Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2015-6-5

Rimuovi tutti i filtri
Video!

What Did You Do in the War, Dad?

Dad, what did you do in the war?
(continua)
inviata da Matt 5/6/2015 - 22:41
Downloadable! Video!

Ο]ἰ μὲν ἰππήων στρότον (Ode ad Anattoria /Frammento 16 V.)

d'après la version italienne de Gian Piero Testa de la version en grec moderne d' Odysseas Elytis d'une chanson grecque - Ο]ἰ μὲν ἰππήων στρότον (Ode ad Anattoria /Frammento 16 V.) – s.d.

Célèbre chanson de la poétesse de Mytilène Σαπφώ, de Sappho de Lesbos, qui vécut entre de VII et VIᵉ siècle (avant Zéro).
Que dire ? Qu'ajouter ? Dans une époque où dominait la musculature guerrière des mâles, Sappho avait osé en affirmer la vacuité, la bêtise, l'inutilité, l'absurdité face à l'Amour, qui est le seul à pouvoir donner un sens aux actions des hommes, à leurs vies.
Même cette grande « truie » d'Hélène, exemple commun d'adultère et de déshonneur familial et de cause de tous les maux, guerre comprise, est par Sappho non seulement réhabilitée comme victime innocente d'Aphrodite (alias Vénus, alias Cypris), mais montrée comme responsable de son choix, comme femme courageuse parce que libre dans... (continua)
ODE À ANATTORIA – UNE COLONNE DE CAVALIERS
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 5/6/2015 - 22:22
Downloadable! Video!

Il general Cadorna

La versione di Gianfranco rimanda senza dubbio al dialetto ligure...l'ultima parola che ha abbreviato e' un termine volgare ma corrente per indicare un rimedio popolare e consigliato in tutti i casi, che veniva praticato da professioniste "licenziate" dalla Legge Merlin.
Luisa 5/6/2015 - 17:46
Downloadable! Video!

Uno, evviva Giordano Bruno (Socialismo trionferà)

[1910-11?]
Canzone raccolta nel 1970 da Alessandro Portelli dalla voce di Alfredo Spinetti, detto “Dandolo”, classe 1900, vignaiolo di Genzano di Roma. L’informatore riferiva che sarebbe stata composta in carcere dai lavoratori arrestati durante uno sciopero nel 1910 o 1911.
Alfredo Spinetti era il padre di Silvano, detto “Cicala”, militante comunista, autore di Mo' che pure e pure di un paio di versioni del testo che segue attualizzate al secondo dopoguerra e agli anni 70.
In “Mira la rondondella - Musica, storia e storie dai Castelli Romani”, a cura di Alessandro Portelli, Squilibri editore, Roma 2012.

Il Canzoniere del Lazio, nell’album “Quando nascesti tune” del 1973, propose una versione che mescolava il testo originario riferito da “Dandolo” con alcune strofe della versione rimaneggiata dal “Cicala”.

Tra la fine dell'Ottocento e l'avvento del fascismo, Genzano fu spesso teatro... (continua)
Uno, evviva Giordano Bruno
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/6/2015 - 23:23
Downloadable! Video!

107 Steps

[2000]
Scritta da Björk, Sjón (Sigurjón Birgir Sigurðsson, poeta scrittore e liricista islandese, compagno d’arte di Björk dai tempi de The Sugarcubes) e Lars Von Trier, il regista danese.

In “Selmasongs: Music from the Motion Picture Soundtrack Dancer in the Dark”, colonna sonora del dramma musicale di Von Trier intitolato “Dancer In The Dark”, interpretato dalla stessa Björk

E’ il brano che Björk/Selma interpreta con Siobhan Fallon Hogan/Brenda (una carceriera) alla fine del film, quando Selma, operaia immigrata negli USA dalla Repubblica Ceca, è condotta all’esecuzione per l’omicidio di un amico poliziotto che, per coprire i suoi forti debiti, le ha rubato tutti i risparmi faticosamente raggranellati per poter affrontare la malattia agli occhi di cui sono affetti lei e il figlio…
five, six, seven, eight, nine, ten,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/6/2015 - 14:16
Downloadable! Video!

