Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Héctor Numa Moraes

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Palabras de guerrillero

Versi del poeta e rivoluzionario peruviano Javier Heraud (1942-1963), nelle raccolta "Poesías completas y homenaje" pubblicata l'anno successivo alla morte.
Una poesia messa in musica da Héctor Numa Moraes, compositore e cantante uruguayo, nel suo album del 1971 intitolato "La Patria, compañero"
Nel 1977 la poesia fu tradotta in svedese da Sten Källman e Gunnar Eriksson ed interpretata dal celebre Göteborgs Kammarkör nel disco "Sjunger Av Sig Själv"

Il 15 maggio del 1963, Rodrigo Machado – questo era il nome di battaglia di Javier Heraud – insieme ad alcuni compagni fu fermato da una pattuglia della polizia a Puerto Maldonado. Riuscirono a scappare sparando ma Javier Heraud ed altri tre furono intercettati qualche ora dopo mentre cercavano di allontanarsi su di una barca lungo il río Madre de Dios.
Furono crivellati di colpi.
Javier Heraud aveva 21 anni.
Porque mi patria es hermosa
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 19/5/2019 - 14:51
Video!

Milonga de las Patriadas

[1970]
Versi di Washington «Bocha» Benavides (1930-2017), poeta uruguayo, scomparso lo scorso settembre.
Musica di Héctor Numa Moraes (1950-), cantautore e chitarrista, anche lui come Benevides originario del dipartimento uruguayo di Tacuarembó.
Interpretata da Alfredo Zitarrosa nel suo album “Coplas del canto” del 1971.
Testo trovato su Cancioneros.com

Una canzone che racconta della sanguinosissima guerra civile uruguaya del 1904, simile per motivazione di fondo a quella americana, l’imporsi della cultura urbana su quella rurale, del capitalismo sul caudillismo.

Masoller è il nome della località teatro della battaglia definitiva, il 1 settembre del 1904, nel corso della quale Aparicio Saravia, il leader dei blancos, fu ferito a morte e i colorados di José Batlle y Ordóñez ebbero la meglio.
A quel conflitto fratricida presero parte tra i 40 e i 50 mila uomini, su di una popolazione totale che allora non superava il milione di abitanti...
Dime cuántos murieron en Masoller,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/10/2017 - 15:09

Sin música

‎[1975-76]‎
Scritta da Daniel Viglietti ed Héctor Numa Moraes ‎
Testo trovato su Cancioneros.com‎

Una canzone in memoria di ‎‎Jorge ‎Salerno, di Benjamín Cordeiro, dei ‎‎guerriglieri fucilati a Trelew, di Víctor Jara e degli ‎‎operai in sciopero massacrati a ‎Iquique. ‎



Jorge Salerno è stato un giovane militante del Movimiento de Liberación Nacional-Tupamaros ‎uruguayano. Morì con altri due compagni l’8 ottobre 1969 in uno scontro fuoco con la polizia ‎durante le fasi concitate della cosiddetta “Toma de Pando”, quando i Tupamaros si produssero in ‎un’azione militare in grande stile occupando seppur brevemente una cittadina a pochi chilometri da ‎Montevideo. Per l’organizzazione fu un successo solo dal punto di vista dimostrativo perché, oltre ‎alle perdite subite, parecchi militanti furono catturati.‎

Benjamín Cordeiro, più noto come Benjo Cruz, è stato un cantautore argentino che... (continua)
Si pudiera recorrer las venas hacia atrás,
(continua)
inviata da Bernart 11/4/2013 - 09:53

Pobre señor

Testo di Mario Benedetti, dalla raccolta di poesie “Letras de emergencia, 1969-1973” (1973).

Eventualmente per il percorso inaugurato da Riccardo Scocciante sulla “Violenza sui Primi Ministri”…
Pobre señor presidente
(continua)
inviata da Alessandro 9/12/2009 - 12:33




hosted by inventati.org