicago.
La reazione libertaria ai fatti di Chicago e all'esecuzione dei Martiri travalicò prestissimo le frontiere americane. Nell'agosto del 1889, un gruppo anarchico spagnolo decise di mutare nome e di chiamarsi Once de Noviembre (“Undici Novembre”); storicamente è ricordato come il primissimo nucleo originale della FAI, e la sua importanza storica è quindi fondamentale. In quel mese di agosto, il gruppo Once de Noviembre convocò anche un “Certame Socialista” da tenersi a Barcellona in onore e ricordo dei Martiri di Chicago proprio nella data che rappresentava il secondo anniversario della loro esecuzione. Durante il “Certame” si sarebbero dovuti tenere diversi seminari di studio a cura dei partecipanti, con la produzione di saggi a tema che sarebbero stati sottoposti a una giuria per una premiazione. Il primo tema proposto era: “L'Anarchia. La sua origine, progresso, evoluzione, definizioni e importanza attuale e futura”. Furono decisi anche dei primi artistici: il primo pittorico, con un “quadro contenente i ritratti dei Martiri di Chicago”, e uno musicale con la composizione di un “inno rivoluzionario anarchico”.

Fu a quest'ultima premiazione che partecipò il tipografo di Alicante Rafael Carratalá Ramos, in seguito divenuto anche critico teatrale. Il suo inno, intitolato “Hijos del Pueblo”, risultò vincitore assoluto e ottenne un premio in denaro di 150 pesetas ricavate da una sottoscrizione popolare aperta anch'essa dal gruppo Once de Noviembre. L'origine del canto potrebbe però partecipare di entrambe le date proposte, in quanto sembra (da studi più recenti) che Carratalá Ramos avesse composto il canto qualche anno prima, e che lo avesse poi presentato al Certame barcellonese del 1889. Ad ogni modo, lo sviluppo di “Hijos del Pueblo” come canto anarchico internazionale risale al 1889; ma la sua diffusione fu rapidissima. "Già nel corso dello sciopero generale del 1891 i lavoratori di Barcellona lo cantano per le strade e nel 1892 gli anarchici occupano, dopo una rivolta, Xerez [Jérez de la Frontera, ndr] cantando questo inno (poi i condannati per la rivolta saliranno sul patibolo)" [Catanuto/Schirone].

Nel suo studio sulla cultura e sull'ideologia dell'anarchismo spagnolo, Manuel Morales Múñoz sostiene che “Hijos del Pueblo” contiene tutti i tratti ideologici e formali comuni alla poesia operaia: “Dualismo morale (egoismo borghese – sofferenza dei lavoratori), misticismo e enfasi lessicale (libertà, unione, solidarietà), con un impianto metrico tradizionale.” “Hijos del Pueblo” faceva parte in pieno della cosiddetta “innologia rivoluzionaria” che si contrapponeva a quella patriottica e religiosa della borghesia, e denunciava non soltanto lo sfruttamento della classe lavoratrice, ma esortava le classi popolari alla lotta senza indugi e a morire, se necessario, al grido di “Rivoluzione Sociale”. La sua diffusione tra i gruppi libertari del mondo ispanico fu immediatamente notevole; nel 1904, ad esempio, già lo ritroviamo in Argentina cantato da una folla immensa durante le manifestazioni del 1° maggio.

L'inno composto da Carratalá Ramos ebbe una tale e generale accettazione da divenire ben presto il distintivo musicale degli anarchici di lingua spagnola sparsi per tutto il mondo, come segno di identità ideologica e di mistica ribelle. In maniera indiretta, quindi, l'11 novembre e i Martiri di Chicago, oltre che all'instaurazione del 1° maggio, contribuirono anche a forgiare uno dei simboli più potenti della cultura libertaria ispanoamericana. Il ricordo luttioso dei Martiri di Chicago, in modo analogo ad altre commemorazioni militanti, divenne un appello all'azione. Fu probabilmente proprio dal Sudamerica, e in particolare dall'Argentina dove vivevano decine di migliaia di immigrati italiani, che “Hijos del Pueblo” valicò per la prima volta le frontiere linguistiche castigliane per essere tradotto e cantato in lingua italiana, negli anni successivi alla prima guerra mondiale (particolarmente a Torino). Un'ulteriore versione italiana si svilupperà tra gli anarchici delle colonne Durruti impegnate al fronte nel 1936-39.



