Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Lingua Portoghese

Rimuovi tutti i filtri
Video!

A que morreu às portas de Madrid

[ 1976 ]
Poesia di / Poema de / A poem by / Poème de Reinaldo Ferreira /n runo
Musica / Música / Music / Musique / Sävel: António Pedro Braga
Album / Albumi: K7 Rio de Janeiro

Reinaldo Ferreira jr era nato a Barcellona il 20 marzo 1922, figlio dell'omonimo e famoso giornalista portoghese che si firmava “Reporter X”. Il figlio ebbe una vita breve e sfortunata: morì per un cancro ai polmoni all'età di 37 anni, il 30 giugno 1959, a Maputo (allora Lourenço Marques), in Mozambico, dove aveva vissuto gran parte della sua vita, e senza aver messo quasi mai piede in Portogallo; dalla Spagna era venuto via nel 1941. In vita aveva pubblicato pochissime poesie, su giornali locali o riviste artistiche; per sopravvivere, perlopiù adattava radiodrammi. Si fece conoscere come paroliere di canzonette celebri, tra le quali una delle più famose canzoni portoghesi di tutti i tempi, Uma casa portuguesa (scritta... (continua)
A que morreu às portas de Madrid,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/1/2021 - 18:50
Video!

Canção para desfazer equívocos

[1970]
Letra e música / Parole e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel: António Pedro Braga
Album / Albumi: António Braga - 1970 (Movieplay SON 100.008)


Nato a Vendas Novas, António Pedro Braga fu, durante gli ultimi anni della dittatura fascista portoghese, un cantautore impegnato i cui spettacoli a fianco di cantautori come José Afonso, Adriano Correia de Oliveira e altri, furono più incisive nell'ambiente studentesco e delle associazioni ricreative del centro e del sud del Paese. Si è dedicato anche al teatro ("O racismo não existe").
In quel periodo incise due dischi (sottoposti a censura); nel primo di essi, dalla quale è tratta anche questa canzone, si trova un'intepretazione della canzone di Luis Cília, "O menino negro não entrou na roda" (lato A, traccia 2). Attualmente António Pedro Braga è tecnico informatico. [CCG/AWS Staff]

António Pedro Braga... (continua)
Irmão, irmão doutra cor,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/1/2021 - 10:19
Video!

Che vita meravigliosa

QUE VIDA MARAVILHOSA
(continua)
30/12/2020 - 00:31
Video!

Bang bang

2019
Não Há Abismo Em Que o Brasil Caiba
A bala perdida
(continua)
inviata da Dq82 16/12/2020 - 19:14
Downloadable! Video!

Marielle Franco

2019
Não Há Abismo Em Que o Brasil Caiba
Uma força furiosa me impele a gritar
(continua)
inviata da Dq82 16/12/2020 - 19:07
Downloadable! Video!

Rojava

2020
Arquivos Vol. 3
Território em bombardeio letal
(continua)
inviata da Dq82 7/12/2020 - 18:35
Percorsi: Dal Kurdistan
Video!

Canto para atabaque

Una poesia di Carlos Marighella (1911-1969), rivoluzionario marxista, guerrigliero, scrittore e poeta brasiliano, trucidato dalla polizia della dittatura.
Tutte le poesie di Carlos Marighella sono raccolte in "Poemas: rondó da liberdade", 1994.
Testo trovato su Portal Geledés

Su Marighella si vedano anche Um Comunista e Mil faces de um homem leal (Marighella)
Di Marighella si veda anche Canto da terra e Rondó da liberdade

L'atabaque è un tamburo afro-brasiliano tipicamente usato per accompagnare i combattenti nella Capoeira, i danzatori nel Maculelê e nelle funzioni delle religioni Candomblé e Umbanda.
Ei bum!
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 21/11/2020 - 21:41

Rondó da liberdade

[1939]
Una poesia di Carlos Marighella (1911-1969), rivoluzionario marxista, guerrigliero, scrittore e poeta brasiliano, trucidato dalla polizia della dittatura.
Testo trovato su Revista Prosa Verso e Arte

Su Marighella si vedano anche Um Comunista e Mil faces de um homem leal (Marighella)
Di Marighella si veda anche Canto da terra

Tutte le poesie di Carlos Marighella sono raccolte in "Poemas: rondó da liberdade", 1994.

