Lingua   

Il ballo della Fenice

Il Pozzo di San Patrizio
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Ghetto
(Statuto)
Drunt' im Prater ist ein Platzerl
(Leo Strauss)
Chant d’espoir
(Jean Cayrol)


(2001)
Album: Il Pozzo di San Patrizio
Il Pozzo di San Patrizio
La pioggia ha distrutto il tempo, melodia lontana
Come fiamma d’argento diffusa nella stanza
scrive il mio passato per soffermarsi ancora
negli occhi dei compagni, strade giù nelle cantine
nelle vie grigie e misere del ghetto di Varsavia

Quattro folli suonatori, quattro anime spettinate
Con gli occhi portati via dal sonno
Fuggivano le nostre menti da quell’incubo spinato
Ma un’aquila nel cielo puntava già i suoi artigli

L’umiliazione crebbe, forzò nella rivolta
Ma il brutto piede ariano calpestò il formicaio
Finirono nel sangue molte stelle gialle
Ed anche un clarinetto fu infranto coi suoi sogni

Prigionieri sopra un treno senza luce e troppo pieno
Prigionieri sopra un treno senza luce e troppo pieno

La nostra nuova casa era un campo senza fiori
L’assenza di speranza cancellò ogni colore
Qualcuno mi ha gridato che un giorno si è levato
L’ultimo lamento di un violino ormai scordato

inviata da DonQuijote82 - 4/7/2009 - 12:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org