Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2010-8-3

Rimuovi tutti i filtri
Video!

La mia parte

Album: Libertaria

Testo: Maurizio Maggiani e Marco Rovelli
Musica: Marco Rovelli

La mia parte è ispirata a situazioni e personaggi del romanzo Il coraggio del pettirosso di Maurizio Maggiani, e il testo della canzone è stato “congedato” insieme all'autore del romanzo. La comunità a venire è una comunità fatta di singolarità, ognuna delle quali vuole “la mia parte di Dio, la mia parte di anarchia”.
“L'anarchia an se po' dir”, diceva un cavatore, echeggiando inconsapevolmente Cusano e i mistici della teologia negativa. Non si può dire l'anarchia, come non si può dire l'amore. (L'anarchia e l'amore. O l'anarchia è l'amore?). Sono cose che si fanno, e poi si tentano confusamente di raccontare. O, ancora meglio, di cantare.
La mia parte, ovvero il corpo amante. Anarchico e amante.
Nel giardino dei mirti un etiope parlava
(continua)
inviata da adriana 3/8/2010 - 15:38
2 agosto 1980, 2 agosto 2010. Il nome di Maria Fresu continua a scoppiare, forse, in ciò che rimane della coscienza civile di questo paese.
Riccardo Venturi 3/8/2010 - 00:04

La Ballade de Miguel

Voici une canzone, una vera lamentazione, un attitu... comme on en fait en Sardaigne pour les morts... Afin qu'ils restent - au moins - dans la mémoire. On le verra dans la canzone, Miguel était un syndicaliste militant, un parmi les autres. Celui que la Camarde (elle s'écrit presque comme une camarade...) est venue chercher l'autre jour... Miguel était - et il le proclamait bien haut et bien souvent - un anar. On ne sait si, pour le monde c'est une gloire, mais pour nous, c'est un honneur.
Un ami part toujours trop tôt
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 2/8/2010 - 23:48
Downloadable! Video!

La pistola

Version française – LE PISTOLET – Marco Valdo M.I. – 2010
Chanson italienne – La Pistola – Giorgio Gaber – 1978
LE PISTOLET
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 2/8/2010 - 22:22

Forse da qualche parte...

Ormai è fatta
liberamente ispirato dall'omonimo racconto autobiografico di Horst Fantazzini.

www.myspace.com/ilcst
www.myspace.com/imagealiveordead
adriana 2/8/2010 - 14:46
Downloadable! Video!

Tu che hai sbagliato tutto

[1975]
Album “Del carcere”

Testo trovato qui

Una canzone che fa il paio con Dalle capre di Claudio Lolli.
Tu che hai sbagliato tutto
(continua)
inviata da The Lone Ranger 2/8/2010 - 10:59
Downloadable! Video!

Fan fan

[1975]
Album “I cavalli di Troia”



Storia del fallito golpe del 7/8 dicembre 1970 (noto anche come “golpe dei forestali”, perché vi prese parte anche un drappello della guardia forestale) ordito dall’estrema destra e dal suo “principe nero”, il già comandante della X Mas nazifascista durante la seconda guerra mondiale, principe Junio Valerio Borghese.
Il tentativo di colpo di Stato fu appoggiato dai vertici militari, dalla P2 di Licio Gelli, dalla mafia, dai servizi segreti italiani e, almeno all’inizio, dalla CIA. Poi gli americani, che volevano un uomo di garanzia a capo del governo golpista, ritirarono l’appoggio perché – pare – non riuscirono ad ottenere la disponibilità di Andreotti.
E’ senz’altro una delle pagine più oscure e misteriose della storia d’Italia. Basti pensare che nel golpe fu coinvolta la più alta carica dei nostri servizi segreti, il generale Vito Miceli, ma su... (continua)
Amo le piante la natura
(continua)
inviata da The Lone Ranger 2/8/2010 - 09:19
Downloadable! Video!

Padroni

Una vita di lavoro, senza soddisfazioni
(continua)
1/8/2010 - 21:38
Downloadable!

Winds Of Change

[1986]
Lyrics & Music by Rob Lincoln.