Suspended Sentence

[1977]
Versi di John Cooper Clarke (1949-), “punk poet” inglese, recitati su di un base musicale minimale e distorta eseguita da una band chiamata The Curious Yellows, costituita da Martin Hannett, produttore del disco per i tipi della Rabid Records, e altri musicisti (Eric McGann, John Scott, Phil Middleton, Tony Roberts).
Nell’EP intitolato “Innocent”, esordio musicale di John Cooper Clarke.

Un tizio legge The Sun - il noto tabloid inglese gossipparo di proprietà del miliardario Rupert Murdoch – e, tra le varie minchiate, c’è la notizia che un mattacchione armato ha fatto fuori una trentina di persone. Impressionato ed arrabbiato, il cittadino prende carta e penna e scrive al suo giornale: “Bisogna ripristinare l’impiccagione per tutti!”…
Viene preso alla lettera e la “Swingin' Britain” viene trasformata in un mattatoio a cielo aperto…

Se ultimamente vi è capitato di ascoltare il... (continua)
Read the paper - humdrum
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/6/2015 - 13:01
Downloadable! Video!

Poor Will and the Jolly Hangman

[1970]
Scritta da Richard Thompson e Dave Swarbrick
Nell’album intitolato “Full House”
Won't you rise for the hangman
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/6/2015 - 11:05
Video!

Killing Jar

[1990]
Parole e musica di Richard Thompson
Nell’album del quartetto “French Frith Kaiser Thompson” (John French, Fred Frith, Henry Kaiser, Richard Thompson) intitolato “Invisible Means”.

Violenza genera violenza…
My father was a judge, a solitary man
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/6/2015 - 10:42
Downloadable! Video!

Respect

The importance of the song for the civil rights movement was summed up by activist Ben Chavis, who worked with Martin Luther King as a youth coordinator:

We always sang songs about things we didn’t have. We said, ‘We shall overcome.’ We hadn’t overcome, but we sang ‘We shall overcome‘. And when Aretha came out with ‘Respect,’ we weren’t getting any respect. Black folks were being disrespected, being beat down, killed trying to get the right to vote. It was like she was fulfilling not only an urgency of the movement of that time, but she made known through her song that we were going to get respect. And then in July of ’67, we have the rebellion in Detroit. Many people also thought ‘Dancing in the Streets’ or ‘Heat Wave’ was a call to action. And those are all great songs. But ‘Respect’ had a different tenor to it that really kind of made you pay attention, and it still does.


Songs of Freedom - The Selma Playlist
3/6/2015 - 23:58
Downloadable! Video!

Clandestino

Jean Bonnefont / Joan Bonafon(t)

Jean Bonnefont (o Joan Bonafon(t) in grafia occitana) è un musicista del gruppo Peiraguda. La versione occitana è cantabile; si tratta a rigore di una versione bilingue, perché contiene parte del testo originale spagnolo.

Clandestin
(continua)
inviata da dq82 3/6/2015 - 15:02
Downloadable! Video!

Clandestino

tzynn (L. Trans.)


Nota. Il traduttore svedese ha qui reso Mano Negra ilegal con Illegal svart arbetskraft, vale a dire “forza lavoro illegale al nero”.
Hemlig
(continua)
inviata da dq82 3/6/2015 - 14:53
Downloadable! Video!

Clandestino

Cristian Pirnog (L. Trans.)


Nota. Il testo originale della traduzione (e delle note) è redatto -come purtroppo oramai di consueto in Rete e altrove- senza nessun segno diacritico. Qui li abbiamo ripristinati tutti secondo la corretta ortografia della lingua romena. Abbiamo sciolto in una nota anche un'indicazione nel corpo della traduzione.
Clandestin [1]
(continua)
inviata da dq82 3/6/2015 - 14:52
Downloadable! Video!