"Non bisogna aver paura..."

Dopo che Carlos Marighella, nemico pubblico n. 1 del regime, fu fucilato in una vera e propria imboscata, il suo corpo fu sepolto a San Paolo in un cimitero per indigenti. Solo 10 anni dopo Marighella ebbe degna sepoltura nella sua città natale, Salvador. La lapide gliela fece il grande architetto Oscar Niemeyer. L'epitaffio è "Não tive tempo para ter medo".
É preciso não ter medo,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 19/11/2020 - 21:41

Canto da terra

Una poesia di Carlos Marighella (1911-1969), rivoluzionario marxista, guerrigliero, scrittore e poeta brasiliano, trucidato dalla polizia della dittatura.
Testo trovato su Revista Prosa Verso e Arte

Su Marighella si vedano anche Um Comunista e Mil faces de um homem leal (Marighella)

Non so l'anno di composizione di questa poesia, probabilmente la fine degli anni 30.
Tutte le poesie di Carlos Marighella sono raccolte in "Poemas: rondó da liberdade", 1994.
La raccolta prende il nome dalla sua poesia forse più famosa e programmatica, che vado a contribuire quanto prima.
A terra tem tudo
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 19/11/2020 - 21:16
Downloadable! Video!

Maria Moita

[1963]
Letras e música de Carlos Lyra e Vinícius de Moraes
Álbum: Nara [1964]

Do primeiro álbum "Nara" uma poesia que revela bem o pensamento discriminatório em relação a mulher. Se comparado com tempos idos, grandes mudanças aconteceram. E a cada dia pode melhorar. Mas também pode retroceder. Essa é a disputa que está sempre em jogo em nossa sociedade..
Nasci lá na Bahia
(continua)
inviata da giorgio 25/10/2020 - 18:20
Video!

Aquarela

Aquarela
[ 1983 ]

Letras e musicas / Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
Toquinho

Album: Aquarela

Aquarela fu composta prima dell’era del single thought, delle fictions obbligatoriamente a lieto fine, dei reality che tutto sono tranne che il tentativo di raccontare la realtà. Andando oltre la prima lettura, la canzone non è una melassa rasserenante, è un modo di usare l’immaginazione, quella vera, quella che porta con sé il desiderio cogente di cambiare. Non tragga in inganno la scorrevolezza delle parole che inseguono la cinematica del lapis.
Infine un avviso per i lettori più giovani arruolati nel villaggio globale: il virtuale, filiazione dei compounds digitali, è altra cosa.

[Riccardo Gullotta]
Numa folha qualquer
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 14/10/2020 - 13:32
Percorsi: Liberi uccelli
Downloadable! Video!

Ballad of Ho Chi Minh

Gavrilo (L. Trans.)
A balada de Ho Chi Minh
(continua)
inviata da L'Anonimo Toscano del XXI secolo 7/9/2020 - 11:57
Video!

A morte devagar [Le onde]

A morte devagar [Le onde]
[ 2000 ]

Poesia / A Poem by / Poème / Runo :
Martha Medeiros

Musica / Music / Musique / Sävel:
Ludovico Einaudi

Album:Le onde [1996]

La poesia è stata a lungo attribuita a Pablo Neruda. In realtà è della giornalista brasiliana e scrittrice Martha Medeiros.
Martha Medeiros e Ludovico Einaudi parlano alle corde dell’emozione prima che al pensiero, l’una con immagini nude, quotidiane e perciò di una potenza dirompente, l’altro facendo vibrare le corde del pianoforte in sintonia con le immagini e i chiaroscuri dell’animo dell’ascoltatore. Non invadono, non insistono.
Una sollecitazione la si può percepire forte e chiara: chi vuole allontanare gli spettri della guerra non può prescindere da questi messaggi che nella loro semplicità raggiungono gli anfratti dell’Io.

