Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2014-8-9

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Somos Sur

Un articolo di Eduardo Galeano su Gaza.



Español
Italiano


GAZA

Por Eduardo Galeano

Para justificarse, el terrorismo de Estado fabrica terroristas: siembra odio y cosecha coartadas. Todo indica que esta carnicería de Gaza, que según sus autores quiere acabar con los terroristas, logrará multiplicarlos.

Desde 1948, los palestinos viven condenados a humillación perpetua. No pueden ni respirar sin permiso. Han perdido su patria, sus tierras, su agua, su libertad, su todo. Ni siquiera tienen derecho a elegir sus gobernantes. Cuando votan a quien no deben votar, son castigados. Gaza está siendo castigada. Se convirtió en una ratonera sin salida, desde que Hamas ganó limpiamente las elecciones en el año 2006. Algo parecido había ocurrido en 1932, cuando el Partido Comunista triunfó en las elecciones de El Salvador. Bañados en sangre, los salvadoreños expiaron su mala conducta y desde entonces... (continua)
9/8/2014 - 23:13
Downloadable! Video!

Amleto

In occasione -finalmente- dell'inserimento del video di questa canzone, e soprattutto della ricostituzione degli Apuamater, essa è stata tolta dagli "Extra", e sarebbe stato opportuno farlo prima. Lunga vita agli Apuamater!
Riccardo Venturi 9/8/2014 - 22:18
Video!

Ciente veleni - Sguarracino

[2011]
De Falco - E Zézi
'O Guarracino - Tradizionale.
Album: Ciente paise. Tra cient'anne e ciente mise torna l'acqua a li paise - Vesuvio.
Massimo Mollo (Voce e chitarra)
Maurizio Saccone (Sax)
Antonello Paliotti (Chitarra battente, plettri)
Angelo Di Falco (Putipù)
Massimo Ferrante (Marranzano, chitarra e voce)
Maura Sciullo e Pasquale Terracciano (Tamburelli)
Marzia del Giudice (Castagnette)
Enzo Salerno (Basso)
Roberto Sansone (Batteria)
Gatti Distratti (Rumori)




Un brano straordinario che potremmo chiamare della “nuova tradizione”. Nell'anno del Signore 2011, di grazia e (soprattutto) disgrazia, il Gruppo Operaio E Zézi di Pomigliano d'Arco, attivo fin dai primi anni '70 e che vide le prime gesta di un giovanissimo Daniele Sepe mentre -tra le altre amene cose- esplodeva la fabbrica Flobert di Sant'Anastasia, decise di trasportarci a tutti quanti a farci fare un bel giro... (continua)
Appillatev' o naso
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/8/2014 - 20:08
Video!

Czekając Na Królestwo J.H.W.H.

[1989]
Testo di Kazik Staszewski
Musica di Kult
Dall'album intitolato "Kaseta"
Il testo dal sito ufficiale http://kult.art.pl/
To po pierwsze
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 9/8/2014 - 19:10

Mahurini, il panzone di Predappio

Antiwar Songs Blog
Non molto tempo fa avevamo proposto una canzone, The Gold in Africa di Neville Marcano « The Tiger » proveniente da Trinidad e Tobago : un calypso composto all’epoca dell’aggressione fascista italiana all’Etiopia, rivolto espressamente contro Benito Mussolini. Un’autentica particolarità che oggi ripetiamo spingendoci ancor più lontano : nell’antipodale Aotearoa, vale a dire il nome con cui il popolo […]
Antiwar Songs Staff 2014-08-09 17:46:00

Addio padre / Bu njekoon ndawal

[2013]
Tradizionale
Testo wolof di Dudù Kouate
Album: Folk&Peace - Cantautori contro la guerra
(Versione per Emergency)
Versione inedita in:
Fino al cuore della Rivolta - Volume 1
(Cofanetto di 3 cd per il decennale del Festival di Fosdinovo)



Si tratta, nella parte italiana, di una versione di Addio padre e madre addio, una delle più note canzoni popolari italiane dell'epoca della Grande Guerra, raccolta nel 1978 da Sandra Boninelli a Martinengo (BG) e pubblicata nel 2013, solo con la voce della Boninelli, sul cd Folk&Peace – Cantautori contro la guerra, un progetto che a suo tempo aveva preparato Alberto Cesa del gruppo Cantovivo. La sorella di Cesa, Ita, per ricordare la figura del fratello ha deciso di pubblicare il cd per Emergency. In questa versione inedita si aggiunge il musicista griot Dudù Kouate, che da 20 anni vive e lavora a Bergamo, e che canta e suona il kalam.

