Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2012-8-19

Rimuovi tutti i filtri

Hitler

Album: "A Divided Family (Lideres)" (1973)

Il secondo LP di Manolo Díaz (poi cantante de Los Aguaviva) fu più rock e internazionale. "Ero influenzato dalla beat generation americana e dominavo bene l'inglese. L'LP era composto di dieci canzoni cantate in inglese dedicate a dieci leaders politici contemporanei, come Stalin, Churchill o De Gaulle, però il problema era che la censura pretendeva che nell'edizione spagnola ci fossero solo i politici di destra, volevano in questo modo trasformare in qualcosa di politico un disco nel quale invece io facevo proprio il contrario: ridere di loro.

Di fatto c'è una dedica, che è una lettera a mio padre, perché era morto proprio quell'anno, dove gli dico che l'idea originale era di dipingere tutte queste glorie nel momento di defecare. Mi piaceva molto l'idea che la gente ballasse nelle discoteche al ritmo di Mao o di De Gaulle".

(da Fernando Lucini Y la palabra se hizo música - La canción de autor en España, Madrid, 2006)
I've seen the best minds of my world
(continua)
19/8/2012 - 23:56
Video!

Ayer tuve un sueño

Nel 1963, dopo un'esperienza lavorativa in Liberia, Manuel (Manolo) viaggiò negli Stati Uniti per partecipare alla marcia per i diritti civili convocata da Martin Luther King, che si concluse con lo storico discorso "I Have a Dream..." pronunciato da MLK dala scalinata del monumento a Lincoln.

Non appena tornato a Madrid, profondamente colpito da quel discorso, compose una delle sue prime canzoni, Ayer tuve un sueño che più tardi fu inclusa nel suo primo LP ma che originariamente fu interpretata con grande successo dal gruppo pop rock Los Pasos.

Quarant'anni dopo, la canzone può apparire ingenua e fin troppo semplice. però se la situiamo nella Spagna della metà degli anni '60, un momento in cui la semplice rivendicazione della libertà era considerata un comportamento pericolosamente rivoluzionario, possiamo capirne la forza; la semplicità fu la chiave del suo successo.

(Introduzione tradotta e adattata da Fernando Lucini Y la palabra se hizo música - La canción de autor en España, Madrid, 2006)
Ayer tuve un sueño,
(continua)
19/8/2012 - 23:29
Video!

Postguerra

Album: "Manolo Díaz"(1967)

Dal primo album di Manolo Diaz, poi cantante de Los Aguaviva
Huele a tierra quemada,
(continua)
19/8/2012 - 23:13
Video!

Gallo Rojo

d'après la version italienne de Lorenzo Masetti d'une
Chanson argentine (espagnol) – Gallo Rojo - Los Fabulosos Cadillacs

Chanson dédiée à Ernesto « Che » Guevara

« AU MATIN DU GRAND SOIR,
LE COQ ROUGE PONDRA L'OEUF NOIR »
Marco Valdo M.I.
COQ ROUGE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 19/8/2012 - 21:11
Video!

L'eau c'est la souffrance des femmes

A qui appartient la mer ?
(continua)
inviata da MR 19/8/2012 - 18:14
Video!

Heure grave

Poème de Rainer Maria Rilke
Qui maintenant pleure quelque part dans le monde
(continua)
inviata da MR 19/8/2012 - 18:00
Downloadable! Video!

Répression

[1972]
Parole e musica di Colette Magny
Arrangiamento di Barre Phillips
La traccia free-jazz che dà il titolo all'album edito da Les Chants du Monde

Faccio presente cha manca tutta una parte del brano (all'ascolto, mi pare dedicata alla "maggiornaza silenziosa"), qui dopo la quarta ripetizione del "ritornello"...
(Bernart Bartleby)
Répression, répression, répression
(continua)
inviata da MR 19/8/2012 - 17:52
Video!

La bataille

Qu'on entende parler que de la bataille
(continua)
inviata da MR 19/8/2012 - 14:05
Downloadable! Video!