Rafael Carratalá Ramos

Rafael Carratalá (in grafia catalana: Carratalà) Ramos nacque a Alicante nel 1859. Di mestiere era tipografo. Fin da giovanissimo cominciò a lavorare in una stamperia, partecipando alla creazione della Società Tipografica di Alicante nel 1882. In seguito si dedicò al commercio di vini. Fu collaboratore di diversi giornali: fondò e diresse El Progreso (1884) e la rivista satirica Figuras y Figurones (1886). Scrisse poi varie opere teatrali, tra le quali Los Nihilistas (1880) e Estratónico Fuerte (1887); pubblicò un volume di poesia militante, Gritos del Alma (1894) e un interessante studio sul teatro proletario (El teatro ante las sociedades obreras, 1907). Negli anni '80 del XIX secolo diede vita assieme ad altri operai, Guillermo Rameta e Joaquín Adrián, al gruppo di liberi pensatori alicantino “Paz”. Fu condirettore di El Socialista di Madrid nel 1889 e organizzò la prima commemorazione della Comune di Alicante; nel 1890 collaborò all'organizzazione del primo 1° Maggio e alla creazione del Centro Operaio di Alicante, di cui fu presidente. Partecipò alla costituzione della AS (Agrupación Socialista) di Alicante nel gennaio del 1891. Fu candidato del PSOE per il distretto di San Antón de Alicante alle elezioni municipali del 1895, senza risultare eletto. Con lo pseudonimo di “Véritas” collaborò alla stampa socialista dell'epoca: El Grito del Pueblo, El Mundo Obrero, La Nueva Era, La Revista Socialista . Alcuni dei suoi articoli sono fortemente polemici verso gli anarchici, dei quali però scrisse uno degli inni più famosi: Hijos del Pueblo; gli articoli furono da lui riuniti nel volume Socialismo y anarquismo: consideraciones sobre una y otra escuela (Valencia 1903). A partire dal 1905 ebbe uno scontro forte con José Verdes Montenegro all'interno della AS di Alicante, che lo vide sconfitto e determinò il suo allontanamento dalla vita del partito socialista. Morì a Alicante nel 1909.

Hijo del pueblo, te oprimen cadenas
y esa injusticia no puede seguir,
si tu existencia es un mundo de penas
antes que esclavo prefiere morir.
Esos burgueses, asaz egoístas,
que así desprecian la Humanidad,
serán barridos por los anarquistas
al fuerte grito de libertad.

¡Ah!

Rojo pendón, no más sufrir,
la explotación ha de sucumbir.
Levántate, pueblo leal,
al grito de revolución social.
Vindicación no hay que pedir;
sólo la unión la podrá exigir.
Nuestro pavés no romperás.
Torpe burgués.
¡Atrás! ¡Atrás!

Los corazones obreros que laten
por nuestra causa, felices serán.
Si entusiasmados y unidos combaten,
de la victoria, la palma obtendrán.
Los proletarios a la burguesía
han de tratarla con altivez,
y combatirla también a porfía
por su malvada estupidez.

¡Ah!

Rojo pendón, no más sufrir,
la explotación ha de sucumbir.
Levántate, pueblo leal,
al grito de revolución social.
Vindicación no hay que pedir;
sólo la unión la podrá exigir.
Nuestro pavés no romperás.
Torpe burgués.
¡Atrás! ¡Atrás!

