Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2015-3-26

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Last Train To Nuremberg


My Lai, anniversario di un massacro
di Lorenzo Mazzoni

Il soldato americano che l’11 marzo in preda a un raptus ha ucciso sedici civili nel distretto di Panjwai nella provincia di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, mi ha riportato alla mente il massacro, il cui anniversario cade in questi giorni, commesso da altri soldati americani quarantaquattro anni fa in Vietnam.

Il 16 marzo del 1968 i ragazzi della compagnia Charlie, al comando del capitano Ernst Medina, entrarono dalla parte settentrionale del villaggio di My Lai, dove ora sorge un grandissimo, giovane albero, e dove, allora, giocavano i bambini.

Svuotarono i caricatori. Buttarono le bombe a mano nelle capanne. Violentarono le ragazzine in branco, da veri boy-scout, poi le trucidarono con le baionette.

I più pericolosi esponenti del villaggio: vecchi e donne, vennero raccolti in gruppi e falciati con le mitragliatrici. Lo stomaco... (continua)
CCG Staff 26/3/2015 - 22:48

Marengo

Marengo

Chanson française – Marengo – Marco Valdo M.I. – 2015

ARLEQUIN AMOUREUX – 1

Opéra-récit historique en multiples épisodes, tiré du roman de Jiří Šotola « Kuře na Rožni » publié en langue allemande, sous le titre « VAGANTEN, PUPPEN UND SOLDATEN » – Verlag C.J. Bucher, Lucerne-Frankfurt – en 1972 et particulièrement de l'édition française de « LES JAMBES C'EST FAIT POUR CAVALER », traduction de Marcel Aymonin, publiée chez Flammarion à Paris en 1979.

Voici donc, Lucien l'âne mon ami, une nouvelle série de canzones qui s'en vont te raconter l'histoire d'un Arlequin amoureux, ci-devant fantassin de l'Empereur autrichien François. Enrôlé de force, déserteur par vocation, il passera sa vie à fuir, fuir et à se réfugier en songe dans les bras imaginaires de son Arlecchina. On verra bien à la fin comment tout cela finira. Oui, Monsieur Po, oui, Monsieur Li, Oui, Monsieur Chi, Oui, Monsieur... (continua)
Au printemps de dix-huit cent
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 26/3/2015 - 21:17

The Babies of My Lai

Norm Burns
Another song-poem about My Lai, released in Boston, Massachusetts - these are song lyrics, sent to specialist publishing and recoding companies, usually in response to an advertisement, that have been set to music for a fee (around $200-400). (1) Composed by Ann Parks and Lew Tobin (he co-founded the label with Shelley Stuart, and he presumably took the writing credit for the music side). Performed by Norm Burns & The Satelites. The track, called "The Babies of My Lai" (Sterling Records # S-547), probably released in either late 1971 or early 1972 (based on the label discography), focused on the death of the children at the massacre. The narrator sarcastically said that "a little baby raised it gun" and so a soldier "raised his weapon in defense". The narrator mourned the deaths: "sleep baby sleep", and declared to "never forget what has been done". The lyrics did not mention or comment on William Calley's trial, but it leaned towards criticising his actions, and therefore it fell into the anti-Calley camp.

Justin Brummer
Sleep baby sleep, sleep baby sleep
(continua)
inviata da dq82 26/3/2015 - 18:10
Video!

Will There Ever Be a Time?

The song "Will There Ever Be a Time?" (Bold Records # 377 / 358), probably released around 1969-1971 by Captain Foam, an obscure psychedelic folk group, based in Ohio, took a general anti-war position, while referencing the My Lai massacre. Written and sung by Richard Bertram, produced by Nick Boldi, and engineered by Gary Rhamy, the song was recorded in Peppermint Productions Studios, in Youngstown, Ohio. (1) Firstly, it expressed opposition to war, counting the dead, and questioning why they had to "see them fall". The narrator accused presidents of "trying to play god". He then called for the "money that they spend to build the guns and bombs", to be redirected towards clearing the "world of hunger", which would contribute towards "peace and equality". Then onto the subject of Calley and the massacre, the narrator argued that the "guns of...My Lai" represented a "curse upon the world".... (continua)
Will there ever be a time, a time so real...
(continua)
inviata da dq82 26/3/2015 - 18:07
Video!

