Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore The Band

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Ottavo chilometro

Esiste una versione ancora poco conosciuta di "Ottavo chilometro". Una versione forse ancora più intensa e realizzata per un progetto particolare.
Alle 04:00 di mattina del 20 maggio 2012, e più di una settimana dopo, alle 09:00 del 29, una serie di scosse sismiche con epicentro nella provincia di Modena hanno modificato per sempre la fisionomia dell’Emilia, procurando danni, vittime, feriti e macerie in numero incalcolabile. Quattro anni più tardi, molti obiettivi della ricostruzione ancora debbono essere raggiunti: diversi centri storici, per dire, sono a tutt’oggi quasi completamente nascosti dietro impalcature e ponteggi, e l’emergenza abitativa, per centinaia di famiglie, è lungi dall’essersi riassorbita. Se la distruzione di edifici, fabbricati, monumenti, chiese e strade rappresenta l’effetto più visibile del terremoto di allora, non meno critica, per il territorio e i suoi residenti,... (continua)
dq82 22/9/2016 - 15:29
Video!

Brand New Day

[1970]
Parole e musica di Van Morrison
Nell’album intitolato “Moondance”

Una canzone che Morrison scrisse dopo aver ascoltato in radio “The Weight” di Robbie Robertson e The Band e/o I Shall Be Released di Dylan, sempre nella versione de The Band.
“Brand New Day” è una delle canzoni più famose di Morrison e fu riproposta da parecchi artisti, fra i quali Miriam Makeba che nel 1970 la dedicò al Sudafrica straziato dall’Apartheid, nell’album “Keep Me in Mind”
When all the dark clouds roll away
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 20/11/2015 - 10:54
Video!

Poor Old Dirt Farmer

‎[1966]‎
Album “Dirt Farmer” del 2007.‎
Scritta nel 1966 da Tracy Schwarz, uno dei più grandi ‎violinisti bluegrass e old time music americani, che la incise in seguito con molte formazioni, come ‎gli Strange Creek Singers (1969), Les Quatre Vieux Garçons (1984) e anche con i New Lost City ‎Ramblers di Mike Seeger.‎

‎Avrei quindi potuto e dovuto attribuire questo brano al suo autore, Tracy ‎Schwarz, ma così ho invece il pretesto per salutare un altro grande artista che ci ha lasciati da poco, ‎Mark Lavon "Levon" Helm.‎

Levon Helm. polistrumentista statunitense, è assai noto per essere stato il batterista de The ‎Band, la formazione che accompagnò Dylan nei tour del 1965, 1966 e 1974 e nella ‎registrazione di “Self Portrait”, “Planet Waves” e “The Basament Tapes”. Helm condivise entrambe ‎le stagioni di The Band, quella “dylaniana” dal 1964 al 1976 (quando il gruppo si sciolse con un ‎mitico... (continua)
Oh the poor old dirt farmer, he's lost all his corn
(continua)
inviata da Bartleby 8/5/2012 - 09:04
Downloadable! Video!

Ain't No More Cane on the Brazos

[1933]
Album “The Tin Angel/ Odetta & Larry”, con Larry Mohr (1954)
Raccolta da John e Alan Lomax dalla voce di Ernest Williams, James "Iron Head" Baker e di altri prigionieri della Central State Farm di Sugarland, Texas.
Testo trovato su American Ballads and Folk Songs, trascrizione on-line dell’intero omonimo volume dei fratelli Lomax

Ho attribuito ad Odetta questa prison song texana risalente agli anni 30 perchè, a differenza di quanto comunemente si ritiene, la canzone non fa parte del repertorio di Leadbelly. A parte la registrazione originale, l’incisione più risalente nel tempo mi pare quindi quella di Odetta, seguita poi da molti altri e in molte versioni differenti, da Bernice Reagon a Guy Carawan, da Lonnie Donegan al Chad Mitchell Trio passando per Bob Dylan & The Band, da Ian Gillan ai Son Volt, dai Black Crowes a Lyle Lovett e altri ancora.
Riporto quindi per primo... (continua)
It ain' no mo' cane on de Brazis,
(continua)
inviata da Bartleby 8/11/2010 - 16:40
Video!