Contributed by Bernart + CCG/AWS Staff - 2013/4/5 - 11:21


hijpuebpart



Las versiones en castellano


Le versioni in spagnolo

2013/4/8 - 13:35




Language: Spanish

La versione cantata dai combattenti anarchici durante la Guerra Civile spagnola
La versión cantada por los combatientes anarquistas durante la Guerra Civil española

Si tratta ovviamente di un testo adattato alla realtà contingente della guerra civile, dovendo servire anche come canto di battaglia; resta però il fatto che si preferiva "A las barricadas". [RV]
HIJOS DEL PUEBLO

Hijo del pueblo, te oprimen cadenas,
y esa injusticia no puede seguir;
si tu existencia es un mundo de penas
antes que esclavo prefiere morir.
En la batalla, la hiena fascista.
por nuestro esfuerzo sucumbirá;
y el pueblo entero, con los anarquistas,
hará que triunfe la libertad.‎

Trabajador, no más sufrir,
el opresor ha de sucumbir.
Levántate, pueblo leal,
al grito de revolución social.
Fuerte unidad de fe y de acción
producirá la revolución.
Nuestro pendón uno ha de ser:
sólo en la unión está el vencer.‎

Contributed by Bernart - 2013/4/8 - 09:07




Language: Spanish

Himno Anarquista: La versione anarcosindacalista
Himno Anarquista: La versión anarcosindicalista




Si tratta in realtà di un testo totalmente differente, e che reca anche un titolo differente: Himno Anarquista (o >Salud proletarios). Pur essendo cantato sulla medesima aria di Hijos del pueblo, dovrebbe essere a rigore considerato un canto autonomo; generalmente, però, è associato alla melodia di origine. Nacque con tutta probabilità molto prima della Guerra Civile, vale a dire con gli anni '20 e lo sviluppo in Spagna del sindacalismo anarchico; l'autore del testo è sconosciuto. [RV]
HIMNO ANARQUISTA (SALUD PROLETARIOS)‎

Salud proletarios: Llegó el gran día;
dejemos los antros de la explotación,
no ser más esclavos de la burguesía,
dejemos suspensa la producción.
Iguales derechos e iguales deberes
tenga por norma la sociedad,
y sobre la tierra los humanos seres
vivan felices en fraternidad.‎

Trabajador, no más sufrir
el opresor ha de sucumbir.
A derrocar al capital,
al grito de Revolución Social.
Acracia al fin triunfará.
Bello jardín la tierra será.
Todo lo vil a eliminar.
Pueblo viril, ¡Luchar, Luchar!‎

No más supremacía de dioses y leyes,
no más de tiranos la vil opresión.
Y vallas, fronteras, gobiernos y leyes
derrúmbense al paso de la rebelión.
Formemos un mundo de paz y armonía
do libres imperen las Artes y Amor.
Viviendo la libre Anarquía
Natura brinda en su rica labor.‎

Trabajador, no más sufrir
el opresor ha de sucumbir.
A derrocar al capital,
al grito de Revolución Social.
Acracia al fin triunfará.
Bello jardín la tierra será.
Todo lo vil a eliminar.
Pueblo viril, ¡Luchar, Luchar!‎

Contributed by Bernart - 2013/4/8 - 09:07




Language: Spanish

La versione argentina cantata nel 1904.
La versión argentina cantada en 1904.

Si tratta qui della "versione originale" di questa pagina così come postata da Bernart. E' stata mantenuta, ma ovviamente spostata e ricondotta al contesto storico. [CCG/AWS Staff]


La versione argentina, dal disco “Los Anarquistas - Marchas y canciónes de lucha de los obreros anarquistas argentinos ‎‎(1904 - 1936)”, a cura di Osvaldo Bayer, con la collaborazione di Héctor Alterio (1929-‎‎), grande attore argentino (un titolo per tutti: “La historia oficial”, di Luis Puenzo, 1985, forse il ‎primo film argentino sugli orrori della dittatura. Nella colonna sonora, En el país de Nomeacuerdo di María Elena ‎Walsh). Si noti che prima strofa ed il ritornello vengono cantati dagli operai in sciopero nel film “Patagonia rebelde” ‎del 1974, regia di Héctor Olivera (e sceneggiatura proprio di Osvaldo Bayer), premiato a Berlino ‎con l’Orso d’argento, pellicola che racconta della feroce repressione del mvimento operaio accaduta ‎nella Patagonia argentina tra il 1920 ed il 1921.‎

