Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2011-12-26

Rimuovi tutti i filtri
Video!

E io ero Sandokan

fantastica!
26/12/2011 - 23:55
Video!

Hildebrandslied

anonimo
Qui c'è un'altra canzone solo ispirata alla guerra epica tra "father and son" Link
26/12/2011 - 22:04
Video!

Les Spermatozoïdes

Les Spermatozoïdes

Chanson française – Les Spermatozoïdes – Ricet Barrier – 1987
Paroles et musique : Ricet Barrier – Bernard Lelou



Ben voyons, Marco Valdo M.I., mon ami, si je m'attendais à ce que tu me proposes une chanson sur les spermatozoïdes... J'aurais compris une chanson sur les rats, les lions, les éléphants, les kangourous, les fourmis, les araignées, les mouches, les poissons, les baleines, les orques, les hiboux, les hirondelles, les aigles, les militaires même... mais les spermatozoïdes... Te serais- tu armé d'un microscope et lancé dans l'exploration microbiologique ? En somme, que viennent faire ces spermatozoïdes dans les Chansons contre la Guerre ?

Pour répondre à ta question, mon ami Lucien l'âne, cette chanson illustre de la façon la plus péremptoire qui soit le fait que la guerre – du moins celle qu'elle décrit entre les spermatozoïdes – durera autant que les espèces... (continua)
Nous sommes trois cents millions, massés derrière la porte
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 26/12/2011 - 22:04
Downloadable!

Στον πόλεμο βγαίν' ου Ιταλός

Ho scoperto perché mai in questa canzone sia usata la lingua karangounika. Premesso che i Karangounides sono un ramo dei Vlahi, contadini e pastori della Tessaglia, che usavano portare pellicce di montone nero (Kara=nero; gouna= pelliccia: entrambe parole turche), Sofia Vembo aveva appreso una canzone tessala dalla madre e successivamente l'aveva adattata, con la pretesa di metterla nel suo repertorio, come in effetti fece nonostante il disgusto dei suoi musicisti per un canto dialettale di contadinacci tra i più disprezzati. La canzone si intitolava "Στ΄ Λάρισς΄ βγαίν΄ ο αυγερινός" (Esce la stella dell'alba sopra Larissa) ascoltabile qui nella interpretazione di Rozita Serrano. La canzone ebbe un successo imprevedibile, nonostante la strana lingua in cui la Vembo la cantava. Sopraggiunta la guerra, fu facile adattarla alla nuova situazione, e servì egregiamente a mostrare l'avversione anche di questi Greci emarginati per l'Italiano invasore. Interessante questo sviluppo per cui un canto locale diventò patrimonio nazionale.
Gian Piero Testa 26/12/2011 - 21:41
Downloadable! Video!

La riva bianca, la riva nera

la cantava anche a me mia madre, che aveva perduto suo padre in quella immane tragedia che fu seconda guerra mondiale, quando ero bambino e identificavo mio nonno, che non ho mai conosciuto, nel capitano della canzone. Ancora oggi mi commuovo nell'ascoltarla.
Francesco 26/12/2011 - 15:30
Downloadable! Video!

Ákall

Lag: Ralph Siegel
Texti: Jónbjörg Eyjólfsdóttir
Söngur: Friðjón Ingi Jóhannsson
Raddir: Aðalheiður Borgþórsdóttir
Gítar: Árni Jóhann Óðinsson
Útsetning og annar hljóðfæraleikur: Einar Bragi Bragason
Album: Austfirskir Staksteinar (1996)

Canzone di Ralph Siegel
Testo islandese: Jónbjörg Eyjólfsdóttir
Canto: Friðjón Ingi Jóhannsson
Voci: Aðalheiður Borgþórsdóttir
Chitarra: Árni Jóhann Óðinsson
Arrangiamento e altri effetti sonori: Einar Bragi Bragason
Album: Austfirskir Staksteinar (1996)


"Þetta gamla Eurovision friðarlag er hér latið fylgja með en það var áður gefið út á 'Fjörðurinn okkar' árið 2000. Þessi texti Jónbjargar Eyjólfsdóttur frá Borgarfirði eystra er orðinn vel þekktur um allt land m.a. verið sunginn af kórum og fleiri aðilum."