Ribelli

[2011]
Testo e Musica di Francesco "Ciccioshiva" Creazzo
Album: Resistenza Sonora
"Hello, Kalàfro, accendini in aria pi tutti i briganti, chista è musica e melodia, street poesia, Simu ribelli for life, fyah bun.."
(continua)
inviata da giorgio 19/8/2012 - 13:56
Downloadable!

Viêt Nam 67

Le chant du monde - 1967
Viêt Nam 67
(continua)
inviata da MR 19/8/2012 - 12:08
Video!

Les gens de la moyenne

(1967)
Comment ça va les gens de la moyenne ?
(continua)
inviata da MR 19/8/2012 - 12:01
Video!

Bitten der Kinder

Chanson allemande – Bitten der Kinder – Bertolt Brecht – 1945
Texte : Bertolt Brecht
Musique : Paul Dessau

Dresde, février 1945
PRIÈRE D'ENFANT
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 19/8/2012 - 10:06
Downloadable! Video!

Terrone

[2011]
Testo e Musica di Nicola "Masta P" Casile
Album: Resistenza Sonora

Come io e Gian Piero Testa abbiamo recentemente avuto modo di constatare, vi sono ancora terroni vetero-fascisti nostalgici, di quelli che "Non c'è altro fascismo che quello del Ventennio"; ciò a riprova che le dominazioni lasciano un segno tangibile e indelebile nel tempo..
E vi sono, più modernamente, anche terroni così:
Ovunque vado mi chiamano "terrone"
(continua)
inviata da giorgio 19/8/2012 - 09:30
Video!

Quién te ha visto y quién te ve

Cuando Franco murió, no murió con él el franquismo. De sus ministros, procuradores y demás hubo división en dos bandos generalmente, que ya estaban presentes en vida del dictador; uno de ellos se divide en dos.
El primero eran los fascistas más puros, conocidos como inmovilistas y, por lo tanto, apodados como "el búnker". A parte de los partidos históricos como Falange Española (supuestamente, reclamaban la más primitva Falange, fundada por Primo de Rivera), FE-JONS (fruto del matrimonio entre la Falange y las Juntas de Ofensiva Nacional-sindicalista, que con la unión del siguiente partido pasó a ser el partido único: FET y de las JONS), Comunión tradicionalista (carlistas -monárquicos de ultraderecha que datan del siglo XIX-, no confundir con el Partido Carlista) y otros, se apiñaron en torno a nuevos partidos como Fuerza Nueva.
El otro grupo eran los llamados "reformistas": generalmente... (continua)
Gustavo Sierra Fernández 18/8/2012 - 13:53
Video!

Cose che so

[2010]
Album:Sete di musica
Cose che so,forse non servono a niente,ma sfido babylon
(continua)
inviata da Dj Palitrottu Mc. 18/8/2012 - 10:55
Video!

Богородица, Путина прогони

Due anni di carcere per una canzone! Uno sproposito, tuonano i civili paesi dell'UE dove invece affibbiano dieci anni per due cassonetti spaccati. Senza niente togliere alla gravità della sentenza russa, ricordiamoci che le sentenze politiche esistono anche da noi!
Gio 17/8/2012 - 23:40
Lorenzo Masetti 17/8/2012 - 23:04
Video!

I poeti

Chanson italienne - I poeti - Roberto Vecchioni

Ho, dit Lucien l'âne en relevant le front, que voilà une étrange sorte de poètes. Moi qui suis enfant de l'un d'eux, moi qui ai connu Homère et les autres, moi qui ai croisé Hugo, Rimbaud, Verlaine, Lautréamont, Apollinaire, Toulet, Eluard, Aragon, Brassens, Ferré... et tant d'autres... pour m'en tenir aux seuls poètes de langue française, je puis assurer du contraire de ce qu'elle raconte cette chanson. Peut-être vise-t-il un poète en particulier, ou certains poètes de sa connaissance... Peut-être a-t-il des comptes à régler... Qu'il s'en prenne alors à celui-là ou à ceux-là... Clairement... Mais pas à toute la corporation... Il aurait aussi bien pu dire la même chose ou quelque chose de similaire des chanteurs, des danseurs, des plombiers, des dentistes, des garagistes, des croque-morts, des modistes, des footballistes, des toreros, des... (continua)
LES POÈTES
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 17/8/2012 - 22:16