image122


‎“Buenos Aires, primero de mayo de 1904.
Ya se acercan, son las columnas anarquistas. Vienen con sus banderas rojas y negras, sus ‎estandartes con los nombres de sus gremios: panaderos, marmoleros, carreros, carpinteros, pintores.
Son miles y miles que avanzan, setentamil calculará el diario la Prensa. La manifestación más ‎grande de toda la historia argentina, para un Buenos Aires que no tiene más de un millón de ‎habitantes. El estandarte de la Federación Obrera Argentina se extiende de vereda a vereda. Al frente, la banda ‎integrada por compañeros italianos cantan “Hijo del Pueblo”, la más querida canción anarquista.” ‎‎(Osvaldo Bayer)‎

HIJOS DEL PUEBLO

Hijo del pueblo
te oprimen cadenas
y esa injusticia
no puede seguir.

Si tu existencia
es un mundo de penas
antes que esclavo
prefiere morir.

Esos burgueses
asaz egoístas
que así desprecian
a la humanidad.

Serán barridos
por los anarquistas
al fuerte grito
de la libertad.

Ah, rojo pendón
no más sufrir
la explotación
ha de sucumbir.

Levántate
pueblo leal
al grito de
revolución social.‎

Contributed by Bernart - 2013/4/8 - 15:01


hijpuebpart



Las versiones italianas


Le versioni in italiano

2013/4/8 - 14:45




Language: Italian

La versione italiana letterale della versione originale del 1885
di Riccardo Venturi, 8 aprile 2013

hijpuebbander


Come (quasi) sempre nelle pagine più complesse di questo sito, cominciamo con una semplice versione letterale del testo originale; una "base" che permetta di apprezzare e analizzare le versioni storiche che sono state fatte del canto. (RV)
FIGLI DEL POPOLO

Figlio del popolo, ti opprimon catene
e questa ingiustizia non può seguitare,
se la tua esistenza è un mondo di pene
all'essere schiavo preferisci morire.
Questi borghesi, parecchio egoisti,
che così disprezzano l'Umanità,
spazzati via saran dagli anarchisti
al forte grido di libertà.

Ah!

Rosso stendardo, soffrire non più,
lo sfruttamento soccomberà.
Insorgi, popolo leale
al grido della rivoluzione sociale.
La rivendicazione non va chiesta;
solo l'unione la potrà esigere.
Il nostro pavese non lo spezzerai,
turpe borghese.
Vade retro!

I cuori operai che palpitano
per la nostra causa, saran felici.
Se entusiasti de uniti combattono
della vittoria la palma otterranno.
I proletari dovran trattare
la borghesia con alterigia
e combatterla anche per sfida
alla sua malvagia stupidità.

Ah!

Rosso stendardo, soffrire non più,
lo sfruttamento soccomberà.
Insorgi, popolo leale
al grido della rivoluzione sociale.
La rivendicazione non va chiesta;
solo l'unione la potrà esigere.
Il nostro pavese non lo spezzerai,
turpe borghese.
Vade retro!

2013/4/8 - 14:44




Language: Italian

Figli della plebe: La versione italiana di VIR (Virgilio Gozzoli) cantata dagli anarchici delle colonne Durruti nel 1936/39.
Figli della plebe: La versión italiana de VIR (Virgilio Gozzoli) cantada por los anarquistas de las columnas Durruti en 1936/39.




"Composto nel corso della rivoluzione spagnola del 1936-39 dagli anarchici italiani sull'aria del famoso inno della FAI-CNT, questo canto appare sul giornale anarco-sindacalista "Guerra di Classe" a firma di VIR, pseudonimo del pistoiese Virgilio Gozzoli. L'originale canto spagnolo venne scritto nel 1889 da Ramon Carratala [sic], un giovane operaio di Alicante, con il titolo di Himne Révolutionnaire espagnol e viene premiato ad un concorso la cui giuria è formata da poeti e musicisti che per la bellezza della musica paragonano l'inno alla Marsigliese. Nel oorso dello sciopero generale del 1891 i lavoratori di Barcellona lo cantano per le strade e nel 1892 gli anarchici occupano, dopo una rivolta, Xerez cantando questo inno (poi i condannati per la rivolta saliranno sul patibolo). Il canto accompagnerà tutte le lotte libertarie e rivoluzionarie della Spagna del novecento, specialmente la rivoluzione del 1936-39. Durante il franchismo sarà proibito cantarlo."
Santo Catanuto e Franco Schirone, "Il canto Anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Noveceto", edizioni Zero in Condotta, 2a ed. Milano 2009, p. 231