"Questa che segue è una vecchia canzone pacifista dell'Eurofestival, pubblicata precedentemente in 'Fjörðurinn okkar' ('Il nostro fiordo')... (continua)
Vinur minn hvar sem í heiminum er
(continua)
inviata da Ríkarður V. Albertsson 26/12/2011 - 15:02
Downloadable!

Ψωμí

Psomí
Στίχοι: Γιώργος Οικονομίδης
Μουσική: Ramos
Πρώτη εκτέλεση: Πάνος Τζαβέλλας
'Αλμπουμ: Τα τραγούδια της κατοχής - 1980

Testo di Yorgos Ikonomidis
Musica di Ramos
Primo interprete: Panos Tzavellas
Album: Τα τραγούδια της κατοχἠς
("Le canzoni dell'occupazione") - 1980



ΤΑ ΤΡΑΓΟΥΔΙΑ ΤΗΣ ΚΑΤΟΧΗΣ
CANZONI DELL'OCCUPAZIONE



"Cominciamo a conoscere Panos Tzavellas", aveva detto Gian Piero Testa nella sua introduzione a Ο κυρ-Παντελής. Adesso cominciamo invece a addentrarci in un suo album fondamentale, quelle Τραγούδια της κατοχής ("Canzoni dell'occupazione") che provengono da uno che l'occupazione (e la susseguente guerra civile) la visse sulla sua pelle. E non è un modo di dire nel caso di Panos Tzavellas: tre condanne a morte, una gamba persa in combattimento. Panos Tzavellas è, in Grecia, il cantore della Resistenza. Non a caso, dato che il suo cognome contiene la parola Ελλάς... (continua)
Βρες αν μπορείς
(continua)
inviata da Ρικάρντος Βεντούρης 26/12/2011 - 11:29
Video!

Piero Ciampi: Il Natale è il 24

Canzone stupenda, veramente potente !
Filippo 26/12/2011 - 10:51
Downloadable! Video!

Moral Crusade

[1987]
Album: Scum
A superiority complex
(continua)
inviata da giorgio 26/12/2011 - 10:02
Video!

Réquiem para San Pocho de Ludueña

[2008]

Album "Aliento a Mate Amargo"

"Réquiem para San Pocho de Ludueña" es el mejor homenaje que pudimos hacerle a Claudio Lepratti, que es Testimonio de entrega y trabajo por y con las que más y excluidos del sistema."
Pocho adonde vas
(continua)
inviata da adriana 26/12/2011 - 09:52
Downloadable!

For God and Country

[2004]
Lyrics by Graham Henderson
Music by Claudio Barberi
Album: Vocals

Another song coming out of the collaboration between me and Graham Henderson, his are the lyrics while I did music and singing...the bass is a totally live played track and same for the skankin' guitar...enjoy and... think !!!

(This song is born again by the great writing skills of Graham, who wrote those lyrics inspired by my track "In the name of God"...
This is clearly an anti-war song...War has no meanings, no reason, nothing can be settled with it.. War has no winners, there can be only losers, suffering hate and degradation of human beings and nature...war brings out all the worst in human nature, all the Babylon that lays in mankind as single individuals and as a whole... )
(Religion Wars)
(continua)
inviata da giorgio 26/12/2011 - 09:50

[Dei fatti ch'io vi narro ricordate]

Veramente e' via "di sotto" a lastra a signa 2,5 km da porto di mezzo.

Ringraziamo per la preziosa indicazione toponomastica e provvederemo quanto prima ad inserire una corretta immagine del Porto di Mezzo. Purtroppo quando la abbiamo inserita, della ridente località non v'era traccia su Google; speriamo di poterla reperire anche per ricordare Leoncarlo Settimelli, recentemente scomparso. [CCG/AWS Staff]
25/12/2011 - 20:48
Video!

Gimme Shelter

Ogni volta che ascolto questa canzone (e lo faccio spesso) mi commuovo. Si annovera come già è stato detto tra quelle "immortali"
Alberto 25/12/2011 - 17:57
Downloadable! Video!