Were You There?

The country rock band Mason Proffit formed in 1968 in Indianapolis, Indiana, led by The Talbot Brothers - John Michael Talbot and Terry Talbot. While their two previous records made the charts, this one failed commercially. The song "Were You There" (Warner Bros. Records # BS 2657) contained socially conscience lyrics, running through several injustices throughout history - from slavery, to the Holocaust: "you cried when Hitler killed the Jews". It then moved to Vietnam, posing the question "were you there at My Lai?", and then entering into a plea for people to protest: "come all of you, it's time to take a stand".
You said something should be done
(continua)
inviata da dq82 26/3/2015 - 17:58
Video!

Had Any Lately

Mother of Three
The soulful track "Lieutenant (Had Any Lately?)" (Stang Records # ST-5027), out of New Jersey, took an anti-war line and condemned Calley - one of the few to do so. Is this record performed by Sylvia Robinson? A year earlier she released the single Have You Had Any Lately (Stang # 5015) - the same melody and with almost identical lyrics, without the Calley references, written by Robinson. (1) Robinson did in fact have three children. (2) The song later appeared on the 1973 album Pillow Talk (Vibration Records # VI-126). Anyhow, the structure of the verses, formed by repeating questions ('how long' and 'how many') took a similarly effective approach to Bob Dylan's "Blowin' in the Wind" - the narrator wanted to know "how many children did you kill" and "how much...of their blood did you spill". She declared that Calley's actions made him "inhuman" and "not fit for society".
How long has it been lieutenant since you made a friend
(continua)
inviata da dq82 26/3/2015 - 17:51
Downloadable! Video!

The Cry of My Lai

Ivan Lee
The Cry of "My Lai" / It Makes No Difference (1971) [Single]

The traditional country song "The Cry of My Lai" (Gold Standard Records # GS-310) - one of the few songs that condemns the massacre, with the narrator telling Calley that "the devil possesses your soul", against the background sound-effect of an infant crying. He asked: "hey lieutenant, can you still hear the small babies cry?". He also wondered if Calley had acted as if in a childhood game: "did the frightened child remind you of a smiling boy, who plays war at home and the gun is only a toy". Released in Nashville, Tennessee, written by Johnny Adams and Ivan Meece.
There in a ditch in My Lai, a small baby cried
(continua)
inviata da dq82 26/3/2015 - 17:46
Video!

The War Crimes

A spoken word release (Flying Dutchman # FDS-118) in which Rosko narrated the newspaper articles of Pete Hamill - an American journalist who in the 1960s wrote for the New York Post, reporting from Vietnam. (1) It took a highly critical view of the Vietnam War, the military, and the politicians of the era, such as President Eisenhower and President Nixon. Produced by Bob Thiele, founder of Flying Dutchman, it featured background music from Ron Carter (bass) and James Spaulding (flute). Nat Hentoff, music critic and historian, wrote the linear notes to the record. Hamill also wrote the words for the 1970 record Murder at Kent State University (Flying Dutchman # FDS-127).

Billboard noted the album on 28 February 1970, saying that "Bob Thiele's Flying Dutchman label again collaborated with WNEW-FM's Rosko...to spotlight writer Peter Hamill's description of the alleged 'Massacre at My Lai'... (continua)
Poor, lost America, clean, honorable, decent, even naive
(continua)
inviata da dq82 26/3/2015 - 17:31

Ballad of Song My

1970
testo e spartito



Il massacro di Mỹ Lai, conosciuto anche come massacro di Sơn Mỹ, fu un massacro di civili inermi che avvenne durante la guerra del Vietnam, quando i soldati statunitensi della Compagnia Charlie, della 11a Brigata di Fanteria Leggera, agli ordini del tenente William Calley, uccisero 347 civili - principalmente vecchi, donne, bambini e neonati.