Nota testuale

La versione che segue è l’originale di Martha Medeiros per contenuto e forma.... (continua)
Morre lentamente quem não troca de idéias, não troca de discurso, evita as próprias
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 5/7/2020 - 15:20
Video!

Liberdade

[1974]
Parole e musica / Letra e música / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel: Sérgio Godinho
Album / Albumi: À queima roupa

1974: in una breve canzone scritta all'immediato indomani della fine di una lunga dittatura, Sérgio Godinho enumera alcune semplicissime cose che formano la vera Libertà per un popolo. Era una dittatura fascista durata quasi cinquant'anni (quarantotto, per la precisione), e -pur con il rispetto che provo in generale per gli storici (non tutti, debbo dire)- non capisco, e non voglio capire, tutte le “sottili distinzioni” relative alla dittatura portoghese: “dittatura reazionaria più che fascista”, “dittatura autoritaria” (si è mai vista una dittatura non autoritaria?), “dittatura colonial-clericale”, “dittatura corporativista” e via discorrendo. Terminò, si pensì un po', un venticinque d'aprile. In generale, dei venticinque d'aprile io tendo ad... (continua)
A paz, o pão, habitação, saúde, educação...
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 28/4/2020 - 09:59
Video!

Rosalinda, ou Se tu fores ver o mar

[1977]
Letra e música/ Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel: Fausto
Album / Albumi: Madrugada dos trapeiros

Fausto è stato senz'altro il più lirico dei cantautori portoghesi della sua epoca, al contempo partecipando attivamente al “PREC”, il “Processo Revolucionário Em Curso”, il periodo confuso, contraddittorio e pieno di slanci susseguente alla Rivoluzione dei Garofani del 25 aprile 1974, a fianco di José Afonso, di Adriano Correia de Oliveira, di José Mário Branco, di Vitorino e di molti altri grandi artisti portoghesi. Alcuni suoi testi furono interpretati da José Afonso; a sua volta, produsse dopo il 1975 alcuni album del suo maestro. Nella musica di Fausto si avvertivano influenze africane (certamente non ignote neppure a José Afonso); sulle sue composizioni si innestava la sua voce assai melodiosa. La canzone “Rosalinda”, che qui presentiamo,... (continua)
Rosalinda
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 23/4/2020 - 20:42
Downloadable! Video!

Lampedusa

2019
Geral
Camisas floridas
(continua)
inviata da Dq82 21/4/2020 - 19:10
Downloadable! Video!

义勇军进行曲

Traduction portugaise / Portugalinkielinen käännös:
wiki
MARCHA DOS VOLUNTÁRIOS
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 12/4/2020 - 20:58
Downloadable! Video!

Na Rua António Maria

[1970]
Parole e musica di José Afonso
Una canzone inedita, eseguita solo dal vivo nel corso di un concerto alla Maison de la Mutualité a Parigi il 10 novembre 1970.
Testo trovato su Avante!
Ripresa da Sérgio Godinho in "Liberdade ao vivo" del 2014

Quel giorno stesso, agenti della PIDE spararono sui manifestanti, uccidendone quattro.

Un testo difficile, che non so comprendere fino in fondo...
So solo che:
- si tratta di un'invettiva contro la PIDE, la feroce polizia politica del regime salazarista, che aveva la sua sede centrale a Lisbona in via António Maria Cardoso;
- è dedicata a Maria da Conceição Matos, classe 1936, militante comunista clandestina, arrestata più volte e ripetutamente torturata dalla PIDE, così come il suo compagno Domingos Abrantes.
Na Rua António Maria
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/4/2020 - 21:44
Downloadable! Video!

Coronavírus vs. Bolsonaro

2020
Coronavírus vs. Bolsonaro
Não há sossego para o pobre
(continua)
inviata da Dq82 19/3/2020 - 16:25
Downloadable! Video!

Maria

[1976]
Música e letra de José Júlio Gonçalves
Testo / Lyrics / Paroles / Sanat: José Júlio Gonçalves
Album / Albumi :Pois Canté

Il testo originale è stato trascritto all'ascolto diretto.
Original Portuguese lyrics transcribed by direct listening.
Lado a lado com teu homem
(continua)
inviata da Adriana (con qualche contributo di RV) 9/3/2020 - 09:28
Video!