Polluted Minds

[1987]
Lyrics & Music by Justin Broadrick
Album: Scum
They not only pollute the air
(continua)
inviata da giorgio 25/12/2011 - 11:34
Downloadable!

Peace in Our Time

[2006]
Lyrics & Music by Lee Stewart

Inspired by Neil Young's Living With War Today Web Page
What would it take
(continua)
inviata da giorgio 25/12/2011 - 09:52
Video!

Happy Xmas (War is Over)

War is over if YOU want it...in Iraq.
Daniel 25/12/2011 - 09:34
Downloadable!

Onward Righteous Soldier - Da Killah Riddim

[2004]
Lyrics by Graham Henderson
Music by Claudio Barberi

"Another song with lyrics by Graham Henderson telling us about the sadness, wrongs and contradictions of wars..."

"Again the lyrics fitted with my Da Killah Riddim and I liked the fact that people could listen to a conscious message while dancing..."
Onward righteous soldier
(continua)
inviata da giorgio 24/12/2011 - 19:45
Downloadable!

Healing the Nations

[2005]
Lyrics & Music by Claudio Barberi
Album: Vocals

Song about global capitalism-imperialism and the need to overthrow it..
"Just the need for Justice inna dis world.."
No time
(continua)
inviata da giorgio 24/12/2011 - 18:22
Video!

Instinct of Survival

[1987]
Lyrics & Music by Nicholas Bullen and Justin Broadrick
Album: Scum
Advertise the product you make
(continua)
inviata da giorgio 24/12/2011 - 16:53
Video!

Multinational Corporations

[1987]
Lyrics & Music by Nicholas Bullen
Album: Scum

Scum is the first album by the English grindcore band Napalm Death, released in 1987 through Earache Records.
The Side A of the Scum album was originally recorded for £50.00 at Rich Bitch studio (Birmingham, England) in August 1986: it was intended to form part of a split release with the English crossover thrash band Atavistic on Manic Ears (Bristol, England). After an extensive line-up change, the second half of Scum was recorded in May 1987 at Rich Bitch studio. The album was released as a single album through Earache in July 1987. Notably, only drummer Mick Harris played on both sides of the album..
Multinational corporations
(continua)
inviata da giorgio 24/12/2011 - 15:42
Video!

Dove l'aria è polvere

ma il testo che l' ha scritto? E' della pausini o lei si limita a cantarla?
Perchè è l' unica canzone della pausini ad avere un senso profondo!
hjj 24/12/2011 - 04:42
Downloadable!

Rote Melodie

Chanson allemande – Rote Melodie – Kurt Tucholsky – 1922
Première interprète : Rosa Valetti
Musique de Friedrich Hollander

Rosa Valetti était une actrice de cinéma et de cabaret et une chanteuse. Fondatrice du célèbre « Cabaret Grössenwahn » (Grands délires ?) au café de l'Ouest à Berlin ; elle fut l'interprète de la première mise en scène de L'Opéra de Quatre Sous de Bertolt Brecht et elle tînt un rôle important dans plusieurs films fameux de cette époque, de « L'ANGE BLEU » à « M, LE MAUDIT ». Kurt Tucholsky écrivit spécialement pour elle cette « MÉLODIE ROUGE » que Valetti présentait souvent dans ses performances théâtrales.

Kurt Tucholsky, l'auteur du texte de cette chanson, était un écrivain, poète, journaliste et un des plus importants auteurs satiriques allemands. Né en 1890 dans une famille juive d'origine polonaise, Tucholsky dès sa jeunesse composa des textes satiriques régulièrement... (continua)
MÉLODIE ROUGHE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 23/12/2011 - 22:22
Downloadable! Video!

Figli di Chernobyl

[2011]
Album :Daparte In Folk

Insieme a Danilo Sacco
Io per te, ci sarò
(continua)
inviata da DonQuijote82 23/12/2011 - 21:23
Video!

