Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2009-11-2

Rimuovi tutti i filtri

Il compagno G

« Fin octobre 1962. Dissoute une manifestation syndicale en soutien à Cuba. Soudain, une charge de la « celere » (police anti-manifestations), le bataillon Padova, et une jeep renversa un jeune étudiant communiste appelé Giovanni Ardizzone... »

...

Le camarade G.... Figure-toi, mon ami Lucien l'âne aux poils si drus, que cette lettre solitaire, ce G, tout seul, là devant les yeux de tous, me rappelle quelque chose, une histoire de résistance, elle aussi. Elle se passait dans la future capitale de l'Europe, à Bruxelles, au début des années quarante. Un groupe de jeunes universitaires – de l'Université Libre de Bruxelles, la bien nommée en l'occurrence, mit sur pied un groupe de résistance armée, qui se spécialisa – si ma mémoire est bonne – dans le sabotage. Comme tu le sais, le sabotage est souvent le fait ou la spécialité des ingénieurs et comme on dit, c'est de bonne guerre. Ce groupe... (continua)
LE CAMARADE G.
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 2/11/2009 - 18:48
Downloadable!

I'm the Decider (Koo-Koo-Kachoo)

[2006]
Parodia anti-Bush di “I Am The Walrus” dei Beatles.
I am me and Rummy's he, Iraq is free and we are all together
(continua)
inviata da Alessandro 2/11/2009 - 14:21
Video!

17 ans

[1970]
Album "Camarade"

L'incontro tra Ferrat ed una giovane guerrigliera vietnamita.
Je l'ai vue je l'ai vue je vous jure un matin
(continua)
inviata da Alessandro 2/11/2009 - 11:55
Video!

Todavía cantamos

L'ULTIMA MESSA DI DON ALESSANDRO SANTORO ALLE PIAGGE

Ieri don Alessandro Santoro, prete delle Piagge, sollevato dal vescovo per aver unito in matrimonio Sandra e Fortunato ha celebrato la sua ultima messa al centro sociale di via Lombardia.

Cita più volte questa canzone, don Alessandro Santoro. Ancora cantiamo, ancora sogniamo, ancora resistiamo, ancora andiamo avanti. Il peccato peggiore, dice, è quello di aggettivare le persone, di etichettarle. Quello è omosessuale, quello è transessuale, povero, quello è rom, straniero, immigrato, musulmano, diverso. Mentre nella sua esperienza, da quando quindici anni fa esatti arrivò in punta di piedi alla comunità delle Piagge, Alessandro ha incontrato molte persone, ognuna con una sua storia, un suo percorso, le sue battute d'arresto e la sua capacità di rialzarsi. Quelle persone che il vescovo Betori si è rifiutato di incontrare, sia prima che... (continua)
Lorenzo Masetti 2/11/2009 - 11:41
Downloadable!

Soldado así no he de ser

Dal disco "Elena Huerta canta a Nicolás Guillén" inciso in argentina nei primi anni 70.
Il testo è costituito dall'omonima poesia del cubano Nicolás Guillén tratta dalla sua raccolta del 1937 intitolata "Cantos para soldados y sones para turistas".
Soldado no quiero ser,
(continua)
inviata da Alessandro 2/11/2009 - 11:26
Downloadable! Video!

Soldado libre

[1974]
Album "Le chant des poètes révoltés/El canto de los poetas rebeldes"

Parole del poeta cubano Nicolás Guillén, tratte da una raccolta di poesie del 1937 intitolata "Cantos para soldados y sones para turistas".
Questa raccolta è dedicata al padre del poeta, Nicolás Guillén Urra, giornalista e militante del partito liberale ucciso nel 1917 dai soldati del generale Mario García Menocal, capo di un governo conservatore, mentre manifestava contro i brogli elettorali che avevano portato alla rielezione di quest'ultimo...
¡Ya no volveré al cuartel,
(continua)
inviata da Alessandro 2/11/2009 - 11:05
Video!

Por las fiestas

[1975]
Album "4.444 veces, por ejemplo"

Trovata su Cancioneros.com

Le parole sono dello scrittore e poeta madrileno Jesús López Pacheco

(Alessandro)
Por las fiestas, en la plaza,
(continua)
inviata da Alessandro 2/11/2009 - 10:21
Video!