Addio padre e madre addio
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/8/2014 - 16:01
Video!

La canaille (La chanson des gueux)

9 agosto 2014
LA CANAGLIA (CANZONE DEGLI STRACCIONI)
(continua)
9/8/2014 - 13:06
Video!

PadreMadre

Nuovo link YouTube per la versione solo pianoforte e voce di PadreMadre (quella precedentemente linkata è scomparsa):

https://www.youtube.com/watch?v=P6UGx8xQimA
Alberta Beccaro 9/8/2014 - 12:38
Video!

Si yo supiera tu nombre

[1985]

Canción de Victor Manuel dedicada a las Abuelas de Plaza de Mayo, escrita para la película Todo es Ausencia de Rodolfo Kuhn
Si yo supiera tu nombre
(continua)
inviata da adriana 9/8/2014 - 07:27
Video!

Prosty człowiek

09.08.2014
UN UOMO SEMPLICE
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 9/8/2014 - 01:22
Video!

La canaille (La chanson des gueux)

Le Cri du Peuple - Chansons de la Commune

Valentino Stacciarini 9/8/2014 - 00:54
Video!

La Ballade d'Hoboken

La Ballade d'Hoboken
Chanson française – La Ballade d'Hoboken – Claude Semal – 1977

Chanson écrite et composée par Claude Semal en 1977, "La ballade d'Hoboken " (Hoboken est une commune industrielle proche d'Anvers), est une chanson, qui dénonce la pollution par le plomb diffusée par l'usine d'Hoboken de l'entreprise belge de métaux Métallurgie Hoboken. Cette chanson fut « traduite en justice » en même temps que son auteur et interprète pour "diffamation". Ils seront acquittés.

Une vieille histoire ? Mais la chanson a de la mémooire...

Pour mieux connaître les chansons et le chanteur : toutes les chansons de Claude Semal
Dans la banlieue d’Anvers près du chantier naval
(continua)
inviata da Lucien Lane 8/8/2014 - 21:43

La marche à suivre

La marche à suivre

Chanson française – La marche à suivre – C. Aloïsio - JC Watrin - 1978



On m'a signalé et j'ai promis de faire suivre... Alors, voilà, je fais ce que j'ai dit...

Évidemment, Lucien l'âne mon ami, je sais bien que tu es du genre « Je dis ce que je fais et je fais ce que je dis » et je sais comme toi que ce n'est pas le cas de tout le monde... Loin de là... Moi, par exemple, je promets mille choses et je n'en tiens que très peu... Mais ce n'est pas de la mauvaise volonté, je ne suis qu'un homme moi, je fais ce que je peux... et comme je ne veux mécontenter personne... Je mécontente presque tout le monde... cela dit, qui est cet « on » qui t'a envoyé cette chanson ? Ce serait bien de le faire connaître...

D'accord, j'ai eu tort... Voici le message que j'ai reçu :

« Etes-vous intéressé par des chansons rares de lutte, de contestation, de résistance, de dénonciation...... (continua)
Si tu as dix-sept ans
(continua)
inviata da Lucien Lane 8/8/2014 - 15:48
Video!

The Convict of Clonmel

[1820s]
Nota anche con il titolo de “The Gaol of Cluain Meala”.
Versi del poeta di Cork Jeremiah Joseph Callanan (1795–1829).
Interpretata e incisa da moltissimi musicisti irlandesi, da Luke Kelly coi Dubliners a Tommy Sands con la Sands Family ai Dublin City Ramblers.

La “príosún Chluain Meala” (Clonmel, contea Tipperary) ha visto passare molti irriducibili irlandesi, dai Whiteboys, che nel 700 lottavano contro i latifondisti ed i loro abusi, ai Young Irelanders, precursori del repubblicanismo novecentesco…
How hard is my fortune
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/8/2014 - 14:00
Video!

Stray Bullets

Interpretata anche insieme a Ryan Harvey
Dedicata a Tomas Young, veterano americano della guerra in Iraq tornato paralizzato dalla guerra e diventato un attivista contro la guerra. Tomas Young è morto nel 2014 a 34 anni per le conseguenze delle ferite riportate in Iraq. Vedi anche No More di Eddie Vedder.