Smiley

‎[1969]‎

Questo è uno strano caso di canzone con un’apparente doppia paternità.‎
Stando ad alcuni siti, tra cui en.wikipedia, “Smiley” fu scritta nel 1969 da Ronnie Burns e Johnny ‎Young, altro famoso artista australiano. I due furono ispirati dalla storia di un loro amico, tal ‎Normie Rowe, anch’egli cantante, che era stato spedito a combattere in Vietnam e ne era tornato ‎talmente malconcio da dover interrompere la propria carriera artistica.‎
Invece, sul sito Hard To ‎Find Songs la stessa canzone viene attribuita al cantautore neozelandese Craig Scott che l’avrebbe ‎composta nel 1971 “regalandola” poi a Burns.‎
Siccome la prima tesi mi è sembrata più convincente e confortata da riscontri, ho deciso di attribuire ‎‎“Smiley” a Ronnie Burns, che oltre tutto è un campione di taekwondo e non vorrei che s’incazzasse ‎con me…
Smiley, your out in the world today
(continua)
inviata da Bartleby 23/12/2011 - 14:36
Video!

The Work Is Done

‎[1971]‎
Dall’album “Operation” (Attenzione! Copertina raccapricciante!), il secondo per questa - ancora ‎viva e vegeta - “krautrock” band.‎

The work is done, the work is done
(continua)
inviata da Bartleby 23/12/2011 - 13:48
Video!

Little Johnny From Down the Street

‎[1970]
Canzone che dà il titolo all’album di quell’anno, verso la fine della carriera di questo duo country.‎



E sotto la melodia rassicurante e patriottica del country c’è invece un testo tristissimo che racconta ‎di un ragazzino, tormento e gioia di una piccola comunità, che la guerra in Vietnam ha strappato ‎all’affetto di tutti, anche della piccola Janie – la stessa Janie cui il monello era solito fare terribili ‎dispetti – vedova dell’amore del piccolo Johnny ancor prima di diventarne la sposa…‎
Una canzone sull’inutile sacrificio di quasi 60.000 giovani e giovanissimi americani in una terribile ‎guerra che fu utile solo ad arricchire e rafforzare il Potere politico-militare-industriale statunitense.‎
Who threw a brick through my front glass?‎
(continua)
inviata da Bartleby 23/12/2011 - 13:01
Video!

Well Come Back Home

‎[1970]‎
Da “(Untitled)”, nono album de The Byrds.‎
Scritta da Skip Battin.‎



Una canzone sul ritorno di un soldato dal Vietnam e sull’imbarazzo, suo e di chi lo accoglie, nel ‎riuscire a parlare, a raccontare l’orrore della guerra… “Se vuoi parlarne, fallo con me. Avrò paura ‎ad ascoltare e tu avrai paura a raccontare ma, per favore, non raccontare nulla a mamma e papà…”‎

‎“Sono stato toccato di persona dalla situazione in Vietnam, e ciò che provavo l’ho trasfuso in questa ‎canzone. Avevo un amico, un compagno di liceo che è morto laggiù e credo che all’epoca il mio ‎pensiero andasse proprio a lui” (Skip Battin, in “The Byrds: Timeless Flight Revisited”, di Johnny ‎Rogan, 1998)‎

La lunghissima suite (il brano più lungo nella produzione de The Byrds) si conclude con Skip ‎Battin che recita il mantra buddista di scuola sino-giapponese 南無妙法蓮華経, Nam myōhō renge ‎kyō.‎
Well come back home, ‎
(continua)
inviata da Bartleby 23/12/2011 - 11:59
Video!

Troppi lavori del cazzo

Version française - TROP DE BOULOTS À LA CON – Marco Valdo M.I. – 2011
Chanson italienne – Troppi lavori del cazzo – Fucktotum – 2002

Quel titre et quelle chanson et juste avec ça... Ce qu'elle raconte, c'est vraiment le destin des pauvres dans la Guerre de Cent Mille Ans que les riches mènent constamment contre le pauvres pour étendre leurs empires, renforcer leurs pouvoirs, accroître leurs profits et toujours mieux exploiter les gens... Elle rappelle d'ailleurs une de tes chansonchômes wallonnes d'expression française... Y a plein de chômeurs en Wallonie et ce passage :

« Y a pas d'emplois en Wallonie
Que des petits boulots, que de la tonte de gazon
Rien que de l'intérim et des trucs à la con. »

Et malgré tout ce que les riches et leurs supporters racontent, malgré les fables gouvernementales, les élucubrations erratiques des économistes, les cornichonneries libérales... Pour les pauvres,... (continua)
TROP DE BOULOTS À LA CON
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 23/12/2011 - 10:27
Video!