I poeti

(P.Bertoli-G.Brandolini)
Album: Certi momenti - 1980

Passata oggi in radio, dedicata ad Alda Merini, mi sembrava stesse bene qui in particolare per la strofa
"ma se c'è da far la guerra il poeta è giù in cantina
fa l'amore con la serva e si scopa la regina."
I poeti son poeti perché scrivono poesie
(continua)
inviata da Donquijote82 2/11/2009 - 08:34
Video!

A la voz de un pueblo

[1970]
La canzone che apre il primo album di Celdrán intitolato "Silencio"

Trovata su Cancioneros.com
Era de noche.
(continua)
inviata da Alessandro 2/11/2009 - 08:03
Video!

Y vives con la ventana abierta

[1976]
Album "Porque Amamos El Fuego"

"... Là fuori c'è una guerra ed è tuo nemico
chiunque uccida.
Là fuori ci sono ciarlatani, le loro parole
sono piene di niente..."


Trovata su Cancioneros.com
Afuera cae la nieve y tú sales
(continua)
inviata da Alessandro 2/11/2009 - 07:39
Video!

Ballata per una prigioniera

Alla "compagna Maria" è andata peggio che alla "compagna Luna", molto peggio...

La brigatista Diana Blefari Melazzi, condannata all'ergastolo per l'assassinio del giuslavorista Marco Biagi, si è impiccata in cella con un lenzuolo. Solo pochi giorni fa una visita psichiatrica ne aveva accertato il "forte stato di prostrazione”. Il garante dei detenuti, Angiolo Marroni, aveva parlato di “un caso drammatico”.
Sono una sessantina i suicidi avvenuti in carcere dall’inizio dell’anno.

Da La Repubblica del 1 novembre 2009.

Si è impiccata sabato sera, attorno alle 22:30, utilizzando lenzuola tagliate e annodate. Diana Blefari Melazzi, secondo quanto si è appreso, era in cella da sola, detenuta nel reparto isolamento del carcere Rebibbia femminile. Ad accorgersi quasi subito dell'accaduto sono stati gli agenti di polizia penitenziaria che avrebbero sciolto con difficoltà i nodi delle lenzuola... (continua)
Alessandro 1/11/2009 - 23:11
Downloadable! Video!

AldroVive

IL CALVARIO DI STEFANO

di Adriano Sofri

da La Repubblica del 31 ottobre 2009

PRIMA di tutto riguardiamo le fotografie di Stefano Cucchi. Quelle di un giovane magro, un geometra, che ha avuto a che fare con la droga e sa che gli potrà succedere ancora, e intanto vive, sorride, lavora, abbraccia sua madre, scherza con sua sorella. I giornali in genere hanno preferito pubblicare queste. E quelle di un morto, scheletrito, tumefatto, infranto, il viso che eclissa quello del grido di Munch e delle mummie che lo ispirarono, il corpo di una settimana di Passione dell' ottobre 2009. La famiglia di Stefano ha deciso di diffondere quelle fotografie. Nessuno è tenuto a guardarle. Ma nessuno è autorizzato a parlare di questa morte, senza guardarle. Per una volta, sembra che tutti (quasi) ne provino orrore e sdegno, e vogliano la verità e la punizione.È consolante che sia così. Ma è difficile rassegnarsi... (continua)
Alessandro 1/11/2009 - 22:54
Downloadable! Video!

Piombo

Chanson italienne – Piombo – Subsonica

Dédiée à Roberto Saviano

Te souvient-il, Lucien l'âne mon ami, d'une chanson intitulée Plomb, de Corrado Sannucci celle-là, qui racontait les ravages que le plomb, ce métal mou, fait dans l'organisme travailleurs humains - et le ferait sans doute de même façon, pour les autres vivants qui y seraient exposés. Le plomb, ainsi considéré, est un poison; il tue assez lentement.

Oui, oui, parfaitement. Je m'en souviens parfaitement. Mais pourquoi me demandes-tu cela ?

Tout simplement, car voici une autre chanson avec le même titre et pourtant, elle ne raconte pas tout-à-fait la même histoire, même si c'est une histoire de mort. Le plomb cette fois est envoyé tout chaud et en petite quantité, mais directement dans la tête ou dans le corps de celui qui doit mourir. Le plomb, vois-tu, ici, entre dans l'être sous forme de balle et a pour but de l'éliminer... (continua)
PLOMB
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 1/11/2009 - 22:46
Downloadable!

