Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2010-4-28

Rimuovi tutti i filtri
Video!

རྒྱལ་གླུ། [༄༄། བོད་རྒྱལ་ཁབ་ཀྱི་རྒྱལ་གླུ།] [Gyallu; Rgyal·glu]


Viaggio nella regione di Yushu tra i fantasmi del sisma censurato

Il disastro di due settimane fa in Cina rischia di trasformarsi in terremoto politico. Il regime continua a ignorare la tragedia. Alcuni monaci buddisti accorsi per aiutare la popolazione sono stati cacciati dai funzionari del partito comunista. Migliaia di superstiti scavano ancora

dall'inviato de La Repubblica GIAMPAOLO VISETTI

GYEGU - Il terremoto che il 14 aprile ha sconvolto la contea di Yushu, nella regione tibetana del Qinghai, rischia di trasformarsi in un sisma politico per l'intera Cina. Migliaia di monaci buddisti, accorsi da tutte le zone del Tibet storico per aiutare la popolazione, sono stati cacciati dai funzionari del partito comunista. Cinque posti di blocco, lungo la strada di 820 chilometri che collega lo Yushu al capoluogo, impediscono a giornalisti e religiosi di raggiungere l'epicentro delle scosse,... (continua)
Alessandro 28/4/2010 - 22:18
Video!

Wake Me Up When September Ends

La canzone è veramente bella e orecchiabile, le immagini aiutano molto, rendono tutto l'insieme commuovente, peccato il testo scarno e ripetitivo preso da solo non sia così entusiasmante.
Mirko 28/4/2010 - 19:20

Montreal, December '89

Album “A Retrospective, Never Turning Back” (1998) e “Judy Small: Live at The Artery” (2007)
Testo trovato su MySongBook

Il 6 dicembre 1989 a Montreal, Canada, un uomo di 25 anni, tal Marc Lépine, fece irruzione nella sezione femminile del Politecnico e, urlando imprecazioni contro le donne e le femministe, cominciò a sparare all’impazzata con un fucile semi-automatico uccidendo 14 studentesse prima di togliersi la vita… L’autore del massacro era un uomo disturbato perchè suo padre, un uomo autoritario e violento, oltre a maltrattare la madre, aveva pure ripetutamente abusato Marc e la sorella quando erano piccoli. Forse Marc riteneva di essere stato abbandonato, che sua madre lo avesse lasciato in balìa di quel mostro… fatto sta che il suo disordine psicotico era sfociato in una violenta misoginia e nell’odio verso le donne emancipate… Nella rivendicazione che gli fu trovata in tasca,... (continua)
It was a cold December afternoon, the line stretched round the block
(continua)
inviata da Alessandro 28/4/2010 - 15:04
Video!

Brucia la città

BURN THE CITY
(continua)
inviata da Anam 28/4/2010 - 14:49
Downloadable! Video!

All Hope is Gone

TUTTA LA SPERANZA E' SPARITA
(continua)
inviata da Anam 28/4/2010 - 10:49
Video!

The Mail Will Go Through

[1988]
Album “Politics Live”
Testo trovato su MySongBook

Negli anni 50, durante la guerra fredda, le autorità di mezzo mondo erano solite predisporre manualetti di sopravvivenza in caso di attacco nucleare (tipo i celebri “Duck & Cover” statunitensi) o dettagliati piani di emergenza relativi alle procedure per garantire questo o quel servizio dopo il “big one” e sotto il “fallout” radioattivo. Per fare un esempio, l’U.S. Postal Service predispose un piano, poi costantemente aggiornato fino agli anni 80, per la consegna della posta nel dopo-guerra atomica… Quando Tom Paxton venne a conoscenza della notizia, che l’USPS intendeva garantire il servizio postale anche dopo l’olocausto termo-nucleare globale, non potè tenersi da scriverci su questa canzone…
They can go and drop the big one but the mail will go through
(continua)
inviata da Alessandro 27/4/2010 - 15:13

The Magdalene's Lament

anonimo
[Fine XVIII sec.?]
Canzone scozzese il cui testo compare in The Ballad Book, a cura di George R. Kinloch, Edimburgo, 1827. Musica di Don Martin.
Il brano fa parte del repertorio del gruppo di Glasgow “The Clutha”.

