Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2014-9-7

Rimuovi tutti i filtri

E i' venticinque luglio

anonimo
[1943]

Si tratta di una strofa popolare intonata nel quartiere d'Oltrarno, a Firenze, all'indomani della caduta di Benito Mussolini col "Gran Consiglio del Fascismo" del 25 luglio 1943. Quartiere popolare di tradizioni fortemente antifasciste, l'Oltrarno fiorentino (San Frediano e Santo Spirito) lottò duramente già nel 1921, subendo una durissima repressione; repressione che si ripeté, ancor più terribile, con l'occupazione nazifascista a partire dal settembre del 1943 (si ricordino le numerose stragi, a partire da quella di piazza Tasso del 17 luglio 1944, i diciassette fucilati delle Cascine e l'attività dei cecchini che sparavano sui passanti e sulle donne in coda per l'acqua e per il pane nei giorni precedenti la liberazione di Firenze). Fu in Oltrarno dove fu più violenta la lotta partigiana, e dove entrò la Brigata Partigiana "Vittorio Sinigaglia". La breve strofa popolare esemplifica alla perfezione i sentimenti che allora aveva la popolazione d'Oltrarno, e che ha ancora.
E i' venticinque luglio
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 7/9/2014 - 23:23
Video!

Franco

Chanson italienne – Franco – Paolo Pietrangeli – s.d.

Illustation : http://4.bp.blogspot.com/-f4DajcH4Lx4/VAzE8JKMpVI/AAAAAAAABcc/ZS-CP-335hk/s1600/Franco%2BCoggiola%2B.jpg

Ohlàlà, la tête que tu nous fais, Lucien l'âne mon ami… Reprends tes esprits, détends-toi, je comprends bien ton désarroi. Mais, tu le sais pourtant qu'il y a plein de gens qui portent ce prénom de Franco. Allons, il ne s'agit pas du tout d'une canzone qui ferait le panégyrique de ce sinistre tyran espagnol.

Tu ne te trompais pas, Marco Valdo M.I. mon ami, j'étais plus que perplexe quand j'ai vu ce titre… Je suis très sensible aux titres et là, je te l'avoue, j'étais pour le moins étonné. Mais, dis-moi alors de qui, de quoi il est vraiment question…

Comme tu l'imagines, il s'agit d'un homme prénommé Franco, comme je te l'ai dit, c'est un prénom fort répandu. Donc, le Franco dont il est question ici, je te l'assure... (continua)
FRANCO
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 7/9/2014 - 22:54
Downloadable! Video!

Entula

Banda Bassotti
2014
Banditi senza tempo
registrato dal vivo al Rising Love di Roma il 22 febbraio 2014
feat . Enzo Saporito

Levántate viento y sopla, sopla como nunca
(continua)
inviata da dq82 7/9/2014 - 09:25
Video!

Allez voir mes voisins

Dall'album "Le pays de ton corps" (1971)
Si vous voulez parler de ces pays lointains
(continua)
inviata da Andrea 6/9/2014 - 20:17
Downloadable! Video!

O Fallada, da du hangest (Ein Pferd klagt an)

Je présente ici une traduction quasi-littérale, car je pense que l'essentiel de ce texte est son sens. Rythme et rime me semblent secondaires. Le contexte de ce poème est la terrible année 1923 en Allemagne, et la famine qu'elle engendra.

De plus, la traduction française ci-dessus (de Marco Valdo M.I.), qui est retraduite de la traduction italienne, est largement fausse, elle méritait donc une correction.
Malgré mon épuisement, je tirais ma charrette
(continua)
inviata da Notwen 6/9/2014 - 17:41
Video!

Soldat

ыщдвфе
Третьи сутки в пути, ветер, камни, дожди,
(continua)
6/9/2014 - 05:35
Downloadable! Video!

Veličenstvo Kat

Infinite grazie al tuo intervento. Con te si cresce. Devo ancora fare la prova orale... ma alla prima bottata pare che bangli :)
krzyś 6/9/2014 - 02:52

Tract

Tract

Canzone française – Tract – Marco Valdo M.I. – 2014

Le Livre Blanc 10

Opéra-récit contemporain en multiples épisodes, tiré du roman de Pavel KOHOUT « WEISSBUCH » publié en langue allemande – Verlag C.J. Bucher, Lucerne-Frankfurt – en 1970 et particulièrement de l'édition française de « L'HOMME QUI MARCHAIT AU PLAFOND », traduction de Dagmar et Georges Daillant, publiée chez Juillard à Paris en 1972.