Ballad for a Soldier

‎[1971]‎
Dall’album “Asylum Choir II”‎
Scritta da Leon Russell ‎
Musica di Leon Russell e Marc Benno ‎



‎Canzone dedicata al tenente William “Rusty” Calley della Compagnia C ‎dell'Undicesima Brigata di fanteria leggera dell’esercito degli Stati Uniti d’America, responsabile ‎diretto (ma anche capro espiatorio, che nessuno dei suoi superiori fu mai neppure inchiestato come ‎mandante ed ispiratore) del massacro di My Lai (Sơn Mỹ), Sud Vietnam, quando il 16 marzo 1968 ‎l’unità in missione “search & destroy” da lui comandata seviziò, torturò, stuprò, mutilò ed uccise tra ‎i 300 e i 500 civili vietnamiti inermi, in maggioranza donne e bambini.‎

William Calley fu in un primo tempo condannato all’ergastolo ma poi di fatto fu perdonato da ‎Nixon nel 1974. E c’è da dire che, purtroppo – anche a giudicare dal numero di canzoni in sua ‎difesa o addirittura apologetiche – la stragrande maggioranza... (continua)
When I was just a young boy
(continua)
inviata da Bartleby 23/12/2011 - 10:07
Video!

Coming Together

‎[16 maggio 1970]‎
Parole di Sam Melville
Musica del compositore minimalista e pianista ‎‎Frederic Rzewski scritta nel 1972.‎


Nato Grossman nel 1934 in un sobborgo di New York, in una famiglia disastrata dove dominavano ‎alcool, violenza ed abusi, Sam se ne andò molto presto per conto proprio, scegliendosi il cognome ‎di Melville in onore del suo scrittore preferito. Si guadagnò da vivere con mestieri umili, come il ‎raccatta-birilli nelle sale da bowling, ma poi riprese gli studi e divenne un disegnatore tecnico. ‎Amava la sua professione, ma quando la ditta dove lavorava gli affidò i disegni degli uffici che la ‎Chase Manhattan Bank voleva aprire nel Sudafrica dell’apartheid, Sam Melville si rifiutò e venne ‎licenziato. E’ in quel periodo che si avvicinò ai gruppi della sinistra pacifista e radicale ed è in ‎quell’ambito che Sam Melville maturò la convinzione che bisognava combattere... (continua)
I think ‎
(continua)
inviata da Bartleby 22/12/2011 - 15:45
Video!

Remember Rockefeller at Attica

‎[1974]‎
Brano strumentale da “Changes One”‎

Come Attica Blues, Attica State e The Hostage, un brano scritto dopo il tragico epilogo di una rivolta nel ‎‎penitenziario di Attica, New York, avvenuta nel settembre del 1971.

L'effetto più immediato dell'omicidio di George Jackson fu la rivolta della prigione di Attica, nel settembre 1971: la ribellione nasceva da una lunga storia di torti profondi, ma la situazione era giunta al punto di rottura quando giunse la notizia della morte di Jackson.

Il carcere di Attica era circondato da un muro alto una decina di metri con uno spessore di oltre mezzo metro e quattordici torrette. I detenuti erano per il 54 percento neri; tutti gli agenti di custodia erano bianchi. I prigionieri passavano da quattordici a sedici ore al giorno in cella, la loro corrispondenza veniva letta, erano imposte restrizioni alle loro letture, le visite dei parenti si svolgevano... (continua)
‎[Strumentale]‎
inviata da Bartleby 22/12/2011 - 14:36
Video!