Wir sind des Geyers schwarzer Haufen

Innanzitutto, una nota grammaticale: si scrive "schwarzeR Haufen", con la "r". Haufen è maschile. Tradurlo poi con "masse" mi sembra un po' troppo forzato, diciamo "le schiere", forse è meglio.
"Spiess voran" non si traduce "lancia in resta" ma "avanti le picche". La canzone viene infatti cantata dai lanzichenecchi del Bundschuh, armati di picche, loro arma caratteristica.
Marco 17/8/2012 - 16:54
Downloadable! Video!

Путин зассал

‎Dichiarazione pubblica dell’8 agosto 2012 resa da Nadezhda Tolokonnikova, ‎membro della Pussy Riot, nel corso del processo a Mosca che la vede imputata, insieme a due ‎compagne, per atti vandalici motivati dall’odio religioso.‎

‎“[…] Finally, I’d like to quote a Pussy Riot song because, strange as it may seem, ‎all our songs have turned out to be prophetic, including the one that says: “The KGB chief, their ‎number one saint, will escort protestors off to jail” – that’s about us. What I’d like to quote now, ‎however, is the next line: “Open the doors, off with the military insignia, join us in a taste of ‎freedom.”‎
‎(traduzione inglese di Agnes Parker da Pussy Riot ‎Trial in english)‎

‎“[…] Per finire, vorrei citare una canzone delle Pussy Riot perchè – per quanto strano possa ‎sembrare – tutte le nostre canzoni si sono dimostrate profetiche, compresa quella che dice: “Il capo ‎del KGB,... (continua)
Dead End 17/8/2012 - 11:25

Strazzuni e patruni

[2009]

Album : Anime deserte
Quattru strazzi nu coppinu pochi spicci ntra la sacca
(continua)
inviata da adriana 17/8/2012 - 10:54
Video!

Millenovantanove

Io credo di non essere mai stato intollerante verso niente e nessuno. Confesso tuttavia che l'amore tra persone dello stesso sesso mi provocava un senso di stranezza, un non so cosa di anomalo, di fuori dall'ordinario. Quando ascoltai per la prima volta questa canzone, cambiai immediatamente idea. L'amore, l'affetto, che legano tra loro le persone sono sentimenti che hanno a che fare con la magia, tanto sono rari. Volere bene ad una persona e, nello stesso istante, sentire che quel bene è ricambiato, è di inestimabile valore, è unico. E pensare che esistono ancora oggi degli idioti che usano violenza contro queste persone, solo per mascherare le loro debolezze e la loro miseria...
Mauro Mastrangelo 17/8/2012 - 10:04
Downloadable! Video!

La cacca

[2010]

Album : L'isola dei burattini
Cos’è che poi rimane tra le braccia della gente
(continua)
inviata da adriana 17/8/2012 - 08:55
Video!

Pronto per la corsa

Chanson italienne - Ninna nanna degli sfruttati / Pronto per la corsa – Ned Ludd – 2007

Album: "Lavoro e dignità" - « Travail et dignité »
Texte et musique : Ned Ludd

35 musiciens, dont :
Karine Polwart (Écosse), lauréate des BBC Folk Awards
Marino et Sandro Severini des Gang;
Aidan O’ Rourke (Écosse) meilleur musicien écossais de 2006 e membre du trio écossais Lau;
Massimo Ghiacci des Modena City Ramblers;
Mattie Foulds (Canada), batteur e producteur
Giuseppe de Trizio des Radicanto;
Maria Letizia Beneduce, violiniste, orchestre d'Ennio Morricone;
Alessandro Mottaran des BEV
Gianluca Zammarelli, Gianni Berardi, Felice Zaccheo,protagonistes de la musique populaire du Lazio (Latium).
COMPTINE DES EXPLOITÉS
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 17/8/2012 - 08:54
Downloadable! Video!

