Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2005-10-23

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Se questo amore è un treno

Da "Quel lungo treno" (2005)
Il "lungo treno" che dà il titolo all'ultimo album di Massimo Bubola sembrerebbe rimandare ad uno dei tòpos più comuni del folk e del blues americano; si tratta invece di un titolo tutto italiano, tratto da un canto degli alpini.

"Quel lungo treno" è un album dedicato alla Prima Guerra Mondiale, nel novantesimo anniversario dell'ingresso dell'Italia nel conflitto, un album concept, come si diceva negli anni '70. Bubola riprende canti della tradizione popolare veneta: alcuni famosi (Era una notte che pioveva e Monte Canino) e altri meno noti: Il Disertore (o "Ero povero ma disertore"), Ponte de Priula e Adio Ronco, riarrangiati in chiave country o addirittura tex-mex.
Nel libretto, molto curato, tutte le canzoni sono tradotte in inglese da Tim Parks.

- Recensione di Giorgio Maimone su Bielle
- Recensione di Luca Muchetti da "Cantiere Sonoro"

Le canzoni... (continua)
Se questo amore è un treno
(continua)
23/10/2005 - 23:32

Adio Ronco

anonimo
Da "Quel lungo treno" (2005)
Il "lungo treno" che dà il titolo all'ultimo album di Massimo Bubola sembrerebbe rimandare ad uno dei tòpos più comuni del folk e del blues americano; si tratta invece di un titolo tutto italiano, tratto da un canto degli alpini.

"Quel lungo treno" è un album dedicato alla Prima Guerra Mondiale, nel novantesimo anniversario dell'ingresso dell'Italia nel conflitto, un album concept, come si diceva negli anni '70. Bubola riprende canti della tradizione popolare veneta: alcuni famosi (Era una notte che pioveva e Monte Canino) e altri meno noti: Il Disertore (o "Ero povero ma disertore"), Ponte de Priula e Adio Ronco, riarrangiati in chiave country o addirittura tex-mex.
Nel libretto, molto curato, tutte le canzoni sono tradotte in inglese da Tim Parks.

- Recensione di Giorgio Maimone su Bielle
- Recensione di Luca Muchetti da "Cantiere Sonoro"

Le canzoni... (continua)
Adio Ronco mio paese
(continua)
23/10/2005 - 23:23

Marcha soldado

Marcha soldado
(continua)
inviata da adriana 23/10/2005 - 22:23
Video!

Jack O'Leary

Da "Quel lungo treno" (2005)
Il "lungo treno" che dà il titolo all'ultimo album di Massimo Bubola sembrerebbe rimandare ad uno dei tòpos più comuni del folk e del blues americano; si tratta invece di un titolo tutto italiano, tratto da un canto degli alpini.

"Quel lungo treno" è un album dedicato alla Prima Guerra Mondiale, nel novantesimo anniversario dell'ingresso dell'Italia nel conflitto, un album concept, come si diceva negli anni '70. Bubola riprende canti della tradizione popolare veneta: alcuni famosi (Era una notte che pioveva e Monte Canino) e altri meno noti: Il Disertore (o "Ero povero ma disertore"), Ponte de Priula e Adio Ronco, riarrangiati in chiave country o addirittura tex-mex.
Nel libretto, molto curato, tutte le canzoni sono tradotte in inglese da Tim Parks.

- Recensione di Giorgio Maimone su Bielle
- Recensione di Luca Muchetti da "Cantiere Sonoro"

Le canzoni... (continua)
Son Jack O'Leary di anni ventitré
(continua)
inviata da Lorenzo Masetti 23/10/2005 - 22:22

Guerra sem glória

A guerra foi declarada
(continua)
inviata da adriana 23/10/2005 - 22:19
Video!

La Frontiera

da "Il cavaliere elettrico IV" (2004)
Siamo partiti insieme e torneremo insieme
(continua)
23/10/2005 - 21:59
Downloadable! Video!