Clandestino

Sisyphos Genikos [Σίσυφος Γενικός] – Peny Deligianni [Πένυ Δεληγιάννη]



Διασκευή στα ελληνικά, βασισμένη στο Clandestino του Manu Chao.
Ελληνικοί στίχοι, κάμερα: Σίσυφος Γενικός
Φωνή: Πένυ Δεληγιάννη
Κιθάρα: Ευθύμης Νικοζήσης
«Μετανάστες»: Osama Giasin, Μπάμπης Ραπτάκης

Remake in Greek based on Manu Chao's song Clandestino.
Greek lyrics, filming: Sisyphus Genikos
Singer: Peny D[eliyannis]
Guitar: Efthimis Nikozisis
«Immigrants»: Osama Giasin, Babis Raptakis
Translation (in English): Galatios Siganos
Μετανάστης [1]
(continua)
inviata da dq82 3/6/2015 - 14:39
Downloadable! Video!

Deutschland

Chanson allemande – Deutschland – Bertolt Brecht – 1933

Texte de Bertolt Brecht tiré de “Svendborger Gedichte”, recueil de poèmes écrit durant la première phase de son exil au Danemark – 1933-1938.
Musique de Hanns Eisler, tiré de ‎‎“Deutsche ‎Symphonie op. 50 (1936-1958)”.‎
ALLEMAGNE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 2/6/2015 - 22:43
Downloadable! Video!

Clandestino

Stony McSorrow



La versione è formata da una prima parte in inglese (ottima) e da un'ultima tratta dall'originale spagnolo di Manu Chao. Una costante di un po' tutte le versioni di Clandestino è l'adattamento o modifica del ritornello, con inserimenti di nuovi clandestini; ed anche “mi vida” (sempre in spagnolo). Nulla si sa di “Stony McSorrow”, l'autore della versione: si tratta di un appellativo testimoniato solo da questa versione e dal relativo video YouTube (del 2015). [RV]
Clandestino
(continua)
inviata da dq82 2/6/2015 - 21:22
Downloadable! Video!

Yo vi la sangre de un niño brotar

I'VE SEEN THE BLOOD OF A CHILD SPROUTING
(continua)
inviata da Alice Bellesi 2/6/2015 - 21:06
Downloadable! Video!

Tengo

I HAVE
(continua)
inviata da Alice Bellesi 2/6/2015 - 18:12
Downloadable! Video!

Clandestino

NoBraino [2015]



La cover italiana dei NoBraino (band originaria di Riccione formatasi già nel 1996) è del 2015; sfruttando il medesimo artificio grafico del proprio nome, si intitolata ClandestiNo. Nel medesimo 2015, la band viene invitata al concerto del 1° maggio da tenersi a Taranto, ma inciampa -come tanti- nei “social media” (si veda qui. Il chitarrista Néstor Fabbri pubblica infatti un “commento cinico e sarcastico” su Facebook (che compare a nome del leader del gruppo, Lorenzo Kruger, che non c'entra però niente) dopo una recente strage nel canale di Sicilia (700 migranti morti): neanche il peggior leghista avrebbe saputo fare di peggio. Questo vale alla band l'esclusione immediata dal concerto del 1° maggio, sancita da Roy Paci; e non valgono le “scuse” di Néstor Fabbri che ricorda “ i suoi studi e le sue esperienze al di fuori della band come attivista per i diritti umani e la... (continua)
ClandestiNo
(continua)
inviata da Luca 'The River' + DQ82 2/6/2015 - 15:08
Downloadable! Video!

Nelson Mandela, Sus Dos Amores

NELSON MANDELA, I SUOI DUE AMORI
(continua)
inviata da Alice Bellesi 2/6/2015 - 13:13
Downloadable! Video!

