Language   

Lu tamburru de la guerra

Domenico Modugno
Language: Italian (Salentino - S. Pietro Vernotico)

List of versions


Related Songs

Scioscia Popolo
(Domenico Modugno)
C'era un ragazzo dalla barba nera
(Silvano Spadaccino)
Domenico Modugno: Ballata per un matto
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


[1955]
Album: Con l'affetto della memoria [1971]

La prima incisione di questa canzone, intitolata "Lu Tammurru de la guerra", su 78 giri, risale al 1955.

I successi di Modugno, 1955
Tammurru di la guerra
ca soni soni soni
e nun t'importa nienti
si nnanti anfocaliri
'na matri chianci e prega
'na matri chianci e prega, 'na matri chianci e prega…

Figghiu… unni si, figghiu ?
"Santa Maria matri di Diu, prega pi nui poveri piccaturi"
"E Maria d'arrè li porti, ca sintìa li curriati:
– Nun ci dati accussì forti, su' carnuzzi dilicati"
Figghiu… che brutta notti
Che bruttu ventu…
Comu sbattinu li porti
Che bruttu prisentimentu…

Mi purtaru 'nu fazzulettu
niuru niuru niuru niuru
Mi purtaru 'nu paru i quasetti
niuri niuri niuri niuri
Mi purtaru 'na cammisa
ianca ianca ianca ianca
Ma cu 'nu bucu an pettu
ma cu 'nu bucu an pettu, ma cu 'nu bucu an pettu…

Figghiu… figghiu beddu…
Figghiu!… comu eri beddu, figghiu…
Un gigghiu prufumatu… che è bruttu lu tempu ca passasti
Chi mali mai facisti... picchì 'sta mali sorti ti tuccò?
Figghiu…

Tamburru di la guerra
ca soni soni soni
e nun t'importa nienti
si nnanti anfocaliri
'na matri chianci e mori
e mori di duluri, e mori di duluri.

Figghiu… figghiu…gigghiu prufumatu, figghiu..
Carnuzzi dilicati mei… fiigghiu… figghiu…
Figghiu.

Contributed by giorgio - 2009/6/3 - 09:12



Language: Italian

Versione italiana di José Luis
IL TAMBURO DELLA GUERRA

Tamburo della guerra
che suoni, suoni, suoni,
e non t'importa niente
se innanzi a un focolare
una madre piange e prega,
una madre piange e prega, una madre piange e prega…

Figlio… dove sei, figlio ?
"Santa Maria, madre di Dio, prega per noi poveri peccatori"
"E Maria dietro le porte, che sentiva le frustate:
– Non gliele date così forte, sono carni delicate"
Figlio… che brutta notte,
Che brutto vento…
Come sbattono le porte,
Che bruttu presentimento…

M'hanno portato un fazzoletto
nero, nero, nero, nero…
M'hanno portato un paio di calze
nere, nere, nere, nere…
M'han portato una camicia
bianca, bianca, bianca, bianca…
Ma con un buco in petto,
ma con un buco in petto, ma con un buco in petto…

Figlio… figlio bello…
Figlio!… com'eri bello, figlio…
Un giglio profumato… che brutto momento hai passato.
Che male hai fatto...perché ti è tocata questa malasorte?
Figlio…

Tamburo della guerra
che suoni, suoni, suoni,
e non t'importa niente
se innanzi a un focolare
una madre piange e muore,
e muore di dolore… e muore di dolore.

Figlio… figlio… giglio profumato, figlio…
Carni delicate mie… figlio… figlio…
Figlio.

Contributed by José Luis - 2019/9/6 - 01:52


Il titolo originale corretto è "Lu tamburru de la guerra".
Il titolo in italiano è successivo, nell'album del 1971.
Mi sembra importante conservare il titolo in lingua siciliana, per coerenza col testo.

Mi pare che ci sia qualche incertezza nel testo contribuito da Giorgio nel 2009, a partire da "tammurru / tamburru".

B.B. - 2017/12/4 - 10:25


Il titolo è "Lu tammurru de la guerra", ma per quanto il dialetto adoperato da Domenico Modugno per la stesura del testo sia quello siciliano, "tamburru" non è denominazione siciliana ma salentina (o anche napoletana 'tammorra').
In dialetto siciliano, infatti, si dice 'tammùru'.

DOMENICO MODUGNO, IL SICILIANO DEL SALENTO
Tutte le sue canzoni in dialetto tradotte e commentate da Mimmo Mòllica

River - 2019/8/11 - 14:17


La lingua è quella di San Pietro Vernotico in prov di Brindisi che è il luogo dove ha vissuto dall'età di nove mesi in poi e questo dialetto assomiglia moltissimo al siciliano. Ecco scoperto l'arcano !!!

2019/8/26 - 09:48


Che i dialetti salentini (di cui quello di S. Pietro Vernotico fa parte, pur appartenendo alla provincia di Brindisi) e quelli siciliani siano molto simili, è un fatto linguistico conclamato. In particolare, il vocalismo dei dialetti salentini e siciliani è pressoché identico a partire dalla base latina (e questo rappresenta uno "stacco" notevole coi dialetti pugliesi settentrionali: all'arcaico vocalismo salentino/siciliano si contrappongono gli sviluppi di quello pugliese settentrionale, caratterizzato, ad esempio, da un forte sviluppo di dittonghi nelle vocali toniche. Maggiori differenze esistono nel consonantismo). In Puglia si parlano davvero "due lingue diverse" tra nord e sud, senza contare quel che rimane del griko.

Domenico Modugno nacque nel 1928 a Polignano a Mare, in provincia di Bari e appartenente quindi all'area dialettale settentrionale; a San Pietro Vernotico (BR) andò a vivere con la famiglia non all'età di nove mesi, ma a quella di sette anni, nel 1935, per un trasferimento del padre comandante di polizia. A scuola a San Pietro Vernotico imparò perfettamente e rapidamente il dialetto locale di tipo salentino. Vi ha scritto diverse canzoni, e questa è senz'altro una (si veda qui; nell'album "Con l'affetto della memoria" il titolo della canzone sembra essere però in italiano, "Tamburo della guerra"). E' noto il fatto che Domenico Modugno "giocò" un po' per tutta la vita a farsi passare per siciliano, cosa che linguisticamente gli veniva benissimo; sia incidendo canzoni effettivamente in siciliano, sia perché sua moglie, l'attrice e cantante Franca Gandolfi, è siciliana di Messina. Senz'altro viene accolto il suggerimento anonimo e la canzone viene riportata al dialetto salentino di San Pietro Vernotico.

Riccardo Venturi - 2019/8/26 - 11:42



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org