Paride Orfei: la Diserzione degli Animali del Circo

da "La diserzione degli animali del circo" (1994)

Un tipo di diserzione anomalo e surreale, ma che a pensarci bene non poi così fuori luogo in questa raccolta.

"Dedicata a Paride Orfei ideatore del Primo Circo senza Animali italiano, il Circo è bellissimo anche senza Animali, dedicata ai Kina e agli amici della L.A.V.
Solo e per caso omonima della poesia di William Butler Yeats."

Il circo senza animali - la campagna della L.A.V.
Stanchi elefanti si reggono la coda
(continua)
inviata da Lorenzo Masetti 23/10/2005 - 20:30
Una raccomandazione per i collaboratori: Per favore, non scrivete mai niente (nomi degli autori, titoli delle canzoni e testi) in lettere maiuscole. Questo ci crea numerosi problemi (ad esempio creando doppioni). Grazie!
Riccardo Venturi 23/10/2005 - 19:46

Lines In The Sand

Oh, sons and daughters
(continua)
inviata da Ramón Rebollar 23/10/2005 - 19:40

Bomba H

Pessoas mesquinhas indiferentes
(continua)
inviata da adriana 23/10/2005 - 17:41

L'uomo della strada

Eh si… Eh si… è proprio così…
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 23/10/2005 - 01:47
Downloadable! Video!

Spara

1996
Cerco tiempo
Quando il sole del mattino spunta e nasce un nuovo giorno
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 23/10/2005 - 01:45
Downloadable! Video!

Povera vita mia

2000
La via que vendrà
Alle volte mi ritrovo con la testa tra le mani
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 23/10/2005 - 01:44
Video!

La vita vale

da "Il quinto mondo" (2002)
Cosa succede che succede in giro
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 23/10/2005 - 01:38
Downloadable! Video!

Everybody's Changing

You say you wander your own land
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 23/10/2005 - 01:36
[.]
Riccardo Venturi 23/10/2005 - 01:25

L'avenir

Demain demain on a vingt ans
(continua)
inviata da adriana 22/10/2005 - 20:09

Amis et Camarades

Voilà plus de trente ans que ma guitare résonne
(continua)
inviata da adriana 22/10/2005 - 19:59

Regardez-les rire

Regardez-les rire
(continua)
inviata da adriana 22/10/2005 - 19:54

Victor Jara

J'achèterai mille guitares
(continua)
inviata da adriana 22/10/2005 - 19:44
Video!

Christians At War

John F. Kendrick
23 ottobre 2005
CRISTIANI IN GUERRA
(continua)
22/10/2005 - 02:51
Video!

IfwhiteAmericatoldthetruthforonedayitsworldwouldfallapart

Next Thursday you're invited to watch Rising Tide's live coverage
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 21/10/2005 - 19:34
Downloadable! Video!

Democracy Coma

[1992]
Album: "Generation Terrorists"
Sovereign fingers scrape our lives until we're bought
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 21/10/2005 - 19:31
Video!

Les chiens mangent les chiens

Les riches volent les pauvres
(continua)
inviata da adriana 21/10/2005 - 19:06
Downloadable! Video!

Freedom

(Woodstock, 1969)

Richie Havens ha costruito sul palco di Woodstock uno dei momenti significativi del festival, di quelli che restano come punti fermi nella memoria di quell'evento. La sua "Freedom" resta una delle canzoni più emblematiche del festival. [...] Richie Havens, forse anche per il ritardo di altri, dovuto al caos che si era creato sulla stada che portava a Bethel, dove effettivamente si svolse il festival, fu il primo ad affrontare i cinquecentomila della platea, che probabilmente non erano ancora tutti, e a provare comunque il brivido che trasmetteva. Havens definì quella sensazione un "incidente cosmico". La sua "Freedom" (improvvisata sullo standard Motherless Child, sembra perché Havens aveva finito le canzoni del suo repertorio ma continuava ad essere richiamato sul palco dal pubblico), che innescò la prima scintilla fra il palco e la sterminata platea di Woodstock, risente... (continua)
Freedom
(continua)
21/10/2005 - 19:04
Downloadable! Video!