Virgilio Gozzoli (1886-1964)
Virgilio Gozzoli (1886-1964)
FIGLI DELLA PLEBE

O figli oppressi di plebe in catena
tanta ingiustizia dovrà ben finir
se nostra vita è un calvario di pena
anziché schiavi è più fiero morir
gli eroi borghesi superbi agli avari
che mal dispregian l'umanità
saran' dispersi da noi libertari
all'alto grido di libertà

Vessillo ner non più soffrir
lo sfruttamento si danni a perir
popolo in piè per l'ideal
al grido di rivoluzion social
Vendetta ognor dobbiam voler
solo l'union la potrà ottenere
vessillo ner trionferà
e il vil borghese morrà morrà

Se in petto un cuor all'unisono batte
per una causa d'amore e di ben
se con ardore e con fe' si combatte
della vittoria la palma otterrem
O proletario la vil borghesia
dovrai sfidar con dignità
dovrai dei ricchi troncar malvagìa
la lor malvagia avidità

Vessillo ner non più soffrir
lo sfruttamento è dannato a perir
popolo in piè per l'ideal
al grido di rivoluzion social
Vendetta ognor dobbiam voler
solo l'union la potrà ottenere
vessillo ner trionferà
e il vil borghese morrà morrà

Vessillo ner non più soffrir
lo sfruttamento è dannato a perir
popolo in piè per l'ideal
al grido di rivoluzion social
Vendetta ognor dobbiam voler
solo l'union la potrà ottenere
vessillo ner trionferà
e il vil borghese morrà morrà.

Contributed by Riccardo Venturi - 2013/4/8 - 16:52




Language: Italian

Figlio del popolo: La versione collegiale di Alfonso Failla, Mario Perossini e altri anarchici carraresi.
Figlio del popolo: La versión colectiva de Alfonso Failla, Mario Perossini y otros anarquistas de Carrara.

Carrara 1945: gli Anarchici occupano Palazzo Del Medico. Al centro, sopra lo stendardo, Mario Perossini; poco a sinistra, con la bandiera in mano, Alfonso Failla.
Carrara 1945: gli Anarchici occupano Palazzo Del Medico. Al centro, sopra lo stendardo, Mario Perossini; poco a sinistra, con la bandiera in mano, Alfonso Failla.


"Altra versione in italiano del famosissimo canto spagnolo Hijos del pueblo, la cui prima parte, con qualche variazione, è simile alla versione di Virgilio Gozzoli del 1936, ma con una seconda parte decisamente diversa. Viene pubblicato in I canti della Rivoluzione Sociale a cura della FAI di Carrara nel 1945. Alfonso Failla, uno degli autori, in una intervista a Gianni Bosio a Roberto Leydi fatta a Carrara nel luglio 1962 racconta: 'Lo abbiamo tradotto collegialmente alcuni di noi qui a Carrara. Nel dopoguerra: io, assieme al compagno Mario Perossini di Livorno e ad altri compagni. Fu una iniziativa dei giovani anarchici che fecero anche dei dischi a settatotto giri.' "

Santo Catanuto - Franco Schirone, "Il canto Anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, edizioni Zero in Condotta, 2a ed. Milano 2009, p. 249.
Figlio del popolo oppresso in catene
questa ingiustizia deve finir
se tua esistenza è mondo di pene
anzi che schiavo è meglio morir.
Questi borghesi, feroci egoisti
e che disprezzan l'umanità
saran spazzati da noi anarchisti
al forte grido di libertà...

Lavorator, basta soffrir,
lo sfruttamento deve finir
levati in piè popol leal
al grido di rivoluzion social!
La libertà non implorar
ma riscattarla dovrai con l'UNIONE
nostra bandiera mai s'abbasserà
indietro borghese, indietro va!