Politics

1991
People pie
No house to live no one want give
(continua)
inviata da dq82 1/6/2015 - 21:48
Downloadable! Video!

Clandestino

Version by Modena City Ramblers feat.La Pegatina
Version de Modena City Ramblers feat.La Pegatina
Modena City Ramblersin versio La Pegatinan kanssa

Album / Albumi: Tracce Clandestine [2015]



Per la versione interpretata dai MCR assieme a La Pegatina nel 2015 non è necessaria un'ulteriore traduzione: si tratta della versione originale di Manu Chao ripetuta per tre volte, seppure con alcuni “interventi” che estendono la clandestinità ad altri popoli, compreso quello italiano (forse per ricordare, opportunamente, quanto spesso siamo stati clandestini anche noialtri nella storia dell'emigrazione). Sicuramente, nel testo “ciscobellottizzato”, per quanto sopra e per altri motivi sono state prese alcune perdonabili libertà, come scrivere Philipino per “Filipino”, oppure “italianizzando” (Tunisino, Albanese; in sp. propriamente Tunecino, Albanés). Senz'altro dovuta a motivi ritmici la sgrammaticatura di ¡Todos somos ilegal!; va bene così. [RV]
Clandestino
(continua)
inviata da dq82 1/6/2015 - 21:34
Video!

Kriegslied eines Kindes

Chanson allemande - Kriegslied eines Kindes – Walter Benjamin – 1925-27
Musique et interprète : Hanns Eisler

Triple disque “Hanns Eisler”, édité en 1971 par l'éditeur discographique Wergo.
“Zeitungsausschnitte”, « Extraits de journaux », est un cycle de chansons constituées de parodies de nouvelles parues dans les journaux, revues et aux médias allemands de l'époque.

Un enfant est témoin de l'appel sous les drapeaux de sa mère (« O Deutschland, bleiche Mutter ! » écrira Bertolt Brecht quelques années plus tard) de son départ pour les tranchées de la Grande Guerre et de son retour dans un hôpital de campagne où l'attend un lit à baldaquin, qui n'est autre chose qu'un cercueil (troulalatroulala)...

Dis, Marco Valdo M.I. mon ami, toi qui viens de faire cette version française, comment comprends-tu cette drôle d'histoire d'une mère qui s'en va se battre dans les tranchées ? Il me semble à... (continua)
CHANSON DE GUERRE D'UN ENFANT
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 1/6/2015 - 16:54
Downloadable! Video!

Perché non ci vai tu

RENZISTAN

Il presidente del Consiglio ha reso onore ai caduti: "Possa il loro sangue servire ed aiutare anche qui in Afghanistan nuove generazioni a conoscere bellezza libertà e pace".


Ma perché non ci vai tu?? e non solo per un giorno....
CCG Staff 1/6/2015 - 15:47
Downloadable! Video!

Fabrizio De André: Amico fragile

2009
Dal profondo
2015
Tracce Clandestine

Questa canzone dei Modena City Ramblers sicuramente si ispira nel titolo a De André. Dedicata a Luca "Gabibbo" Giacometti.
CANZONE PER UN AMICO FRAGILE
(continua)
inviata da Donquijote82 1/6/2015 - 11:18
Video!

Ave Maria

l'ultimo verso è collocato in maniera sbagliata
(Alessia)

Ok. E come è quella giusta, Alessia...? Grazie!
1/6/2015 - 10:55
Downloadable! Video!

Lucciole sul confine

Chanson italienne – Lucciole sul confine – Yo Yo Mundi – 1996

C'est une chanson relative au conflit bosniaque-bosniaque, au drame de ces peuples. Une chanson de paix et de douleur. Une chanson contre la guerre.

« La guerre comme bouleversement des rôles sociaux, religieux, ethniques et de cohabitation. Réfugiés sans plus de maison, sans plus de droits, avec un futur incertain de réfugiés à la recherche désespérée d'un Dieu auquel pouvoir avoir confiance. »
(notes de l'album)
LUCIOLES À LA FRONTIÈRE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 31/5/2015 - 21:42
Downloadable! Video!

I Dreamed I Saw Joe Hill Last Night

NORVEGESE / NORWEGIAN

Traduzione norvegese / Norwegian translation / Norsk oversettelse
JOE HILL
(continua)
inviata da Juha Rämö 31/5/2015 - 12:11




hosted by inventati.org