Lingua   

Erika

Aleksander Kulisiewicz
Lingua: Polacco

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Primo Levi: Nulla rimane della scolara di Hiroshima
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Maminsynek w koncentraku
(Aleksander Kulisiewicz)
Czarny Böhm
(Aleksander Kulisiewicz)


Sachsenhausen, 1941
Lyrics: Aleksander Kulisiewicz
Music: Karel Vacek (“U našich kasáren”, 1937)
kulisbroad
Sachsenhausen, 1941
Testo: Aleksander Kulisiewicz
Musica: Karel Vacek (“U našich kasáren”, 1937)

“Erika actually existed,” Kulisiewicz wrote. The teenage daughter of a high-ranking SS officer, “she stood near the camp grounds in her crisply-ironed Bund Deutscher Mädel uniform and watched, without expression, as we prisoners returned from our work details carrying the bodies of our dead.” But the song “Erika” is less about a real-life girl than the fantasies of sex and vengeance she unknowingly provoked in Kulisiewicz and his comrades. Kulisiewicz borrowed his melody from a popular Czech marching song. The final, repeated line of “Erika,” however, mockingly parodies a favorite Nazi song of the same name by Germany’s “March King,” Herms Niel.

Ragazze tedesche con l'uniforme della Bund Deutscher Mädel, la versione femminile della Hitlerjugend. Hannover, 1936.
Ragazze tedesche con l'uniforme della Bund Deutscher Mädel, la versione femminile della Hitlerjugend. Hannover, 1936.


“Erika esisteva davvero”, scrisse Kulisiewicz. Era la figlia adolescente di un ufficiale di alto grado delle SS; “Se ne stava in mezzo al campo con la sua uniforme del Bund Deutscher Mädel stirata a puntino e guardava, inespressiva, noialtri prigionieri che tornavamo dal lavoro portandoci dietro i cadaveri dei nostri compagni morti.” Ma la canzone “Erika” non è tanto su una ragazza specifica, in carne ed ossa, quanto sulle fantasie sessuali e di vendetta che inconsapevolmente lei suscitava in Kulisiewicz e nei suoi compagni. Kulisiewicz riprese la melodia di questa canzone da una popolare marcia ceca, U našich kasáren (“Presso le nostre caserme”, scritta da Karel Vacek nel 1938 in occasione della mobilitazione generale prima dell'annessione hitleriana della Cecoslovacchia:



Il verso finale di “Erika” (ripetuto), però, è una parodia sarcastica di un'omonima canzone nazista scritta dal “re delle marce” tedesco, Herms Niel. [trad./ad. RV]


Aleksander Kulisiewicz: Ballads and Broadsides - Songs from Sachsenhausen Concentration Camp 1940-1945


La chitarra di Alex Kulisiewicz a Sachsenhausen. Alex Kulisiewicz's guitar in Sachsenhausen.
La chitarra di Alex Kulisiewicz a Sachsenhausen. Alex Kulisiewicz's guitar in Sachsenhausen.


"This compact disc focuses exclusively on Kulisiewicz’s own song repertoire from Sachsenhausen. These recordings, preserved on reel-to-reel tapes by Kulisiewicz after the war, are of variable quality, reflecting the conditions in which they were produced, from home recordings to studio or concert hall productions. The selections are arranged chronologically and are intended to provide both a representative sample of Kulisiewicz’s artistic output and a sense of his personal reactions to the realities of life in a Nazi concentration camp"


1. Muzulman-Kippensammler
2. Mister C
3. Krakowiaczek 1940
4. Repeta!
5. Piosenka niezapomniana
6. Erika
7. Germania!
8. Olza
9. Czarny Böhm
10. Maminsynek w koncentraku
11. Heil, Sachsenhausen!
12. Pożegnanie Adolfa ze światem
13. Tango truponoszów
14. Sen o pokoju
15. Dicke Luft!
16. Zimno, panie!
17. Moja brama
18. Pieśń o Wandzie z Ravensbrücku
19. Czteroziestu czterech
20. Wielka wygrana!


Aleksander Kulisiewicz (1918–1982) was a law student in German-occupied Poland in October 1939 when the Gestapo arrested him for antifascist writings and sent him to the Sachsenhausen concentration camp near Berlin. A talented singer and songwriter, Kulisiewicz composed 54 songs during five years of imprisonment. After liberation, he remembered his songs as well as ones he had learned from fellow prisoners and dictated hundreds of pages of them to his nurse in a Polish infirmary. As a “camp troubadour,” Kulisiewicz favored broadsides—songs of attack whose aggressive language and macabre imagery mirrored his grotesque circumstances. But his repertoire also included ballads that often evoked his native Poland with nostalgia and patriotic zeal. His songs, performed at secret gatherings, helped inmates cope with their hunger and despair, raised morale, and sustained hope of survival. Beyond this spiritual and psychological importance, Kulisiewicz also considered the camp song to be a form of documentation. “In the camp,” he wrote, “I tried under all circumstances to create verses that would serve as direct poetical reportage. I used my memory as a living archive. Friends came to me and dictated their songs.” Haunted by sounds and images of Sachsenhausen, Kulisiewicz began amassing a private collection of music, poetry, and artwork created by camp prisoners. In the 1960s, he joined with Polish ethnographers Józef Ligęza and Jan Tacina in a project to collect written and recorded interviews with former prisoners on the subject of music in the camps. He also inaugurated a series of public recitals, radio broadcasts, and recordings featuring his repertoire of prisoners’ songs, now greatly expanded to encompass material from at least a dozen Nazi camps. Kulisiewicz’s monumental study of the cultural life of the camps and the vital role music played as a means of survival for many prisoners remained unpublished at the time of his death. The archive he created, the largest collection in existence of music composed in the camps, is now a part of the Archives of the United States Holocaust Memorial Museum in Washington, D.C.