Orsù compagni lasciamo il lavoro
è giunta l'ora marciare dobbiam
reggie e palagi ai potenti dell'oro
a demolire corriamo corriam.
Non più leggi caserme, prigioni
ma redenzione e fraternità
non più preti, tiranni e padroni
ma amore e gioia all'umanità.

Lavorator, basta soffrir,
lo sfruttamento deve finir
levati in piè popol leal
al grido di rivoluzion social!
La libertà non implorar
ma riscattarla dovrai con l'UNIONE
nostra bandiera mai s'abbasserà
indietro borghese, indietro va!

Lavorator, basta soffrir,
lo sfruttamento deve finir
levati in piè popol leal
al grido di rivoluzion social!
La libertà non implorar
ma riscattarla dovrai con l'UNIONE
nostra bandiera mai s'abbasserà
indietro borghese, indietro va!

Contributed by Riccardo Venturi - 2013/4/8 - 17:13




Language: Italian

Questi borghesi traditori egoisti: La versione cantata a Torino negli anni '20.
Questi borghesi traditori egoisti: La versión italiana cantada en Turín en los '20

Santo Catanuto e Franco Schirone (op. cit., p. 232) riportano questa versione italiana parziale che si cantava a Torino già attorno al 1920 e che è, probabilmente, la prima in lingua italiana. Proviene originariamente dall'ambito di Cantacronache, esattamente da E. Jona - S. Liberovici, Canti degli operai torinesi, pp. 181-183, in cui si riferisce che "il testo costituisce una libera traduzione ritmica (incompleta) di un famoso canto anarchico spagnolo".
Questi borghesi traditori egoisti
che tanto sfruttan l'umanità
saran travolti da noi socialisti (anarchisti)
al forte grido di libertà

Vessil d'amor
basta soffrir
lo sfruttamento
deve perir!
Scuotiti o popol
e col tuo sol
l'Internazionale
dei lavorator
All'armi o paria
distrutta sarà
dalla rivoluzion
la vil società!

Finché al potere tu lasci i tiranni
tu avrati fratello miseria e fam
morta è tua moglie fra stenti ed affanni
sfinito il figlio contemplerai

O condottier
reo (?) i nostri eroi
orsù venite
stiamo con voi
Trasformerem
la società
noi daremo
pace e libertà

Contributed by Riccardo Venturi - 2013/4/8 - 18:24




Language: Italian

”INNO ANARCHICO SPAGNOLO”: La versione (anonima) italiana pubblicata nell' “Almanacco Libertario per il 1937” di Carlo Frigerio

La seguente versione italiana apparve sull' “Almanacco Libertario per il 1937” (p. 68) stampato in Svizzera da Carlo Frigerio. Dopo le note storiche che accompagnano il canto e la riproduzione a tutta pagina dello spartito, l'Almanacco così termina: “La rivoluzione ha rimesso in voga quest'inno popolare e le note fatidiche e vibranti di Carratalá risuonano ora liberamente nelle manifestazioni pubbliche della nuov Catalogna, insorta contro il fascismo sanguinario e liberata dai ceppi del passato. Diamo qui la versione italiana di quest'inno, già tradotto e cantato da molti anni dai nostri compagni francesi.” Quest'ultima, importante affermazione ci comunica che il canto spagnolo è già tradotto e diffuso tra gli esuli anarchici in Francia “da molti anni”, cioè se non proprio dai primi anni '20 (la prima ondata di esuli avviene subito dopo la fascista marcia su Roma) sicuramente nel periodo 1929-1931 quando l'attenzione del mondo libertario è rivolta ai fatti e alle repressioni in Spagna. [Santo Catanuto – Franco Schirone, Il canto anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, Zero in Condotta, 2009, p. 229]
Figlio del popol avvinto in catene
Sì ingiusta sorte non può più durar:
Se la tua vita è un tessuto di pene,
Piuttosto che schiavo, t'appresta a pugnar.

