Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2012-10-2

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable!

Latte dissolvente

Chanson italienne – Latte dissolvente – Apuamater Indiesfolk – 2006
LAIT DISSOLVANT
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 2/10/2012 - 16:44
Downloadable! Video!

Great Expectations

[2010]
Lyrics & Music by Doogie White, "Mick" Thomas Tucker and Chris Paulo Dale
Album: War Machine

Personnel: Doogie White (vocals); Cliff Evans, Mick Tucker (guitar); Leon Lawson (keyboards); Dave "Grav" Cavill (drums).
Lords in their chambers
(continua)
inviata da giorgio 2/10/2012 - 14:56
Downloadable! Video!

Sirene

‎[1994]‎
Parole di Francesco Di Giacomo
Musica di Vittorio Nocenzi
Album “Il 13”‎
Sirene, Sirene, Sirene, sì, sì, Sirene
(continua)
inviata da Dead End 2/10/2012 - 10:35
Downloadable! Video!

Heavy Artillery

[1982]
Lyrics & Music by "Algy" Mackie Ward, Peter & Mark Brabbs
Album: Filth Hounds of Hades

Filth Hounds of Hades was the debut album of the heavy metal band.

Personnel: Algy Ward – vocals, bass; Pete Brabbs – guitar; Mark Brabbs – drums.
Yeah it's breaking out -all over the world
(continua)
inviata da giorgio 2/10/2012 - 08:10
Downloadable! Video!

Le Déserteur

CORSO / CORSICAN - U Pomontincu

Questa hè a me traduzzione litterale di u testu francese di “U disertore”, a canzona antimilitarista più celebre di tutta a storia. Forse pudia adattà una traduzzione italiana, chì ci stà megliu pè cantàlla in corsu, ma hò preferitu andà appressu à u testu originale, cambiendu sultanto a Provenza cù a Corsica (forse pè Boris Vian a Corsica un facia micca parte di a Francia, e sò d'accordu). “U disertore” fubbe scritta da Boris Vian e messa in musica da Harold Berg ind'u 1954, dopu a mazzata che i francesi chjapponu da i vietnamiti à Dien-Bien-Phu; a canzone fubbe subitu censurata e schjuppò u scandalu. Cum'è chè scrisse Boris Vian ind'una lettera aperta à un cunsiglieru municipale di Parigi, “a me canzone unn'hè micca antimilitarista, hè violentamente pro-civili”. Censurata e dimenticata malgradu a versione addulcita di Mouloudji, a canzona fubbe riscoperta... (continua)
U DISERTORE
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 2/10/2012 - 01:04
Downloadable! Video!

Feeling Good

STO BENE
(continua)
inviata da damenic guarragi 1/10/2012 - 22:39
Downloadable! Video!

Disamistade

Traduzzione in corsu supranacciu di U Pomontincu

A parolla “disamistà” ùn c'è in corsu; in corsu si dice “vendetta”, chì hè a parolla più cunnusciuta di a lingua corsa. “Disamistà” hè una parolla sarda ricuperta in corsu, ma aghju preferitu mantenela pè ùn cambià u titulu di a canzone. Pè u restu, siente mè hè a canzona più bella di u Fabrizziu De André è puderia èsse accummudata à a Corsica senza cambià una parolla. Peccatu chè De Andre ùn l'hà scritta in corsu, parlava bè u gallurese e u gallurese hè precisu cum'è u corsu. Ma dopu “A guerra di Pieru” ùn pudia èsse altru chè la seconda canzona che traducu in corsu pè "Canzone contru à a guerra". (U-Pom)(U-Pom)
DISAMISTÀ
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 1/10/2012 - 22:38
Video!