“Stray Bullets” is a song I wrote with Ryan Harvey for our friend Tomas Young (1979-2014). Tomas was a soldier paralyzed in the Iraq War, became a staunch anti-war activist with Iraq Veterans Against The War, and was a great dude.
Woah oh oh
(continua)
8/8/2014 - 13:03
Video!

Solo vos

Tema dedicado a una niña (y a todos en similar situación) apropiada por los genocidas.
Ta listo el mate pa charlar,
(continua)
inviata da adriana 8/8/2014 - 12:55
Video!

Take Me Home to Mayo

[1974]
Anche nota con il titolo de “The Ballad of Michael Gaughan”.
Scritta da Seamus Robinson di Carrick Hill, Belfast, songwriter, poeta e militante repubblicano, scomparso nel 2009.
Nel disco dei Dublin City Ramblers intitolato “Irish Republican Jail Songs”, pubblicato nel 1978.
Interpretata anche da molti altri musicisti irlandesi, come Christy Moore , Wolfe Tones , The Irish Lads e The Corrib Folk.

Se dico “Isle of Wight” la prima cosa che a tutti viene in mente è il mitico festival musicale del 1970. Pochi invece sanno che sull’isola davanti alle coste dell’Hampshire c’è una tetra prigione, quella di Parkhurst, entrata in funzione già nel lontano 1805.

E’ tra le mura di Parkhurst che nel 1974 morì Michael Gaughan, 24 anni, originario di Ballina, contea di Mayo, militante repubblicano e membro dell’IRA.
Michael Gaughan era stato arrestato qualche anno prima e condannato per una... (continua)
Take me home to Mayo, across the Irish sea
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/8/2014 - 11:06

Per la Memoria: Laura, Estela, Guido

Antiwar Songs Blog
“L’ultima lettera arrivo il sedici novembre del 1977. Poi più nulla. Dopo qualche tempo venimmo a sapere che in una pasticceria di Buenos Aires era stata sequestrata una ragazza, le cui caratteristiche fisiche corrispondevano a quelle di nostra figlia. Quando era entrata la patota, lei stava bevendo un caffè in compagnia di un giovane. Lui […]
Antiwar Songs Staff 2014-08-08 10:26:00
Video!

Il ballo di Aureliano

Chanson italienne – Il ballo di Aureliano – Modena City Ramblers - 1997

Dédiée à Nestor Cartolini, commandant du « TupacAmaru », groupe de guérilla guévariste du Pérou.

Alberto Cottica explique : « Un certain Fujimori, d'origine japonaise mais né au Pérou, fut élu démocratiquement Président ; un beau jour, il décide de suspendre pour une durée indéterminé les élections et réalise une espèce d'auto-coup d'état. Il est le président et il gouverne. Il gouverne un peu bien et un peu mal. M. Cartolini pense qu'il gouverne plus mal que bien, et en ne trouvant pas une manière civile et démocratique pour protester vu que M. Fujimori contrôle aussi tant de « belles affaires », il décide d'occuper l'ambassade japonaise pendant une réception où il y a les diplomates de tout le monde. On les retient sans aucune violence, en libérant un peu à la fois pendant qu'ils cherchent une négociation avec les... (continua)
LE BAL D'AURÉLIEN
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 7/8/2014 - 20:58

Inno a Di Vittorio (Musica e versi veritieri di Giuseppe Angione su Giuseppe Di Vittorio undicenne)

Un episodio della vita di Giuseppe Di Vittorio, custodito gelosamente dai miei nonni prima, dai miei genitori e da me poi, solo per paura delle ritorsioni da parte dei fascisti, abbiamo taciuto. Don Peppino, per gli amici doveva uscire dal carcere di Turi e non sapeva dove fermarsi a dormire. Nella città di Bari la madre la moglie e la figlia di pochi anni lo aspettavano in un albergo di via Sparano, una carrozza da Bari vola verso Turi, preleva Don Peppino e si dirige di corsa a Bari, una fermata all'albergo e poi via verso la periferia...C'è altro da raccontare.
Anna Sciacovelli 7/8/2014 - 18:38

Arawak

2007
Shalom

(C.T.D Toro – P.D’Angelo)


Gli Arawak o "Aruak" (Aruachi in italiano), conosciuti anche come Arahuacos o Aruacos (da aru, ovvero fiore di manioca), rappresentano, secondo alcuni, la famiglia linguistica dei popoli amerindi pre-colombiani con maggiori diversità linguistiche, interessando dall'area dei Caraibi fino al nord dell'Argentina.

