Language   

Le Pays Basque

Gilles Servat
Language: French


List of versions


Related Songs

La ballade nord-irlandaise
(Renaud)
Où nous entraîne
(Gilles Servat)
Jeune homme à la médaille
(René Guy Cadou)


[1974]
Testo e musica: Gilles Servat
Parole e musica: Gilles Servat
Lyrics and music: Gilles Servat
Album: L'Hirondelle

hirondelle


Tra i popoli colonizzati esiste, o dovrebbe esistere, una forte solidarietà reciproca; e quella tra bretoni, baschi e corsi, che "condividono" lo stato francese ed il suo spietato centralismo politico e culturale, non è mai venuta a mancare. Difficile trovare un autore od un gruppo militante dei tre paesi che non abbia dedicato almeno una canzone agli altri popoli oppressi; e Gilles Servat non fa naturalmente eccezione. Facendo opportunamente notare che, se la Bretagna ha "un solo straniero" a sud, Euskalherria ne ha uno a nord (lo stato francese) e uno a sud (lo stato spagnolo). [RV]
Beaucoup d'ici on connut la prison
Beaucoup de là bas y sont morts
Nous n'avons qu'un seul étranger dans nos maisons
Et vous en avez un au sud et un au nord
La bannière bleue rouge et blanche
De celui d'en haut nous l'avons aussi
Son ombre s'étend sur nos pays
Mais sa guerre n'est pas franche

Celui d'en bas a jeté bas son masque
Et sa main sert plus fort vos brides
La garde des gens de Madrid
Torturez l'homme qui chante basque
Que soit exemple ici l'Euskadi qui veut vivre
Que la mer écoute la montagne
La souffrance et les balles pour être libre
Et cet amour de toi Bretagne.

Contributed by Riccardo Venturi - 2011/6/3 - 08:44



Language: Italian

Versione italiana di Riccardo Venturi
3 giugno 2011
I PAESI BASCHI

Molti di qui hanno conosciuto la prigione,
Molti di là vi sono morti.
Noi abbiamo solo uno straniero in casa,
Voi ne avete uno a sud e uno a nord
La bandiera blu, rossa e bianca
Di quello sopra l'abbiamo anche noi,
La sua ombra si estende sul nostro paese
Ma la sua guerra non è leale

Quello sotto ha gettato la maschera
E la sua mano stringe su di voi ancor più forti le redini
La galera di quelli di Madrid,
Torturate chi canta in basco.
Che qui sia d'esempio l'Euskadi che vuole vivere,
Che il mare ascolti le montagne,
La sofferenza e le armi per essere liberi,
E questo amore per te, Bretagna.

2011/6/3 - 09:02


PAESE BASCO: POLEMICHE E DIVISIONI (ANCHE TRA GLI INDIPENDENTISTI) PER L’ULTIMO ONGI ETORRI
Gianni Sartori

Occuparsi della questione basca senza entrare nel merito di quella dei prigionieri (gli etarras ancora in carcere) non consente di comprendere alcune delle innegabili contraddizioni dell’attuale situazione in Euskal Herria. Diversamente da altre realtà in cui si era adottata una “soluzione politica” del conflitto (Sudafrica, Irlanda…), la deposizione delle armi da parte di ETA non ha comportato la liberazione dei militanti incarcerati. Tutt’altro.

Eppure, se pur timidamente, qualche apertura sembrerebbe all’opera. Al punto che per facilitare il superamento della contrapposizione muro contro muro (ormai forse sterile, inutile…) tra movimento basco e istituzioni, sia regionali che statali, il collettivo dei prigionieri (EPPK), allineandosi alle richieste di Sortu, nel novembre 2021 ha chiesto ai propri familiari e amici di non celebrare altri omaggi pubblici (ongi etorri) ai prigionieri quando rientrano nei loro paesi e quartieri.

Presentandolo appunto come un passo conciliante r rendere più facili (“fluidi”) i rapporti tra EH Bildu, Sare (il raggruppamento di cittadini a sostegno ai prigionieri) e il Ministero dell’Interno spagnolo. Il quale ministero avrebbe “ricambiato” con qualche piccolo beneficio. Come il passaggio - per chi dichiarava di rinunciare all’ongi etorri- dal secondo al terzo grado e talvolta la libertà condizionale.