"Winds of Change" is a song about right wing governments who hide behind the word 'freedom'.. It's one of my angriest political songs without any humor at all, but that needs some rewriting (the song also has at least two lines that can use replacing. I've put them in parentheses in the lyrics. If you have better lines, please by all means send them along. While the political references are old, the same old stuff is still going on).
I now find that is not the most artistic way of approaching song writing but it can sometimes work. Whether it works here, you be the judge.
I'm posting an old recording from around the time I wrote the song. Lessick & Lincoln did some nice harmonies on this one when we first started out in 1989. This is a scratchy solo tape from 1986. I always thought I wanted to do a flamenco version of this, but I have lost... (continua)
You have many names,
(continua)
inviata da giorgio 1/8/2010 - 12:29
Video!

Rosanera

"Solo chi spara a una chitarra non ha diritto a una canzone..."
adriana 1/8/2010 - 10:29
Downloadable!

Freedom

[1991]
Lyrics & Music by Rob Lincoln

This one is a true story based on an article I read about a homeless veteran named Jessie Carpenter, who died of exposure just across from the White House in 1990 somewhere around Christmas time... Only played this song one time in public.

Some comments included: "A fine angry, gritty song stripped bare.. I could imagine a little seething electric guitar intermittent or perhaps a dirty harmonica" "Not sure how I feel about this one...Spent a year in Nam myself and lost my best friend during the war in Plieku province. One thing the war taught me was... try your best to keep your children and their children out of it....Both of my children have been spared that in life so far...Who knows what the future will bring...All I know is I didn't have a choice...it was go or go to jail. I got very lucky and was assigned to a very safe base camp in Chu Lai...Well... (continua)
My name is Jesse Carpenter and I fought for freedom
(continua)
inviata da giorgio 1/8/2010 - 10:16
Downloadable! Video!

Proud

[1992]
Lyrics & Music by Rob Lincoln

"Proud" was inspired after hearing two different widows of Persian Gulf War soldiers give nearly the same interview. It is sadly still relevent today. For those of you familiar with the version on the Lessick & Lincoln CD, this version may surprise you. (Steve Lessick contributed a line or two on this one)

Comments included: "Great anti-war song-maybe even more relevant today." "I checked out Proud. A very sad event in a widow's life. Most people don't know what to say and it's easier to not say anything. I would hate to be the lady, parents or the kids. No dad coming home.

"I caught the emotion sarcasm - keep a stiff upper lip, be proud. What he did for his country and king is to be commended, but I still cry at the needless, senseless loss of life and at the pain of a wife and child not having the man in their life anymore".
She's got the letter now,
(continua)
inviata da giorgio 1/8/2010 - 09:51
Downloadable!

Born to Follow

[2004]
Lyrics & Music by Rob Lincoln

Written during the height of the Iraq War. How many US soldiers have died since then?
I wonder how many Iraqi civilians died as a result of this war of choice. Do you?
Charlie was a soldier
(continua)
inviata da giorgio 1/8/2010 - 09:06
Downloadable! Video!

Proud Soldiers

[2010]
Songwriters: Pamme, John Vanselow, Joe Caruso

"I will never forget that night for as long as I live. I had fallen asleep in front of the TV only to awaken to the harsh and grim reality of war. There before me was the war torn and courageous face of Lt. Jeffrey N. Zaun. Having been too young to appreciate the Vietnam War, I was forced to confront unfamiliar emotions. The images of helplessly brutalized POW's haunted me. As their eyes cried out to embrace their country, I knew in my heart their terror had just begun.
I then realized that through music, I could find the solace I was so desperately in search of. What follows was a labor of love; a reaching out to the soldiers and their families in an attempt to offer comfort in these trying times of sacrifice. With the help of friends and producer Jimmy Hotz, what began in a moment of inspiration has now become a song of hope, in the... (continua)
Shot down from grace,
(continua)
inviata da giorgio 1/8/2010 - 08:53
Downloadable!