Il massacro avvenne il 16 marzo 1968 a My Lai, una delle quattro frazioni raggruppate nei pressi del villaggio di Sơn Mỹ, nella provincia di Quang Ngai a circa 840 chilometri a nord di Saigon. I soldati si abbandonarono anche alla tortura e allo stupro degli abitanti. Come venne riferito da un tenente dell'esercito sudvietnamita ai suoi superiori, fu una atroce vendetta, che avvenne poco dopo uno scontro a fuoco con delle truppe Viet Cong che si erano mischiate ai paesani.

Il massacro fu fermato dall'equipaggio di un elicottero... (continua)
Can you sing of Song My and can you tell me why
(continua)
inviata da dq82 26/3/2015 - 17:22

Texas Tweezers

1970
Wake up America!

The album Wake Up, America (Big Toe Records # 1) contained several references to Vietnam, such as the tracks "Our National Anthem", "Chicago", and "The Drug Company". On the track "Texas Tweezers" Hoffman took a phone call on a radio show. The caller attacked Hoffman for being ignorant, an exhibitionist, and for criticising the country, which, according to the caller, would have got him killed in Russia. Hoffman responded by arguing that the US "killed a million people in Vietnam" which damaged her reputation. He then rhetorically ask the caller "what do you think My Lai was, a god damn Connie Island trip".
Caller:
(continua)
inviata da dq82 26/3/2015 - 17:07
Downloadable! Video!

Crudo

Chanson italienne – Crudo – Susanna Parigi – 2011
Album: "La lingua segreta delle donne" (2011)
RUDE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 26/3/2015 - 16:35

Thyssen, opera sonora

[2015]
di e con Ezio Mauro
regia di Pietro Babina
concept audio di Alberto Fiori & Pietro Babina
esecuzione live di Alberto Fiori
voci di Umberto Orsini e Alba Rohrwacher
Produzione Elastica srl

Ieri sera qui a Torino è stata inaugurata quarta edizione di Biennale Democrazia, una manifestazione culturale il cui “obiettivo è la diffusione di una cultura della democrazia che sappia tradursi in pratica democratica.”
Checché se ne possa dire (borghesi, buuu!, cattocomunisti, buuu!, le lezioni magistrali di Draghi e della Boldrini, buuu!... ) di questo progetto ideato da Gustavo Zagrebelsky – ex membro e presidente della Corte Costituzionale, nonché mio quasi compaesano ed il migliore docente che io abbia mai avuto – checchè se ne possa dire del Repubblicano Ezio Mauro e del suo giornale “di regime”, beh, questa è un’opera in memoria di

Antonio Schiavone
Giuseppe Demasi
Angelo... (continua)
Gli operai di Torino diventati invisibili
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 26/3/2015 - 14:02
Video!

La risposta al ragazzo della via Gluck

[1966]
Testo di Giorgio Gaber
Musica: Giorgio Gaber
Originariamente in singolo
Poi in: Collezione singoli 1965/67



Il ragazzo della via Gluck riesce a farsi accettare se cantata da Adriano, che la impone con la sua personalità di interprete, ma come canzone non esiste: è ingenua, superficiale, sembra un tema fatto da un bambino di seconda elementare. Dov'è la protesta in quel "chissà dove si va a finire"?
Non si riesce mai a capire se Adriano scherza o fa sul serio.

Giorgio Gaber
Questa è la storia di un ragazzo
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 26/3/2015 - 12:23
Video!

Un albero di trenta piani

[1972]
Parole e musica di Adriano Celentano
Nel disco “I mali del secolo”

Celentano prosegue qui sulla “linea verde” inaugurata alcuni anni prima con “Il ragazzo della via Gluck” (così celebre ed amata da venir ancora recentemente coverizzata dal nostro Venturik, che ha spostato il brano decisamente sulla “linea rossa” )

Non so nulla di ingegneria civile e ignoro se i moderni grattacieli – che anche qui a Torino hanno ormai per sempre modificato l’antica skyline – siano davvero “ecosostenibili”, ad “emissioni zero” e risparmiosi come ci vogliono far credere. A me piacciono, come idea estetica, però credo che siano dei succhiaenergia e che pongano pure grossi problemi di sicurezza. Penso comunque che non mi piacerebbe vivere o lavorare in un formicaio, termitaio od alveare che sia: sono un essere umano, non un insetto che vive in colonia.
E poi mi rode abbastanza il culo al pensiero che ciò che svetta qui è il cazzone in vetro, acciaio e cemento di uno dei peggiori usurai d’Italia, l’Intesa Sanpaolo…
Per la tua mania
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 26/3/2015 - 10:36
Video!