À flor da vida (à memória de José Dias Coelho)

[1966]
Versi del poeta Francisco Viana, nella sua raccolta del 1966 intitolata Chão nosso
Musica del gruppo Trovante
In "Chão nosso" (1977), album d'esordio di questa band portoghese, attiva tra il 1976 e i primi anni 90.
Testo trovato su Rockol

José Dias Coelho (1923-1961) è stato un importante pittore e scultore portoghese. Antifascista, militante e dirigente del Partito Comunista, nel 1961 fu assassinato a Lisbona da agenti della polizia politica del regime di Salazar.
Si veda anche A morte saiu à rua di José Afonso.
À flor da vida
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/2/2020 - 21:13
Video!

Alto e bom som

[1966]
Versi del poeta Francisco Viana, nella sua raccolta del 1966 intitolata Chão nosso
Musica del gruppo Trovante
In "Chão nosso" (1977), album d'esordio di questa band portoghese, attiva tra il 1976 e i primi anni 90.
Testo trovato su LyricWiki
Alto e bom som
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/2/2020 - 20:30
Video!

Chão nosso

[1966]
Versi del poeta Francisco Viana, la poesia che intitola la sua raccolta del 1966
Musica del gruppo Trovante
In "Chão nosso" (1977), album d'esordio di questa band portoghese, attiva tra il 1976 e i primi anni 90.
Chão nosso
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/2/2020 - 20:07
Downloadable! Video!

Elles sont venues pour dire

dal libretto del CD. Traduzione fornitaci gentilmente dalla stessa Mara Cantoni
VIERAM PARA DIZER
(continua)
2/1/2020 - 23:39
Downloadable! Video!

Do que um homem é capaz

[2004]
Album: Resistir É Vencer
Do que um homem é capaz
(continua)
inviata da adriana 30/11/2019 - 11:31
Downloadable! Video!

Hakmarrje rini

anonimo
Uma voz está se erguendo
(continua)
inviata da Dq82 19/11/2019 - 14:46
Downloadable! Video!

Meu Homem (Carta a Nelson Mandela)

1988
Alma do Brasil
Meu homem
(continua)
inviata da Dq82 6/11/2019 - 14:04
Downloadable! Video!

Coração civil

Era il 1981. “Coração Civil” era la nona traccia dell’album “Caçador de mim“.
Milton Nascimento la compose a quattro mani con il poeta Fernando Brant, suo complice nella scrittura di oltre 200 canzoni che sono parte integrante della Música Popular Brasileira. Fernando e Milton, erano i Mogol/Battisti della MPB ed erano molto di più. Insieme con un collettivo di artisti che comprendeva, tra gli altri Lô e Márcio Borges, Wagner Tiso, Beto Guedes, Flávio Venturini e Toninho Horta, fondarono a Belo Horizonte (capitale di Minas Gerais) un movimiento musicale che prese il nome di “O Clube da Esquina“, il club dell’angolo. Erano gli anni ’60, in parallelo con i tropicalisti (Caetano Veloso, Gilberto Gil, Gal Costa, Tom Zé, Nara Leão, Rita Lee e Os Mutantes, Jorge Bem, Maria Bethânia…) la musica in Brasile stava cambiando.

“Nada ficou como antes“, niente restó come prima in quell’enorme federazione... (continua)
Quero a utopia, quero tudo e mais.
(continua)
inviata da Gaetano 'Aitan' Vergara 17/10/2019 - 06:50
Downloadable! Video!

Guerra colonial

[1990]
Nell'album eponimo d'esordio di questa punk band portoghese, attiva tra il 1988 ed il 1994.


"Sejam quais forem as dificuldades que se nos deparem no nosso caminho e os sacrifícios que se nos imponham a vencê-las, não vejo outra atitude que não seja a decisão de continuar. Esta decisão é imperativo da consciência nacional que eu sinto em uníssono com os encarregados defender lá longe pelas armas a terra da Pátria. Esta decisão é-nos imposta por todos quantos, brancos, pretos ou mestiços, mourejando, lutando, morrendo ou vendo despedaçar os seus, autenticam pelo seu mesmo martírio que Angola é terra de Portugal.
António de Oliveira Salazar - O Ultramar Português e a ONU. Discurso proferido na sessão extraordinária da Assembleia Nacional, em 30 de Junho de 1961
Os soldados todos em formação
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 18/9/2019 - 21:48
Downloadable! Video!

