Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2008-8-14

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

War

Ho 16 anni e gia da un anno ke ascolto la favolosa musica del grande e mitico bob marley...ultimamente lessi una frase ke disse e mi è rimasta nel cuore « Io non ho pregiudizi contro me stesso. Mio padre era bianco e mia madre era nera. Mi chiamano mezza-casta, o qualcosa del genere. Ma io non parteggio per nessuno, né per l'uomo bianco né per l'uomo nero. Io sto dalla parte di Dio, colui che mi ha creato e che ha fatto in modo che io venissi generato sia dal nero che dal bianco. »e vi dico una cosa se la sera nn mi addormento sentendo bob nn riesco a prendere sonno...la cosa bella della sua musica ke e tt vero e sincera e REALE...cmq e uno dei piu grandi nella storia della musica.........GRANDE BOB...
bobba 14/8/2008 - 23:34

Farewell, Farewell, Rachel Corrie

ADDIO, ADDIO, RACHEL CORRIE
(continua)
inviata da Kiocciolina 14/8/2008 - 15:41
Downloadable! Video!

Le condamné à mort

Da una poesia di Jean Genet (1942)
D'après un poème de Jean Genet (1942)
Excerpt from a poem by Jean Genet (1942)
Musica / Musique / Music :
1. André Almuró, 1952
2. Hélène Martin, 1961
3. Christian Olivier, 2013
Interpretazioni / Interprétations / Performances :
1. Marcel Mouloudji, 1954 (1.)
2. Hélène Martin, 1962 (2.)
3. Marc Ogeret, 1970 (2.)
4. Francesca Solleville, 1963 (2.)
5. Têtes Raides, 2013 (album: Corps de mots)

La poesia Le condamné à mort di Jean Genet è, senza ombra di dubbio, tra le più celebri poesie in lingua francese del XX secolo. Fu scritta da Genet nel 1942, all'età di trentadue anni, mentre era detenuto nel carcere di Fresnes per furto; la avrebbe composta, almeno si dice, in reazione a un premio ottenuto da un altro detenuto per una poesia che riteneva facile e convenzionale.

Le condamné à mort fu scritta da Genet ispirandosi a Maurice Pilorge, ghigliottinato... (continua)
Sur mon cou sans armure et sans haine, mon cou
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 13/8/2008 - 23:18
Downloadable! Video!

Condannato a morte

Avant de parler un peu de cette chanson, je veux dire d'où je l'ai reprise. En réalité, c'est une évidence, son texte se trouve sur des dizaines de sites; mais je l'ai reprise d'un seul, du blog « anarcho-camuniste » Minimi Termini de Redshadow; et je voulais dire en premier, en disant aussi d'aller faire un tour sur ce blog. Ainsi, sans rien dire d'autre; Red le sait bien que, parfois, il m'arrive pourtant d'être laconique.
La chanson : elle est de Francesco De Gregori. Comme telle, je ne sais en réalité de quoi elle parle. Et je sais aussi très bien qu'elle parle de tout. De tout ce qui nous entoure et, en même temps, de moi. De toi. De nos peurs de condamnés à vivre. Je 'lai insérée dans deux catégories, celle sur la peine de mort et celle sur les prisons; mais c'est une chose à la De Gregori. Peut-être le brave Antonio Piccolo pensera -t-il à l'expliquer, un jour ou l'autre; pour l'heure, je la mets là, en une nuit de calme agitation, une nuit de novembre de cet automne qui ne ressemble à rien. [R.V.]
Condamné à mort
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 13/8/2008 - 22:37
Downloadable! Video!

Why? (The King of Love Is Dead)

Why? (The King of Love Is Dead)
by Gene Taylor
recorded by Nina Simone, 1967
Once upon this planet earth,
(continua)
inviata da giorgio 13/8/2008 - 21:13
Yellow Ledbetter, un pezzo storico dei Pearl Jam con un testo misterioso ma anti-patriottico.
Lorenzo Masetti 13/8/2008 - 01:31
Downloadable! Video!

Sul ponte di Perati bandiera nera

anonimo
Questa la versione maggiormente nota cantata durante la prima guerra mondiale. Il ponte è quello di Bassano, sul Brenta.
Da questo canto deriva la versione della seconda guerra mondiale. Il ponte è quello di Perat, sulla Vojussa, al confine greco-albanese.
Durante la resistenza sulla stessa melodia ci fu una versione del canto scritta da Nuto Revelli nel '44 quando era al comando di un raggruppamento partigiano nel cuneese: Pietà l'è morta.
Notevole la struggente intensa linea melodica.

