Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2013-7-13

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Alla fiera der Tufello

Questa canzone m'è venuta in mente oggi, forse dovrebbe andare tra le Extra, ma è la mia personale "Istant song". E' una canzone demenziale che parla della violenza urbana e che inserisco a stigmatizzare un evento capitato a Roma qualche giorno fa. Un'omicidio in seguito a una lite per questioni di traffico. E visto che nella vita sono un medico e lavoro sulle ambulanze del 118 anche quello che ne è seguito: l'aggressione al personale dell'ambulanza che stava solamente svolgendo il suo mestiere.


Omicidio a San Basilio: un morto e un ferito
dopo una lite per il traffico. Arrestato vigilante
Ancora un omicidio nella capitale. La vittima, Maurizio Alletto di 32 anni, dopo un litigio ha accoltellato al volto un ragazzo che era in auto con il padre, guardia giurata di 53 anni, che ha reagito sparando. All'arrivo dell'ambulanza, gli operatori sono stati picchiati dalla folla. All'autista è... (continua)
Alla fiera der Tufello pe' du' scudi,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 13/7/2013 - 22:48
Video!

Mistycanza

2012
Orchestralunata
Con la partecipazione di Simone Cristicchi
Testo e musica di Gregori (Banda Bassotti), Travarelli, Di Vozzo
Tokio, Tijuana, Berlino, Addis Abeba
(continua)
inviata da DoNQuijote82 13/7/2013 - 15:01

Kebab a Rebibbia

2012
Orchestralunata

Testo e musica di Gregori (Banda Bassotti), Travarelli, Di Vozzo
Testa di pipistrello cieco sbattuto contro le pareti
(continua)
inviata da DoNQuijote82 13/7/2013 - 14:57
Video!

Gracias por ser amigo de Bush

Te reís del que te carga
(continua)
inviata da Las manos de Obama 13/7/2013 - 00:06
Video!

Pilipino rock

Version française - Pilippine Lock – Marco Valdo M.I. – 2013
Chanson italienne - Pilipino lock - Elio e le Stolie Tese – 2003

Une pauvre émigrée philippine (c'est vrai que dans la version italienne, c'est un émigré... et après tout, rien n'empêche de changer de genre), après des années de travail au noir et d'exploitation subséquente se décide (enfin!) à se défendre par voie d'avocat et à récupérer ses salaires impayés, d'abandonner ce patron sans scrupules (ils le sont souvent... surtout, vis-à-vis des travailleurs clandestins) et de retourner chez elle... aux Philippines, sans doute ouvrir un salon de coiffure... car tel est son rêve.
Tout cela est fort bien dit à un détail près... l'impossibilité pour les gens d'Asie du Sud-Est de prononcer les « r » et à les remplacer – la plupart du temps – par un son qui se rapproche du « l »... et semble-t-il le « ph », son « f » par un son plus... (continua)
Je lave toilette puis je lepasse semise
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 12/7/2013 - 20:49
Video!

Il testamento del parroco Meslier

un piccolo capolavoro: La merda
guido 12/7/2013 - 12:24
Video!

Il Pescatore

FISKIMAÐURINN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 12/7/2013 - 00:29
Downloadable! Video!

There Will Be Trouble In Town (Ci saranno guai)

11 luglio 1998 - 11 luglio 2013

“Ci vogliono morti
perché siamo i loro nemici
e non sanno che farsene di noi
perché non siamo i loro schiavi”

Maria Soledad Rosas (Sole) – Buenos Aires, 23 maggio 1974 – Bene Vagienna, 11 luglio 1998 – suicidata dallo stato.

Da : Notav.info
adriana 11/7/2013 - 14:47
Video!

Ballad of Yvonne Johnson

‎[2003]‎
Parole e musica di Eliza Gilkyson
Nell’album intitolato “Land Of Milk And Honey”‎

Una canzone che racconta la storia di Yvonne Johnson, americana mezzosangue nativo, una storia ‎di sofferenza e di abusi fin dalla più tenera infanzia. Affetta da una labioschisi mai curata, cresciuta ‎in una famiglia dove i genitori, un’indiana Cree e un marine bianco, erano dediti a droghe ed ‎alcolici, subì violenze sessuali fin dall’età di tre anni ad opera – se ho capito bene – di due dei suoi ‎fratelli o fratellastri. L’unico fratello che la proteggeva e le voleva bene fu ucciso dalla polizia. ‎Messa su una famiglia, sempre in condizioni precarie e disastrate, nel 1989 la Johnson, insieme ad ‎altre tre persone, uccise un pedofilo che lei riteneva insidiasse i suoi figli… Fu condannata ‎all’ergastolo. In prigione scrisse le sue memorie che, con l’aiuto del giornalista e scrittore Rudy ‎Wiebe,... (continua)
My name is Yvonne Johnson, my native blood is Cree
(continua)
inviata da Bernart 11/7/2013 - 13:23
Video!