Évidemment, mon ami Lucien l'âne, comme dans toute affaire qui fait l'objet de polémiques, de communiqués, de rétraction… On voit fleurir d'autres types de réactions. Ainsi voit-on surgir de ce qui était un vide vertigineux des libelles, des feuillets, des feuilles, des papiers, des tracts. D'où sortent-ils ? On ne sait… Mais ils sont là…

Oh, les libelles et tout ça, les tracts, je connais ça. J'en ai vu depuis fort longtemps ; dès qu'on a pu imprimer, même rudimentairement, dès... (continua)
Comme les ours,
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 5/9/2014 - 23:26

Tasche verdi

Sull'aria di "Montagne verdi".
Mi ricordo le tasche verdi
(continua)
inviata da Gian Piero Testa 5/9/2014 - 10:41

Nell'Ucraina dell'Est

[2014]
Testo di Ahmed il Lavavetri
sull'aria di...beh, secondo me ci arrivate da soli!
Nell'Ucraina dell'Est
(continua)
4/9/2014 - 19:13
Video!

Tęczowa swasta

[2014]
Maciej Maleńczuk & Psychodancing
Testo e musica di Maciej Maleńczuk
Da http://teksciory.interia.pl/

Maciej Maleńczuk with band Psychodancing declare, that we are pacifists. All the symbols used in this movie serve social reconciliation, we do not promote hate, separatism, gay, xenophobia or racism of any kind. This is a peaceful artistic act and should be received as such.
Tęczowa Swastyka przez miasto przemyka,
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 4/9/2014 - 10:45
Video!

Sługi za szlugi

[2014]
Testo di Maciej Maleńczuk
Musica di Branimir Stulić (gruppo Azra)
Dall'album dei Yugopolis intitolato "Best of" in uscita il 15 settembre 2014
Da http://teksciory.interia.pl/
Siedzą sługi, palą szlugi, sumienia nie mają,
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 4/9/2014 - 09:51
Downloadable! Video!

No One Is There

[1968]
Parole di Christa Päffgen, in arte Nico.
Musica di Nico e John Cale.
Nel disco intitolato “The Marble Index”

Durante un concerto al Saltlageret di Copenhagen nel 1982 Nico introdusse così questa sua canzone: “This song I wrote for Richard Nixon on a Halloween. I want to dedicate it to Ronald Reagan.”
Across from behind my window screen
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/9/2014 - 09:41

Il sogno

Chanson italienne – Il sogno – Franca Rame – 1977
Paroles de Dario Fo et Franca Rame
Musique de Fiorenzo Carpi

La vie est un rêve… Ainsi parlait Calderon de la Barca vers 1635. Enfin, il l'écrivait sous forme de pièce de théâtre : « La vida es sueño ». Une histoire assez alambiquée dont je ne t'entretiendrai pas. Mais il reste ce titre plus grand que l'aventure de Sigismond… Donc, le rêve...

Ou le cauchemar ou le fantôme ou le fantasme… ou comme le spectre qui hante le Manifeste du parti communiste, dont accoucha le couple Karl Marx et Friedrich Engels, il y a un peu plus d'un siècle. Ou l'esprit comme celui qui se cachait dans la [https://www.youtube.com/watch?v=69S4GTFJg3A|queue du chat]], dit Lucien l'âne en éclatant d'un rire franc et massif.

Certes, mais la canzone de Fo et Rame n'a pas de prétention, elle raconte un rêve qui rêve du monde d'au-delà de la Guerre de Cent Mille Ans,... (continua)
LE RÊVE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 3/9/2014 - 20:37
Downloadable! Video!

Frozen Warnings

[1968]
Parole di Christa Päffgen, in arte Nico.
Musica di Nico e John Cale.
Nel disco intitolato “The Marble Index”

Christa Päffgen vide l’orrore della guerra con gli occhi di una bimba. Nel ‘40, quando aveva solo due anni, la sua famiglia dovette sfollare nei dintorni di Berlino ed il padre, richiamato sotto le armi, morì poco dopo per i danni cerebrali subiti a causa di un’esplosione. Nella Berlino occupata la bellissima Christa fu subito notata da stilisti e fotografi, ma non solo da loro: nel 1953 fu stuprata da un soldato americano.
Insomma, Nico respirò la guerra, la morte e la violenza fin dalla tenera infanzia: non sorprende quindi che sia poi diventata l’algida e intensa artista che conosciamo, con quella voce profonda ed inquietante e le sue atmosfere spesso spettrali, una “sacerdotessa delle tenebre” come venne definita…

Non so se questa “Frozen Warnings” possa essere considerata... (continua)
Friar hermit stumbles over
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 3/9/2014 - 15:58
Downloadable! Video!