Aleksander Kulisiewicz (1918-1982) era uno studente di giurisprudenza nella Polonia sotto occupazione tedesca quando, nell'ottobre 1939, la Gestapo lo arrestò per i suoi scritti antifascisti e lo inviò al campo di concentramento di Sachsenhausen, vicino a Berlino. Kulisiewicz era un cantautore di talento: durante i suoi cinque anni di prigionia compose 54 canzoni. Dopo la liberazione si ricordò non solo delle sue canzoni, ma anche di quelle che aveva imparato dai suoi compagni di prigionia, e dettò centinaia di pagine alla sua infermiera in un ospedale polacco. In quanto “cantastorie del campo”, Kulisiewicz prediligeva le ballate descrittive, usando un linguaggio aggressivo e brutale per riprodurre le circostanze grottesche in cui si trovava assieme agli altri; ma il suo repertorio comprendeva anche ballate che, spesso, evocavano la Polonia natia con nostalgia e patriottismo. Le sue canzoni, eseguite durante riunioni segrete, aiutarono i prigionieri a far fronte alla fame e alla disperazione, sostenendo il morale e le speranze di sopravvivenza. Oltre a rivestire un'importanza spirituale e psicologica, Kulisiewicz riteneva che le canzoni del campo fossero anche una forma di documentazione. “Nel campo”, scrisse, “ho cercato sempre di creare versi che servissero da reportage poetico diretto. Ho usato la mia memoria come un archivio vivente. Gli amici venivano da me e mi recitavano le loro canzoni.” Quasi ossessionato dai suoni e dalle immagini di Sachsenhausen, Kulisiewicz cominciò a raccogliere una collezione privata di musica, poesia e opere d'arte create dai prigionieri. Negli anni '60 si unì agli etnografi polacchi Józef Ligęza a Jan Tacina in un progetto di raccolta di interviste scritte e registrate con ex prigionieri a proposito della musica nei campi di concentramento. Cominciò anche a tenere una serie di spettacoli, trasmissioni radiofoniche e incisioni del suo repertorio di canzoni di prigionia, che si ampliarono fino a comprendere materiale proveniente da almeno una dozzina di campi. L'enorme studio di Kulisiewicz sulla vita culturale nei campi e sul ruolo decisivo che la musica vi svolgeva come strumento di sopravvivenza per molti prigionieri rimase inedito fino alla sua morte. L'archivio da lui creato, la più vasta raccolta esistente di musica composta nei campi di concentramento, fa ora parte degli archivi dell'United States Holocaust Memorial Museum a Washington.

Brlą pą pą, brlą pą pą,
Brlą parlą pą, brlą parlą pą....
Brlą parlą pą, brlą parlą pą....

Pod naszą bramusią wali w pysk SS,
Bo muszą—oj, muszą! Bracie, fajno jest!
Brlą pą pą, brlą pą pą, pą!
Nie czekaj, nie zwlekaj, jeno nura daj!
Miniesz kilometrów kilka,
Będzie stała tam Erika—
Und alles schon vorbei.

Pójdż z nami, süsses Fräulein, maszerować,
Na pewno trochę użyjesz.
Przed tobą i za tobą będą padać
Häftlingi—żadne mecyje.
I kopniaczek w nereczki,
I kopniaczek w pachwinę,
Ach, sicher , będziesz miała o czym gadać,
Minutkę—może godzinę.

I trupeczka jednego,
I trupusiów dziesięciu,
Niesiemy wszyscy ślicznie, ślicznie razem,
Pokazać temu dziewczęciu!
Niesiemy wszyscy ślicznie, ślicznie razem,
Pokazać temu dziewczęciu!
Und sie heißt Erika,
Und sie heißt Erika

inviata da Riccardo Venturi - 26/3/2014 - 20:30




Lingua: Inglese

Traduzione inglese dal Libretto dell'album
English translation from the Album booklet

bdm2
ERIKA

Brrum pum pum, brrum pum pum...
Brrum-pity pum, brrum-pity pum...
Brrum-pity pum, brrum-pity pum...