Black Spartacus Heart Attack Machine‎

‎[2011]‎
Canzone che apre l’album intitolato “World Wide Rebel Songs”‎
History's not made
(continua)
inviata da Bernart 11/7/2013 - 10:59
Video!

Un matto [Dietro ogni scemo c'è un villaggio]

La proposta di togliere questa canzone dagli "Extra" e di riportarla al suo autore nel percorso "I lager dei matti: la guerra dei manicomi" viene accolta, con un leggero ritardo di quattro anni e mezzo. Ma tutti sanno che questo sito ha dei tempi tutti suoi; c'è lo "slow food" e anche lo "slow web"...
CCG/AWS Staff 11/7/2013 - 10:56
Video!

Man of God

krzyś, eccoti accontentato...
Si tratta chiaramente di una canzone dedicata alla dinastia dei Bush ("The Cowboy... Fortunate son he was doubly blessed...")
UOMO DI DIO
(continua)
inviata da Bernart 11/7/2013 - 10:16
Video!

The Economy Is Suffering, Let It Die

‎[2009] ‎
Nell’album intitolato “The People or the Gun”‎
I've seen a lot of rip-offs in my life.
(continua)
inviata da Bernart 11/7/2013 - 09:27

Birgit Treuhand, liquidator

Birgit Treuhand, liquidator

Canzone française – Birgit Treuhand, liquidator – Marco Valdo M.I. – 2013
Histoires d'Allemagne 93
An de Grass 94

Au travers du kaléidoscope de Günter Grass : « Mon Siècle » (Mein Jahrhundert, publié à Göttingen en 1999 – l'édition française au Seuil à Paris en 1999 également) et de ses traducteurs français : Claude Porcell et Bernard Lortholary.

Cette Histoire d'Allemagne, comme toutes les précédentes, est en fait la transposition d'un récit en chanson et comme pour chacune des précédentes, on entend un narrateur particulier ; en l'occurrence, une narratrice qui débite un monologue autojustificateur. C'est une sorte de lamentation dans laquelle elle tente de justifier le retentissant échec de l’Exposition universelle de Hanovre dont elle était le Commissaire général et le massacre économique qu'elle a mené en dirigeant la Treuhand jusqu'à sa fin en décembre... (continua)
J'ai beau être une femme
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 10/7/2013 - 23:42
Downloadable!

Canzone per Ion

Tratto da una scheda del programma RAI "Chi l'ha visto?":


MIHAI ISTOC

Mihai Istoc

Sesso: M
Età: 45 (al momento della scomparsa)
Nazionalità: Rumena
Corporatura: esile
Statura: 170
Occhi: azzurri
Capelli: castani
Abbigliamento: Jeans e maglietta
Scomparso da: Torino
Data della scomparsa: 08/06/2009
Data pubblicazione: 12/02/2010

Di Mihai Istoc non si hanno notizie dall’8 giugno del 2009. Romeno, si era trasferito in Italia, a Torino, da alcuni anni, lasciando moglie e figlie nel suo paese. A Torino vive anche il fratello che ha sporto la denuncia di scomparsa. Nel capoluogo piemontese Mihai Istoc lavora come muratore. Abita con alcuni connazionali i quali hanno confermato alla polizia che quel giorno, come tutte le mattine, si era alzato molto presto per recarsi al lavoro, dopodiché non è più rientrato.

10 luglio 2013, da La Repubblica:


Identificato dopo 4 anni muratore morto... (continua)
Bernart 10/7/2013 - 22:44
Downloadable! Video!

Osposidda

este ora de cumbattere pro sa nostra libertade de sa ignoranza e da sa malapedde !!!
10/7/2013 - 19:59
Video!