Si tratta di una popolazione indigena delle regioni centromeridionali dell'America meridionale. I nuclei più consistenti sono le tribù stanziate in Venezuela, in Colombia e nel Brasile nord-occidentale. Gli Aruachi sono i tipici rappresentanti della cultura amazzonica.

Tra questi popoli si distinsero i Taino che si erano stanziati nelle Grandi Antille, tra cui i Lucayan alle Bahamas e i Bimini in Florida. Vi erano poi i Nepoya e i Suppoyo nell'isola di Trinidad e gli Igneri, che si pensa avessero preceduto i Caribi nelle Piccole Antille assieme... (continua)
Séme partite da lu Venezuéle,
(continua)
inviata da DonQuijote82 7/8/2014 - 18:23
Video!

Precario

2011
Welcome to the green land

(Ugo Trevale - Claudio Toni Di Toro / Ugo Trevale)
A la vite so' precarie
(continua)
inviata da DoNQuijote82 7/8/2014 - 18:18
Video!

Diversi

2011
Welcome to the green land

(Ugo Trevale)
Il mio nome non importa non importa a nessuno
(continua)
inviata da DoNQuijote82 7/8/2014 - 18:17
Video!

Welcome to the green land

2011
Welcome to the green land

(Ugo Trevale - Claudio Toni Di Toro / Ugo Trevale)
Welcome to the green land
(continua)
inviata da DoNQuijote82 7/8/2014 - 18:13

The Sleeper Cutters’ Camp

[1917]
Parole di Dan Sheahan, contadino poeta del Queensland australiano, finito a combattere sul fronte francese. Scrisse questi versi nel giugno del 1917 a Messines, Fiandre occidentali. La musica fu scritta molti anni dopo da Denis Kevans (1939–2005) poeta, songwriter e folk singer di Canberra.
Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui i Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.

Una canzone che in Australia divenne subito molto popolare ma che fu severamente bandita dalla commissione di censura del Commonwealth…
My sole address at present is a battle-field in France,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 15:08

Billy Hughes

[1916]
Canzone di autore anonimo rivolta contro Billy Hughes, politico laburista e all’epoca primo ministro australiano, accesso interventista e fautore della coscrizione obbligatoria per la Grande Guerra.
Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui i Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.

Billy Hughes divenne primo ministro alla fine del 1915 e, soprattutto dopo le ingenti perdite subite dall’esercito nel luglio ed agosto 1916, appoggiò risolutamente i generali che chiedevano l’estensione della coscrizione obbligatoria, fino a qual momento prevista solo per la difesa nazionale e non per guerre oltreoceano. Billy Hughes era osteggiato persino dai due terzi del suo partito ma ciò nonostante volle promuovere un referendum per estendere la coscrizione: lo perse, e fu anche espulso dal partito laburista.
That dirty traitor Billy Hughes is trying to introduce
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 14:50

To Arms!

[1915]
Da un celebre manifesto anti-coscrizione realizzato nel 1915 dall’IWW, gli Industrial Workers of the World, meglio conosciuti come Wobblies.
Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui i Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.
To Arms!
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 14:14

Hiding in the Ammunition Van

Una canzone appresa dall’informatrice Maysie Tucker di Salt Ash, New South Wales.
Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui i Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.

Canzone che racconta di disertori (questi poco accorti, visto che si vanno a nascondere nel carro delle munizioni!!!)
Le sue versioni sono molteplici perché il testo fu ripreso dalle truppe australiane durante la Grande Guerra, ma l’originale risale alle guerre anglo-boere di fine 800… C’è poi un riferimento a Timbuktu e alle truppe francesi e quindi anche alla dominazione francese nel Mali.
Have I been in battle? Have I been in gaol?
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 13:53

The Jester in the Trench

[1915]
Versi di Leon Maxwell Gellert (1892–1977), poeta australiano.

Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui i Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.