I Believe I'm Gonna Make It

[1966]

Uscito come singolo nel 1966, la canzone si trova anche nella bella compilation "A Soldier's Sad Story - Vietnam Through The Eyes Of Black Americ, 1966-73" (Kent Records UK, 2003).

Il Jackie Robinson citato alla fine della seconda strofa è stato il primo fuoriclasse afroamericano nella storia del baseball, uno davvero con "palle e mazza", visto che debuttò nei Dodgers nel 1947 quando ancora il KKK dettava legge ed il suprematismo bianco era la cosa più naturale del mondo...
When I got your letter baby
(continua)
inviata da Alessandro 1/11/2009 - 22:03
Dobbiamo dire che Alda Merini si è trasferita in un luogo forse più consono a lei, a mezza strada tra il niente vuoto e il pieno della mente. Nata il 21 a primavera. Eclissatasi il Primo d'Autunno. Dure guerre condusse, insegnò a vincere le sconfitte. Visse nel meraviglioso disordine della completezza; la luce degli dèi l'accolga.
Riccardo Venturi 1/11/2009 - 20:40
Downloadable! Video!

La croce

[2009]
Testo e musica di Darkeemo
Lyrics and music by Darkeemo

Ho scritto questa canzone ad inizi 2006. Mi pare fosse gennaio, perchè fuori nevicava, e saremmo dovuti scendere a Roma a suonare pochi giorni dopo. Ho scritto questa canzone dopo avere letto il primo post sul blog aperto dalla madre di Aldro.

Questa canzone racconta la storia di un ragazzo. Come me, come voi. Un ragazzo di nome Federico. Come me, come certamente qualcuno di voi. E mi sono rivisto in questo ragazzo, al ritorno verso casa dopo una serata trascorsa con gli amici. Quante volte è successo anche a me, e di sicuro anche voi, di salutare la comitiva e dirigersi a piedi verso il nido.

Federico al nido non c'è mai tornato.
Qualcuno ha impedito che tornasse.

Ho lasciato questa canzone nel cassetto fino ad oggi, ottobre 2009. L'ho spolverata, rimessa a nuovo e proposta come prima traccia del nuovo album. C'è solo... (continua)
Ho 18 anni...
(continua)
inviata da darkeemo 1/11/2009 - 20:28
Video!

Sono nata il ventuno a Primavera

E' morta la poetessa Alda Merini
cantò il dolore degli esclusi

MILANO - E' morta a Milano la poetessa Alda Merini. Aveva 78 anni. Era ricoverata all'ospedale San Paolo da una decina di giorni per un tumore osseo. Viveva in condizioni di quasi indigenza (una scelta di vita basata su una sorta di "noncuranza") tanto che i pasti quotidiani le venivano portati dai servizi sociali comunali. Ha cantato gli esclusi e ha vissuto sulla sua pelle una delle peggiori forme di esclusione: la malattia mentale. Negli ultimi anni, per una strana contraddizione, era diventata quasi popolare: abbastanza frequenti le sue apparizioni in Tv dove, con la sua voce arrochita dal fumo, diceva sempre cose profondissime e, nello stesso tempo, del tutto comprensibili al grande pubblico. Grazie a lei, molti si erano avvicinati alla poesie.

Era considerata la più grande poetessa italiana vivente. Nata in una famiglia... (continua)
daniela -k.d.- 1/11/2009 - 19:20
Video!

Questa è una storia

Chanson italienne – Questa è una storia – Ivan Della Mea – 1965

L'histoire d'une vie. Une histoire qui commence à partir de la guerre. Avec un final inattendu, d'espérance, très beau. « Pas une histoire de livre, une histoire vraiment vraie. » Nous ne lasserons pas de répéter que nous considérons Ivan Della Mea comme un des plus grands poètes en musique de la chanson d'auteur italienne; et encore à présent on peut aller l'écouter, dans des lieux improbables, gratter sa guitare et chanter ses chansons. (30/04/2006)

On peut, en effet, toujours l'entendre dans des lieux impossibles jouer de la guitare et chanter ses chansons... et très exactement, ici et dans le cœur des gens.