For No One

[1974]
Scritta da John Lees
Nell’album intitolato “Everyone Is Everybody Else”
Please lay down your pistols and your rifles
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 3/9/2014 - 14:59
Downloadable! Video!

Each One Lost

[2009]
Parole e musica di Bruce Cockburn.
Nell’album intitolato “Small Source of Comfort” pubblicato nel 2011.

"On the way into Kandahar Airfield from Ottawa, our little group spend a few hours at Camp Mirage, a Canadian staging base in the Middle East. As we were about to board our next plane, we found ourselves part of a Ramp Ceremony, honouring the remains of two young Canadian Forces members who had been killed that day and were being sent home. One of the saddest and most moving scenes I've ever been privileged to witness...this song is dedicated to the memory of Major Yannick Pépin and Corporal Jean-Francois Drouin." (Bruce Cockburn)

Una canzone scritta in memoria di due soldati canadesi abbattuti in Afghanistan – dove Bruce Cockburn si era recato in visita al fratello, ufficiale medico – piena di dolore e di pietà ma che al tempo stesso rifiuta la retorica patriottarda e, anzi,... (continua)
Under the big lights
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 3/9/2014 - 14:39
Downloadable! Video!

Η δοκιμή [The Rehearsal]

Il film di Jules Dassin ci è stato tolto. Ma noi lo rimettiamo, ah ah:
https://www.youtube.com/watch?v=Q4AJ_N3l7GA
Gian Piero Testa 3/9/2014 - 10:31
Video!

Sergio Endrigo: Il dolce Paese

"Borgosesia, niente sovvenzioni per i residenti indiani non solidali con i marò"

E' l'ultima iniziativa di Gianluca Buonanno, sindaco di Borgosesia, provincia di Vercelli.
Pur essendo di origine pugliese, il buon Buonanno è un acceso leghista ma proveniente dal Movimento Sociale e da Alleanza Nazionale, proprio la feccia della feccia, un verde-nero tendente alla camicia bruna.
E così nella piemontese Borgosesia un sindaco pugliese fascio-leghista vorrebbere costringere i residenti di origine indiana (magari ce ne sarà anche qualcuno del Kerala) che abbiano diritto a qualsiasi contributo pubblico erogato da Comune a dichiarare nero su bianco la loro solidarietà con i marò italiani responsabili dell'assassinio di due pescatori indiani, pena l'esclusione dalla sovvenzione.

Gentaglia come 'sto Buonanno, un amministratore pubblico che ignora la Costituzione e la legge, un razzista ed un fascista... (continua)
Bernart Bartleby 3/9/2014 - 09:14

Il caso Kappler

[1977]
Testo e musica di Santo Catanuto
Archivio Proletario Internazionale, Milano

"La fuga del nazista Kappler, concordata tra il governo Craxi e il cancellierato tedesco, mostra ancora una volta il vero volto dello stato che agisce nel torbido, come sua consuetudine, ammantandosi, invece, sul piano dell'immagine e dello spettacolo, con vesti modernizzate e accattivanti. Un'occasione per mettere in luce un meccanismo noto, fin troppo noto a tutti, che però riesce a passare nell'indifferenza quotidiana dei più e soprattutto riesce a rintanarsi nel materiale rimosso in occasione del rito elettoralistico." - Santo Catanuto, da Catanuto-Schirone, op. cit., p. 320.
Non importa esserci stato.
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/9/2014 - 23:13
Video!

Waltz for George

[1942/2012]
Dall’EP intitolato “The War Room”, scritto e prodotto da J. Willgoose, Esq
Il disco è dedicato alla memoria di George Willgoose (1914-1940), un parente dell’autore, morto durante la battaglia di Dunkirk (o Dunkerque) del maggio-giugno 1940.

Il duo londinese Public Service Broadcasting crea brani musicali campionando i contenuti di vecchi film e documentari di informazione e propaganda, con l’obiettivo di “insegnare le lezioni del passato attraverso la musica del futuro”… Un’operazione suggestiva…

“The War Room” si chiude con immagini di valzer (tratte da “Listen To Britain”, film di propaganda del 1942) in memoria di quanti persero la vita (come George Willgoose) e di quanti tornarono bastonati da Dunkirk, battaglia che, come ebbe a dire lo storico e giornalista americano William L. Shirer “fu la fine dell’inizio per gli inglesi; ma, per i francesi, fu l’inizio della fine”…... (continua)
For days and nights, ships of all kinds have flied to and fro across the channel under the fierce onslaught of the enemy’s bombers
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/9/2014 - 16:34
Video!