La tracotante ed esosa genìa,
Che spregia e opprime l'Umanità,
Sarà dispersa da l'Anarchia
Nel nome santo di Libertà!

Lavorator, sorgi a lottar;
Lo sfruttamento ha da cessar.
Su t'alza in piè, per l'Ideal,
Al grido di Rivoluzion Social.

Giustizia alfin dobbiam voler,
Uniti sol si potrà ottener.
Vessillo ner non piegherà,
La borghesia sgominerà!

Un sol vessillo, un'unica face
Ci guidi, c'infiammi, ci sproni ad agir;
Sol con l'azione concorde e tenace
Il trionfo finale potrem conseguir.

Di un ideal di giustizia e d'amore
La nostra lotta degna sarà:
Del bieco borghese, del vil sfruttatore
Il giogo si spezzi e l'error sparirà.

Lavorator, sorgi a lottar;
Lo sfruttamento ha da cessar.
Su t'alza in piè, per l'Ideal,
Al grido di Rivoluzion Social.

Giustizia alfin dobbiam voler,
Uniti sol si potrà ottener.
Vessillo ner non piegherà,
La borghesia sgominerà!

Contributed by Riccardo Venturi - 2019/7/10 - 06:16




Language: Italian

Una versione italiana anonima del secondo dopoguerra.
Una versión italiana anónima de los años post-bélicos

Proviene dal Nuovo canzoniere dei ribelli, edizione di "Umanità Nova", a cura del gruppo anarchico Ponte Regola di Roma, senza data ma in realtà circa del 1947. (Catanuto-Schirone, p. 232)
FIGLIO DEL POPOLO

Noi vogliamo che alle lotte incivili
seguano i giorni di pace e d'amore;
noi vogliam che una classe di vili
cessi di vivere del nostro sudor.
Noi sappiamo che l'orgia è delitto
com'è delitto la proprietà;
lottiam dunque pel nostro diritto,
tacere ancora saria viltà...Ah!

Non può durar, non può durar,
tant'orgia infame dovrà finir.
Noi marcerem per l'ideal
al grido di Rivoluzion Social!
Meglio è cader tratte al suol
che rassegnati subire il duol;
meglio è morir più che viver
senza diritti, senza piacer!

A te il borghese usurpò la terra
la mina*, il mare e il mondo inter;
figlio del popolo, orsù fa' guerra,
de' tuoi tiranni abbatti l'imper!
Contro la turpe genia de' ladri
che senti e fame ti danno ognor
vendetta, grida di spose e di madri
e del lavor! dell'uman genere...Ah!

Non può durar, non può durar,
tant'orgia infame dovrà finir.
Noi marcerem per l'ideal
al grido di Rivoluzion Social!
Meglio è cader tratte al suol
che rassegnati subire il duol;
meglio è morir più che viver
senza diritti, senza piacer!

Contributed by Riccardo Venturi - 2013/4/8 - 18:34


hijpuebpart



Las versiones en otros idiomas


Le versioni in altre lingue

2013/4/8 - 18:53




Languages: German, Spanish

Söhne des Volks: La versione germano-spagnola di Ernst Busch
Söhne des Volks: La versión alemano-española de Ernst Busch

Ernst Busch.
Ernst Busch.
Erich Weinert.
Erich Weinert.


La traduzione della parte tedesca è di Erich Weinert. Nella versione diffusa da Ernst Busch per le Brigate Internazionali tedesche in Spagna (la Brigata Thälmann), si compone di una prima strofa in lingua tedesca, e di un'altra nell'originale spagnolo: era una consuetudine in tutte le Brigate Internazionali di intonare almeno una parte dei canti in spagnolo. [RV]










Söhne des Volkes by Ernst Busch on Grooveshark


Wir sind es satt, noch die Ketten zu tragen,
Noch ohne Recht und erniedrigt zu sein.
Doch es wird niemand die Ketten zerschlagen,
Wenn wir uns selbst nicht entschlossen befrein.
Die uns Tod und Verzweiflung geschaffen,
Die wurden satt und reich von unsrer Not.
Erhebt Euch, Söhne des Volks, mit den Waffen!
Für unsre Freiheit, für Recht und Brot!