Dis à ton fils

Dis à ton fils

Chanson française – Dis à ton fils – Marianne Mille et Maurice Dulac – 1972
Paroles: Boris Bergmann, arrangement d'après un air traditionnel: Anne-Marie Garcia

Regarde, Lucien l'âne mon ami, une chanson où il est question d'un mulet... Ce compagnon de toutes les infortunes, ce transporteur à tout faire... Ce « somaro », tout comme toi... et moi. Dans les Andes, car l'histoire que raconte cette chanson se déroule dans les Andes, dans les montagnes de cette Amérique latine écrasée et exploitée... D'abord, par les envahisseurs venus d'Ibérie... Puis, malgré ses tentatives de libération, à nouveau mise sous la coupe par son grand voisin du Nord. Et l'affaire n'est pas finie... Mais c'était là plutôt le sujet d'une autre chanson de Marianne Mille et Maurice Dulac, que je t'ai présentée l'autre jour et qui s'intitule « Libertad » .

Je me souviens très bien de Libertad... Une... (continua)
Dis à ton fils qu'il doit rentrer 
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 10/7/2013 - 16:31
Video!

On the Battlefront

‎[1984]‎
Nell’album intitolato “Like This”‎

Una vecchia CCG/AWS da un gruppo power pop costituitosi alla fine degli anni 70 e che solo ‎recentemente, dopo quasi 30 anni, è tornato alla ribalta con un singolo, “Revolution of the Mind”, ‎diventato subito una call-to-action per l’Occupy (We the 99)‎ Movement.‎
Heard a cry from the battlefront
(continua)
inviata da Bernart 10/7/2013 - 14:22

Luglio

[2012]

Album : Il guscio
Calpesterò il tuo diritto a respirare, calpesterò la tua voce fino a sera e il tuo sorriso da animale, il tuo coraggio, la tua miseria.
(continua)
inviata da adriana 10/7/2013 - 13:46
Percorsi: Genova - G8
Video!

I Get By

‎[2011]‎
Scritta da Erik Schrody (Everlast) e Zach Sciacca
Nell’album intitolato “Songs of the Ungrateful Living”‎

Un pezzo che è diventato un inno non ufficiale dell’Occupy Movement.‎
Government man keep calling my house
(continua)
inviata da Bernart 10/7/2013 - 11:59
Video!

Ballad of Rush Limbaugh

‎[2012]‎
Parole e musica di Nona Hendryx
Dall’album intitolato “Mutatis Mutandis”, un atto d’accusa contro il conservatorismo americano, ‎Tea Party in testa, contro la cupidigia delle corporation, contro la violenza nela comunità ‎afroamericana, contro la guerra per il controllo delle risorse petrolifere…‎

Hai capito la “vecchia” Nona Hendryx… mica solo Labelle, “Lady Marmalade” e disco music!‎

Canzone che fa il paio con Greatest Man in America dei Moxy Früvous. Il “Più Glande Uomo d’America”, con un ‎ingaggio che nel 2008 sfiorva i 400 milioni di dollari, è Rush Limbaugh, conduttore radiofonico e ‎commentatore politico ultra-conservatore e cristiano fondamentalista famoso per le sue posizioni ‎fasciste, sessiste, razziste, guerrafondaie e pro pena capitale. Sul personaggio si veda l’intro alla ‎canzone citata.‎
The man on the radio can hardly catch his breath
(continua)
inviata da Bernart 10/7/2013 - 11:38
Video!

Libertad

[1970]

Maurice Dulac – Marianne Mille
Texte : Boris Bergman

Il y a 26 chansons dans les Chansons Contre la Guerre (CCG) où dans le titre, apparaît le mot « Libertad », dit Lucien l'âne. Comme il y avait avant que tu n'y ajoutes « Ma liberté » de Georges Moustaki, 26 chansons en langue française où dans le titre, apparaissait le mot « liberté ». Tu avoueras que pour une coïncidence, c'est une coïncidence...

En effet, Lucien l'âne mon ami, c'est une coïncidence et d'autant plus que j'ai l'intention de te faire connaître une chanson dont le titre est tout simplement « Libertad ». J'en suis d'autant plus ravi que c'est une chanson que j'avais un peu perdue de vue, mais qui restait bien vivante dans ma mémoire comme certain grand soleil... d'Amérique latine. Une chanson qui évoque les sempiternelles luttes des paysans amérindiens contre la colonisation et la post-colonisation étazunienne :

« Les... (continua)
Lui:
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 9/7/2013 - 23:42
Video!