Hobo's Lullaby

Finnis translation by Mikko Perkoila and Hannu Raatikainen
Suomennos Mikko Perkoila ja Hannu Raatikainen

This song was made by a Finnish band called Arkiviisu and it's included on their 1977 record »Tomuinen tie« (Dusty Road or Goin' Down the Road Feelin' Bad) by Love Records. I haven't been able to find in posted on the Web, but maybe somebody will.
KULKURIN KEHTOLAULU
(continua)
inviata da Juha Rämö 26/3/2015 - 08:55

Il ragazzo della via Rock

[26 marzo 2015]
Scritta da Riccardo Venturi
Sull'aria de Il ragazzo della via Gluck di Celentano

Non c'è alcun dubbio che Il ragazzo della via Gluck, che ha trovato il suo spazio nelle CCG, sia una canzone che, a modo suo, parla di proletariato urbano e di immigrazione. E' la Milano degli anni '50 quella che si ha davanti agli occhi in quella canzone di un figlio di immigrati meridionali (“Celentano” non è senz'altro un cognome puro meneghino). Ora però vorrei presentarvi un bel quartierino di Firenze, che esiste ancora e che si formò, giustappunto, negli anni '50: le Case Minime di Rovezzano. Intanto ve lo presento con un bel rap:



Ne sono, casualmente, appena tornato. Perché, a differenza della via Gluck milanese che sembra essere diventata una strada quasi fighetta ed è ormai inglobata nella città, le Case Minime, in quest'anno di grazia 2015, sono rimaste tutt'altro che fighette.... (continua)
Questa è la storia
(continua)
26/3/2015 - 01:23
Video!

Venivamo tutte dal mare

Chanson italienne – Venivamo tutte dal mare – Susanna Parigi – 2014
NOUS VENIONS TOUTES DE LA MER
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 25/3/2015 - 21:02
Video!

El alma llena de banderas

Finnish translation by Pentti Saaritsa
Suomennos Pentti Saaritsa

A link link to this beautiful song performed by Agit Prop (from their 1974 record »Laulu kaikille«):
SYDÄMESTÄ HULMAHTAVAT LIPUT
(continua)
inviata da Juha Rämö 25/3/2015 - 18:39
Video!

Fiume Sand Creek

CATALANO / CATALAN - Riccardo Venturi

Adaptament al català de Riccardo Venturi
25 de març de 2015
Adattamento in catalano di Riccardo Venturi

25 marzo 2015
RIU SAND CREEK
(continua)
25/3/2015 - 16:01
Video!

Divide et Impera!

2015
Oh!

con la partecipazione del rapper sardo
En?gma
Sei sulla poltrona là sfatto
(continua)
inviata da dq82 25/3/2015 - 15:10
Video!

1989

2015
"9"

Scritto nel 1989 e rimasto chiuso in un cassetto fino ad oggi, il brano sintetizza l'atmosfera che si respirava in quel periodo denso di avvenimenti storici: la protesta di piazza Tienanmen, la vittoria del sindacato "Solidarnosc" alle elezioni in Polonia, il crollo del Muro di Berlino.
rockol.it
Persi nella nuvola blu
(continua)
inviata da DoNQuijote82 25/3/2015 - 14:54

The Soldier’s Wife

[2010]
Parole e musica di W. J. “Bill” Adair
Nell’album "Dusty Boots on a Gravel Road"
Through all the years that he’s away,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/3/2015 - 14:26
Video!

