Lingua   

Žalm vdov po národních zen mučednících r.1945 v Ravensbrücku

Ludmila Peškařová
Lingua: Ceco

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Dat Leed van den Häftling Nr. 562
(Oswald Andrae)
Lipka
(Brontosauři)
Memorial to Lidice, H. 296
(Bohuslav Martinů)


[1945]
Testo e arrangiamento di Ludmila Kadlecova Peškařová (1890-1987), donna di nazionalità ceca che fu prigioniera a Ravensbrück.
Adattamento per coro femminile del Biblische Lieder op. 99 n. 7 di Antonín Dvořák (1841-1904), compositore boemo.
Testo trovato su Memoria in scena

Ludmila Peškařová ritratta nel febbraio 1945 da Jadviga Vucturova.
Ludmila Peškařová ritratta nel febbraio 1945 da Jadviga Vucturova.


Ludmila Kadlecova nacque a Sobotovice, vicino a Brno, nel 1890. Fece studi musicali e divenne insegnante di musica. Nel 1912 sposò Jan Peškař, un insegnante, da cui ebbe un figlio. La famiglia viveva a Rajhrad, sempre nel sud della Moravia. Nel 1939, dopo l’invasione nazista della Cecoslovacchia e la creazione del Protettorato di Boemia e Moravia, il marito di Ludmila si unì alla resistenza. Nel giugno del 1942 Jan Peškař fu arrestato nel corso dei rastrellamenti che seguirono l’assassinio del gerarca Reinhard Heydrich, avvenuto a Praga ad opera dei partigiani. Imprigionato a Brno, fu quasi subito ucciso. Un anno dopo anche Ludmila Peškařová venne arrestata, perché aveva osato commemorare l’assassinio del marito esponento una bandiera nera alla finestra della sua casa. Il figlio quattordicenne restò solo mentre la madre venne rinchiusa prima in carcere a Brno e poi nel KZ Ravensbrück, prigioniera n. 24.072.



Insieme ai suoi compagni nel campo, Ludmila Peškařová cantava segretamente canzoni patriottiche e compose più di 100 poesie e canzoni fino alla sua liberazione. Nel 1945, tornata a casa, trascrisse una parte delle sue composizioni. Tra di esse Moravo, Moravo e Ravensbrück, vlasti vzdálený (Largo z IX. Symfonie “z Nového světa”), dove già si intuisce la speranza nella fine del conflitto. Per celebrare la Liberazione scrisse questo arrangiamento per voci femminile del Biblische Lieder op. 99 n. 7 di Antonín Dvořák, ispirato al Salmo 137 nel quale si narra degli ebrei esuli in Babilonia ai quali i carcerieri chiesero invano di cantare. Questo Salmo è diventato il simbolo della liberazione dei campi.
Attiva fin da subito nell'associazione dei combattenti della Resistenza, Ludmila Peškařová morì nel 1987, all'età di 97 anni.




Per il Giorno della Memoria 2019, nello spettacolo intitolato "Libero è il mio canto – Musiche di donne deportate", ideato e diretto dal maestro Francesco Lotoro, che da trent'anni si dedica alla raccolta e trascrizione delle musiche composte dagli internati durante la seconda guerra mondiale.
Con il Coro Voci Bianche dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia e l'Ilse Weber Choir.
Ricerca e scelta dei testi a cura di Viviana Kasam e Marilena Francese.
Bože velký, proč jsi nás opustil, v hloubi duší těžhý žal zapustil?
Mučedníků kříže všude planou, kol nich vhně pomsty brzo vzplanou.
Nezapomináme křivdy vrahům, žalob tíhu kladem k nebes prahům.
Slunce rudé, krví napojene, osvit kalich mysli opojené.
Trestem vrahů soudem spravedlivým. V pláči budem žehnati rukám, toým.
V prach poroby nectně zušlapány, přec’čekáme hrdě další rány.
Kéž odhodí smrt unavenákord, by doznél války postední akord!

inviata da Bernart Bartleby - 20/1/2019 - 14:30



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da Memoria in scena
SALMO DELLE VEDOVE DEI MARTIRI NAZIONALI DEL 1945 A RAVENSBRÜCK

Dio onnipotente, perché ci hai abbandonato
e hai permesso questo dolore nel profondo dell’anima?
Ovunque vengono erette le croci dei martiri,
presto intorno a loro le fiamme della vendetta bruceranno.
Non dimentichiamo le ingiustizie degli assassini,
demandiamo il peso delle accuse alla soglia del cielo.
Sole rosso, pregno di sangue, illumina il calice della mente annebbiata.
Che un tribunale giusto punisca gli assassini.
Piangendo rivolgeremo le mani al cielo.
Nella polvere della schiavitù, calpestate e disonorate,
con fierezza sopporteremo altre ferite.
Che la morte si stanchi e getti via la spada
affinché della guerra rintocchi l’ultimo accordo!

inviata da B.B. - 20/1/2019 - 14:31



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org