Saga da Amazônia

Elomar, Vital Farias, Geraldo Azevedo e Xangai
Era uma vez na Amazônia, a mais bonita floresta
(continua)
inviata da Silva 9/9/2019 - 15:10
Video!

Bate mais

(2018)
Album PEDRA PRETA

I Teto Preto (li trovo segnalati da Internazionale) sono un gruppo brasiliano che rappresenta tutto quello che il presidente Bolsonaro odia: mettono insieme bianchi, neri, femministe e gay. La musica della band è un mix di industrial, rock e elettronica impregnato di tradizione brasiliana. Questo brano è dedicato a Marielle Franco e celebra la forza delle donne.
Querem me ver no chão
(continua)
21/7/2019 - 12:34
Downloadable! Video!

Reconvexo

(1989)

Parole e musica di Caetano Veloso
Prima interpretazione della sorella di Caetano, Maria Bethânia nel disco Memória Da Pele e in vari dischi dal vivo
Incisa dal suo autore dal vivo in Multishow Ao Vivo Abraçaço del 2013

Reconvexo, questa stupenda canzone di Caetano, ma da sempre interpretata dalla sorella Maria Bethânia, è un bellissimo inno alla diversità, alla multiculturalità, una riflessione sulla fragilità delle frontiere del cosiddetto "Occidente".
Parla dei limiti del marchio culturale europeo, puro, contrapposto al miscuglio che ha dato vita alla cultura dell'America colonizzata. Reconvexo ci ricorda che la purezza europea è limitata e ignorante quando pretende di separarsi da tutto ciò che considera impuro, il resto del mondo.

"La pioggia che lancia la sabbia del Sahara sopra le automobili di Roma" non solo provoca disagi, ma ricorda all'Europa che l'Africa è vicinissima,... (continua)
Eu sou a chuva que lança a areia do Saara
(continua)
inviata da Lorenzo 20/7/2019 - 16:47

José Saramago: Os inquiridores

[1966]
Poesia di José Saramago
Um poema de José Saramago
A poem by José Saramago
Poème de José Saramago
José Saramagon runo
1966, Poemas Possíveis

Come si sa, José Saramago ha scritto anche le Poesie possibili (Poemas possíveis). Furono pubblicate nel 1966 dalla Portugália Editora, due anni prima dell'incidente domestico (pare si trattò di una caduta in vasca da bagno) che portò alla morte il dittatore Salazar. Alcune delle Poesie Possibili di Saramago sono state messe in musica e cantate da Manuel Freire; qui abbiamo Ouvindo Beethoven, quella, famosa, del Giorno delle Sorprese (che sarebbe arrivato di lì a qualche anno, esattamente otto, il 25 aprile 1974; e fu una sorpresina niente male). La presente Poesia Possibile, invece, non mi risulta essere mai stata messa in musica da nessuno; ma poiché sono stato smentito tante e tante di quelle volte, chissà che non lo sia stata anche questa.... (continua)
Está o mundo coberto de piolhos:
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 29/5/2019 - 11:07
Downloadable! Video!

Canção da terra

[1964]
Scritta da Edu Lobo e Ruy Guerra
Nell'album d'esordio di Nara Leão, intitolato semplicemente "Nara"
Olorum dê
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/4/2019 - 23:03
Downloadable! Video!

Pequenos deuses caseiros

[1974]
Versi dello scrittore e poeta portoghese Sidónio Muralha (1920-1982), nella raccolta "Poemas de Abril", pubblicata nel 1974
Musica di Manuel Freire, nel suo album del 1993 intitolato "Pedra filosofal".
Pequenos deuses caseiros
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/4/2019 - 22:42
Downloadable! Video!