La guerra di Piero

CORSO / CORSICAN - U Pomontincu

Cù a traduzzione in corsu (supranacciu, che qualchì volta lu chjamanu “Pomontincu”) di “A guerra di Pieru” di Fabrizziu De André cumincia à cullaburà cù u nostru situ un personaghju strampalatu (chì si definisce “à dimezu terraghjolu eremitu è à dimezu supertecnulogicu aitèccu”) chì vive “à u pede di u Monte Cintu”. Certu ùn stò à dìvvi cum'è chè ci sò entratu in cuntattu, ma noialtri di l'Isula d'Elba avemu un affettu naturale pè i corsi (è praticamente parlamu a listessa lingua e ci capimu senza chè ci vole l'interpetre). Pè sta prima traduzzione che ci hà mandatu, s'hè ricumandatu di dedicàla à Eio Ùn Stò Cù l'Oriana; è ubbidiscu. (RV)

Con la traduzione in corso (settentrionale, detto a volte, appunto, "Pomontinco") de "La guerra di Piero" inizia la collaborazione col nostro sito di un bizzarro personaggio (che si definisce "metà contadino eremita e metà... (continua)
A GUERRA DI PIERU
(continua)
inviata da U Pomontincu 1/10/2012 - 21:10
Downloadable! Video!

A Survivor from Warsaw

Opéra - Texte d'origine en anglais et hébreu – A Survivor from Warsaw – Arnold Schönberg – 1947
Textes de natures et de provenances diverses, tirés des témoignages des survivants de la révolte du ghetto de Varsovie (1943)
Musique : Arnold Schönberg

Au terme de la Seconde Guerre Mondiale, le nazisme définitivement vaincu, Schönberg écrivit un opéra pour évoquer la persécution menée par l'Allemagne de Hitler contre les Juifs. Il utilisa le récit d'un de ceux-ci, échappé au massacre du "ghetto" de Varsovie.
Il s'agit d'une composition dodécaphonique où une voix raconte en anglais (avec de brèves insertions en allemand) le moment dramatique où un groupe de prisonniers juifs sort des baraquements pour être mené aux chambres à gaz.
Le récit de ce jour, fait par un Juif de Varsovie qui a survécu au massacre, peut parfois paraître très cru ; en lisant le texte et en écoutant la musique, nous ne... (continua)
UN SURVIVANT DE VARSOVIE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 1/10/2012 - 21:03
Downloadable! Video!

The War Drags Ever On

[1984]
Lyrics & Music by "Algy" Mackie Ward and "Mick" Thomas Tucker
Album: Honour & Blood

Personnel: Algy Ward – vocals, bass; Cliff Evans & Mick Tucker – guitars; Graeme Crallan – drums.
A war is raging that we don't understand
(continua)
inviata da giorgio 1/10/2012 - 13:45
Downloadable! Video!

Mestizaje

METICCIO
(continua)
inviata da DoNQuijote82 1/10/2012 - 11:11
Downloadable!

Poeta guerriero

(MUSICA & PAROLE: KLAUDIO)

“Per la Sardegna e per l’Irlanda, due isole, due terre da sempre prigioniere e da sempre animate dalla poesia e dalla musica del proprio popolo!”

...Folk?!? 2003
Grigio cielo sull'isola,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 1/10/2012 - 10:58
Downloadable! Video!

Με το ίδιο βήμα θα γυρίσω (Gidiyorum bu şehirden)

Cela sempre precipizi... - mi senti?
la curva dell'amore,
e palpiti inafferrabili,
e disgrazia.

hai ragione Riccardo, questo brano, a ben ascoltarlo, fà venire i brividi, le voci sono unite da un'empatia profonda e gli arpeggi del "dobro" (strumento country americano) rimescolano l'anima di chi sa, vuole e può ascoltare.

Non so esattamente perchè, ma sono sicuro che questa canzone è certamente contro la guerra. La guerra nasce dalla paura, dall'odio e dalla separazione.
La paura genera il potere che dà origine a un sacco di guai oltre alle guerre.
Questa canzone ci fa sentire tutta la vicinanza che ci può essere tra i popoli, e le diverse culture.
La diversità è vista come arricchimento e non come divisione.
La musica, l'arte, esorcizzano la paura, quindi di per sè, ogni forma di vera arte, non può che essere contro ogni potere e contro le guerre che vengono generate.

In chiusura... (continua)
Raf 1/10/2012 - 08:53
Downloadable! Video!

Musikanti

Hello.

Primarily: sorry, I'm not a Ukrainian commentator, I'm from Russia.