Union Makes Strong

[2010]
Lyrics & Music by David Rovics
Album: Ten New Songs

"I was just fiddling around on the guitar one day and this is what came out. I was thinking of stories Bob and Jo Steck used to tell about the 1930's in their respective homes – Bob in Iowa and Jo in New York City. I suppose this song represents the most fundamental message I and others like me are trying to communicate – in union we can achieve anything".
Back in the Depression - farmers held the line
(continua)
inviata da giorgio 1/8/2010 - 08:47
Downloadable! Video!

Little Drummer Boy

[2000]
Lyrics & Music by Rob Lincoln

"This spooky song -about a drummer boy fighting for the Union- came to me in less than 5 minutes and was never played again – until now".
On a sun streaked day
(continua)
inviata da giorgio 1/8/2010 - 08:43

M'affaccio alla finestra

anonimo
Canzone risalente alla prima guerra mondiale. Testo raccolto nel 1976 da Corrado Lampe e Pietro Lolletti a Lanuvio (Castelli Romani, Provincia di Roma). Veniva cantato dalle braccianti del luogo nel primo dopoguerra.
M'affaccio alla finestra
(continua)
inviata da Corrado Lampe 31/7/2010 - 22:34

Canto della rivolta dei bersaglieri di Ancona

anonimo
In merito alla rivolta dei Bersaglieri nel testo della canzone si trova solo un accenno. La canzone è di Spartacus Picenus (Raffaele Offidani) e tratta chiaramente dell'aggressione alla Grecia dell'ottobre 1940. Non si spiegherebbe altrimenti l'esortazione ad andarsene dall'Albania, la quale nel 1920 non era stata più occupata dall'esercito italiano.
La canzone, conosciuta fino alla fine della seconda guerra mondiale solo tra soldati membri o in contatto con il PCI, divenne popolare nell'immediato dopoguerra attraverso le feste dell'Unità, la cui colonna sonora era solitamente dominata dalle canzoni di Spartacus Picenus.
In effetti la melodia usata è quella di "Partono i bastimenti..."
Corrado Lampe 31/7/2010 - 15:22
Downloadable! Video!

Alice's Restaurant Massacree

Alice's Restrurant is translated into Danish and sung by Per Juul, 1969. Triola TDL 219. In 1981 Juul made a new and much better recording of the song: Per Juul i live i Alice's Restaurent on EMI.
Holger Terp 31/7/2010 - 14:00
Downloadable! Video!

Livorno popolare

[2004]
Album: Aumenta La Rabbia
La Livorno che conosciamo sta cambiando
(continua)
inviata da giorgio 31/7/2010 - 09:20
Downloadable! Video!

Spezza le catene

[2004]
Album: Aumenta La Rabbia
Da ogni parte dello stivale
(continua)
inviata da giorgio 31/7/2010 - 08:32
Downloadable! Video!

The Night Chicago Died

(1974)
Daddy was a cop
(continua)
inviata da Beavis 31/7/2010 - 04:03
Downloadable! Video!

Twilight Zone

Album: Cut - 1982
Somewhere early morning in hotel room
(continua)
inviata da Beavis 31/7/2010 - 01:40
Video!

Manhattan

Shakey Davey's got a twelve gauge in his hand
(continua)
inviata da Anonymous 30/7/2010 - 23:11
Video!

Pocahontas

POCAHONTAS
(continua)
inviata da Francesco Costa 30/7/2010 - 18:24
Video!

America The Beautiful

AMERICA, LA BELLA
(continua)
inviata da Francesco Costa 30/7/2010 - 17:56
Video!

Mea culpa

Album: Libertaria


Dal libretto dell'album
Céline, nel suo pamphlet Mea culpa, scritto nel 1936 di ritorno dalla Russia dov'era andato a riscuotere i diritti d'autore del Viaggio al termine della notte (il romanzo di Bardamu), gridava con rabbia come in quel paese l'uomo fosse asservito al lavoro,fosse diventato mera appendice della macchina produttiva, né più né meno che in Occidente. Da quel momento, il “Bardamu” in carne e ossa si diede alla sua deriva delirante, carica d'odio per l'umanità.
Due anni prima Henry Miller aveva scritto nel Tropico del capricorno: "Il lato buffo di tutti questi sistemi di governo utopistici è che continuano a promettere di liberare l'uomo… ma anzitutto cercano di farlo funzionare come un orologio caricato per otto giorni. Chiedono all'individuo di diventare schiavo per rendere possibile la libertà del genere umano. E' una strana logica. Non dico che il... (continua)
Giù la testa
(continua)
inviata da adriana 30/7/2010 - 13:48
Video!