Acqua

Il testo della canzone originale di Djavan dove però manca il riferimento alla guerra
ÁGUA
(continua)
24/3/2019 - 23:14
Downloadable! Video!

História pra ninar gente grande

2019

«Mio caro/nero Brasile lascia che ti racconti / La storia che la storia non racconta / Il rovescio dello stesso luogo / È nella lotta che ci troviamo». Comincia con queste parole il nuovo samba vincitore del titolo di campione del Carnevale di Rio 2019 e che già metà ottobre dell’anno scorso la Estação Primeira de Mangueira aveva deciso che avrebbe presentato a febbraio e marzo 2019 nel Sambódromo “Marquês de Sapucaí“ di Rio de Janeiro. Il titolo è significativo: “História pra ninar gente grande”, ossia “Storia per cullare persone grandi” ed ha visto la collaborazione di sei autori: Danilo Firmino, Deivid Domênico, Mamá, Márcio Bola, Ronie Oliveira, Tomaz Miranda. Quest’ultimo aveva presentato il samba con queste parole: «Siamo stati scelti a Mangueira per onorare la memoria di Marielle Franco e dell’autista Anderson Gomes e per cantare tutta la lotta che deve ancora venire». La notte... (continua)
Brasil, meu négo
(continua)
inviata da Dq82 9/3/2019 - 23:05
Downloadable! Video!

Anche per te

Anonimo Toscano del XXI Secolo, 7-2-2019 01:14


Três mulheres, três histórias, três últimas.
Uma freira, uma prostituta, uma mãe solteira.
Três presas nas cadeias do mundo.


...Uma canção com valor metafórico. Quizá.

PARA VOCÊ TAMBÉM
(continua)
7/2/2019 - 01:15
Downloadable! Video!

Not in Nottingham

Cada lugar, tem os seus dias maus
(continua)
inviata da Dq82 5/1/2019 - 13:16
Video!

Enquanto seu lobo não vem

[1968]
Scritta da Caetano Veloso
Nell'album "Tropicália ou Panis et Circencis"
Featuring Gal Costa e Rita Lee

Nei giorni scorsi Caetano Veloso ha condiviso su Spotify una lista di canzoni, sue e di altri. L'ha chiamata "Política" e l'obiettivo espresso è quello di opporsi a Bolsonaro, il presidente neoeletto, e ai fantasmi di sangue e di morte che si porta appresso... "Bisogna stare attenti, bisogna essere forti, non abbiamo tempo per aver paura della morte..."

"La nazione più triste, nella sua stagione più putrida, è facilmente rappresentata da gruppi di massacratori...”
Vamos passear na floresta escondida, meu amor
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/11/2018 - 21:15
Video!

O cu do mundo

[1991]
Scritta da Caetano Veloso
Nell'album "Circuladô"

Nei giorni scorsi Caetano Veloso ha condiviso su Spotify una lista di canzoni, sue e di altri. L'ha chiamata "Política" e l'obiettivo espresso è quello di opporsi a Bolsonaro, il presidente neoeletto, e ai fantasmi di sangue e di morte che si porta appresso... "Bisogna stare attenti, bisogna essere forti, non abbiamo tempo per aver paura della morte..."

"La nazione più triste, nella sua stagione più putrida, è facilmente rappresentata da gruppi di massacratori...”
O furto, o estupro, o rapto pútrido
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/11/2018 - 20:52
Downloadable! Video!

Divino, maravilhoso

[1968]
Scritta da Caetano Veloso e Gilberto Gil
Portata al successo da Gal Costa, nel suo album "Gal Costa" del 1969

Nei giorni scorsi Caetano Veloso ha condiviso su Spotify una lista di canzoni, sue e di altri. L'ha chiamata "Política" e l'obiettivo espresso è quello di opporsi a Bolsonaro, il presidente neoeletto, e ai fantasmi di sangue e di morte che si porta appresso... "Bisogna stare attenti, bisogna essere forti, non abbiamo tempo per aver paura della morte..."