Ajoute Marco Valdo M.I.
UNE HISTOIRE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 31/10/2009 - 22:08
Video!

Bloodshed In Africa

CARNIFICINA EM ÁFRICA
(continua)
31/10/2009 - 06:53
Downloadable! Video!

Le Déserteur

Ciao a tutti,
sono capitato casualmente sul sito, cercando di rispolverare un testo di una canzone di Norman Blake. Che dire, se non ringraziare per questo lavoro, che va oltre l'essere un semplice database. Approfitto per comunicarvi che esiste un'altra interpretazione della versione svedese di Lars Forssell del Disertore di Boris Vian: la potete ascoltare sull’album Visor Från Vinden (2007) di Sofia Karlsson
Enrico
enrico 30/10/2009 - 13:46
Video!

È morto Pinochet

Una poesia/augurio scritta da Mario Benedetti nel 1963 e dedicata a todos los hijos de puta que andan por el mundo... Questa poesia torna periodicamente in auge, per esempio nel 2004 quando è schiattato Ronald Reagan e ancor più nel 2006 quando è andato all'inferno il suo amico Augusto Pinochet..

Los canallas viven mucho, pero algún día se mueren.

OBITUARIO CON HURRAS

Vamos a festejarlo
Vengan todos
Los inocentes
Los damnificados
Los que gritan de noche
Los que sufren de día
Los que sufren el cuerpo
Los que alojan fantasmas
Los que pisan descalzos
Los que blasfeman y arden
Los pobres congelados
Los que quieren a alguien
Los que nunca se olvidan

vamos a festejarlo
vengan todos
el crápula se ha muerto
se acabó el alma negra
el ladró
el cochino
se acabó para siempre
hurra
que vengan todos
vamos a festejarlo
a no decir
la muerte
siempre lo borra todo
todo lo purifica

cualquier... (continua)
Alessandro 30/10/2009 - 13:42
Downloadable!

Like A Wave

[2002]
Lyrics & Music by David Wildman
Album: Flag Retirement [2003]
What if Hitler had the bomb?
(continua)
inviata da giorgio 30/10/2009 - 12:38
Video!

Peace And Love

"Found love found hate"
matia 30/10/2009 - 12:33
Video!

Grand Jacques (C'est trop facile)

GRAND JACQUES (ES DEMASIADO FÁCIL)
(continua)
inviata da Alessandro 30/10/2009 - 11:41
Downloadable! Video!

Les Anarchistes

LOS ANARQUISTAS
(continua)
inviata da Alessandro 30/10/2009 - 11:26
Video!

Un rincón de sol en la cabeza

[1976]
Album "Porque amamos el fuego"

Un omaggio dalla Spagna alla "Rivoluzione dei garofani", la primavera portoghese del 1974 che vide i soldati, per una volta, deporre un dittatore e restituire il potere al popolo.

Trovata sul blog di Gustavo Sierra Fernández
Porque amamos el fuego
(continua)
inviata da Alessandro 30/10/2009 - 11:16
Video!

Dulce muchacha

[1975]
Album "La Cantata del exilio. ¿Cuándo llegaremos a Sevilla?" (1978)

Parole di Antonio Gómez
Musica di Antonio Resines


"La Cantata del exilio" fu composta da Antonio Resines, un importante cantautore membro del gruppo folk-rock "Almas Humildes", e scritta da Antonio Gómez, fondatore del collettivo madrileno "Canción del Pueblo".
Oltre a Pablo Guerrero - che prestò la sua voce per questa "Dulce muchacha" - parteciparono al progetto altri noti cantanti: Teresa Cano, Luis Pastor e Quintín Cabrera.
Il sottotitolo, "¿Cuándo llegaremos a Sevilla?", fa riferimento alla frase che la vecchia madre del poeta repubblicano Antonio Machado continuava a ripetere al figlio mentre nel gennaio del 1939 stavano fuggendo, in realtà, verso la Francia... Sarebbero entrambi morti di lì a qualche settimana, annientati dalla fatica e dal dolore.
E dalla fuga e morte di Machado prende avvio questa... (continua)
Dulce muchacha,
(continua)
inviata da Alessandro 30/10/2009 - 09:15
Downloadable!

God Damn Mistake

[2002]
Lyrics & Music by David Wildman
What reason do we need to go to war?
(continua)
inviata da giorgio 30/10/2009 - 08:27
Video!