Shock And Awe

Una piccola nota per contestualizzare: la canzone è una denuncia contro la guerra in Iraq, guerra che si sarebbe potuta evitare, se ci si fosse fermati a riflettere quando ce n'era la possibilità, guerra che doveva essere una Shock&Awe (guerra lampo) ma che ha portato migliaia di morti e 'milioni di lacrime'.
GUERRA LAMPO
(continua)
inviata da Francesco Costa 30/7/2010 - 12:12
Downloadable! Video!

Не стреляй

C'è un errore di logica rispetto all'originale russo che io conosco molto bene... nell'ultimo verso qui si scrive "he implored that boy for one thing" o qualcosa del genere, ma in realtà non è lui che implora il ragazzo, è il ragazzo che implora lui, come è abbastanza chiaro dall'originale e del resto è anche ovvio...
Francesco 30/7/2010 - 12:11
Downloadable! Video!

Lost John

[1940]
Nella raccolta “Chain Gang Blues” (1976)

Nel corso della sua carriera Sonny Terry collaborò con grandi artisti come Blind Boy Fuller, Brownie McGhee, Cisco Houston e Woody Guthrie. E proprio con questi ultimi due registrò negli anni 40 parecchie canzoni. “Lost John” è presente infatti nell’album “Struggle” di Woody Guthrie, realizzato nel 1976 dalla Folkways Records.

Sulle “chain gangs”, le squadre di detenuti alla catena costretti a lavorare dall’alba al tramonto sulle strade, nei campi e nelle cave di pietra in tutti gli States fino alla metà degli anni 50, si vedano anche Another Man Done Gone, Chain Gang, Cryin' Who? Cryin' You! (Part I & II), Nine Foot Shovel e No More Chain Gang. Il sistema delle “chain gangs” era una fonte inesauribile di manodopera a costo zero e, considerato che i neri sono sempre stati la maggioranza della popolazione carceraria, un modo per perpetrare lo schiavismo anche decenni dopo la sua abolizione.
Gonna tell you the story
(continua)
inviata da The Lone Ranger 30/7/2010 - 11:29
Downloadable! Video!

La pistola

L'Italia della violenza a mano armata
Dieci milioni di armi e pochi controlli
Dalla cronaca delle ultime settimane una sequenza tragica: impiegati licenziati e amanti frustrati che sparano e uccidono. Una famiglia su sei possiede pistole o fucili. Ai poligoni gente di ogni tipo, operai e avvocati. Ma l'Europa impone norme sempre più severe
di MEO PONTE

da Repubblica online

GLI ULTIMI spari a Loreto. Due donne uccise e una terza ferita dalla pioggia di proiettili calibro 7,65 esplosi da Claudio Alberto Sopranzi, guardiano di camping e uno dei trentamila italiani legittimati al possesso di una pistola. Un altro era Paolo Iacconi, il rappresentante che il 23 luglio ha ucciso i suoi ex datori di lavoro a Massarosa e poi si è suicidato: aveva il nulla osta per detenere armi, ma solo in casa, nonostante lunghi ricoveri in clinica per depressione. E ancora: Riccardo Regazzetti che ha usato... (continua)
daniela -k.d.- 30/7/2010 - 10:39
Downloadable! Video!