And about the subject: I searched on the Internet about this song too, and found some information.

Firstly, it's a Lemkos song. Majority of commentators on the Internet says that, so, I suppose, we can believe them.

Secondly, there are many versions of this song, not only Czech and Ukrainian, but also Slovak and Polish (not exactly Polish, rather Lemko-Polish dialect). By the way, the Polish Lemko version is very interesting, because there the lyrical hero ask about the favor to his DEAD father: "Rise up, dad, from your grave, do me a favor, Go to the war instead of me".

And thirdly, I tried to find other Gypsy version of the song, and it turns out, that there is only the Gothart variant of the lyrics, literally, including the same orthography in different sources. I searched in different ways, by using different... (continua)
Alexander Abashev 1/10/2012 - 02:21
Downloadable! Video!

Monte Pasubio

qualcuno si è inventato che gli alpini non tornano indietro.
Andate ad ascoltarvi su You tube cosa cantano i crodaioli.
Se volete vi mando lo spartito (fotocopia dell'originale). Lorenzo1943
Su la strada del Monte Pasubio
(continua)
inviata da Lorenzo Damini 1/10/2012 - 00:00
Downloadable! Video!

Honour and Blood

[1984]
Lyrics & Music by Alasdair "Algy" Mackie Ward and Michael "Mick" Thomas Tucker
Album: Honour & Blood
Are those ours, over head
(continua)
inviata da giorgio 30/9/2012 - 19:45

Vorrei soltanto

complimenti molto bella.. intensa e veritiera
gentilemarisa@hotmail.it 30/9/2012 - 18:50
Downloadable! Video!

War Machine

[2010]
Lyrics & Music by Doogie White, Michael Thomas "Mick" Tucker and Chris Paulo Dale
Album: War Machine

Personnel: Doogie White (vocals); Cliff Evans, Mick Tucker (guitar); Leon Lawson (keyboards); Dave "Grav" Cavill (drums).
Bring us not to ruin
(continua)
inviata da giorgio 30/9/2012 - 15:28
Downloadable!

Calling Steeler Nation

[2009]
Lyrics & Music by C. Michael Stout
Album: Steeler Nation
"Calling Steeler, –Steeler Nation"
(continua)
inviata da giorgio 30/9/2012 - 13:37
Downloadable!

Global Warning Is Real

[2006]
Lyrics & Music by C. Michael Stout
Album: Break the Chains [2007]
Hurricanes come one after another,
(continua)
inviata da giorgio 30/9/2012 - 09:56
Downloadable!

When the Hunter Becomes Hunted

[2002]
Lyrics & Music by Algy Ward
Album: Still at War
Hell, yeah...
(continua)
inviata da giorgio 29/9/2012 - 16:35
Downloadable!

The Blood's Still on Their Hands

[2002]
Lyrics & Music by Algy Ward
Album: Still At War
Yeah, yeah, just one man is all it takes
(continua)
inviata da giorgio 29/9/2012 - 11:33
Video!

La fabbrica

Non so quale sia il vero titolo di questo brano, preso dallo spettacolo Il lavoro rende liberi
40 anni, 8 ore tutti i giorni
(continua)
inviata da DonQuijote82 29/9/2012 - 10:19
Downloadable!

Conspiracy of Hate

[2002]
Lyrics & Music by Algy Ward
Album: Still at War
Now they're all together
(continua)
inviata da giorgio 29/9/2012 - 10:13
Downloadable! Video!

Passione Reporter

Spettacolo scritto da Daniele Biacchessi con musiche e canzoni dei Gang

Testo reperito in questa pagina del sito di Daniele Biacchessi
“E cala la notte a Mogadiscio. Non c'è elettricità. Alla luce di candele e lampade a gas degli uomini, resi ancora più simili a fantasmi nella luce fioca, prendono il fresco, giocano, bevono tè e caffè. La città è irreale. Un semaforo impazzito, l'unico funzionante, segna il rosso. Per la ripresa del paese, il segnale verde non sembra cosa di domani.”
(continua)
inviata da DonQuijote82 28/9/2012 - 13:31




hosted by inventati.org