Dans les Banlieues

[2010]

Album : L'isola dei burattini
Ai piedi del castello del re
(continua)
inviata da adriana 17/8/2012 - 08:44
Video!

Wampum Prayer

Album: Scarlet's Walk (2002)

Un Wampum, o sewan, è una cintura utilizzata dalle tribù di nativi americani dell'America Nordorientale come oggetto rituale e religioso e spesso scambiato come testimonianza e vincolo durante la stipula di trattati o per ricordare avvenimenti storici.

Anche se originariamente il termine indicava solo le larghe cinture, è invalsa l'abitudine di definire in wampum anche altri capi d'abbigliamento o ornamento (collane, bracciali, cavigliere ecc.), creati utilizzando la medesima tecnica.
In our hand
(continua)
inviata da anonymous 17/8/2012 - 05:30
Video!

Carne da cannone

piccola correzione: la traduzione corretta di "carne da cannone" in inglese sarebbe "cannon fodder"
(L)

Giusto, abbiamo corretto [CCG Staff]
16/8/2012 - 21:18
Downloadable! Video!

Sogna e vai

Nonostante le diverse categorie sociali e una non equa distribuzione delle risorse economiche, tutti noi siamo legati dalla speranza di riuscire a poter vivere in un paese dove fame, povertà e mafia siano cancellate una volta per tutte dalla voglia di vivere e dal bisogno di aiutare il prossimo ....un sogno, forse questo, impossibile da realizzare a causa della nostra politica poco "pulita"....... La prima mafia in Italia è la "politica". pietro.selv@hotmail.it

sogna e vai è una canzone scritta da pietro caporale e marco colavecchio gli arrangiamenti sono di quest'ultimo e le batterie di francesco isola
(pietro caporale)
Tu che dormi in questa notte profonda
(continua)
inviata da pietro caporale 16/8/2012 - 18:43
Video!

Veleno

[2002]
Testo e musica dei Modena City Ramblers
Lyrics and music by Modena City Ramblers
Album: "Radio Rebelde" ( 3'15")

Un gioco di doppi sensi che incrocia chi ci governa, chi pensa di decidere per tutti, chi crede che tutto abbia un prezzo, ma anche chi ci fa soffrire sentimentalmente. Cattiva e ironica, suona dei Clash e del loro mondo punk a noi caro
.
(continua)
inviata da DonQuijote82 16/8/2012 - 16:53
Video!

Τώρα ποὺ θὰ φύγεις

Scopro che nel primo paragrafo della nota d'introduzione c'è un link errato, che porta a "Sur une Nappe de Restaurant", anziché ad "Axion Estì ".
(Gian Piero Testa)

Corretto... Con tutto il rispetto per Jacques Dutronc, c'è una bella differenza! :) Lorenzo
16/8/2012 - 16:41
Video!

Infamily Day

Chanson italienne – Infamily Day – Malasuerte Fi*sud – 2010

Le nouvel album du groupe militant florentin Malasuerte Fi*sud porte comme titre un jeu de mots. Les jeux de mots sont souvent faits pour confondre les idées, mais pas dans ce cas-ci : il s'agit bien des infamies des « family days » (jours de la famille, célébrations propagandistes de la plus sainte eau) – moralisme, répression sauvage, travail « flexible » et tout le reste. L'album a été enregistré en mars 2010 au CPA Firenze Sud, et fut présenté par les Malasuerte au concert du Premier Mai à l'Espace Occupé "K100" (Camilo Cienfuegos) de Campi Bisenzio. [RV]

+++++++++


Que voilà une chanson digne de l'âne, dit Lucien l'âne en riant, secoué comme en un autobus un voyageur. Je veux dire de l'Asino, ce petit journal joyeusement anticlérical qui connut tant de succès en Italie du temps où le pays n'avait pas encore perdu toute... (continua)
JOUR D'INFAMILLE
(continua)
inviata da Marco valdo M.I. 16/8/2012 - 16:26
Video!