Angelita di Anzio

Conosco questa storia e la canzone fin da bambina, mio papà me la raccontava sempre e quando non lo faceva ero io a chiederglielo, senza stancarmi mai, perché niente deve
andare perso! A mia volta anch'io l'ho raccontata.
Ho risentito casualmente la canzone qualche giorno fa e
per me è sempre come la prima volta: una struggente emozione.
Vania 29/7/2010 - 22:35

Inno dei lavoratori (Canto di guerra)

[1892]
Sull’aria de “La Marsigliese”.
Testo trovato su la Musica de L’Altra Italia

Canzone scritta da Gori nel carcere di San Vittore, a Milano, arrestato per la sua partecipazione alla manifestazione del Primo Maggio durante la quale, come capitò ogni anno nel decennio 1888-1898, era scoppiato l’ennesimo duro scontro tra lavoratori e polizia.
O proletari che braccio e pensiero
(continua)
inviata da The Lone Ranger 29/7/2010 - 14:59

Canto del prete Kassam

[1971]
Canzone della Resistenza palestinese, tradotta da Dario Fo e inserita nel suo spettacolo "Fedayn, La rivoluzione del popolo palestinese attraverso la sua cultura e le sue canzoni”

Il prete Kassam altri non è che ‘Izz al-Dīn al-Qassām (1882-1935).

Colui che oggi da il nome al braccio armato di Hamas e pure ai razzi che da Gaza spesso piovono sulle città israeliane come Ashkelon e Sderot è stato un guerrigliero di origine siriana che combattè contro i colonialisti di varia nazionalità, prima contro gli italiani invasori della Libia, poi contro i francesi che volevano papparsi la Siria e infine contro i mandatari britannici e i sionisti in Palestina.
Non morì impiccato, come si dice nella canzone, ma cadde in una battaglia contro gli inglesi nei pressi di Jenin.
Fu certamente una figura controversa, per il suo radicalismo religioso, per i suoi rapporti – invero piuttosto difficili... (continua)
Prete Kassam
(continua)
inviata da The Lone Ranger 29/7/2010 - 13:38
Downloadable! Video!

Giải phóng Miền Nam

LIBERATE THE SOUTH
(continua)
inviata da The Lone Ranger 29/7/2010 - 12:34
Downloadable! Video!

Lettera alla mia amica

Ad eseguire la canzone nel disco collettivo "Generazione Vietnam" non era il Canzoniere delle Lame ma Il Contemporaneo di Modena, che probabilmente ne è anche l'autore...
The Lone Ranger 29/7/2010 - 12:27
Video!

Chant pour Nguyen Van Troi

‎[1972]‎
Parole di Mireille Gansel (probabilmente dai versi di una qualche poesia di autore vietnamita)‎
Musica di Jean Paul Roseau
Album “Poèmes Vietnamiens chantés par Francesca Solleville”, Editions Combat pour la paix

Per sapere chi sia stato Nguyen Van Troi, si veda The Unconquerable Van Troi.
Des quatre côtés
(continua)
inviata da The Lone Ranger 29/7/2010 - 11:52
Downloadable!

The Unconquerable Van Troi

[1971]
Album “Vietnam Will Win!”, Paredon Records.
Traduzione inglese a cura di Barbara Dane della canzone vietnamita interpretata sul disco da tal Nguyen Thu.

Non è che in genere mi piacciano molto le canzoni patriottiche, e non mi metterò certo a trascrivere tutte quelle presenti su questo vecchio disco della Smithsonian Folkways. Anche perché non si tratta degli originali in lingua vietnamita ma delle loro traduzioni in inglese.
Però una, una sola, voglio proporla perché mi consente di raccontare una storia, quella di Nguyen Van Troi.

Nguyen era vietnamita, faceva l’elettricista. Nel 1963, quando gli USA erano già di fatto invischiati nella guerra contro il Nord-Vietnam, Nguyen aveva solo 16 anni. Ora, dalle nostre parti, a quell’età c’era stato chi aveva scelto di stare con i repubblichini fascisti e i nazisti invasori, ma anche chi, come Il comandante Licio, aveva diversamente deciso... (continua)
Troi, unconquerable hero!
(continua)
inviata da The Lone Ranger 29/7/2010 - 11:38

Canto degli affamati

anonimo
[Fine 800]
Testo trovato su Il Deposito.
Compare per la prima volta in una raccolta di canti anarchici pubblicata a New York nel 1898.
Morti di fame morti di stenti
(continua)
inviata da The Lone Ranger 29/7/2010 - 10:01

All'alba son giunti

anonimo
[1965 o 1943?]