The Auld Triangle

Composta da Dominic Behan per l’opera teatrale “The Quare Fellow”, scritta nel 1954 dal fratello Brendan e presentata per la prima volta a Dublino nel 1956.
La canzone è inclusa anche nell’LP “Brendan Behan Sings Irish Folksongs and Ballads”, Spoken Arts Records, 1985



I fratelli Dominic e Brendan Behan furono scrittori e drammaturghi ma, soprattutto, militanti repubblicani e socialisti. Il primo fu addirittura uno dei “dodici apostoli” di Michael Collins, eroe della resistenza irlandese contro gli inglesi. Il secondo ebbe un minore rilievo politico ed artistico, ma solo a causa della sua prematura scomparsa perché – come lui stesso disse – “I’m a drinker with writing problems"
Entrambi comunque conobbero la lotta, il sangue, la prigionia, e di questo scrissero nelle loro opere.

In “The Quare Fellow” – letteralmente “Lo strano compagno”, tradotto in italiano come “L’impiccato di domani”... (continua)
Act 1:
(continua)
inviata da Alessandro 23/2/2010 - 14:50
Video!

Acadian Driftwood

Words and music by Robbie Robertson

da Northern Lights - Southern Cross (1975)

La canzone racconta la deportazione delle popolazioni francesi della regione dell'Acadia (che comprende le attuali province marittime del Canada,Nuova Scozia, New Brunswick, Isola del Principe Edoardo e parte del Quebec) a seguito della guerra tra Francia e Inghilterra.
Alcuni Acadiani furono costretti ad emigrare verso le colonie inglesi della costa orientale del Nordamerica, altri furono imprigionati in Inghilterra. Le famiglie furono spesso separate. Molti morirono d'epidemia o di privazioni durante l'esodo. Dopo il trattato di Parigi del 1763 alcuni acadiani partirono verso la colonia francese della Louisiana (dove diventarono i fondatori della cultura cajun) ea altri si rifugiarono in Francia, soprattutto a Belle-Île-en-Mer.

Il testo è ispirato al poema "Evangeline" di Henry Wadsworth Longfellow.

È stata... (continua)
The war was over and the spirit was broken
(continua)
inviata da Lorenzo Masetti su segnalazione di marcy 19/7/2007 - 16:42
Video!

Another Brick In The Wall Part I

Dall'album / From the album "The Wall" (1979)

Il primo mattone nel muro che Pink costruisce è il primo evento tragico che segna la sua vita: il padre che parte per la guerra lasciando solo un ricordo.
The first brick in the wall is the first bad experience in Pink's life: the father who goes to war "leaving just a memory".


THE WALL

L'idea di base dell'album e la maggior parte delle canzoni sono di Waters. Nell'album è raccontata la vita di un anti-eroe chiamato Pink (Floyd) che è martellato e maltrattato dalla società fin dai primissimi giorni della sua vita: avendo perso il padre (ucciso ad Anzio durante la Seconda Guerra Mondiale, proprio come il padre di Roger Waters), viene soffocato da una madre iperprotettiva e oppresso a scuola da insegnanti dispotici che cercano di plasmare lui e gli altri allievi in modo da renderli "normali", "adatti" e "utili" alla societa. Pink si rifugia... (continua)
Daddy's flown across the ocean
(continua)
29/8/2005 - 21:24
Video!

Mother

Dall'album/ From the album "The Wall" (1979)

Per un'introduzione all'album, vedi Another Brick In The Wall Part I
For an introduction to the album, see Another Brick In The Wall Part I

Un'approfondita analisi di questa canzone e di tutto l'album si trova su THE WALL - A complete analysis

È una splendida ballata acustica con il tempo "rubato" della chitarra e con preziosi innesti "bucolici" di organo. La canzone è centrata sulla figura materna, fondamentale in tutto lo sviluppo della storia. Una madre iperprotettiva che segnerà l'esistenza di Pink impedendogli di trovare l'indipendenza, la maturità e la capacità per gestire la propria esistenza senza condizionamenti.
(Sigfrido Menghini, da Onda Rock)

Nell'album di Roger Waters "The Wall - Live in Berlin" del 1990 la canzone è interpretata da Sinead O' Connor con The Band. Alla fisarmonica Garth Hudson.

Mother do you think they'll drop the bomb?
(continua)




hosted by inventati.org