Trabajador no más sufrir
el opresor ha de sucumbir
levántate pueblo leal
al grito de revolución social!
Fuerte unidad de fe y de acción
producirá la revolución
nuestro pendón uno ha de ser
sólo en la unión está el vencer.

Contributed by Riccardo Venturi - 2013/4/8 - 19:02


Per l'intanto ho corretto il titolo in "Hijos del pueblo", con "hijos" al plurale così come sembra essere generalmente diffuso nel titolo (anche per non confonderlo con "Hijo del pueblo" di Vicente Fernández). La storia e la diffusione di questo storico canto sono complesse. Colgo l'occasione per una raccomandazione: quando ci si occupa di canzoni popolari del genere, che presumibilmente hanno una storia lunga, complicata (e per molti versi anche ignota), è bene sempre non fermarsi alla prima fonte trovata ma andare a controllare prima di costruire una pagina; un minimo di metodo storico, insomma, mettiamola così. Altrimenti, poniamo caso, questa canzone viene presentata come originaria dell'Argentina del 1904, e non è così. M'ariccomann'...!

Riccardo Venturi - 2013/4/8 - 12:17


E c'hai ragione, ma la prima versione che ho trovata era a firma di Osvaldo Bayer e ho dato credito a lui, che proprio non è l'ultimo arrivato...

Bernart - 2013/4/8 - 14:11


Non fa nulla, in fondo hai dato comunque inizio a questa pagina che ci doveva essere; mo' me la smazzo io (naturalmente preservando il materiale che hai comunque inserito); tu pensa che di questo canto esistono versioni italiane preesistenti alla guerra civile spagnola...ma tempo al tempo. Ad ogni modo, la questione delle fonti originali vale per qualsiasi canzone si inserisca. Sono fautore della cultura del sospetto: per qualsiasi cosa ci potrebbe essere qualcosa che viene prima, e qui dentro siamo ragazzi molto curiosi...

Riccardo Venturi - 2013/4/8 - 14:34


Beh, direi che ora potrebbe anche andare...

Riccardo Venturi - 2013/4/8 - 19:30


La versione torinese nella lezione dell’informatore Gaetano Dassetto, classe 1906, torinese di Borgo San Paolo, falegname ed operaio, socialista, antifascista, partigiano nelle SAP (Squadre di Azione Patriottica) con il nome di battaglia di “Germinale”, delegato sindacale nella FIOM CGIL.
Da “Le ciminiere non fanno più fumo - Canti e memorie degli operai torinesi”, a cura di Emilio Jona, Sergio Liberovici, Franco Castelli, Alberto Lovatto, Donzelli 2008.

Dassetto così commentava l’esecuzione del canto:

“Viena dalla Spagna. L’ho imparata nel nostro Circolo, a Borgo San paolo, nel ’20. Era una canzone rivoluzionaria spagnola, la sapevo tutta. E quando la cantavamo in giro, se la sentiva la polizia, suonava subito, eh, e ci saltavano subito addosso.
Mi ricordo una volta, eravamo lì dove adesso è via Di Nanni, era di sera, eravamo ‘na bèla partìa (una bella compagnia), ragazzi e ragazze, avevamo cominciato ad intonare questa canzone e ci hanno subito fatto sciogliere, eh, sarà nel ’21.”


QUESTI BORGHESI TRADITORI EGOISTI

Questi borghesi traditori egoisti
che tanto sfruttan l'umanità
saran travolti da noi socialisti
al forte grido di libertà

Vessil d'amor
basta il soffrir
lo sfruttamento
deve perir

Scuotiti o popol e col tuo sol
l'Internazionale dei lavorator

All'armi o paria
distrutta sarà
dalla rivoluzion
la vil società

Finché al potere tu lasci i tiranni
tu avrai fratello miseria e fam
morta è tua moglie fra stenti ed affanni
sfinito il figlio contemplerai

O condottier
con i nostri eroi
orsù venite
stiamo con voi

Trasformerem la società
noi daremo pace e libertà

Bernart Bartleby - 2016/10/19 - 09:17



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org