La morte che arriva improvvisa, il colpo di un cecchino che uccide il più divertente dei propri compagni proprio nel bel mezzo di un racconto o di una barzellette… Mentre tutti intorno a lui si preparavano a ridere, ancora una volta e nonostante la guerra, ecco che la morte fa scendere il suo gelo tra gli uomini nella trincea: “… E con la sua barzelletta rimasta sulle labbra, ancora appoggiato al suo fucile, lo lasciarono lì – morto.”
Una scena che l’autore visse di sicuro direttamente, perchè Leon Gellert combattè nella campagna dei Dardanelli fin dal suo inizio (25 aprile 1915) e nel giugno del 1916 fu gravemente ferito e rimpatriato.
“That just reminds me of a yarn,” he said,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 13:27

War!

[1915]
Versi di Leon Maxwell Gellert (1892–1977), poeta australiano.

Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui i Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.

La morte come sollievo alle sofferenze della guerra…
Una descrizione che credo autobiografica, perché Leon Gellert combattè nella campagna dei Dardanelli fin dal suo inizio (25 aprile 1915) e nel giugno del 1916 fu gravemente ferito e rimpatriato.
When my poor body died, - Alas!
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 11:56
Video!

Hic Jacet

[1916]
Versi di Thomas Henry “Crosscut” Wilson (1867-1925), poeta australiano che combattè volontario a Gallipoli (mentendo sulla propria età, che non avrebbe potuto arruolarsi a 47 anni).
Musica di Bob Rummery, cantante, musicista e ricercatore folklorico australiano.
Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui i Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.

Una poesia sulla pietà umana.
Nel novembre del 1916 a Thomas Wilson fu ordinato di andare a seppellire il cadavere di un soldato turco, ucciso vicino alle linee dell’ANZAC, che stava lì ormai da giorni a putrefarsi, appestando l’aria. Convinto di riuscire a fare tutto in fretta e senza vomitare, il nostro soldato scopre stretta nella mano del nemico, ridotta ormai ad una poltiglia nauseabonda,... (continua)
I buried a Turk in a darksome gorge by officer's orders one evening grey –
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 11:39

Sing Me to Sleep

[1915-16]
Scritta da tal Arthur Buchannan, che combattè a Gallipoli tra le fila dell’ANZAC.
Si tratta di una parodia di una canzoncina dallo stesso titolo molto famosa all’epoca (di Clifton Bingham ed Edwin Greene, 1902)
Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui i Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.

Più di 11.000 soldati australiani e neozelandesi morirono nel corso della campagna dei Dardanelli, in luoghi come Suvla, Anzac Cove (Arıburnu), Lone Pine (Kanlı Sırt), Gallipoli (Gelibolu Yarımadası)…
Sing me to sleep where bullets fall,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 10:40

Friday 14th May

[1915]
Versi scritti da tal Cooper, un sergente neozelandese dell’ANZAC inviato a combattere nei Dardanelli.
Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui i Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.

La monotonia della vita di guerra, con la morte sempre dietro l’angolo e l’attaccamento alle piccole cose, come una buona vecchia pipa portata da casa…
Same work
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 10:16

The Route March

[1915]
Parole di Henry Lawson (1867-1922), scrittore e poeta australiano.

Musica di Cathie O’Sullivan (1979), cantante e compositrice australiana, virtuosa dell’arpa celtica.

Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui I Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.
Did you hear the children singing, O my brothers?
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 10:01

ANZAC Cove

[1915]
Parole di Leon Gellert
Musica di Bob Rummery, cantante, musicista e ricercatore folklorico australiano.
Nel disco intitolato “The Riderless Horse - An Australian Impression of World War 1” (2004) in cui I Roweth, musicisti australiani, hanno raccolto più di 30 canzoni e poesie dal primo e dal secondo fronte durante la Grande Guerra.

Leon Gellert era nato ad Adelaide nel 1892. Fu uno dei primi australiani ad essere spedito al fronte, sui Dardanelli. Prese parte alla terribile campagna di Gallipoli (25 aprile 1915 - 9 gennaio 1916, mezzo milione di morti), fu gravemente ferito e rimpatriato.

ANZAC è l'acronimo con cui è conosciuto l'Australian and New Zealand Army Corps.
ANZAC Cove è il nome che fu dato ad una baia di Gallipoli dove il corpo di spedizione austrialiano sbarcò il 25 aprile 1915.
There’s a lonely stretch of hillocks;
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 09:43
Video!