They’re smashing our mugs, the SS men,
out by our beloved camp gate;
They’ve got to—they must! Brother, ain’t it great!
Brrum pum pum, brrum pum pum!
So don’t delay, don’t hesitate—dive for cover!
After a march of many a mile,
There she’ll be waiting—Erika!
And everything’s behind us now.

Come march with us, sweet Fräulein,
You’re guaranteed a good time!
Prisoners around you will be dropping like flies—
No big deal, you’ll be just fine.
A little kick in the kidneys,
A little kick to the groin,
Oh, I expect you’ll have something to talk about,
For a minute, maybe even an hour!

And one corpse,
And ten corpses!
We bring ‘em back, nicely, all together now,
To show ‘em to this sweet young girl!
We bring ‘em back, nicely, all together now,
To show ‘em to this sweet young girl!
And she’s named Erika,
And she’s named Erika.

inviata da Riccardo Venturi - 26/3/2014 - 23:39




Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)

Traduzione in romanesco "di maniera" di Riccardo Venturi
27 marzo 2014

Il romanesco “di maniera” della traduzione è chiaramente un'espediente per accentuare l'autentica brutalità di questa canzoncina di prigionieri; e, brutalità per brutalità, la si è voluta portare fino in fondo. Laddove, infatti, il testo polacco da un “colpetto nei reni” e “un colpetto nell'inguine”, si è voluto riportare al vero significato di quei reni e di quell'inguine. Brutalità chiamava altrettanta brutalità, nel campo di concentramento; specificando che essa veniva tutta quanta esercitata sui prigionieri, mentre alla ragazzina figlia del caporione nazista, che assisteva imperterrita a quelle scene con la sua bella uniforme della gioventù femminile hitleriana non veniva certamente torto un capello. [RV]
ERIKA

E bùmme e pùmme, e bùmme e aribùmme...
E aripùmme e aribùmme e bùmme e pùmme...
Ahò ce stanno a fa' er bucio...e aribùmme!

L'esseèsse ce stanno a spaccà' er muso là fora,
ma lo dèveno fa'! 'A compà', nun è gajardo?
E bumme e aribùmme, e pumme e aripùmme!
Ahò e che aspetti?... mètteti ar riparo, còprete...!
Ché dopo avé' scarpinato chilometri
Laggiù ce stà lei, Erika!
E tutto passa ahò, se passa.

Gnamo, vieni a marcià' co' noantri, frolàin,
Ché te famo divertì' pe' un pezzetto!
Te vèngheno davanti e dietro
li priggionieri, vedi come stai bbene!
E un corpetto ne le reni,
e un corpetto ner culetto
e un corpetto n'a'a fregna,
ahò, ce n'avrai da aricontà'
Pe' un minutino e magari 'n'oretta!

E poi un cadavere,
e poi dieci cadaveri!
Li riportamo tutti 'nzieme e tutti 'n fila
pe' fàlli véde a 'sta bella pupetta!
Li riportamo tutti 'nzieme e tutti 'n fila
pe' falli véde a 'sta bella pupetta!
E se chiama Erika, ahò,
se chiama Erika (a li morté).

27/3/2014 - 00:21


Un paio di parole ulteriori su questa canzone.

Non siamo certo abituati, qua dentro, a usare il "politically correct"; anche per questo (specie nella traduzione) la abbiamo voluta riportare in tutta la sua crudezza. Leggere di quel che avrebbero fatto dei prigionieri, in condizioni terribili, a una ragazzina sia pure figlia di uno dei loro aguzzini (ed essa stessa, probabilmente, quasi inconscia di quel che accadeva, inquadrata come doveva essere stata fin da piccola nelle organizzazioni del regime nazista), può essere non solo scioccante ma anche rivoltante. E c'è magari da chiedersi se i prigionieri avrebbero avuto le stesse reazioni se l'ufficiale delle SS avesse avuto un figlio adolescente, ma maschio. Le considerazioni si fermano qui; quelle sul periodo e, soprattutto, sulle circostanze sono state già fatte. Ciononostante, la presente è una considerazione che, a mio parere, andava fatta.

Riccardo Venturi - 27/3/2014 - 14:30


In questo caso, però, temo che tu abbia preso un abbaglio nella strofa centrale, Riccardo.

Na pewno trochę użyjesz.
Przed tobą i za tobą będą padać
Häftlingi—żadne mecyje.

Credo che l'autore intendesse le malmenazioni (le botte) subite già all'uscita dal campo dai prigionieri (e vengono inflitte durante la marcia verso e dal posto di lavoro ai caduti), e non minaccie o velate proposte a sfondo sessuale rivolte alla ragazza.

Questi versi li renderei piuttosto così:

"Ti divertirai un po' sicuramente
Si accascieranno prima e dietro di te
Prigionieri - niente di straordinario"

La parola "mecyje" significa "una cosa straordinaria, speciale, leccornia", viene da jidish "meccije", e a sua volta da ebraico "měciā": "una cosa trovata, curiosità".

Krzysiek Wrona - 27/3/2014 - 17:16



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org