Grazie del commento, ma entrambe le canzoni che citi erano già presenti nel nostro archivio

Lorenzo
Luigi Uslenghi 13/8/2008 - 00:26
Downloadable! Video!

La banda del sogno interrotto

Chanson italienne - La Banda del sogno interrotto - Modena City Ramblers - 1996

Dédiée à des jeunes de Palerme, connus à la fête du Cuore en 1993, qui malgré les adversités continuent à lutter...
LA BANDE DU RÊVE INTERROMPU
(continua)
inviata da Marco valdo M.I. 12/8/2008 - 10:38
Downloadable! Video!

Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]

Hermosa, electrizante, heroica y que envuelve todo tu ser, asi es Lili Marleen, la melodia que hizo felizes a millones de soldados de todo el mundo en tiempos de guerra. la convirtieron en su himno, el recuerdo de que el Amor a una mujer es el sentimiento que que hace que el mundo gire.
José Alfredo Cedillo Martínez 11/8/2008 - 18:27
Downloadable! Video!

City Of Immigrants

Livin’ in a city of immigrants
(continua)
inviata da giorgio 11/8/2008 - 14:34
Downloadable! Video!

Città Proibita

[1990]
da "Uomini Soli"
Luna piena a Tien An Men
(continua)
11/8/2008 - 12:05
Downloadable! Video!

!Viva la Vida, Muera la Muerte!

Chanson italienne - ! Viva la Vida, Muera la Muerte! - Modena City Ramblers

« ...C'est seulement en se mettant en jeu pour améliorer un peu la vie qu'on réussira à « défaire » la mort. ! Viva la Vida, Muera la Muerte! Est la phrase avec laquelle les représentants des communautés zapatistes du Chiapas concluent leurs discours de bienvenue aux hôtes qu'ils considèrent comme des amis. »
!Viva la Vida, Muera la Muerte!
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 10/8/2008 - 22:49
Downloadable! Video!

Aquarius

bellissima davvero, da poco mi è capitato di risentirla e allora ho cercato la musica e il testo. stupendo questo musical!
Noemi da Cagliari 10/8/2008 - 12:20
Downloadable! Video!

L'amore ai tempi del caos

Chanson italienne - L'amore ai tempi del caos – Modena City Ramblers – 1997
L'AMOUR AUX TEMPS DU CHAOS
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 10/8/2008 - 11:19
Downloadable! Video!

Disastro aereo sul canale di Sicilia

Chanson italienne - Disastro aereo sul canale di Sicilia – Francesco De Gregori – 1976

Pour faire court, il semblerait bien que cette chanson se réfère à la disparition en mer d'un “faiseur de veuves”, c'est-à-dire un F. 104 étazunien entre la Sicile et la côte africaine. F 104 – 6738 – 53ième escadrille, 21ième groupe – en mer au large de Trapani le 18 septembre 1973.
On peut regretter pour ce jeune homme cette fin maritime; mais que diable allait-il faire dans cette galère ?, comme Molière faisait dire à Géronte et les sublimes réponses de Scapin, que voici :
GERONTE
Que diable allait-il faire dans cette galère ?
SCAPIN
Il ne songeait pas à ce qui est arrivé.
Et cette autre :
GERONTE
Que diable allait-il faire dans cette galère ?
SCAPIN
Une méchante destinée conduit quelquefois les personnes.

Moralité : on devrait enseigner les Fourberies de Scapin aux jeunes gens...

Par ailleurs,... (continua)
DÉSASTRE AÉRIEN DU CANAL DE SICILE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 10/8/2008 - 10:42
Downloadable! Video!

(Per quel che ho da fare) faccio il militare

1979 de Vasco Rossi

Tiré de l'album: On n'est pas les américains
(Pour le peu qu'j'ai à faire) j'fais mon service militaire
(continua)
inviata da Daniel Bellucci 09 agosto 2008 Tornato a Nizza 9/8/2008 - 21:45
Downloadable! Video!

Su in collina

cerco l'originale in bolognese. qualcuno la trova?

Francesco P.
Francesco P 9/8/2008 - 12:47
Video!