Testo trovato su La Musica dell’Altra Italia con il seguente commento di accompagnamento: “Canzone scritta nel 1965 e cantata sull'aria della ‘Leggenda del Piave’ dagli operai della fabbrica tessile Botto Albino del Biellese. Registrazione di Guido Piraccini, 1973, Torino.”

Però, permettetemi di suscitare qualche dubbio sulla datazione di questa canzone.
Mi pare – ma potrei sbagliarmi - che nella seconda strofa ci sia il riferimento temporale corretto: gli operai in sciopero conoscono bene quale sia la giustizia dei padroni, dei fascisti, ché è vent’anni che la subiscono. Credo quindi che questa canzone sia da portare indietro nel tempo, all’estate del 1943 e alla grande ondata di scioperi che seguì la caduta del fascismo. Allora, nel biellese, furono proprio gli operai (circa 1.200) del lanificio Albino Botto di Campore di Valle Mosso a far partire lo sciopero. Poi, in... (continua)
All'alba sono giunti settecento poliziotti
(continua)
inviata da The Lone Ranger 28/7/2010 - 13:48
Downloadable! Video!

Come fosse un gioco

[1968]
EP “Il mio partito saluta Mosca”, I Dischi del Sole.

Canzone della disillusione (e siamo nel 1968!)
Le fonderie Peraro erano a Padova. Due terzi dei lavoratori avevano malattie polmonari come silicosi e bronchite cronica. Chiusero già negli anni 70, acquisite dalla Teksid e trasferite a Rovigo.
Nel vecchio stabilimento si installò fino ai primi anni 90 il centro sociale Gramigna, poi tutto fu raso al suolo per costruire abitazioni…
Era alla Peraro
(continua)
inviata da The Lone Ranger 28/7/2010 - 10:19
Downloadable! Video!

All You Fascists

Mentre Saviano, dopo aver pacatamente chiesto dove fosse la Lega di Bossi in questi anni mentre la mafia si infiltrava al nord, raccoglie gli ennesimi insulti da tutto il PdL (Partito dei Lanzichenecchi), il senatore Dell'Utri, che con Verdini coordinava la P3 per conto di colui che "duorme cò a zizza mmocca" (= Berlusconi, altrimenti detto il "Cesare"), se ne è uscito ieri con l'ennesimo monito in puro stile mafioso. Dopo essersi avvalso della facoltà di non rispondere di fronte ai giudici che lo interrogavano sulla lobby (o loggia?) messa in piedi con il solito Carboni, Dell'Utri ha consigliato a tutti di "stare zitti"... Muti, vi dovete stare tutti muti, capito, ah !?! E così, dopo Mangano l'Eroe, con cui si rassicuravano tutti i picciotti che il loro silenzio sarebbe stato ben ricompensato, ecco che il comando del silenzio viene ribadito, rafforzato ed esteso.
Diverse brutte cose ho... (continua)
The Lone Ranger 28/7/2010 - 08:34

La bellezza salverà il mondo

La bellezza salverà il mondo
(continua)
inviata da MIk Ferri 28/7/2010 - 00:56
Video!

I han es Zündhölzli azündt

[1967]
Testo e musica: Mani Matter
Worte und Musik: Mani Matter
Paroles et Musique: Mani Matter
Album: Alls wo mir id Finger chunnt ("Tutto quel che mi sorte dalle dita") (Berner Chansons 4)

L'avv. Hans-Peter Matter, più noto (ma solo in Svizzera) come Mani Matter, ha scritto e cantato tutte le canzoni della sua purtroppo non lunga vita (morì a soli 36 anni in un incidente stradale, a Kilchberg il 24 novembre 1972) nell'infernale "Schwyzertüütsch", molto più lontano dal tedesco letterario di quanto l'italiano non lo sia dallo svedese. Non contento, poiché le sue canzoni erano destinate esclusivamente ad un pubblico locale, le scriveva pure nel natio dialetto bernese, il "Bärndüütsch", senza minimamente curarsi di pubblicarle almeno con una traduzione in Hochdeutsch. E così, per poter tradurre qualche sua canzone qua dentro, si son dovuti fare i salti mortali e studiare almeno un pochino... (continua)
I han es Zündhölzli azündt
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 27/7/2010 - 22:56

Jugoslavia

Grande Maurizio, sai trasformare in parole le sensazioni, in musica le emozioni, in arte le situazioni...
Un forte abbraccio dal tuo fan sfegatato e chitarrista di strada Gianni
Gianni 27/7/2010 - 19:36
Downloadable! Video!