De profundis Hitleribus

Maurice Dulac version récente - on reviendra sur le même chanteur à propos d'autres chansons d'un autre genre, plus habituel dans les Chansons contre la Guerre.
Un "De Profundis" en direct du Théâtre de l'Ogresse... Tout un programme.

Cordial

Lucien Lane
Lucien Lane 9/7/2013 - 22:53
Video!

Sex Is Not the Enemy

(2005)

Album: Bleed Like Me

"The real obscenity is war, not sex" (Lenny Bruce)

"This is a party song on the surface, but it’s actually dealing with my amazement at how the Bush administration in America is really reactionary and clamping down on gay rights, and women’s reproductive rights and civil liberties in general.

I thought it really weird that when Janet Jackson revealed her tit at the Super Bowl it was on the cover of USA Today for three days in a row and, meanwhile, there was no mention of the Iraq war. It was only focusing on Janet’s beautiful tit, which I thought was bizarre". - Shirley Manson

"Apparentemente è una canzone da festa, ma in realtà parla del mio stupore per come l'amministrazione Bush sia incredibilmente reazionaria e repressiva sui diritti dei gay, della libertà delle donne e dei diritti civili in generale.

Ho pensato che fosse veramente assurdo quando Janet... (continua)
No evolution
(continua)
9/7/2013 - 22:48
Video!

Linea gotica

ripensamento di ferretti ? Ma è sempre stato fervente credente,...
maurizio 9/7/2013 - 20:37
Video!

Yo soy Juan

"Dodici voci si alzarono furiose, e tutte erano simili. Non c'era da chiedersi ora che cosa fosse successo al viso dei maiali. Le creature di fuori guardavano dal maiale all'uomo, dall'uomo al maiale e ancora dal maiale all'uomo, ma già era loro impossibile distinguere fra i due."

Che delusione tornare a casa e scoprire che c'e' una nuova dittatura, che nel 2013 il vero rivoluzionario e' ancora quello che muore in battaglia perche' quello che la vince si trasforma in dittatore.Eppure Orwell l'ho letto da piccola...mi sembrava di aver imparato...invece mi sento come se avessi alzato il pugno e quello stesso pugno mi avesse colpito in faccia.
marcia 9/7/2013 - 19:02
Video!

The Red Locusts

‎[2008]‎
Nell’album “The Graveyard Of Utopia”‎

Scoperta sul sito Gwerz Kiev del bretone Denez Prigent e appreso così del misconosciuto ‎‎“Голодомор”, letteralmente “infliggere la morte per fame”, altrimenti noto come “Olocausto ‎ucraino”, un genocidio possibilmente ancora più letale di quello ebraico, occorso una decina di anni ‎prima in Ucraina per mano del regime sovietico stalinista, scoperta dunque questa ennesima ‎terribile pagina della Storia del “secolo di sangue”, mi sono lanciato alla ricerca di canzoni che ‎potessero arricchire il sito su questa vicenda. ‎
Devo dire che non è stato facile, perché in Ucraina il tema è preda di gruppi nazionalisti (quando ‎non dichiaratamente nazisti) come i ‎‎Сейтар ‎‎(se avete voglia andatevi a leggere la loro Голодомор, ‎di cui in rete esiste anche un orrido abbozzo di traduzione italiana) o ‎i ‎‎Сокира Перуна, che nel loro logo hanno ‎addirittura... (continua)
The black earth of Rus' was sown with human bones
(continua)
inviata da Bernart 9/7/2013 - 13:44
Video!

Carlo Giuliani

[2003]

Album :'Where Did We Go Wrong
As the dry soil crumbles away 'neath my toes
(continua)
inviata da adriana 9/7/2013 - 08:30
Percorsi: Genova - G8
Video!

Maddalena

E' la storia di un uomo, Gigi, che sceglie di cambiare sesso, con tutto quel che ne consegue e n'è conseguito: stigmatizzazione, emarginazione, sfruttamento.
Solite dinamiche, la solita sofferenza e solitudine di chi non rinuncia ad essere se stesso e a mostrarsi per quello che è, senza recite.
Tra lo scherno della gente, definito come 'uomo a metà', respinto e 'rifiutato per sessuale ambiguità'...e alla fine via, verso la ricerca di un'impossibile libertà: il pregiudizio e lo scherno cammineranno sempre sulla sua stessa strada, percorreranno la sua stessa rotta, senza mai deviare.
Maddalena sopra ai viali
(continua)
inviata da Alessandro Carènzan 9/7/2013 - 04:54
Video!