La guerra di Piero

questa canzone a me piace moltissimo da piccola setivo mio padre cantarlo cosi la cantavo anke io fin da quando avevo 7 anni ke me l'ero imparata a memoria e la cantavo cosi tanto che la gente si stupiva veder una bambina vedere cantare quella canzone hiihihi vabe cmq belixima ciao
8/8/2008 - 18:00
Downloadable! Video!

Bombe su Kabul

La band non riconosce la proprietà intellettuale sulle canzoni che pubblica. Pertanto "Bombe su Kabul" e' liberamente scaricabile dal sito www.lev02.altervista.org
Un altro respiro.
(continua)
inviata da mauro sommella 8/8/2008 - 15:31
Downloadable! Video!

Le chant des Canuts, ou Les Canuts

[1894]
Paroles et musique: Aristide Bruant
Testo e musica: Aristide Bruant
Recueil de chansons / Raccolta: Sur la route [1899]


Il "Chant des Canuts" (nota spesso tout court come "Les Canuts") è probabilmente la canzone più famosa di Aristide Bruant, il cantore libertario di Montmartre e dei bassifondi parigini, l'animatore del "Chat Noir" che poi prese a insultare liberamente i suoi spettatori al "Mirliton" di Boulevard de Rochechouart. Erano, i "Canuts", i tessitori delle seterie di Lione, protagonisti del primo sciopero dell'era industriale, nel 1831. E si rivoltarono ancora molte volte, i "Canuts"; nel 1834 fecero fronte per 6 giorni a 12.000 soldati utilizzando le famose traboules, gli oscuri e stretti passaggi interni tra immobili tipici della città (che poi furono utilizzati anche durante la Resistenza), nel 1848 insorsero, e ancora nel 1849 con una successiva e feroce repressione.... (continua)
Pour chanter Veni Creator
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 8/8/2008 - 09:53
Downloadable! Video!

Siamo gli operai

con accordi così te la canti se ti piace.
www.myspace.com/fabriziovarchetta
SIAMO GLI OPERAI
(continua)
inviata da fabrizio Varchetta 8/8/2008 - 00:45
Downloadable! Video!

Cecco il mugnaio

Chanson italienne – Cecco il mugnaio - Mercanti di Liquore – 2002

Il est bien sympathique ce meunier, carrément jubilatoire et suffisamment autonome pour continuer à vivre par delà la soumission et sans le parapluie du pouvoir... Longue vie donc au meunier Cecco !
Cecco le meunier
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 7/8/2008 - 21:00
Downloadable! Video!

Gracias a la vida

Nel 1981, Joan Baez volò a Santiago de Chile e, nonostante il divieto dei militari, riuscì ad improvvisare un concerto nel salone della Parrocchia di Santa Gemita in via Simon Bolivar. Alcune centinaia di persone si assieparono nella sala e all'esterno della chiesa, dove era stato sistemato un altoparlante. Un breve concerto di soli 45'... poi la Baez se ne tornò a casa... ma intanto i fascisti erano stati beffati!
Il concerto si aprì proprio con l'esecuzione di "Gracias a la Vida" della Parra...

Questa la scaletta del concerto, che si può scaricare al link qui sotto:

01. Gracias a la vida 4:33
02. Con tres heridas viene 4:19
03. Los hijos de los 80 5:12
04. Aire israelí 0:59
05. Canción del folclore tunecino 1:10
06. Soplando en el viento 2:46
07. No llores por mi Argentina 3:37
08. The boxer 3:45
09. Te recuerdo Amanda 2:47
10. Imagina 3:17
11. Balada de Sacco y Vanzetti 2:35

Gracias a la vida (Joan Baez en Chile, 1981)
Alessandro 7/8/2008 - 15:36
Downloadable! Video!

Naso di falco

La versione di "Naso di falco" ascoltabile qui su CCG non è quella originale contenuta nel doppio album da studio "Oltre" (1990), bensì una recente reincisione inserita da Baglioni un album antologico del 2007 intitolato "Buon viaggio della vita", recante alcune modifiche - peraltro complessivamente lievi - nell'arrangiamento (ora con qualche vago sentore di world music) e nel testo (in particolare il verso "chi ha negato già Timisoara" è divenuto "chi ha fermato il treno Italicus").
Alberta Beccaro - Venezia 7/8/2008 - 14:30
Downloadable! Video!