"Naquela época convivia com todo o ambiente tropicalista. Só falávamos dos movimentos novos que surgiam no mundo. Gil ouvia Hendrix o dia inteiro. Janis Joplin não saia da minha cabeça. Aquele som, aquele rasgo de voz foi me tomando de uma forma que criou em mim uma necessidade de fazer alguma coisa diferente do que eu acreditava, de tudo o que já fizera e de como eu entendia a música até então. Eu era muito radical, gostava... (continua)
Atenção ao dobrar uma esquina
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/11/2018 - 20:17
Downloadable! Video!

Ele Não

(2018)

Inno delle "Mulheres unidas contra Bolsonaro", le donne che si oppongono al candidato fascista alle elezioni presidenziali in Brasile.
Ele é o olho roxo
(continua)
28/10/2018 - 23:06
Downloadable! Video!

Bella Ciao

anonimo
18d. Ele não (Version sung by Brazilian women against Jaír Bolsonaro - Flávia Ferreira Simão and Simone Soares)

"Ele não - versione delle donne brasiliane contro Bolsonaro, candidato fascista alla presidenza del Brasile." Così recita la breve nota preposta a questa versione. Tutti sappiamo purtroppo com'è andata: Jaír Bolsonaro è attualmente il presidente fascista del Brasile. Ma la lotta continua.

"Ele não - versão das mulheres brasileiras contra Bolsonaro, candidato fascista à presidência do Brasil." Assim a breve nota que acompanha esta versão. Todos sabemos como acabou: Jaír Bolsonaro é agora o presidente do Brasil. A luta continua.

Una delle autrici, Flávia Simão, ci informa che la versione è stata composta da lei stessa e da Simone Soares per il Movimento “Mulheres Unidas Contra Bolsonaro” nella città di Divinópolis, Minas Gerais, Brasile, il 18 settembre 2018. Ringraziamo Flávia... (continua)
ELE NÃO
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 28/10/2018 - 13:39
Downloadable! Video!

Ouro desça do seu trono!

[anni 20 o 30]
Un samba composto da Paulo Benjamin de Oliveira (1901-1949), detto Paulo da Portela – dal nome della strada di Rio de Janeiro dove abitava – importante sambista attivo tra il 1920 ed il 1940.

L'interpretazione più celebre di questo samba è quella di Antônio Candeia Filho (1935-1978), detto semplicemente Candeia, incisa in "Axé - Gente Amiga do Samba", ultimo suo disco prima di morire prematuramente, in ancor più giovane età dell'autore del brano.

Testo trovato sul blog A casa de vidro di Eduardo Carli de Moraes
Ouro desça do seu trono!
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/10/2018 - 21:59
Downloadable! Video!

Zé do Caroço

[1978]
Parole e musica di Leci Brandão
Nel suo album "Leci Brandão" pubblicato nel 1985

José Mendes da Silva è vissuto in una favela di Rio de Janeiro, o Morro do Pau da Bandeira. Credo di mestiere abbia fatto il vigile urbano, ma andò in pensione molto presto per via del suo stato di salute. Soffriva infatti di una malattia che gli causava grossi lividi sul corpo, tanto da meritarsi il suo soprannome, Zé do Caroço, dove caroço sta per livido, botta.
Ma per tutta la vita – è morto nel 2000 - Zé do Caroço le botte le prese soprattutto dalla polizia, perchè lui dalla sua casa del Morro do Pau da Bandeira conduceva una personale ed originale battaglia contro la dittatura e per svegliare la coscienza della sua gente, addormentata dalla repressione e dalle telenovelas. Così, proprio negli orari in cui la tv trasmetteva gli sceneggiati più seguiti, Zé do Caroço, si attaccava ad un microfono... (continua)
Lelelelê Lelelelelelelelelê
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 12/10/2018 - 17:39
Downloadable! Video!

Até quando esperar

[1985]
Scritta da Philippe Seabra, André X e Gutje
Canzone che apre "O Concreto Já Rachou", l'album d'esordio di questa punk rock band da Brasilia
Não é nossa culpa nascemos já com uma bênção
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 9/10/2018 - 13:06
Downloadable! Video!

