Language   

Oh! Camil (The Winter Soldier)

Graham Nash
Language: English

List of versions


Related Songs

There's a Wall in Washington
(Iris DeMent)
Touch A Name On The Wall
(Joel Mabus)
Home From the War
(Lugh Damen)


(1973)
Album: Wild Tales
Graham Nash wild tales
Scott Camil durante il suo intervento al Winter Soldier Investigation
Scott Camil durante il suo intervento al Winter Soldier Investigation



In 1973, Graham Nash, of Crosby, Stills, Nash & Young, brought the vision of anti-war veterans to light in the music. Nash knew that political subjects don't necessarily lend to commercial success. However, In his LP Wild Tales, Nash wrote Oh! Camil (The Winter Soldier) to tell the story of one member of Vietnam Veterans Against the War (VVAW). This told the story of how war and the spoils of war can change one's life. Nash has done benefits for VVAW to help raise money and it was from a benefit in Detroit in 1972 that Nash saw the story of Scott Camil. Nash, approximately 15 years later, would again address the plight of Vietnam Veterans by writing the song Soldiers Of Peace.
Oh Camil, tell me how do you feel
You fought for your country
for God and for war,
now your heart tells you that can't be real.
So you tell me your story from beginning to end
all the blood and the guts and the gore
will you tell all the people
'bout the people you killed,
not for God, but for country and war

Oh! Camil, tell me what did you mother say,
when you left those people out in the fields,
rotting along with the hay
Did you show her your medals
Did you show her your guns
Did you show her the ears that you wore
Did you show her a picture of the people you killed
not for God, but for country and war

Oh! Camil, tell me why are you in this place
When you stood up for justice your country replied
by throwing it back in your face.
When you tell me your story
are you making amends for all of the hatred you saw
Will you tell all the people about the people that cry out for God
not for country or war

2004/12/15 - 20:54



Language: Italian

Traduzione italiana di Enrico.

Trovo che più che raccontare la storia di Camil questo brano voglia da un lato sottolineare che Mr. Camil avrebbe fatto meglio a non arruolarsi e dall'altro chiedere al veterano se veramente ha capito cosa ha fatto e se ne pente. Una bella canzone, scritta "a caldo".

Si vedano le Note alla traduzione
OH CAMIL (IL SOLDATO D'INVERNO) 1

Oh Camil, dimmi come ti senti.
Combattesti per il tuo Paese,
per Dio e per la guerra,
ora il tuo cuore ti dice che ciò non può essere vero.
Quindi tu mi racconti la tua storia dall'inizio alla fine,
tutto il sangue e il coraggio e il fango…
Racconterai a tutti
delle persone che uccidesti,
non per Dio, ma per il Paese e per la guerra?

Oh! Camil, dimmi cosa ne disse tua madre,
quando lasciasti quelle persone nei campi
marcire insieme al fieno…
Le hai mostrato le tue medaglie?
Le hai mostrato le tue pistole?
Le hai mostrano le orecchie che portavi addosso? 2
Le hai mostrato una foto delle persone che hai ucciso,
non per Dio, ma per il Paese e la guerra?

Oh! Camil, raccontami perché sei qui.
Quando insorgesti per la giustizia, il tuo Paese ha risposto
rigettandotela in faccia.
Quando mi racconti la tua storia
stai facendo ammenda per tutti l'odio che hai visto?
Dirai a tutti delle persone che hanno bisogno di Dio,
non del Paese o della guerra?
NOTE alla traduzione

[1] The Winter Soldier è il titolo di un documentario in cui diversi reduci raccontano la loro atroce esperienza del Vietnam. Su Wikipedia è scritto che all’epoca (1972) fu accolto freddamente, scarsamente divulgato e tacciato di menzogna. Solo nel 2005 pare abbia avuto la sua giusta “riabilitazione”.

[2] una delle tante atrocità raccontate dal soldato: venivano tagliate le orecchie dei nemici uccisi e portate adosso come trofeo (tipo lo scalpo per i pellerossa)

Contributed by Enrico - 2012/6/8 - 16:14



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org