I Want My Crown

‎[2011]‎
Album “Pull Up Some Dust and Sit Down”‎

Qui Cooder punta l’indice contro i politici traditori (“Judas men”) che siedono al tavolo con ‎petrolieri e repubblicani e che con la loro avidità hanno spinto il paese in più di una guerra: ‎‎“Voi amate la scintillante macchina bellica, i vostri cuori battono all’impazzata, i vostri occhi ‎fissi sull’obiettivo: guerra senza fine, guadagni incalcolabili, petrolio e Dio ed il vostro sacrosanto ‎orgoglio.”
In the dark of night the secret vote was cast
(continua)
inviata da Dead End 16/8/2012 - 15:39
Downloadable! Video!

Disamistade

Disamistade in paghe è un pò un controsenso.....
starebbe a significare siamo nemici e stiamo lontani .. senza guerre.. è un mio brano...
ecco il link

FabioD 16/8/2012 - 14:54
Video!

El Corrido De Jesse James

‎[2011]‎
Album “Pull Up Some Dust and Sit Down”‎

Jesse James il celebre bandito è in paradiso e se ne sta con i suoi vecchi amici a chiacchierare nei ‎pressi del trono di Dio: “Ragazzi, mi hanno sempre considerato un bandito ed un rapinatore di ‎banche, ma io non ho mai gettato una famiglia in mezzo alla strada come fanno quei banchieri di ‎laggiù!… Per favore, Padre, ridammi la mia vecchia e fidata .44 che scendo a fare due paroline con ‎quelli là di Wall Street, che si decidano una buona volta a restituire il maltolto!”
The outlaw Jesse James was up in heaven
(continua)
inviata da Dead End 16/8/2012 - 14:53
Video!

No Banker Left Behind

‎[2011]‎
Album “Pull Up Some Dust and Sit Down”‎



‎“No one will be left behind” è uno dei motti di cui si fregia la più grande democrazia occidentale.‎
Nato forse durante le campagne militari in Europa e in Vietnam con riferimento all’assoluta ‎necessità di riportare a casa tutti i sopravvissuti, anche quelli caduti nelle mani dei nemici, la frase è ‎stata ripresa dallo stesso Obama a proposito del ritiro dai teatri di guerra in Iraq e Afghanistan…‎
Il suo predecessore George W. Bush intitolò un suo provvedimento sull’istruzione infantile “No ‎Child Left Behind Act”, questo mentre la sua amministrazione contemporaneamente smantellava la ‎scuola pubblica…‎
Cooder, in questo suo ultimo disco interamente di protesta, ironizza sul motto e ricorda che le ‎banche e i gruppi finanziari colpevoli della più grave crisi mondiale dal 1929 non solo non sono ‎stati chiamati a rispondere (salvo... (continua)
My telephone rang one evening, my buddy called for me
(continua)
inviata da Dead End 16/8/2012 - 14:41
Video!

Dead Nigga Blvd. (Pt. 1)‎

‎[2002]‎
Album “Cookie: The Anthropological Mixtape”‎
Scritta da Me'Shell ed Allen Cato

Feroce critica indirizzata a quella parte della comunità afroamericana che, secondo la NdegéOcello, ‎sembra aver dimenticato che “i neri sono gli iniziatori del mondo, coloro che hanno unito lo ‎spirito e la mente, e non quegli arroganti, eccessivi, machisti e criminali che portano collane ed ‎orologi fatti dell’oro che viene dalle miniere africane dove altri neri lavorano come schiavi” ‎‎…‎
You sell your soul
(continua)
inviata da Dead End 16/8/2012 - 13:48
Video!

Leviticus: Faggot

‎[1996]‎
Album “Peace Beyond Passion”‎


Un album incentrato su di una trilogia di canzoni che, muovendo da una lettura critica della Bibbia, ‎condannano l’inumanità dell’uomo verso i suoi simili: razzismo, sessismo, omofobia….‎
Hey faggot, better run, learn to run, 'cause daddy's home.
(continua)
inviata da Dead End 16/8/2012 - 13:22
Video!