Non tutti però si erano adeguati. Solo un mese più tardi l’ex militante di ETA Iñaki Etxeberría (“Mortadelo”, presente anche ai festeggiamenti a Berango per Ibai Aginaga) veniva accolto a Pamplona nel Casco Viejo con fiori, bengala e un “aurresku de honor” organizzato dai familiari, In aperta critica nei confronti della politica più accomodante adottata da Sortu. Un evento da cui si erano dissociate anche buona parte delle organizzazioni della sinistra abertzale.

Ovviamente le critiche maggiori provenivano dalle associazioni filo-spagnole e da quelle dei familiari delle vittime di ETA. Dato che per la Fundación Villacisneros (di cui fanno parte molti esponenti del PP dei Paesi baschi come Maria San Gil e Carlos Urquijo) “defender la causa de las víctimas del terrorismo de Eta está en el ADN de la Fundación Villacisneros”, tale organizzazione aveva chiesto ripetutamente, sia al governo basco che a quello madrileno, di proibire e impedire queste manifestazioni di giubilo per il rientro dei prigionieri.

Dichiarando che “un recibimiento a un terrorista es un acto de enaltecimiento (esaltazione, apologia nda) tipificado como delito en el Codigo Penal y ademбs las leyes de victimas nacional y autonomicas instan a los poderes del Estado a evitarlos”.

La questione era tornata di attualità nella notte di Capodanno quando alcuni militanti indipendentisti avevano lanciato bengala e petardi nei pressi della prigione di Basauri (Vizcaya) in sostegno di Ibai Aginaga (condannato nel 2012 a 21 anni di carcere in quanto membro del comando Nafarroa).

Aginaga è appunto uno dei detenuti baschi che - in aperto dissenso con le scelte di EPPK - non ha chiesto ai suoi sostenitori di rinunciare all’ongi etorri (e rinunciando quindi ai possibili benefici penitenziari). Domenica 12 marzo centinaia di persone hanno riempito all’inverosimile lo stadio di pelota basca di Berango.

Una festa organizzata per questo ex militante di ETA (che attualmente si definisce “comunista e indipendentista”), tornato a casa dopo 21 anni di lontananza. Di cui due trascorsi in clandestinità, gli altri 19 in galera. Anche nel suo caso la sinistra abertzale si era dissociata dai festeggiamenti pubblici chiedendo che il rientro avvenisse in maniera discreta e privatamente.

Invece ad accoglierlo erano in centinaia. Vietato entrare con telefoni cellulari e proibizione assoluta per la stampa spagnola di essere presente. Scanditi i soliti slogan, in particolare “Presoak kalera, amnistía osoa” e - dopo un breve evento musicale - almeno dieci minuti di applausi per l’ex detenuto. Altri applausi per la madre, presente al suo fianco e che lo ha sempre sostenuto. Nel suo discorso di ringraziamento, Ibai Aginaga ha voluto ricordare gli altri prigionieri, sia gli indipendentisti baschi (Kepa Preciado, Dani Pastor, “Txikito”…) e quelli che ha genericamente definito “antifascisti” in riferimento a quelli del PCE(r) e dei GRAPO.

Oltre alla Fundación Villacisneros, anche l’associazione Dignità y Justicia aveva chiesto alle autorità di proibire tale omaggio all’ex etarra. Ricordando che era stato arrestato insieme a Joseba Segurola e che l’Audiencia Nacional aveva condannato entrambi a 21 anni di carcere in quanto membri del Comando Nafarroa.

Dignidad y Justicia denunciava inoltre la comparsa a Berango di uno striscione con la scritta “M13 Denok Berangora. Ongi Etorri Ibai Aginaga” e in evidenza il simbolo di Gestoras pro Amnistia, organizzazione già dichiarata illegale dal Tribunal Supremo.

E concludeva il suo appello rivolgendosi all’Audiencia Nacional, all’Ertzaintza (la polizia autonoma basca), alla Policía Nacional e alla Guardia Civil affinché indagassero per identificare gli organizzatori dell’evento.

Va anche ricordato che il Parlamento Europeo nel 2018 aveva approvato un documento della Commissione Speciale sul terrorismo con cui si chiedeva di proibire questo genere di manifestazioni in quanto costituiscono una forma di“umiliazione e vilipendio per le vittime e un’esaltazione del terrorismo”.

Gianni Sartori

Gianni Sartori - 2022/3/15 - 00:23



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org