Language   

U spagnu di Borboni

Mattanza
Language: Sicilian

List of versions


Related Songs

Portella delle Ginestre
(Ignazio Buttitta)
Mundu a scali
(Mattanza)
Vinni cu vinni
(Anonymous)


Album :Razza mazzanchina (Il popolo racconta)

673428 1 f


Testo Post-Unitario, che narra le gesta dell'eroe dei due mondi, "riletto" con un po' di sarcasmo. Fonte: Antonio Uccello, Risorgimento e società nei canti popolari siciliani, Firenze, Parenti, 1961.
E veni Garibaldi e la so’ cumpagnia,
ch’è chiddhu chi l’Italia difindiu ;
cu li so’ piani e la so’ valintìa
‘u ‘nfernu a paradisu ridduciu.
si vitti dopu chi ‘st’omu di ‘ngegnu
cu quattru corpa trasiu ‘nta lu regnu.

Fu Garibaldi lu nostru sustegnu
cuntra la tirannia di li Borbona,
omu di sapienza e omu degnu,
ca pi lu mundu la so’ vuci sona.
lu populu a Fanciscu ll’havi a sdegnu
pirchì la so’ cundutta ‘un’era bona.

Comu vinni Garibaldi, lu valenti,
li truppi ri Borboni si spagnaru :
cu’ pigghia a lu livanti e cui a punenti,
cu’ si potti sarvari si sarvau,
pirchì ognunu dicìa: peddhi pi peddhi,
megghiu la sua ca di li povareddhi.

Vidìuvu ad ogni cruci di vaneddhi,
li povari chi ghivinu gridandu :
“ ‘sti cafuni si fannu ricchi e beddhi,
e nui lu pani jamu addisinandu !“
“riali maistà, vutau la sorti,
ciangimu ‘mpocu l’unu la sbintura !”

Ora trasiu lu gran pisci spatu,
chiddhu chi stirminau tutta a tunnara,
lu grossu ‘u picciriddhu s’ha mangiatu,
la petra si struzzau cu la quartara.
maistà, quand’è tempu di mal’ura,
cu’ l’havi si la ciangi la vintura.

Contributed by adriana - 2012/3/27 - 08:04



Language: Italian

Versione italiana dal sito ufficiale
LO SPAVENTO DEI BORBONI

Viene Garibaldi e la sua compagnia, / che è quello che l’Italia ha difeso ; / con i suoi piani e la sua valenza / l’inferno ha trasformato in paradiso. / si vide dopo che quest’uomo di ingegno - con quattro colpi (poca fatica) è entrato nel Regno. Garibaldi è stato il nostro sostegno / contro la tirannia dei borboni, / uomo di sapienza e uomo degno, / che per il mondo la sua voce risuona. / Il popolo a Francesco lo disdegna - perchè la sua condotta non era buona.
Non appena giunse Garibaldi, il valente, / le truppe dei borboni si sono spaventate: / chi andò a levante e chi a ponente, / chi potè salvarsi si salvò, / perchè ognuno diceva: pelle per pelle, - meglio la sua che quella dei poveretti. Si vedeva ad ogni incrocio di vicoli, / i poveri che andavoano gridando: / “ Questi cafoni si fanno ricchi e belli, / e noi il pane andiamo desiderando!“ / “Reale Maestà, mutò la sorte, - piangiamo un po’ per uno la sventura!” Ora è entrato il gran pesce spada, / quello che ha sterminato tutta la tonnara, / il grosso il piccolino s’è mangiato, / il sasso ha urtato la brocca / Maestà, quando giunge una triste ora, - chi ce l’ha se la pianga la sventura.

2012/3/27 - 08:18



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org