Chanson pour Joe Hill

Chanson extraite de l'album "Ici et maintenant", de Fred ALPI.
Fred ALPI : paroles, musique, chant, guitares électriques
JAP : basse, guitare électrique
Julien TERZICS : batterie
Oui, c'est en Suède que Joe Hill est né
(continua)
inviata da adriana 21/10/2005 - 18:39
Downloadable! Video!

Citoyen du Monde

Je suis né près d'un lac au milieu des forêts
(continua)
inviata da adriana 21/10/2005 - 18:19
Downloadable! Video!

Paisà

Si balla nei cortili
(continua)
inviata da Alessio Gentili 21/10/2005 - 13:37
Downloadable! Video!

L'americano medio

Ho paura della delinquenza
(continua)
inviata da Alessio Gentili 21/10/2005 - 13:34
Downloadable! Video!

Eroi solitari

Amore e guerra - 2005
Ne abbiamo percorsa di strada
(continua)
inviata da Alessio Gentili 21/10/2005 - 13:34
Downloadable!

Venduto 3X2

1995
Paranoia e potere

Forse non proprio contro la guerra, ma contro la condizione di partenza di molte persone che nascono in paesi falcidiati dalle guerre.
Venduto,venduto prima di essere nato
(continua)
inviata da Alessio Gentili 21/10/2005 - 13:17
Video!

Sale

(2004)
Album: L'uomo sogna di volare

feat. Gabriel o Pensador

Si sono presentati sul palco a Rock Politik assieme a Gabriel o Pensador con questa canzone. Niente male davvero
Nuove serpi
(continua)
inviata da Alessio Gentili 21/10/2005 - 13:13

Roof Of The World

bellissima
giovanna 20/10/2005 - 23:00
Video!

Nikita

(1985)
Lyrics by Bernie Taupin
Music by Elton John

The song Nikita appeared on the "Ice on Fire" album, which was released in 1985. It is the song that made me fall for Elton and his music! The song is about the old communist USSR and East Germany (the video was shot near the Berlin Wall in Germany) and how people were not free to do as they pleased. It's not about a particular person, just a general fictional story about how difficult it would be in those days for a Western man to be in love with a woman from the communist side of the world
(from Elton John FAQ)

*

Nikita è una canzone di argomento simile a Heroes di Bowie, un amore da un lato all'altro del muro di Berlino.
È interessante però notare che Nikita è un nome maschile in russo (ma non in francese) e, conoscendo il personaggio, credo che la cosa sia in qualche modo voluta.
Hey Nikita is it cold
(continua)
20/10/2005 - 21:35
Downloadable!

Il vivisettore

THE VIVISECTOR
(continua)
inviata da adriana 20/10/2005 - 17:50

Brother In Korea

Lou Osborne
[ca. 1950 - 1950's]

Lyrics as printed in "Jimmy Martin and the Osborne Bros. -- Sunny Mt. Boys" Songbook, 1950s, reprinted in liner notes, "Jimmy Martin and the Sunny Mountain Boys," Bear Family Records BCD 15 705-1 EI, 1994.

http://members.fortunecity.com/folkfred/korea1.html
It was on the 27th of November
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 20/10/2005 - 11:54

Don't Take My Papa Away From Me

20 ottobre 2005
NON PORTATEMI VIA IL MIO PAPA’
(continua)
20/10/2005 - 02:07
Downloadable! Video!

We Believe

NOI CREDIAMO
(continua)
inviata da Sabrina 19/10/2005 - 22:57

Lifebelt Washed Up On The Shore

[1940]
Lyrics as reprinted in Pete Seeger (ed.), Woody Guthrie Folk Songs, London, 1973, pp. 237-238.
© 1963 Ludlow Music Inc., New York, NY
http://www.geocities.com/Nashville/3448/lifebelt.html
I walked on my beach sand here today
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 19/10/2005 - 22:31
Downloadable!