Black, Brown and White

Questa storiella che sto per cantarvi ,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 8/7/2013 - 21:56
Video!

Nascette mmiez’o mare

riguardo alla prima nota. scarola stà per iscarola cioè ischitana abitante di ischia. non si fa riferimento alla verdura ne ai capelli ricci.
DINA LANDI 8/7/2013 - 18:13
Video!

Eliza Gilkyson: 2153‎

‎[2010]‎
Parole e musica di Eliza Gilkyson
Nell’album intitolato “Roses at the End of Time”‎

Well their brains were quite large for their bodies
(continua)
inviata da Bernart 8/7/2013 - 16:06
Video!

Once I Had a Home

‎[2010]‎
Parole e musica di Eliza Gilkyson
Nell’album intitolato “Roses at the End of Time”‎



Su questo sito ho contribuito molte canzoni sull’Olocausto, un tema che mi è molto caro forse ‎perché anche i miei avi valdesi furono tanto perseguitati per motivi religiosi (e politici, ed ‎economici).‎

Purtroppo non conosco né persone di fede ebraica né tanto meno cittadini d’Israele e non ho mai ‎avuto modo di confrontarmi con loro su questo tema, né più in generale sulla “questione ebraica” e ‎neppure sul conflitto arabo-israeliano e sull’altra grande “questione”, quella palestinese.‎
Di amici – non ebrei - ne ho sia schierati con Israele sia con i palestinesi… ‎
Coi primi riesco a parlare di tutto tranne che degli arabi, palestinesi inclusi. Vengo sempre stoppato ‎con i soliti argomenti: l’inevitabilità di uno Stato per gli ebrei sopravvissuti, l’aggressione degli ‎Stati arabi, Israele... (continua)
Once I had a home
(continua)
inviata da Bernart 8/7/2013 - 13:42
Video!

Al centro de la injusticia (II versión)

8 luglio 2013

Per questa "seconda versione" si è tentata una traduzione ritmica in rima.
AL CENTRO DELL'INGIUSTIZIA
(continua)
8/7/2013 - 04:00
Video!

Al centro de la injusticia

8 luglio 2013

Si vedano le Note alla traduzione
AL CENTRO DELL'INGIUSTIZIA
(continua)
8/7/2013 - 02:43
Downloadable! Video!

Santiago penando estás

8 luglio 2013


Una traduzione che un po' cerca di rispettare il ritmo originale, sebbene sia un'impresa destinata per natura al fallimento. C'è una nota alla traduzione.
SANTIAGO, SOFFRENDO STAI
(continua)
8/7/2013 - 00:50
Video!

Ayúdame Valentina

d'après les versions italienne et anglaise de Riccardo Venturi d'une chanson chilienne de langue espagnole – Ayúdame Valentina – Violeta Parra – 1962

Ah, Lucien l'âne mon ami, je suis très content de te voir, car...

Car ?, dit Lucien l'âne en redressant le crâne et en papillonnant des deux yeux tout en agitant alternativement les oreilles pour montrer son désarroi. Car quoi ? Alors, maintenant, il te faut une raison pour être content de me voir...

Ho, ne te braque pas ainsi, Lucien l'âne mon ami. Tu as parfaitement raison... Mais tu ne m'as pas laissé le temps de finir ma phrase... Je n'ai pas besoin de raison pour être content de te voir... Je voulais juste ajouter une raison supplémentaire, en quelque sorte la raison du jour... J'insiste : je suis toujours content de te voir et la raison en est que tu es mon ami. C'est d'ailleurs – à mes yeux comme aux tiens – le trait caractéristique... (continua)
AIDE-MOI VALENTINE 
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 8/7/2013 - 00:12
Ora che sulla vita di Violeta Parra si fanno dei film, accorgendosi di nuovo di questa donna straordinaria, noialtri, che ce ne eravamo già accorti da un bel po', cerchiamo di rifare un po' la sezione dedicata alle sue canzoni. Chissà che anche il film non contribuisca a conoscerle, non soltanto l' “eterna” Gracias a la vida di cui, peraltro, i più ignorano chi sia l'autrice. Attenti però: la feliz Violeta era anche ben altro, ad esempio una anticlericale feroce o una che era tornata a diciassette anni. Insomma, evviva il film ma qui ci sono le canzoni della Violeta. Con quelle noialtri si parla.
Riccardo Venturi 7/7/2013 - 23:55




hosted by inventati.org