Dig for Victory

[1941/2012]
Dall’EP intitolato “The War Room”, scritto e prodotto da J. Willgoose, Esq
Il disco è dedicato alla memoria di George Willgoose (1914-1940), un parente dell’autore, morto durante la battaglia di Dunkirk (o Dunkerque) del maggio-giugno 1940.

Il duo londinese Public Service Broadcasting crea brani di musica elettronica campionando i contenuti di vecchi film e documentari di informazione e propaganda, con l’obiettivo di “insegnare le lezioni del passato attraverso la musica del futuro”… Un’operazione suggestiva…

I cosiddetti “Victory gardens” o “War gardens” si diffusero, su impulso governativo, negli USA, in Gran Bretagna, in Canada e in Germany sia nel primo che nel secondo conflitto mondiale. L’obiettivo non era solo e tanto l’autarchia di guerra ma il coinvolgimento della popolazione civile nel “service on the Home Front”, per tenere alto il morale sul fronte interno…

Resta il fatto che furono molti di più i civili impegnati a scavar fosse per i morti che quelli a cui la vanga servì per piantare i piselli…
Have you joined the ranks of this great new army?
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/9/2014 - 14:50
Downloadable! Video!

Two Good Men

2 settembre 2014
DUE BRAV'UOMINI
(continua)
2/9/2014 - 13:15
Downloadable! Video!

Svalutation

[1976]
Scritta da Adriano Celentano, Vito Pallavicini, Luciano Beretta e Gino Santercole.
Nell’LP eponimo.

A metà degli anni '70, l'anima "folk" e acustica di Celentano ('Yuppi du') combatte con la sua voglia di ritmo e di un ritorno alle origini che trova espressione in brani ad elevato tasso percussivo come 'Prisencolinensinanciusol' o nei classici del rock rivisitati nell'album "Nostalrock" (curioso notare come nel 1975 John Lennon avrebbe compiuto un'operazione analoga nel disco "Rock'n'roll").
Alla fine quest'ultima tendenza prevale, e porta, nel 1976, a 'Svalutation', un rock costruito su una chitarra ritmica impeccabile e un incedere che oscilla tra Bill Haley (il rocker cui probabilmente Celentano deve di più dal punto di vista vocale) e l'Elvis Presley di 'Hound dog' e 'Jailhouse rock'.

Al di là della ritmica accattivante, il brano passa alla storia per il suo argomento: insieme... (continua)
Eh la benzina ogni giorno costa sempre di più
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/9/2014 - 12:32
Video!

London Can Take It

[1940-41/2012]
Dall’EP intitolato “The War Room”, scritto e prodotto da J. Willgoose, Esq
Il disco è dedicato alla memoria di George Willgoose (1914-1940), un parente dell’autore, morto durante la battaglia di Dunkirk (o Dunkerque) del maggio-giugno 1940.

Il duo londinese Public Service Broadcasting crea brani di musica elettronica campionando i contenuti di vecchi film e documentari di informazione e propaganda, con l’obiettivo di “insegnare le lezioni del passato attraverso la musica del futuro”… Un’operazione suggestiva…

“Londra può farcela!”… Intanto i bombardamenti tedeschi sulla Gran Bretagna del 1940-41 fecero nella sola Londra 45.000 morti e 139.000 feriti…
Now it’s eight o’clock
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/9/2014 - 11:38
Video!

Spitfire

[1940?/2012]
Dall’EP intitolato “The War Room”, scritto e prodotto da J. Willgoose, Esq
Il disco è dedicato alla memoria di George Willgoose (1914-1940), un parente dell’autore, morto durante la battaglia di Dunkirk (o Dunkerque) del maggio-giugno 1940.

Poi nell’album “Inform - Educate - Entertain” del 2013

Il duo londinese Public Service Broadcasting crea brani di musica elettronica campionando i contenuti di vecchi film e documentari di informazione e propaganda, con l’obiettivo di “insegnare le lezioni del passato attraverso la musica del futuro”… Un’operazione suggestiva…

Propongo il brano nello spirito con cui – credo – l’abbiano campionato i Public Service Broadcasting, cioè il delirio dell’uomo che vorrebbe emulare la natura, e in questo caso il volo di un uccello, ma è capace soltanto di creare un perfetto simulacro d’acciaio che “respira fuoco e sputa morte e distruzione”, the Spitfire bird, l’uccello sputafuoco…
The birds fly a lot better than we do
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/9/2014 - 11:23
Video!

