Lingua   

Ligabue: Una vita da mediano

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Theresienstadt
(Ilse Weber)
Dachau Blues
(Captain Beefheart)
קינדער-יאָרן
(Mordkhe Gebirtig [Mordechai Gebirtig] / מרדכי געבירטיג)


[1999]
Parole e musica di Luciano Ligabue
Nell'album "Miss Mondo"

Miss Mondo

Una bellissima canzone, su di un ruolo calcistico che è stato sempre quello dell'antieroe rispetto ai numeri 10, ai bomber... Ma non basterebbe questo per provare a proporre questo brano all'interno delle CCG/AWS. C'è che mi offre il destro per raccontare la storia, purtroppo tragica, di un grande e oggi misconosciuto mediano nativo della mia città, Torino, uno che rimase sempre lì, lì nel mezzo, fino alla fine, nel mezzo di un campo da pallone e poi di un campo di concentramento...



Si chiamava Vittorio Staccione, classe 1904. Crebbe nel vivaio del Torino ed esordì nella massima divisione a 20 anni, nel 1924. Dopo una brevissima parentesi nella Cremonese, fu di nuovo al Torino con cui nel 1926-27 vinse il campionato, ma il titolo fu poi revocato (pare addirittura che il Toro si fosse comprato un derby della Mole!). Poi Vittorio Staccione fu alla Fiorentina, in anni per lui molto difficili, che perse figlia e moglie per complicazioni nel parto. Con i Viola contribuì al ritorno in serie A nel campionato 1930-31. Quindi al Cosenza e infine al Savoia, dove terminò la sua carriera sportiva.



Vittorio Staccione, appesantito dal dolore di quel lutto, per guadagnarsi da vivere entrò come operaio alla FIAT, destino di molti. Lui che era abituato a combattere in campo, reso ancora più forte e consapevole dalla sofferenza che gli era capitata, sul suo posto di lavoro in fabbrica, negli anni di un regime ormai consolidato e fortissimo, lui si oppose al fascismo e per questo subì diversi arresti. Segnalato come oppositore politico dall'OVRA (Organizzazione per la Vigilanza e la Repressione dell'Antifascismo), la polizia segreta di Mussolini, il 12 marzo 1944 fu arrestato dalle SS naziste, insieme al fratello Francesco (maggiore, mentre il minore, Eugenio, era anche lui calciatore, di ruolo portiere), ed internato nel campo di sterminio di Mauthausen, matricola 59160. A Mauthausen fu costretto a giocare al pallone contro le SS, insieme ad altri calciatori professionisti lì prigionieri, come Ferdinando Valletti, centrocampista del Milan, e Carlo Castellani, attaccante dell'Empoli. Ma dopo pochi mesi, a causa delle continue violenze e di una ferita non curata e degenerata in cancrena, Vittorio Staccione morì, fu ucciso, il 16 marzo del 1945. Il fratello Francesco lo seguì poco dopo...



Benchè la sua storia non solo calcistica sia iniziata a Torino, è stata la Fiorentina nel 2012 ad accogliere Vittorio Staccione nella sua Hall of Fame. Poi Cremona nel 2015 gli ha dedicato una lapide allo stadio Zini.



Non mi risulta purtroppo che il Torino FC abbia fatto qualcosa di analogo... In ogni caso, proprio nei giorni scorsi, l'artista Gunter Demnig, ideatore del progetto memorialistico delle "Pietre d'Inciampo", ne ha apposta una per Vittorio Staccione davanti al civico 27 di via San Donato in Torino, l'ultima sua residenza prima della deportazione.

Vittorio Staccione (Torino 1904 – Mauthausen 1945), una vita da mediano, sempre lì nel mezzo, senza mai tirarsi indietro...

(fonti: it.wikipedia; Zona Cesarini; L'Uomo nel Pallone)
Una vita da mediano
a recuperar palloni
nato senza i piedi buoni
lavorare sui polmoni

Una vita da mediano
con dei compiti precisi
a coprire certe zone
a giocare generosi


sempre lì
lì nel mezzo
finchè ce n’hai stai lì

Una vita da mediano
da chi segna sempre poco
che il pallone devi darlo
a chi finalizza il gioco

Una vita da mediano
che natura non ti ha dato
nè lo spunto della punta
nè del 10, che peccato!


sempre lì
lì nel mezzo
finchè ce n’hai stai lì
stai lì
sempre lì
lì nel mezzo
finchè ce n’hai
finche ce n’hai
stai lì

Una vita da mediano
da uno che si brucia presto
perché quando hai dato troppo
devi andare e fare posto

Una vita da mediano
lavorando come Oriali
anni di fatica e botte e
vinci casomai i mondiali


sempre lì
lì nel mezzo
finchè ce n’hai stai lì
stai lì
sempre lì
lì nel mezzo
finchè ce n’hai
finchè ce n’hai
stai lì

inviata da Bernart Bartleby - 25/1/2019 - 22:30



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org