The Hostage

‎[1971?]‎
Testo e musica di Tom Paxton.‎
Non credo che Paxton l’abbia mai incisa.‎
Venne interpretata invece da Judy Collins nel suo album del 1973 intitolato “True Stories ‎and Other Dreams”.‎

Come Attica Blues e Attica State, un brano scritto dopo il tragico epilogo di una rivolta nel ‎penitenziario ‎di Attica, New York, avvenuta nel settembre del 1971. A scatenare la rivolta fu – ‎insieme alle ‎pessime condizioni carcerarie e alla ferocia dei secondini – l’assassinio del leader delle ‎Black ‎Panthers George Jackson avvenuto qulche tempo prima nella prigione californiana di San Quentin. ‎L’allora ‎governatore Nelson Rockefeller (già, uno della celebre famiglia di nababbi) fece finta di ‎voler ‎trattare ma poi ordinò alla polizia di intervenire per ripristinare l’ordine. I reparti ‎antisommossa, ‎entrati nel perimetro del carcere, lanciarono un gran numero di lacrimogeni e poi si ‎misero... (continua)
I'm a guard in grey iron prison
(continua)
inviata da Bartleby 22/12/2011 - 14:28
Video!

‎200 mètres (Mexico 68)‎

‎[1969]‎
Da “Récital n°6”‎
Parole e musica di Jean-Max Brua.

Le olimpiadi di Città del Messico del 1968 furono quelle della sanguinosa repressione del ‎movimento studentesco nella Plaza ‎de las Tres Culturas (tra i 150 e i 300 morti)…‎

‎… ma anche quelle dei pugni guantati di nero dei primatisti afro-americani Tommie Smith e John ‎Carlos…‎
Ils sont huit sur la ligne de départ
(continua)
inviata da Bartleby 22/12/2011 - 13:22
Video!

Anche lo Stato

Chanson italienne - « Anche lo Stato è un ottimo alleato » - Collettivo del contropotere – 1976

En effet, dit Lucien l'âne. L'État est un allié fort utile... Mais pour qui ? Ce que je constate, moi qui ne suis qu'un âne, je vais te le dire... L'État est au service, pour ne pas dire à la botte, des riches et des vrais puissants... Il n'est, d'une certaine façon, qu'une entreprise de domestication des humains au profit des puissances d'argent. Mais que raconte la canzone ?

Mais tout simplement, mon ami Lucien l'âne, cette canzone décrit un épisode de la Guerre de Cent Mille Ans que les riches font aux pauvres pour mieux les exploiter, pour les dominer, pour les domestiquer, afin de continuer indéfiniment à accroître leurs profits, à augmenter leur main-mise sur le monde … C'est ce qu'on nomme la « croissance »... C'est le sens profond de son mécanisme à cette manipulatrice, c'est là le moteur... (continua)
L'ÉTAT AUSSI EST UN ALLIÉ FORT UTILE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 22/12/2011 - 12:06
Video!

José Campos Torres‎

‎[1978]‎
Dall’album “The Mind of Gil Scott-Heron”.‎



Dopo H2OGaTe Blues‎ e We Beg Your Pardon (Pardon Our Analysis)‎, lo sguardo di Scott-Heron si sposta dall’“universale” del Watergate al ‎‎“particolare” di una vicenda che scosse l’America nel 1977 e 1978.‎



José “Joe” Campos Torres era un ventitreenne di origine messicana, veterano della guerra in ‎Vietnam.‎
Nel maggio del 1977 fu arrestato a Houston per aver fatto casino in un bar. Sei poliziotti bianchi lo ‎pestarono selvaggiamente e quando si accorsero di averlo ridotto in fin di vita, anziché portarlo in ‎ospedale, lo affogarono nel Buffalo Bayou, un corso d’acqua che attraversa la città texana.‎
Il corpo martoriato di Joe Campos Torres fu ritrovato due giorni dopo.‎
Erano i tempi in cui i militanti del Ku Kux Klan si facevano fotografare seduti sulle auto della ‎polizia di Houston e i loro reclutatori venivano ospitati nei... (continua)
I had said I wasn't going to write no more poems like this
(continua)
inviata da Bartleby 22/12/2011 - 12:06




hosted by inventati.org