Marcha da Quarta-Feira de Cinzas

[1963]
Parole di Vinicius De Moraes
Musica di Carlos Lyra
Nell'album di Carlos Lyra intitolato "Depois do Carnaval"
Resa un successo nell'interpretazione di Nara Leão nel 1964

Una canzone premonitrice, composta poco prima dell'avvento della dittatura militare che avrebbe funestato il Brasile fino alla metà degli anni 80...
Acabou nosso carnaval
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/10/2018 - 22:11
Video!

Terra

Muito / Dentro da Estrela Azulada (1978)

Prima di essere mandato in esilio a Londra, nel 1969, Caetano Veloso passò tre mesi in galera. È in questa occasione che scrisse "Terra" una canzone che sarebbe stata pubblicata solo anni dopo.

Mentre era nella sua cella, Veloso ebbe modo - non si sa come - di vedere le prime fotografie del nostro pianeta visto dallo spazio, e scrive una canzone di amore alla Terra, che per la prima volta si lascia vedere tutta intera, "anche se non completamente nuda ma coperta di nuvole".
Quando eu me encontrava preso, na cela de uma cadeia
(continua)
8/10/2018 - 21:59
Downloadable! Video!

Aquele abraço

[1969]
Parole e musica di Gilberto Gil
Singolo pubblicato nel 1969, poi inserito nell'album "Gilberto Gil" dello stesso anno.

Una canzone epocale, composta da Gilberto Gil nella sua strada per l'esilio, dopo diverse settimane trascorse, insieme all'amico Caetano Veloso, in una prigione di Rio de Janeiro, arrestati dagli sgherri della dittatura che ha ammorbato il Brasile tra il 1964 ed il 1985 e alla quale si ispira Jair Messias Bolsonaro, colui che sembra avviato a diventare il nuovo presidente del gigante latinoamericano.

“Alcuni mesi dopo la mia liberazione, venni a Rio per trattare con l’esercito le condizioni per la mia partenza dal Brasile. Quando rientrai a Salvador, incontrai Mariah, madre di Gal Costa; è lì che ho avuto l’ispirazione per Aquele abraço. Potevo lasciare il Brasile, finalmente, e avevo il bisogno di dire bye bye, di sintetizzare il momento che stavo vivendo, e... (continua)
O Rio de Janeiro continua lindo
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/10/2018 - 20:48
Downloadable! Video!

Samba e amor

[1969]
Parole e musica di Chico Buarque de Hollanda
Nel suo album del 1970 noto come "N. 4"
Eu faço samba e amor até mais tarde
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 27/7/2018 - 11:59
Downloadable! Video!

El pueblo unido jamás será vencido

A adaptação portuguesa de Luís Cília [1974]



Registrato in Francia nel 1974 assieme ai Quilapayún, che vi si trovavano in esilio dopo il golpe dell'11 settembre 1973, O povo unido jamais será vencido di Luís Cília è, al tempo stesso, un adattamento abbastanza fedele dell'originale e una canzone portoghese di lotta. L'anno, il 1974, non è certo casuale. L'incisione diede luogo a un singolo che, sul lato B, conteneva Uma palavra antiga; nel Povo unido portoghese formano il coro Carlos Vaz, Helena Malho, Nina e António Jotta (la copertina del disco fu realizzata da Maria Judith Cília, la moglie di Luís). Inutile dire che, dopo il 25 aprile 1974, la canzone ebbe un ruolo importante nell'irripetibile periodo susseguito alla Revolução dos Cravos e che durò in Portogallo fino a tutto il 1975. [RV]
O povo unido jamais será vencido!

(continua)
inviata da Riccardo Venturi 28/6/2018 - 11:31
Downloadable! Video!

Blues para Emmett

[1971]
Parole di Vinícius de Moraes
Musica di Toquinho
Nell’album “Toquinho e Vinicius”

Una canzone dedicata all’orribile assassinio di Emmett Till, Money, Mississippi, 1955...
Os assassinos de Emmett
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/6/2018 - 11:27
Video!

A terra prometida

[1971]
Parole di Vinícius de Moraes
Musica di Toquinho
Nell’album “Toquinho e Vinicius”
Poder dormir
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/6/2018 - 11:15




hosted by inventati.org