They

Salve a tutti!
Posso dire solo due cose...: adoro questa canzone e adoro Stivell!!!
Di fronte all'egoismo e alla mentalità ottusa della gente che incontro riesce a ricordarmi che esistono ancora persone consapevoli di essere figli del mondo. Purtroppo non sono la maggioranza.
Kenavo!!!!
Chiara
Chiara 29/10/2009 - 23:07
Video!

Caín

[1994]
Album "Caín"
Caín, qué has hecho de tu hermano
(continua)
inviata da Alessandro 29/10/2009 - 15:55
Video!

Madre ayer en las trincheras

anonimo
la canzone parla de un soldado che dopo aver sparato a un soldado nemico riconosce il viso di questo: era suo amico e compagno di scuola con il quale giocava ai soldadi nelle trincere, con fucilli che non uccidevano...
isabel dos santos 29/10/2009 - 10:03
Video!

Antes del odio

[1976]
Album "Al borde del principio"
Parole di Miguel Hernández
Musica di Adolfo Celdrán

Si tratta di una poesia che Miguel Hernández scrisse alla moglie Josefina Manresa dal carcere dove i fascisti lo avevano rinchiuso nel 1940.
Ammalatosi di tifo e tubercolosi, morirà prigioniero il 28 marzo 1942 all'età di 31 anni.

Trovata sul blog di Gustavo Sierra Fernández
Beso soy, sombra con sombra.
(continua)
inviata da Alessandro 29/10/2009 - 09:27
Video!

Quién te ha visto y quién te ve

[1977]
Album "La Bullonera 2"

Alla morte di Francisco Franco i suoi seguaci si divisero tra chi continuò imperterrito a dare la caccia ai comunisti, assassinando militanti, operai e studenti, e chi invece intuì che in prospettiva forse era più intelligente provare a rifarsi una verginità e riciclarsi nelle nuove istituzioni democratiche... D'altra parte, anche qui da noi nel dopoguerra non è stato diverso: al fascismo assassino e stragista si accompagna sempre quello opportunista in doppiopetto...
Ahora dicen que ya viene
(continua)
inviata da Alessandro 29/10/2009 - 08:16

La Faim du Bourreau

La Faim du Bourreau

Canzone léviane – La Faim du Bourreau – Marco Valdo M.I. – 2009
Cycle du Cahier ligné – 61

La Faim du Bourreau est la soixante et unième chanson du Cycle du Cahier ligné, constitué d'éléments tirés du Quaderno a Cancelli de Carlo Levi.

Tu sais, Lucien mon ami l'âne aux rêves emplis de soleil et de montagne, la vie du prisonnier est assez fantasmatique; le réel est un lieu lointain, hors de portée et généralement, pour sa sauvegarde, pour survivre dans cet environnement, comme tu l'as constaté ici depuis longtemps, il reconstitue un monde dans le rêve ou le cauchemar selon la tonalité du jour ou de la nuit, selon l'état de son psychisme, selon la saison, selon la luminosité, selon sa fatigue ou selon les nouvelles qui lui parviennent.

Je sais, je sais, et j'imagine que c'est un peu comme nous les ânes quand on nous attache par la tête à une meule, qu'on nous aveugle... (continua)
Il est 7 heures, il ne reste qu'un moment
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 28/10/2009 - 21:59

Bush War Shoes

Parla Muntazar Al Zaidi, il giornalista iracheno che contestò Bush. Oggi pensa a una fondazione per i diritti umani e parla delle accuse di tortura

La nuova vita del lanciatore di scarpe
"E oggi colpirei anche Obama"

di Francesca Caferri da La Repubblica del 28 ottobre 2009

GINEVRA - Le scarpe questa volta sono nere. Mocassini leggeri con un piccolo intreccio sul davanti. Di quelli che, se pure ti arrivassero in testa, non farebbero troppo male. Muntazar Al Zaidi è abituato al fatto che la gente fissi le sue calzature. "Made in Iraq", dice con un sorriso che svela il dente mancante, "ricordo", come lo chiama lui, dei nove mesi passati in carcere a Bagdad. Al Zaidi è l'uomo che il 14 dicembre del 2008 durante una conferenza stampa lanciò le scarpe al presidente americano George W. Bush, alla sua ultima visita a Bagdad.