Una ragazza viene violentata da un branco, probabilmente soldataglia (“Geordie's men”)… Non sono gli stupratori ad essere perseguiti, ma è la vittima a finire in “casa di correzione” perché la violenza subìta ne ha fatto immediatamente un essere immondo, una puttana che deve essere riabilitata espiando la sua “colpa”… Storie di questo genere erano spesso il presupposto per l’ingresso di giovani donne nei cosiddetti “Magdalene Asylums”, creati alla fine del 700 dalla chiesa cattolica in Gran Bretagna e in Irlanda e poi in Canada e USA.
Si veda al proposito l’introduzione alla canzone di Joni Mitchell, The Magdalene Laundries.
And she, poor jade, withoutten din,
(continua)
inviata da Alessandro 27/4/2010 - 14:26
Downloadable! Video!

Little Bitty Gun

[1988]
Album “Politics Live”
Testo trovato su MySongBook

Era la fine del 1980. Ronald Reagan stava stravincendo le elezioni presidenziali. John Lennon era stato appena ammazzato a New York e la futura first lady Nancy Reagan, con rara sensibilità, rivelava alla stampa che, come ogni buon americano, anche lei dormiva con una pistola nel comodino… “E’ solo una piccola, tenera pistola”, dichiarò ridendo.
Suo marito, prima durante e dopo i suoi mandati, contrastò fieramente ogni progetto di limitazione alla libera vendita di ogni tipo di arma sul suolo degli States ed fu, insieme ai Bush, un grande sponsor della lobby dei fabbricanti d’armi, rappresentata dalla National Rifle Association. Bisogna inoltre ricordare che anche nel 1999, in occasione della strage alla Columbine High School a Denver in Colorado, un altro vecchio attore hollywoodiano, Charlton Heston, mostrò una sensibilità analoga... (continua)
I've got a little bitty gun on the table
(continua)
inviata da Alessandro 27/4/2010 - 11:48
Downloadable! Video!

Lament for the Death of a Nobody

[1973]
Album “Folkways Record of Contemporary Songs”, con Peggy Seeger (Folkways Records)
Testo trovato su MySongBook

A proposito di lavoro che uccide, questa canzone parla della cosiddetta “sindrome dell’orologio d’oro”, cioè l’incremento statistico dei suicidi in quel segmento di popolazione maschile costituito da chi è stato mandato in pensione dopo decenni di onorato servizio… Aggiungerei che quei numeri, già significativi negli anni 60, sono oggi ben più impressionanti, vista la facilità con cui l’attuale sistema produttivo espelle i lavoratori ben prima dell’età pensionabile ma spesso ormai troppo vecchi per trovare un nuovo lavoro…
As I was a-walking down by the Thameside
(continua)
inviata da Alessandro 27/4/2010 - 10:41
Downloadable! Video!

The Lag's Song

[1965]
Album “Cold Snap”, with Peggy Seeger (Folkways Records, 1978)
Testo trovato su MySongBook

Ewan MacColl scrisse questo brano nel 1965 per "In Prison", un documentario della BBC sulla prigione di Strangeways a Manchester.


La prigione di Strangeways è balzata all’onore delle cronache nel 1990, quando fu teatro della più lunga rivolta di detenuti nella storia del Regno Unito, dovuta alle terribili condizioni di vita nel “Her Majesty's prison system”. Il 1 aprile i prigionieri presero il controllo del carcere e salirono sui tetti, dove resistettero per 25 giorni. Il bilancio fu di un morto, un detenuto, e di svariate decine di feriti, soprattutto fra le guardie. La prigione fu semidistrutta e potè riaprire soltanto nel 1994.
When I was a young lad sometimes I'd wonder
(continua)
inviata da Alessandro 27/4/2010 - 10:19
Video!

Surfin' USSR

We got a Soviet sub she's a '79
(continua)
inviata da Anonymous 27/4/2010 - 01:36
Downloadable! Video!

Iris e Silvio

La canzone dei Cheap Wine, A Pig On A Lead, segnalataci su questa pagina da Marco Diamantini dei Cheap Wine stessi, è stata opportunamente trasferita in una pagina autonoma interamente a lei dedicata.
CCG/AWS Staff 27/4/2010 - 00:24

Denuclearizzare

Lesmo (Monza-Brianza), 26 apr. - La Federazione Russa e' disponibile a collaborare al progetto di ritorno al nucleare in Italia attraverso 'linee di credito' o un eventuale 'cessione di combustibile'. Lo ha affermato il primo ministro della Federazione Russa, Vladimir Putin, nella conferenza stampa congiunta con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. 'In Russia abbiamo adottato un programma ambizioso - ha spiegato Putin - che prevede uno sviluppo dell'energia atomica' con l'obiettivo di farla crescere dal 15-16% del totale al 25%. (Agenzia AGI del 26 aprile 2010, ripresa da la Repubblica)

Avete capito? L'amico di Berlusconi, il signor Putin, quello che se la spacchiava a Dresda come dirigente nel KGB "comunista" mentre la gente moriva a Černobyl', quel cane lì oggi ci offre l'"aiuto" della Russia per il tanto "ambizioso" quanto criminale progetto dello sfascista e pagliaccio Berlusconi... (continua)
Alessandro 26/4/2010 - 23:48
Video!