Dead Soldiers’ Wives Don’t Dance

[2011]
Parole e musica di W. J. “Bill” Adair, singer songwriter di Glasgow.
See them marching to the railway in their uniforms and boots,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/3/2015 - 14:16
Video!

Addio Juna

mi scusi sig.ra Elda....
avrei una curiosità da chiederle....
io mi chiamo Juna, ho 42 anni...
mia madre mi ha dato questo nome preso proprio dalla canzone....
ma non sono mai riuscita a sapere da dove viene questo nome e che cosa significa.....
lei saprebbe mica aiutarmi????
grazie....
juna.telesca@gmail.com 25/3/2015 - 14:08
Video!

Sidùn

Svensk översättning av Riccardo Venturi
25.03.2015
SIDON
(continua)
25/3/2015 - 13:08
Video!

Union Maid

Finnis translation by Mikko Perkoila and Hannu Raatikainen
Suomennos Mikko Perkoila ja Hannu Raatikainen
LIITON TYTTÖ
(continua)
inviata da Juha Rämö 25/3/2015 - 11:04
Video!

Peace and Love

(1990)
Album: "Now"
Oh as I sit under this weeping willow tree
(continua)
inviata da dq82 25/3/2015 - 10:23
Video!

World Peace

2012
World Peace
Sing the music
(continua)
inviata da dq82 25/3/2015 - 10:17
Video!

Southern Nights

Southern nights
(continua)
25/3/2015 - 02:56
Video!

Fragen eines lesenden Arbeiters

SPURNINGAR LESANDI VERKAMANNS
(continua)
inviata da Rikarður V. Albertsson 24/3/2015 - 23:32
Video!

Fragen eines lesenden Arbeiters

Traducció al català per Poesia de Butxaca
PREGUNTES D'UN OBRER DEVANT UN LLIBRE
(continua)
inviata da Herr Puntila und sein Knecht Matti 24/3/2015 - 23:20
Video!

Fragen eines lesenden Arbeiters

Mikel Laboaren euskal itzulpena (1969)




La versione finlandese di Brita Polttila proposta da Juha Rämö, che è praticamente alla base di questa pagina, non è l'unica musicata e cantata: la versione in lingua basca di Mikel Laboa era già presente da tempo in questo sito.. La versione di Mikel Laboa, del 1969, si trova del resto in un album interamente dedicato a canzoni brechtiane tradotte in euskara. [RV]

The Finnish version by Brita Polttila contributed by Juha Rämö, which practically forms the basis of this page, is not the only that has been set to music and performed: the Basque version by Mikel Laboa had long since been included in this website. As a matter of fact, Mikel Laboa's version (1969) is included in an album wholly composed of Brechtian songs translated into Euskara. [RV]
LANGILE BATEN GALDERAK LIBURU BATEN AURREAN
(continua)
inviata da Herr Puntila und sein Knecht Matti 24/3/2015 - 22:55
Video!

Fragen eines lesenden Arbeiters

Svensk översättning av Erwin Leiser
EN LÄSANDE ARBETARES FRÅGOR
(continua)
inviata da Herr Puntila und sein Knecht Matti 24/3/2015 - 22:40

Mezzo pane e un libro

Antiwar Songs Blog
Non solo di pane vive l’uomo. Io, se avessi fame e fossi senza forze per la strada, non chiederei un pane; ma chiederei mezzo pane e un libro. Ed io attacco da qui violentemente quanti parlano soltanto di rivendicazioni economiche senza nominare mai le rivendicazioni culturali che è poi quel che richiedono gridando i cittadini. […]
Antiwar Songs Staff 2015-03-24 22:24:00
Downloadable! Video!

Corrandes d'exili

24 marzo 2014
(con la correzione di Ramon Mantovani)


1970: Pere Quart recita alcune strofe delle Corrandes d'exili al Festival della Letteratura Catalana, a Barcellona. Al termine il pubblico grida Llibertat! Llibertat!
STROFE D'ESILIO
(continua)
24/3/2015 - 18:38

Canto a Stalingrado

CANTO A STALINGRADO
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 24/3/2015 - 15:41




hosted by inventati.org