Lingua   

Lettera a casa d'un cosmonauta russo

Goran Kuzminac
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Mio fratello aviatore
(Goran Kuzminac)
Senza voce
(Goran Kuzminac)
Gli angoli del mondo
(Goran Kuzminac)


Testo e musica di Goran Kuzminac
Dall'album "Nuvole straniere"
nuvolestraniere
Non sapevo e non lo so non sappiamo farne senza
È un problema d'emergenza e buca il vetro dell'oblò.
I mercanti del legname nella lega organizzati
Con i muscoli abbronzati svelti accendono i motori
svelti accendono i motori.

Non volevo ma le vedo sono sotto i nostri passi
Sono macchine in manovra a macinare pure i sassi
Minatori in fondo al mare sulla schiena alle montagne
A torturare la corteccia per guarirsi le ferite

Non capivo ma la guardo questa grande polveriera
Che ci sto seduto sopra che nemmeno me ne accorgo
E mi sporgo fino all'orlo a questa strana ciminiera
a questa altissima ciminiera

C'e' la guerra a fare centro chi sta dentro venga fuori
Si prepari per il viaggio a una spanna dal duemila
È un problema di coraggio se avremo fiato in gola
Di sicuro questa volta lo faremo tutti in fila
se avremo ancora fiato in gola

Non sappiamo cosa dire come fare a rifiutare
Non sappiamo quasi niente non sapevo e non lo so
Cosa resta d'importante e filtra il buio dall'oblò
E buca il vetro dell'oblò

Non capivo ma la guardo questa grande polveriera
Che ci sto seduto sopra che nemmeno me ne accorgo
E mi sporgo fino all'orlo a questa strana ciminiera
a questa altissima ciminiera

inviata da Riccardo Venturi - 11/5/2007 - 22:23



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org