Hey, Nelly Nelly

Una postilla relativa a Lincoln, il padre degli USA moderni…

Il razzismo sanguinario ed il segregazionismo feroce che permasero dopo l’abolizione della schiavitù e la guerra civile sono in realtà un diretto portato dell’ideologia sottesa all’abolizionismo sette-ottocentesco:

“I am not, nor ever have been, in favor of bringing about in any way the social and political equality of the white and black races, that I am not nor ever have been in favor of making voters or jurors of negroes, nor of qualifying them to hold office, nor to intermarry with white people; and I will say in addition to this that there is a physical difference between the white and black races which I believe will forever forbid the two races living together on terms of social and political equality. And inasmuch as they cannot so live, while they do remain together there must be the position of superior and inferior,... (continua)
Alessandro 26/4/2010 - 15:44
Video!

Guerre guerre, vente vent

Non vediamo l'ora, davvero!!!

La stretta nucleare di Putin e Berlusconi
"Accordo con Russia, prima centrale in 3 anni"

LESMO - "Con la Russia abbiamo stipulato un accordo che segnerà una svolta per il nucleare". Questo il risultato più importante del vertice bilaterale fra Italia e Russia che ha visto protagonisti Silvio Berlusconi e Vladimir Putin.

Da Repubblica online

(il resto dell'articolo non lo metto, tanto sono sempre le solite schifezze; se proprio non riuscite a resistere, andatevelo pure a leggere direttamente da Repubblica)
daniela -k.d.- 26/4/2010 - 15:37
Video!

The Peace Proposal

[1969]
Album “Freakin' At The Freakers Ball”
Said General Clay to General Gore
(continua)
inviata da Alessandro 26/4/2010 - 15:24
Video!

Testing the Bomb

[1965]
Album “I'm So Good That I Don't Have to Brag!”
Testo trovato su Mudcat Café

Canzone-freddura del geniale poeta, cantautore, musicista, compositore, fumettista, sceneggiatore e scrittore americano.
They're testing the Bomb as I'm singing this song,
(continua)
inviata da Alessandro 26/4/2010 - 15:15
Downloadable!

Sulfararu

[2004]
Album: Calura
Ogni matina scinni sutta terra
(continua)
inviata da giorgio 26/4/2010 - 12:32
Downloadable!

L'antenati

[1976]
Album: L'Antenati
Li me antenati 'un mi lassàru nenti,
(continua)
inviata da giorgio 26/4/2010 - 12:26
Downloadable!

Lu viddànu

[1976]
Album: L'Antenati
Chi vita amara fazzu pi campari
(continua)
inviata da giorgio 26/4/2010 - 12:22
Downloadable! Video!

La me liti

[1974]

Album : Noi siamo nell'inferno carcerati
Dumani si discinni la me liti
(continua)
inviata da giorgio 26/4/2010 - 08:33
Downloadable! Video!

Partigiani

Oggi, 25 Aprile, non sono andato a nessun corteo. Non lo faccio da tanti anni. Non mi interessa se la Letizia si sia o no presa i suoi vaffanculo e cose del genere. Un tempo, non ne perdevo uno di 25 Aprile. Dalla mia camera, dalla mia casa che dominava tutta la città, dispiegavo una bandiera tricolore, che si vedeva da tutta Como e forse era l'unica non ufficiale, perché Como, dopo che nel 1922 gli squadristi le "dimisero" un sindaco socialista di nome Angelo Noseda, si trovò sempre (salvo due misere volte, quando per un po' di tempo fu sindaco il Renzino Pigni, socialista unitario, e quando fu sindaco il buon Sergio Simone, socialista anche lui, ma craxiano) dalla parte sbagliata: Como votò per il Savoia, Como votò contro il divorzio e contro l'aborto terapeutico, Como da democristiana che era passò quasi in massa a Malagodi quando cominciò il centro-sinistra, Como solo pochi giorni fa... (continua)
Gian Piero Testa 26/4/2010 - 00:48
Video!