If War Should Come

[1939/2012]
Dall’EP intitolato “The War Room”, scritto e prodotto da J. Willgoose, Esq

Il disco è dedicato alla memoria di George Willgoose (1914-1940), un parente dell’autore, morto durante la battaglia di Dunkirk (o Dunkerque) del maggio-giugno 1940.

Il duo londinese Public Service Broadcasting crea brani di musica elettronica campionando i contenuti di vecchi film e documentari di informazione e propaganda, con l’obiettivo di “insegnare le lezioni del passato attraverso la musica del futuro”… Un’operazione suggestiva…

Il testo qui utilizzato è tratto dall’omonimo filmato “If War Should Come” realizzato nel settembre del 1939 dalla GPO Film Unit per conto del Governo britannico. L’intento era quello di fornire alla popolazione civile dettagliate – quanto inutili e ridicole – istruzioni su come affrontare la guerra portata sul suolo nazionale. Con l’enfasi patriottarda che sempre sottolinea... (continua)
“No one in this country of ours wants war
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/9/2014 - 10:42
Downloadable! Video!

Aquarius

Cover italiana interpretata dalla bella voce - peccato per il testo, solo leggermente meglio di quello pessimo della cover di Hair - di Elio Gandolfi (1951-), cantante nato in provincia di Ferrara e attivo quasi solo nella seconda metà degli anni 60.
Autori: Galt MacDermot, Cristiano Minellono, James Rado, Gerome Ragni.
Con l’orchestra di Angelo Giacomazzi.

ACQUARIO
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 1/9/2014 - 23:05
Downloadable! Video!

Lásko!

Il testo da http://nohavica.wz.cz/Text/mila.html
Cantata da Antonina Krzysztoń, EKT Gdynia e altri.
MIŁA
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 1/9/2014 - 21:21
Video!

I Did What I Could With My Gas Mask

[1941]
Scritta da Leslye/Isaacs
Nella raccolta intitolata “Keep Smiling Through!- 18 Original Ditties”

100 modi divertenti ed utili per usare la propria inseparabile maschera a gas…
Una “ditty” dall’“Home Front” inglese durante la Seconda…

Nella penultima strofa si fa riferimento all’Adamo di Jacob Epstein, scultore americano naturalizzato inglese, che nel 1939 aveva realizzato un’enorme statua in alabastro raffigurante il padre dell’umanità, del quale risultava piuttosto sottolineata la sua funzione di “creapopoli”…
Now I'm getting very fond of my gasmask I declare,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 1/9/2014 - 14:26
Video!

The Deepest Shelter in Town

[1940]
Parole e musica di Leslie Julian Jones.
Nella raccolta intitolata “Keep Smiling Through!- 18 Original Ditties”

I riferimenti a sir John Anderson e a sir Herbert Morrison – il primo 1st Viscount Waverley, il secondo Baron Morrison of Lambeth – datano questa allegra canzoncina, viziosetta assai, alla fine del 1940, quando i due nobiluomini inglesi si succedettero nella carica di “Home Front Prime Minister”, cioè di ministro degli interni in una Gran Bretagna in guerra…
Certo che se fossi stato anch’io visconte o barone, o comunque uno con qualche agio, non avrei indugiato un momento ad accettare l’invito dell’attrice Florence Desmond a seguirla nel suo rifugio antiaereo, il più sicuro e confortevole della città:
Don't run away, mister,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 1/9/2014 - 13:55
Downloadable! Video!

Suassos Lane

1° settembre 2014

Due parole del traduttore. Scarsissime notizie ho trovato sul Suassos Lane, la strada dove Bart Vanzetti teneva il suo carretto del pesce. Non di rado lo si trova nominato anche come Suasso's Lane, ivi compreso nel titolo di questa ballata nella quale vengono enunciate le testimonianze di alcune persone a favore di Vanzetti (testimonianze precise di cui il giudice Thayer non tenne alcun conto). Nella traduzione ho però reso con "Vicolo Suasso", tenendo presente che la stradina doveva avere qualcosa a che fare con la famiglia Suasso, antichi banchieri.
VICOLO SUASSO
(continua)
1/9/2014 - 10:32
Downloadable! Video!

Facciamo l'amore non la guerra

Davide e Sara
45 giri del 1966 su etichetta Durium.
Sul lato B la canzone "La linea verde"
B.B. 1/9/2014 - 10:26




hosted by inventati.org