The Blinding Of Isaac Woodard

[1946]
Lyrics by Woody Guthrie
To the tune of The Great Dust Storm by the same
Sull'aria di The Great Dust Storm dello stesso Guthrie

"I wrote this ballad on the 16th day of August in the year 1946, one block from the wreckage of the Atlantic Ocean, on the beach at Coney Island, New York." -Woody Guthrie.

Or this one I made up so's you wouldn't be forgetting what happened to this famous Negro soldier less than three hours after he got his Honorable Discharge down in Atlanta....
(I sung this Isaac Woodard song in the Lewisohn Stadium one night for more than 36,000 people, and I got the loudest applause I've ever got in my whole life. This song is a long song, but most of the action is told in Isaac's own words. I made this ballad up because we'll need lots of songs like this one before we win our fight for racial equality in our big free United States.)
Woody Guthrie, as quoted in... (continua)
My name is Isaac Woodard, my tale I'll tell you;
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 19/10/2005 - 21:28

Belt Line Girl

[1942]
Testo di Agnes "Sis" Cunningham
Lyrics by Agnes "Sis" Cunningham

Sull'aria di The Danville Girl
To the tune of The Danville Girl

Sung to the tune of "Danville Girl," Cunningham's "Belt Line Girl" offered solace to all the "Rosie the Riveters" working in America's defense plants.

Lyrics as recorded by THE ALMANAC SINGERS, New York, NY, c. Feb 1942, and reprinted ibid., p. 104.
ORIGINAL ISSUE: "DEAR MR. PRESIDENT," Keynote K-305-B (KEYNOTE ALBUM 111), 1942.
[AGNES "SIS" CUNNINGHAM, solo vocal]

http://www.geocities.com/Nashville/3448/belt.html
I stood on the station platform
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 19/10/2005 - 21:17

Willie Has Gone To The War

[1863]
Testo e musica di Stephen Collins Foster
Lyrics and music by Stephen Collins Foster

http://members.fortunecity.com/folkfred/willie.html
The bluebird is singing his lay,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 19/10/2005 - 20:41

Off To War I'm Going

anonimo
Canzone popolare della guerra civile americana (1860-1865). Interpretata, tra gli altri, nel 1928 dai Carolina Twins (Gwen Foster e Dave Fletcher), di cui rappresentò un cavallo di battaglia.

"Although [Gwen] Foster was widely recorded -- both on his own and as a member of several groups -- little of his history is known... After leaving the [CAROLINA] TAR HEELS, Foster recorded with... Dave Fletcher, one of the original members of the Four Yellowjackets. These were credited to 'Fletcher and Foster' -- Gennett, and 'The Carolina Twins' -- Victor...
Gwen Foster's importance lies not in some great ability to create original songs, but in his innovation and improvisation in dealing with basically traditional material, and his fine musicianship...
Another waltz from the Carolina Twins. Probably this one dates back top the American Civil War. The Song is interesting because Fletcher and Foster have added a yodel which would never have been present in more traditional versions."

http://members.fortunecity.com/folkfred/off.html
I hear the whistle blowing;
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 19/10/2005 - 20:37
Downloadable! Video!

Just Before The Battle, Mother

La seguente parodia, contemporanea al testo originale e di autore rimasto anonimo, rischia probabilmente di essere ancor più contro la guerra del testo di provenienza:
JUST BEFORE THE BATTLE, MOTHER
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 19/10/2005 - 20:29
Video!

War On War

E il tempo lo stai davvero utilizzando al meglio, Alessandro. Sarebbe, chissà, il caso prima o poi di mettere su un CD più o meno "ufficiale" delle CCG/AWS (anche se questa parola mi piace assai poco...)
Riccardo Venturi 19/10/2005 - 17:04




hosted by inventati.org