We are the ones who say know

This song is about how the news media excitedly spins us into war. The lyrics are interspersed with the names of popular protest songs that have been a counter voice of reason.

– written and performed by Carole Smart, Ian Drumm aka 'So Shush'
I saw, hard rain is failing again, purple haze, on CNN
(continua)
inviata da Ian Drumm 7/8/2008 - 12:49
Downloadable! Video!

Buffalo Soldier

ho ripreparato la traduz.
BUFFALO SOLDIER
(continua)
7/8/2008 - 10:34
Downloadable! Video!

Guerrieri

[1986]
Testo e musica: I Chjami Aghjalesi
Lyrics and music: I Chjami Aghjalesi
Paroles et musique: I Chjami Aghjalesi
Album: Guerrieri di l'eternu


I Chjami Aghjalesi
[i 'ʧami aʤa'lezi]


Alain Nicoli (oghje smaritu)
Mai Pesce
Saveriu Luciani
Camellu Albertini
Patriziu Croce
Petru Fondacci
Tonì Pesce
Francescu Pesce

" Passa un esercito intero. Alla testa i guerrieri "vestiti di lume", di luce, di corazza. Ben dietro cammina l'ultimo soldato, vestito di tutt'altro: di sudore, di sangue e di miseria. E, di tutto l'esercito, la canzone è dedicata soltanto a lui. " [Io Non Sto Con Oriana]
Centu milla guerrieri anu francatu la bocca
(continua)
inviata da Io non sto con Oriana 6/8/2008 - 10:41
Downloadable! Video!

Conquistador

Dall'esordio dei Procol Harum, l'omonimo album del 1967.

Commento di RayMan alla canzone, da Songmeanings:

"This track was recorded live with the Edmonton Orchestra, and the atmosphere is electric. Yes, the Conquistadors were the Spanish conquerors of the New World in the 1500's... but the image is a powerful metaphor for the anti-war movement (the Vietnam War in this case). Those who promote war see the Conquistador's gleaming armour, sword and shield as the answer to all of society's problems. But those who live long enough to see the real horrors of war, see the rust and tarnish on the dream. They KNOW that war, once again, is NOT the solution to ANY problem. Alas, it seems each generation has to learn this lesson all over again, and history continues to repeat itself..."
Conquistador your stallion stands
(continua)
inviata da Alessandro 6/8/2008 - 08:55
Downloadable! Video!

Seul

Il y avait déjà beaucoup de chansons de Brel sur le site... Mais comment a-t-on pu passer à côté de Seul ? Est-elle trop ancienne d'avoir été publiée en 1959 ? On ne sait... Mais quand même "On est mille contre mille à se croire les plus forts... ça fait deux mille morts..."
On est deux mon amour
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 5/8/2008 - 20:59
Video!

Ché

Voglio segnalare che a questo indirizzo può essere scaricato in formato pdf il famoso fumetto "Vida del Che" scritto nel 1968 da Héctor Germán Oesterheld e disegnato da Alberto Breccia.

Perchè questa segnalazione? Perchè l'argentino Oesterheld, fu uno dei più importanti e prolifici autori di comics a livello mondiale negli anni '60 e '70 e proprio a causa delle sue storie (si pensi a "L'Eternauta", l'Eternauta II" e proprio "Vida del Che") e del suo impegno politico tra le fila della resistenza antifascista venne fatto sparire dalla dittatura nel 1976, insieme alle sue quattro figlie Diana (21 anni), Beatriz (19), Estela (25) e Marina (18) ed ai compagni e mariti di costoro.
Una famiglia completamente sterminata!

Tutte le copie di "La Vida del Che" vennero fatte scomparire con il suo autore, ma il disegnatore Alberto Breccia riuscì a metterne in salvo l'originale e l'opera, bellissima per testi e per grafica, ricominciò a circolare finita la dittatura.
Alessandro 5/8/2008 - 15:17
Video!

Madres

Brano che chiude l'album "La paciencia de la araña" (1998)
"Madres" sono, ovviamente, le Madri di Plaza de Mayo.
Van
(continua)
inviata da Alessandro 5/8/2008 - 13:36
Downloadable! Video!

