Language   

Cicce pe'

Folkabbestia
Language: Italian (Pugliese Barese)



Eravamo asola e bottone
eravamo piede e mocassino
lui Ciccio Paolo il poeta ciabattino
io calandra sua unica passione
c’incontrammo un giorno settembre
che lottavo con la tramontana
lui apri per me la sua bottega
e così non ci lasciammo più

Tacco suola giorno dopo giorno
il mio padrone mi addestrava al canto
diligentemente ripetevo
“ Urla il vento soffia la bufera ”
mentre la bottega si affollava
che pareva un covo bolscevico
amici miei venite ad ascoltare
questo è il cinguettio dell’anarchia

Cicce Paule u capone ha perdute u calandrone
kiù non sape ce fe cicce pe cicce pe

Tra una rima e un colpo di martello
passavamo lieti le mattine
lavorava declamando versi
dedicate a gente d’ogni tipo
dritti storti vecchi vanitosi
maschi loschi femmine leggere
e per il curato del paese
recita un rosario di sfottò

Cicce Paule u capone ha perdute u calandrone
kiù non sape ce fe cicce pe cicce pe

Eravamo asola e bottone
eravamo piede e mocassino
la mattina che rimasi muta
vide scomparire l’utopia
vide ammutolire la speranza
tramontare il sol dell’avvenir
e per darmi l’ultimo saluto
pianse la sua ultima poesia


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org