Deuteronomy: Niggerman

‎[1996]‎
Album “Peace Beyond Passion”‎



Un album incentrato su di una trilogia di canzoni che, muovendo da una lettura critica della Bibbia, ‎condannano l’inumanità dell’uomo verso i suoi simili: razzismo, sessismo, omofobia….‎
All I ever wanted was a nigger who would be true, be good to me
(continua)
inviata da Dead End 16/8/2012 - 13:20
Video!

I'm Diggin You (Like an Old Soul Record)‎

‎[1993]‎
Album “Plantation Lullabies”‎

Una canzone in cui l’autrice confronta la “black consciousness” degli anni 60 e 70 con quella dei ‎‎90, l’attivismo - anche radicale – ma pieno d’amore e di soul di un tempo e la distruzione e l’odio ‎disperati e fine a sé stessi dei “Los Angeles Riots” del 1992…‎

Fra l’altro, Rodney King, il cui pestaggio selvaggio da parte della polizia di Los Angeles fu la ‎scintilla che fece scatenare la rivolta (più precisamente, quando i poliziotti incriminati furono ‎assolti), è morto solo qualche settimana fa all’età di 47 anni e ancora non si sa nemmeno bene cosa ‎l’abbia ucciso…‎
Just sit back and. Relax.
(continua)
inviata da Dead End 16/8/2012 - 12:00
Downloadable! Video!

Briganti

[2010]
Testo e Musica di Matteo Vitagliano "P-Eight"
Album: Resistenza Sonora [2011]
Con citazione di Brigante se more
Ammu purtatu chitarre e tamburi
(continua)
inviata da giorgio 16/8/2012 - 09:25
Video!

Cause

Album: "Coming from Reality" (1971)

Non capisco praticamente niente d'inglese, ma mi sembra che in questa canzone ci sia un riferimento contro la guerra:
"And give a medal to replace the son of Mrs. Annie Johnson"

il testo è preso da qui.

Ho letto su "Repubblica" di oggi un articolo su questo cantante, per me finora totalmente sconosciuto, benché appartenga alla mia generazione
Cause I lost my job two weeks before Christmas
(continua)
inviata da Silva 15/8/2012 - 17:40
Video!

Die Ballade vom Baum und den Ästen

Chanson allemande - Die Ballade vom Baum und den Ästen – Bertolt Brecht – 1931
Paroles de Bertolt Brecht
Musique de Hans Eisler

Marco Valdo M.I. mon ami, voilà une chanson qui irait bien dans tes Histoires d'Allemagne, tant elle fait écho à celle que tu avais consacrée à la même année 1931 et qui s'intitulait : Nous Voilà ! Nous voilà !. Avec ce refrain :

« Allemagne, Führer, nous voilà !
Tous ensemble, tous ensemble, Ja ! Ja ! »

Et j'en ferais volontiers l'exergue de la chanson de Brecht...
Et, d'ailleurs, je le fais.

En effet, Lucien l'âne mon ami, cette chanson que j'avais écrite, en suivant les pas de Günter Grass, fait écho à celle de Brecht mais il n'y a rien là d'étonnant... Brecht, Grass et moi, on parle du même événement... Enfin, moi... grâce au kaléidoscope magique de Günter Grass... Cependant, mon ami Lucien l'âne, tu me fais bien trop d'honneur à me mettre sur le même pied... (continua)
BALLADE DE L'ARBRE ET DES BRANCHES
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 15/8/2012 - 15:07
Downloadable!

Lettera al Ministro

[1877/2002]
Nell’album «Lettres d'amour et de haine» del 2002.

Si tratta di una suprema sintesi in forma di canzone della lunga lettera che Andrea Costa, uno dei padri del socialismo italiano, inviò nel 1877, uscendo dal carcere, a Giovanni Nicòtera, allora ministro dell’interno in uno dei tanti governi di Depretis, che nel 1874 aveva duramente represso un’insurrezione di internazionalisti anarchici, fra i quali lo stesso Costa, Anna Kuliscioff (che di Costa fu compagna) e Michail Bakunin.
Seguite la vostra strada onorevole ministro
(continua)
inviata da Dead End 15/8/2012 - 14:36




hosted by inventati.org