Yo te nombro: Libertad

E' un post di Jason su La Memoria di Gieco che mi ha indotto a cercare questa canzone ispirata a due poesie di Paul Eluard, "Liberté" e "Au nom du front parfait profond", e cantata da Nacha Guevara e anche dai Quilapayun.
L'autore dovrebbe essere il poeta italo-argentino Gianfranco Pagliaro.
Por el pájaro enjaulado
(continua)
inviata da Alessandro 5/8/2008 - 13:00
Downloadable! Video!

Tira Fiato

cavolo!!! è bella davvero! complimentos!
mixina 5/8/2008 - 09:05

The Mean Old Pacifist

anonimo
(Unknown author)
2008-08-04

I heard this song at a peace demonstration in 1963, and jotted down the lyrics, but do not know its composer or origin; nor have I found it on the Internet. If you know, or if it is yours, give me a shout. gene.keyes A~T gmail.com

I also sequenced a simple MIDI of the melody from memory today; it and the lyrics are both posted on my website, http://www.genekeyes.com
I am a mean old pacifist; I think the world's diseased.
(continua)
inviata da Gene Keyes 5/8/2008 - 03:20
Le CCG/AWS "chiudono" per qualche giorno di immeritate vacanze. In questi giorni (diciamo fino al 15 agosto) saranno assicurati solo i "servizi di base" come l'approvazione (o la disapprovazione) di canzoni e commenti. Il webmaster e gli amministratori augurano a tutte e tutti un dolcissimo farniente.
Riccardo Venturi 4/8/2008 - 17:32
Video!

Compagno col kashmiv

scopro purtroppo solo ora questa canzone-parodia, in ritardo soprattutto dopo il disastro elettorale e il congresso di rifondazione. Oggi ormai Bertinotti sembra un politico finito: ha perso le elezioni, ha perso il congresso... tuttavia ci tengo a dare il mio giudizio personale "a posteriori". E' sempre stato accusato da qualcuno: troppo di destra, troppo di sinistra, infedele, fedele, sempre contro, troppo accondiscendente, non va bene se si veste elegante, non va bene se parla di lotta di classe nel 2008. Secondo me invece è stato uno dei politici più coerenti che ho "conosciuto", nonchè quello che esprime le idee più simili alle mie. Certo, sono solo 6-7 anni che mi interesso di attualità, troppo pochi per esprimere un giudizio preciso, ma io mi riferisco a quello che ho visto in questi anni: Bertinotti ha sempre avuto il massimo della mia stima; ammetto che ho dovuto chiudere un occhio alla parata del 1 giugno e qualche altra volta, ma complessivamente il mio giudizio è pienamente positivo.
matteo88 4/8/2008 - 15:42
Downloadable! Video!

Wake Me Up When September Ends

Questa canzone è bellissima davvero,una di quelle che ti restano nel cuore...

p.s.: anch'io non sopporto le abbreviazioni da messaggino...
comunque credo che [ma cs + impo!] stia per [ma cosa più importante!], mentre[adx...io vd..]per [adesso io vado]...
salvate l'italiano!!!
marlarina 4/8/2008 - 01:12

Alla fiera del Nordest

La cosa più autenticamente triste che trovo nel racconto di Renato è che nessuno, visto il gesto del signore "bene" nei confronti della barbona, sia intervenuto quantomeno per dirgli qualcosa sul muso (anche se la cosa più opportuna, a mio modesto avviso, sarebbe stata riempirgli la faccia di cazzotti e lasciarlo lì). Anzi, arrivo a ipotizzare che abbia suscitato divertimento e approvazione. Tutto questo quando non so quante decine di migliaia di veneti sono partiti in cenci per emigrare in mezzo mondo. Ma non vorrei neppure che si pensasse che ce l'abbia in modo particolare coi veneti e con gli abitanti del "Nordest" in generale; so bene che questa, oramai, è una mentalità diffusa in tutta Italia, e neppure la Toscana ne è certamente immune, tutt'altro. La stessa Silva, che vive a Firenze come me, potrà confermarlo. Il problema è come vincere questa mentalità, ma non coi grandi discorsi... (continua)
Riccardo Venturi 3/8/2008 - 19:51
Video!

Supper's Ready

Complimenti al traduttore, conosco questo capolavoro da 30 anni ma questa traduzione approfondita e meditata mi ha fatto scoprire sfumature del testo che non avevo mai afferrato!
Fabio 3/8/2008 - 16:35




hosted by inventati.org