Sono passati dieci mesi da quel giorno, nove dei quali trascorsi... (continua)
Alessandro 28/10/2009 - 15:44
Video!

El pueblo no olvidará

[1976]
Album "Herriak ez du barkatuko", con il gruppo francese Gwendal.

Scritta durante il suo esilio in Francia, questa canzone di Imanol parla della repressione del regime franchista, particolarmente dura nelle provincie basche dove forte era la resistenza armata rappresentata soprattutto dall'ETA, quando ancora era un'organizzazione di resistenza antifascista...
Come Al Alba di Luis Eduardo Aute, anche questa canzone nacque subito dopo quel terribile 27 settembre 1975 quando Franco, ormai prossimo all fine, fece fucilare tre militanti del FRAP e due dell'ETA, le ultime vittime del regime...

[Non che io conosca il basco ma, da una sommaria ricerca su Google, mi sono fatto l'idea che la frase "Herriak ez du barkatuko" debba tradursi con "El pueblo no lo perdonará" piuttosto che con "El pueblo no olvidará"...]
El pueblo no olvidará.
(continua)
inviata da Alessandro 28/10/2009 - 13:47
Video!

A beneficio de los huérfanos

[1973]
Album "Vidas ejemplares"

Un classico nello stile satirico de Las Madres del Cordero/Desde Santurce a Bilbao Blues Band.

Trovata qui.
Tra parentesi quadre alcune incertezze nella trascrizione effettuata, con tutta probabilità, all'ascolto...
A beneficio de los huerfanos
(continua)
inviata da Alessandro 28/10/2009 - 13:00
Downloadable! Video!

Las cosas van cambiando

[1973]
Album "Vidas ejemplares"
Parole di Ramón Alpuente
Musica di J. Martínez

Dal falangismo nazi-fascista al franchismo militarista e nazional-cattolico al neo-liberismo... todo cambia, nada cambia.

E pure qui da noi, beccarsi ieri sera il Berlusca a Ballarò che imprecava contro i "comunisti" - annidati ovunque, secondo il mentecatto, e soprattutto nella magistratura - e insultava il conduttore Floris perchè non avrebbe garantito il contraddittorio, quando l'intruso era proprio Lui, l'unto dal Signore, visto che in studio c'era la crema dei suoi ministri... doversi sorbire 'sto indegno spettacolo quotidiano non fa che sprofondarci indietro nella nostra storia, a Tambroni e, forse, anche più in là, al "ventennio"... tutto cambia, niente cambia.
Las cosas van cambiando,
(continua)
inviata da Alessandro 28/10/2009 - 12:44
Video!

Verde

[1974]
Album "Como El Viento Del Norte"

Canzone dedicata a Federico García Lorca, il grande poeta andaluso fatto fucilare il 19 agosto 1936 a Víznar per ordine di Antonio González Espinosa e José Valdés Guzmán, rispettivamente comandante militare e governatore falangista di Granada, e del generale Queipo de Llano, braccio destro di Francisco Franco.

Trovata sul blog di Gustavo Sierra Fernández
Verde que te quiero verde, ¡ay!
(continua)
inviata da Alessandro 28/10/2009 - 11:26
Video!

Won't Get Fooled Again

¡NO NOS ENGAÑARÁN OTRA VEZ!
(continua)
inviata da Alessandro 28/10/2009 - 08:57
Video!

Por todo Chile

[1975]
Album collettivo "Compañero presidente"

Trovata su Cancioneros.com.
No, no, no,
(continua)
inviata da Alessandro 28/10/2009 - 08:45
Video!

El alma llena de banderas

[1970]
Album "El derecho de vivir en paz"
[1974]
Quilapayún, "Koncert für Chile"

Canzone dedicata al "Che" e che i Quilapayún - in tournée in Europa al momento del golpe - dedicarono allo stesso Víctor Jara.

Trovata su Cancioneros.com
Ahí, debajo de la tierra,
(continua)
inviata da Alessandro 28/10/2009 - 08:39
Percorsi: Che Guevara
Video!

La vida no vale nada

[1975]
Album "Pablo Milanés" (1976)

Trovata su Cancioneros.com
La vida no vale nada
(continua)
inviata da Alessandro 28/10/2009 - 08:24




hosted by inventati.org