The Second Front Song

[1944 o 45?]
Scritta da Ewan MacColl e firmata col suo vero nome, James Henry Miller.
Il testo di MacColl è però certamente basato su di una canzone soldatesca.
La melodia è quella della popolare scozzese “Musselburgh Fair”.
Nel disco intitolato “Barrack-Room Ballads” (o “Bundook Ballads”) pubblicato per la prima volta nel 1958, con Peggy Seeger, Jimmie MacGregor e John Cole.
Testo trovato sull’immancabile Mudcat Café

Non proprio una CCG, piuttosto una canzone che descrive una delle tante miserie delle guerre…
Il “secondo fronte” è quello di casa, dove chi resta – madri, mogli, compagne e figli – è costretto a combattere a sua volta contro i razionamenti, contro le imposte di guerra, contro una vita sempre più difficile man mano che il conflitto prosegue, e anche contro la solitudine…
Non proprio una CCG ma senz’altro una canzone ben poco patriottica…
Now, my boys, if you will listen, I'll sing you a little song.
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/8/2014 - 09:14
Video!

Spóźnione pytania

Usiądź! Porozmawiać z Tobą chcę
(continua)
inviata da krzyś 7/8/2014 - 07:27
Downloadable! Video!

Pasta nera

Chanson italienne – Pasta nera – Modena City Ramblers – 2013

« Rien de nouveau sur le front occidental » est un double album des Modena City Ramblers, le treizième de leur carrière.Les dix-huit les chansons contenues dans l'album ont été écrites, arrangées et produites par les Modena City Ramblers.

Face A: Niente di nuovo: Niente di nuovo sul fronte occidentale - Occupy World Street - È primavera - C'era Una Volta - La Guèra D'L Baròt - Pasta nera - Fiori d'Arancio e Baci di Caffè - La luna di Ferrara- Beppe e Tore
Face B: Sul fronte occidentale: Il Violino di Luigi - Due magliette rosse - Tarantella Tarantò - La Strage delle fonderie - Afro - Kingstown Regatta - Il giorno che il cielo cadde su Bologna - Nostra Signora dei Depistati - Briciole e spine

Entre 1945 et 1952, plus de 70.000 enfants du Sud (de l'Italie) plus mal en point, furent reçus temporairement par des familles du Centre-Nord.... (continua)
PÂTES NOIRES
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 6/8/2014 - 21:42
Video!

Ballada o Bieli

12.09.1987
Testo e musica di Jacek Kaczmarski
La canzone era presente sulle diverse musicassette edite clandestinamente sul finire degli anni '80, quando Kaczmarski lavorava a Monaco di Baviera per Radio Free Europe.
La prima cassetta ufficiale che la contiene è intitolata "Kosmopolak" ed è uscita nel 1991
Il testo da http://www.kaczmarski.art.pl/index.php
Są narody, które znają
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 6/8/2014 - 17:35
Video!

El adiós del soldado

L'ADDIO DEL SOLDATO
(continua)
inviata da Maria Cristina Costantini 6/8/2014 - 17:33
Video!

Custer's Blues

Recorded in 1987
Published in 2001 in "Too close too Heaven"



George Armstrong Custer (New Rumley, 5 dicembre 1839 – Little Bighorn, 25 giugno 1876) è stato un generale statunitense. Fu ufficiale dell'Esercito degli Stati Uniti e comandante della cavalleria durante la guerra di secessione statunitense e le guerre indiane. Cresciuto nel Michigan e nell'Ohio, Custer venne ammesso a West Point nel 1858, dove si diplomò ultimo della sua classe. Comunque con lo scoppio della guerra civile statunitense venne chiamato a servire nell'esercito dell'Unione.

Durante la guerra civile si guadagnò una buona reputazione. Prese parte alla prima battaglia di Bull Run e la sua carriera fu aiutata dalla sua associazione con diversi importanti ufficiali e si dimostrò un efficace comandante di cavalleria. Venne infine promosso al rango temporaneo (brevetto) di maggior generale e al termine della guerra venne... (continua)
Well, you look just like General Custer
(continua)
inviata da DoNQuijote82 6/8/2014 - 15:12

Mr. War

Bene, per non allungare troppo le sigle, penso che una Canzone Contro la Guerra di quelle vere vere, che ci stanno di per loro, senza bisogno di spiegazioni, e che si pubblicherebbero anche da sole, senza nemmeno l'intervento di qualche perfido Admin, beh, una CCG come questa d'ora in avanti la chiamerò "DOCCG"...
B.B. 6/8/2014 - 14:45




hosted by inventati.org