Dynamit

[1973]
Testo e musica: Mani Matter
Worte und Musik: Mani Matter
Album: Ir Ysebahn

L'avvocato Hans-Peter Jan Matter, più noto come Mani Matter, è per forza di cose un fenomeno esclusivamente svizzero; anzi, della sola Svizzera tedesca. È stato, rimane e rimarrà il più celebre e celebrato Liedermacher prodotto dalla Confederazione Elvetica, ma anch'egli "figlio" della canzone d'autore francese e di Georges Brassens in particolare. Brassensiane "in toto" sono le canzoni di Mani Matter, ma con un tocco svizzero che potrebbe risultare difficilmente percettibile a chi non è, o è stato, un po' addentro alle cose di quel non comune paese. Sempre, ovviamente, che riesca a capire almeno un po' quel che dice nelle sue canzoni; Mani Matter, bernese fino nel midollo delle ossa (seppure sua madre fosse olandese), scriveva e cantava esclusivamente in Bärndüdsch, il tedesco alemannico bernese, un idioma... (continua)
Einisch ir Nacht won i spät no bi gloffe
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 27/7/2010 - 18:56
Downloadable! Video!

W l'Italia

[2010]

Riecco la Famiglia Rossi! Tempestivi come bradipi, affidabili come tranvieri alcolizzati, precisi come orologi di marzapane e, da oggi, anche trendy come un allosauri in casa di riposo! Nel caotico e non certo roseo panorama del mercato discografico, dopo un lungo discettare sul “chessifà”, sul “chilofà” e soprattutto sul “chiccacchiopagherà”, abbiamo deciso (ultimi in un elenco di gruppi lungo come la Transiberiana), di affidare al web le nostre nuove canzoni, ma di farlo scimmiottando una categoria merceologica già defunta prima che la maggior parte di voi, amatissimi amici, venisse al mondo, ovvero il quarantacinque giri, un dischetto di piccolo formato col quale, al tempo che fu, si licenziavano due canzoni alla volta (una sulla facciata A e l'altra sulla B, of course), prima che arrivassero i Fab Four “a mostrar ciò che in album si puote”. Il vinile, ovviamente non lo stampiamo,... (continua)
La bella nave solca il mare
(continua)
inviata da DonQuijote82 27/7/2010 - 17:35
Downloadable! Video!

Resistenza

[2003]

Album: Discorsi da bar


"DISCORSI DA BAR" è stato pubblicato il 5 settembre 2003. E' un disco di undici tracce (9 brani inediti e 2 cover: "Su Cantiam" di Dario Fo, sigla di "Canzonissima 1967" e "Per La Moto Non Si Da" di Jannacci e Fo) che conferma le scelte stilistiche del gruppo, come sempre varie nel ventaglio dei generi musicali.
Senza abbandonare l’amore per i ritmi danzerecci e gli strumenti acustici, in questo disco la Famiglia Rossi ha optato per un po’ di sperimentazione, aiutata, per la prima volta, da un vero e proprio produttore artistico: Alberto (schizzo) Bonardi, un tecnico del suono con un più che ragguardevole bagaglio di esperienza nella discografia italiana (ha lavorato con Mauro Pagani, De Andrè, Giuliano Palma & The Bluebeaters, Bluvertigo, Aeroplani Italiani, Pierangelo Bertoli e altri ancora).
La sua presenza ha contribuito a dare spessore al suono... (continua)
Ti ho visto entrare dentro a un bar,
(continua)
inviata da DonQuijote82 27/7/2010 - 16:47

L'invisibile

Deserti ho attraversato
(continua)
inviata da DonQuijote82 27/7/2010 - 16:10

Semu li ciuri di libbirtà

Semu li ciuri di libbirtà e comu ni tocchi
(continua)
inviata da DonQuijote82 27/7/2010 - 16:08




hosted by inventati.org