Morsi cu morsi

Testo e Musica di Giuseppe Ganduscio
Album: Giuseppe Ganduscio: Lu carzaratu EP (ried. Folk italiano LP) [1963]
Rosa Balistreri: La voce della Sicilia [1967]

Rosa Balistreri: Noi siamo nell'inferno carcerati [1974]
Morsi cu morsi… cu m'amava persi
(continua)
inviata da giorgio 25/4/2010 - 20:59
Video!

Non vincono

(1976)
da "Eppure soffia"
Ben altro che pace e lavoro ci hanno portato
(continua)
25/4/2010 - 16:20

Cardinal Law

Mi piacerebbe sapere il nome di quel giovane e coraggioso funzionario del Foreign Office britannico che, in previsione della prossima visita di papa Ratzinger nella perfida Albione, ha redatto un documento interno, poi pubblicato dal Sunday Telegraph, in cui esprimeva quali iniziative innovative si sarebbero potute suggerire al pontefice in quella occasione... Tra le altre, "un duetto tra il papa e la regina Elisabetta", la benedizione di un matrimonio gay, l'inaugurazione di un reparto ospedaliero destinato agli aborti ed il lancio di un nuovo tipo di preservativo chiamato "Benedict"... SEMPLICEMENTE GRANDIOSO! Inutile dire che il giovanotto è stato redarguito e rimosso dall'incarico per quelle che lui stesso ha definito "proposte un po' spinte"...
Sarà anche stata una goliardata, ma resta il fatto che costui a 20 anni tra la verità e magari una brillante carriera diplomatica ha scelto... (continua)
Alessandro 25/4/2010 - 10:28
Video!

L'operaio della FIAT (La 1100)

[1974]
Album "Ingresso libero"

Beh, se c'è La canzone del Maggio non può mancare la sua critica feroce... No, Rino non andava d'accordo con la "rivoluzione" e i suoi cantori, fosse anche Fabrizio De André...
Hai finito il tuo lavoro
(continua)
inviata da Alessandro 25/4/2010 - 00:33
Video!

Compagna Teresa

[2007]
Album "Dell'impero delle tenebre"



Locandina del film documentario di Paola Sangiovanni dedicato ad Anna Cherchi, Claudia Balbo, Marisa Ombra e Nicoletta Soave, quattro ragazzine che, non ancora diciottenni, operarono nel Monferrato durante la Resistenza nel delicato e pericolosissimo ruolo di staffette.
Anna, Claudia, Marisa e Nicoletta sono sopravvissute alla guerra e nel 2000 hanno potuto raccontare le loro storie di resistenti alla regista Paola Sangiovanni... Ma moltissime donne partigiane non hanno avuto la stessa buona sorte... Come Irma Bandiera, detta Mimma, bolognese, gappista.

Mimma non era una ragazzina. Era nei Gruppi d'Azione Patriottica con compiti operativi. Era una comunista, una combattente per la libertà.
Nell'agosto del 1944 Mimma venne arrestata dopo uno scontro a fuoco con le SS tedesche, mentre tornava da una consegna di armi al comando dei GAP di Castel... (continua)
guardami negli occhi e poi dimmi
(continua)
inviata da Alessandro 25/4/2010 - 00:03
Downloadable! Video!

Una tranquilla notte di regime

Chanson italienne – Una tranquilla notte di regime – Emily County Folk – 2007

La terre parfois parle. Elle nous raconte les histoires anciennes et proches qui l'ont marquée profondément par le sang e t le courage. La terre parfois chante. Elle se fait entendre par le bruit du vent qui caresse le blé de l'été. La terre parfois enseigne. Elle nous amène par la saveur noire du vin à apprécier les fruits de sa tradition. Mais pour l'entendre parler, chanter, raconter, il faut savoir écouter. C'est seulement ainsi que ses histoires deviennent des mots, que le vent violon et le vin danse. Les Emily County Folk veulent par leur musique rendre à leur terre – l'Émilie – sa voix. En 2006, ils commencèrent à rassembler les notes allègres de la tradition irlandaise, les poésies de Fabrizio De André, les récits des vieux partisans, mélangeant le tout avec le son de l'accordéon, de la flute, du violon... (continua)
NUIT TRANQUILLE DU RÉGIME
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 24/4/2010 - 22:08
Video!

Alda Merini, Giovanni Nuti & Simone Cristicchi: I poeti

[2007]

Album: Giovanni Nuti canta Alda Merini - Rasoi di seta

Poesia di Alda Merini
A poem by Alda Merini
Musica e orchestrazione di Giovanni Nuti
Music and Orchestration by Giovanni Nuti
Siamo poeti poveri, fatti di vesti pesanti
(continua)
inviata da adriana 24/4/2010 - 16:28




hosted by inventati.org